Archivi categoria: etichette per vini

Etichette in bobina per vini: come e perchè stamparle in autonomia.

Quando si pensa ad un vino prestigioso, viene visualizzata immediatamente la sua etichetta altrettanto memorabile.

Non esiste una regola scientificamente replicabile per cui una bottiglia di vino attragga l’attenzione dell’acquirente con più probabilità di un’altra.

La presentazione di un prodotto è l’assemblaggio di scelte che si compiono e sovrappongono: forma della bottiglia, materiale e forma dell’etichetta, grafica rappresentata sull’etichetta.

Ognuna di queste decisioni contribuisce a definire lo stile di un prodotto e la fascia di consumatori ai quali è rivolto.

Etichette in rotolo per vini

Se hai un’azienda vinicola con una produzione di nicchia e ami curare in autonomia ogni particolare, inclusa la sfera comunicativa della tua impresa, potresti considerare di stampare da solo le tue etichette, acquistando una stampante di etichette in bobina.

Ecco una serie di vantaggi della stampa in autonomia delle etichette

  • Puoi stampare le etichette nel momento del bisogno, senza avere scorte di magazzino che spesso rimangono inutilizzate
  • Puoi stampare diverse tipologie di etichette in piccole quantità
  • Elimini i lunghi tempi di approvvigionamento
  • Puoi stampare dati variabili come codici a barre, numeri seriali, lotto e data di scadenza
  • Puoi variare in completa libertà grafica, testi e tirature
  • Puoi stampare dei prototipi di etichetta per provarli sulle bottiglie

Se ordini le etichette in tipografia tutto questo non è possibile, se non con costi aggiuntivi e scomode attese.

Certamente la tecnologia di stampa presso una tipografia mette a disposizione delle lavorazioni come embossing, debossing, serigrafia, stampa a caldo che aggiungono dei dettagli pregiati sulle etichette, raddoppiando, triplicando o quadruplicando il prezzo rispetto ad una lavorazione di base.

Questo perché ogni particolare aggiuntivo necessita della creazione di una fustella dedicata, il cui costo di impianto viene diluito sul totale solo se si ordina una tiratura elevata di etichette.

Etichette in rotolo per vini

Nuove tendenze, nuove occasioni: idee grafiche per le etichette dei vini

Attualmente i canoni estetici dei consumatori si sono evoluti e snelliti oscillando dal minimalismo alla grafica massimalista di stampo contemporaneo.

Troviamo sugli scaffali rappresentazioni puramente tipografiche, in cui testi sottili o numeri in caratteri extrabold spiccano isolati su pregiati sfondi monocromatici.

Frequenti immagini geometriche o astratte con un’apparente disconnessione asimmetrica.

Forme di etichetta stravaganti che spiccano rispetto al consueto formato rettangolare.

Copertine stile new age o nostalgici castelli approssimati con tratti infantili.

Contattaci per un progetto grafico personalizzato

Se la tua azienda si rispecchia in queste tendenze, non hai bisogno di una tipografia per produrre etichette professionali, puoi farlo con una stampante di etichette in bobina.

Le attuali stampanti di etichette a colori sono tecnologicamente molto evolute e contemporaneamente facili da gestire.

Hanno inchiostri pigmentati ultraresistenti allo scioglimento e allo sbiadimento.

In più operano su un’ampia scelta di materiali da poter selezionare in base alle tue esigenze e preferenze:

per un vino rosso, conservato a temperatura ambiente: carta naturale, carta patinata, carta vergata, martellata o con trame di qualsiasi genere

per un vino bianco, conservato in frigorifero o immerso nel secchiello: materiali sintetici tipo il poliestere e il polipropilene con finitura opaca o lucida come preferisci.

Quindi, di cosa hai bisogno per iniziare a stampare le tue etichette?

  • Di un layout grafico rappresentativo dei tuoi valori
  • di una stampante di etichette con caratteristiche personalizzate per le tue esigenze
  • di un software di stampa (generalmente in dotazione con la tua stampante)
  • di etichette con materiali e misure da te scelti e compatibili con la stampante
  • eventualmente di accessori opzionali come riavvolgitore, taglierina, spellicolatore o applicatore di etichette

“Buongiorno, avrei bisogno di una stampante di etichette a colori…”

Quando ci telefona qualcuno che è interessato all’acquisto di una stampante di etichette, gli poniamo una serie di domande indispensabili a individuare le sue reali esigenze di stampa.

1 Qual è il tuo volume di stampa (numero di etichette da produrre annuo)?

2 Che tipo di grafica vorresti stampare? Semplice o complessa? …”mi potresti inviare una foto su Whatsapp?”

3 Qual è la dimensione dell’etichetta? Per una bottiglia di vino una larghezza di stampa di 110 mm generalmente è sufficiente.

4 Che interfaccia di connessione ti occorre per le tue necessità aziendali?

5 In quale ambiente operativo posizionerai la stampante? In ufficio o in magazzino?

6 Di quali accessori post stampa hai bisogno? (taglierina, spellicolatore, riavvolgitore, applicatore di etichette …)

Solo dopo un’accurata preanalisi si può individuare la stampante idonea e altrettanto investigativa deve essere la selezione dei materiali di stampa e degli adesivi, perché il freddo e l’umidità dannaggiano entrambi.

Questo percorso di domande ci guiderà nella scelta della stampante perfetta.

Per medio-bassi volumi di stampa, ossia alcune centinaia di etichette l’anno, con una grafica semplice e una distribuzione di colori discreta ma non satura, ti occorrerà una stampante desktop compatta

Per un volume di stampa di migliaia di etichette e per una grafica complessa di qualità fotografica o colori saturi che riempiono tutta l’etichetta, ti occorrerà una stampante industriale

Tutte le stampanti sono dotate di connessione USB ed Ethernet, ma potresti aver bisogno di una connessione Wi-Fi o Blue-tooth. NON TRALASCIARE QUESTI DETTAGLI INDISPENSABILI AL TUO FLUSSO DI LAVORO

Accessori post stampa

Analizziamo brevemente gli accessori opzionali che in alcune situazioni possono essere utili e velocizzare il lavoro post- stampa.

Applicatore di etichette

L’applicazione manuale di un’etichetta su una bottiglia non è semplice: il più delle volte l’etichetta presenterà grinze, bolle e disallineamenti.

Gli applicatori di etichette sono utili per chi deve applicare etichette su superfici cilindriche.

Ad esempio, l’AP360 e l’AP362 sono applicatori da tavolo facili da utilizzare per applicazione solo sul fronte oppure fronte-retro.

Riavvolgitori di etichette

Quando stampi le etichette, prima di applicarle dovrai riavvolgerle.

È un’operazione che puoi fare a mano oppure più velocemente e con un costo contenuto puoi eseguire con un riavvolgitore di etichette

CONCLUSIONI

Come hai visto se vuoi passare dalla creazione dell’etichetta alla stampa ti occorrono pochi strumenti, l’importante è che tu li scelga dopo un’attenta analisi.

Dedica il giusto tempo alla corretta valutazione delle tue esigenze specifiche con noi!!!

Elisabetta Urbisaglia

Tel. 06.51848187

info@acsistemisrl.com

L’ETICHETTA VINCENTE IN 7 PASSAGGI

Passeggiando tra gli scaffali di esposizione di un market, spesso ci troviamo a paragonare prodotti che appaiono poco distinguibili gli uni dagli altri a causa di un’eccessiva standardizzazione della loro “veste grafica”, ossia l’etichetta.

Definiamo quali sono le caratteristiche estetiche e funzionali che qualsiasi etichetta dovrebbe avere, per attivare la giusta connessione emotiva con il papabile cliente, che prima ancora di assaggiare il nostro prodotto, lo osserva.

1 Alla base del design c’è la scelta del materiale su cui andremo a stampare , che esalta i passaggi successivi: scegliere un tipo di etichetta piuttosto che un altro è la giusta partenza che ispirerà tutto il processo successivo

2 Scegliamo una grafica semplice e pulita senza invadere eccessivamente il campo dell’etichetta, togliendo in questo modo spazio ad informazioni importanti quali la tabella nutrizionale o altro

3 Usiamo i colori senza eccedere nei contrasti, piuttosto cerchiamo scale complementari, coerenti con il prodotto, soprattutto nel settore alimentare, dove il nostro gusto viene acceso da un’armonia visiva esplicita (limone-giallo/ ciliegia-rosso…)

4 Caratterizziamo le scritte optando per un font non generico, bensì selezionato con l’intenzione di contraddistinguerci dalla massa, evitando scritte illeggibili dall’utente per l’uso di dimensioni troppo ridotte, o di contrasti inopportuni tra sfondo e carattere

5 Se la forma del nostro contenitore lo consente osiamo con una forma di etichetta originale che di per sé è una calamita per l’attenzione del consumatore, purché aderisca perfettamente al contenitore: un’etichetta sgualcita sortirebbe l’effetto contrario

6 È importante non entrare in contraddizione con il proprio marchio, ma esaltare la sua storia e confermarne i contenuti, aiutando i clienti a individuare la tua azienda ed i tuoi prodotti con un colpo d’occhio

7 Trascrivi sull’etichetta anche delle utili informazioni di contatto (sito web, e-mail, telefono) per dare l’opportunità ai clienti più attivi di contattarti, recensirti, ecc…sono tutte azioni costruttive per la tua azienda


Approfondisci

Elisabetta Urbisaglia

elisabetta@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com

06.51848187