RIBBON ORO E ARGENTO: COME E QUANDO UTILIZZARLI

Le nobilitazioni metallizzate mettono in risalto qualsiasi prodotto.

L’oro e l’argento sono le tinte metalliche più diffuse per aggiungere dettagli accattivanti sulle etichette dei prodotti.

In questo articolo parliamo di una tecnologia di stampa economica e veloce che consente ad un brand di personalizzare in autonomia le sue confezioni di vendita.

ribbon-oro-e-argento-per-stampanti-a-trasferimento-termico

Stampante a trasferimento termico

Le stampanti a trasferimento termico eseguono una stampa monocromatica a caldo.

Il colore di stampa è un nastro inchiostrante, chiamato ribbon, che viene fuso e fissato sulla superficie da stampare.

Con una stampante termica di etichette è possibile stampare su vari supporti in bobina: etichette (in carta, sintetiche o trasparenti), cartellini (in cartoncino o sintetici), moduli continui (in carta, cartoncino o polipropilene), nastri in tessuto (di raso, tnt o poliestere).

Per un risultato di stampa di qualità sui vari materiali, i ribbon sono disponibili in diverse composizioni:

  • ribbon in cera  per tutte le carte e i nastri in raso (color oro e argento sia lucidi che opachi)
  • ribbon in resina per tutti i supporti sintetici (color oro e argento lucidi)
  • ribbon specifici per etichette abbigliamento resistenti ai lavaggi e allo stiro

Impostando la velocità e la temperatura di stampa si ottengono risultati nitidi per tutte le combinazioni tra ribbon e supporto da stampare.

Prodotti che catturano l’attenzione

La sensibilità dell’essere umano verso le cose che brillano è un fatto assodato da millenni, in cui tutte le civiltà hanno ricoperto d’oro le opere d’arte e ingioiellato le dame.

Siamo nell’epoca in cui l’oro e l’argento non rappresentano solo una scelta classica o di lusso.

L’oro e l’argento oggi sono pop e universalmente associati alla bellezza.

Puoi trovare nobilitazioni metalliche in qualsiasi tipologia di prodotto: dallo champagne allo shampoo.

L’obiettivo di un progetto di stampa è comunicare.

Se applichi un adesivo che non suscita interesse sul prodotto, si vanifica il suo scopo.

Le stampe in oro o argento riescono sempre a calamitare l’attenzione e puoi realizzarle a trasferimento termico ad un costo inferiore di qualsiasi altra tecnologia di stampa.

Differenza tra ribbon metallizzati lucidi e opachi

I ribbon in oro o argento lucidi imprimono una stampa con effetto di bagliore alla luce come un vero metallo lucidato.

I ribbon in oro e argento opachi non scintillano alla luce ma la diffondono con morbidezza come un metallo sabbiato.

La scelta tra lucido e opaco è solo una questione di gusto!

Certamente le nuance opache sono più sobrie.

Perché stampare le etichette di brand in autonomia?

Stampare le etichette internamente alla propria azienda significa acquistare una o più stampanti di etichette con tecnologia idonea a stampare l’etichetta di cui abbiamo bisogno.

Quali sono i fattori da valutare e che rendono conveniente una soluzione di stampa autonoma?

  • Se devi stampare dati variabili, come lotto, data di scadenza o specifiche del prodotto
  • Se non sai in anticipo le informazioni da stampare
  • Se il tuo processo di stampa richiede flessibilità e immediatezza
  • Se devi stampare in base alle esigenze di utilizzo e non hai dei volumi di stampa prevedibili e costanti
  • Quando hai bisogno di qualche etichetta aggiuntiva
  • Quando devi stampare poche etichette con layout differenti
  • Quando ti occorrono etichette di dimensioni diverse e non vuoi avere uno stock di magazzino che potrebbe rimanere inutilizzato
  • Se stampi volumi ridotti, a volte è più efficiente ed economico stampare le etichette in autonomia e solo nella quantità necessaria

In tutti questi casi l’autonomia della stampa è un requisito essenziale.

Come impostare la stampa in funzione del materiale dell’etichetta

Le stampanti termiche sono macchine estremamente facili da gestire.

I parametri fondamentali da impostare sono temperatura e velocità.

Se stampi su etichette in carta o nastri in raso, utilizzerai un nastro di stampa in composizione cera.

Il ribbon in cera fonde a temperatura medio bassa.

La velocità di stampa può essere aumentata finché non si noti una perdita di qualità.

In genere i nastri in raso, che hanno una superficie meno rigida della carta, vanno stampati a velocità inferiori.

Se stampi su etichette sintetiche (polipropilene, poliestere, polietilene, pvc) utilizzerai un nastro di stampa in composizione resina.

Il ribbon in resina fonde ad alta temperatura.

I materiali sintetici sono estremamente lisci e rigidi e possono essere stampati a gran velocità.

Se però la grafica ha aree di colore molto estese, è opportuno non eccedere in velocità per spalmare bene il ribbon.

L’abbinamento di etichette sintetiche con ribbon resina garantisce etichette con il ciclo di vita più esteso di qualsiasi altra tecnologia di stampa.

Quindi se ti occorrono etichette che resistano a solventi, grassi, umidità e calore, come nel caso dei cosmetici, il trasferimento termico è il sistema più affidabile.

Conclusioni

Promuovere l’immagine dei prodotti con stampe metalliche è un ottimo investimento.

Il trasferimento termico è la metodologia di stampa più economica per realizzare la laminazione in oro e argento.

Se vuoi stampare etichette e nastri in raso raffinati, contattaci

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro

Ultimi articoli

Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

STAMPANTE ZEBRA ZT111 COME CONFIGURARE I PARAMETRI DI STAMPA NEL DRIVER

Se vuoi produrre etichette nitide e con stampe centrate con la stampante Zebra ZT111 devi configurare correttamente il driver della stampante.

L’errata impostazione del driver di stampa comporta rallentamenti e inefficienze nel processo di produzione delle etichette.

Gli errori più frequenti riscontrati sono:

  • layout di stampa non centrato sull’etichetta
  • stampa troppo chiara, poco nitida oppure non uniforme
  • salto di etichette durante il processo di stampa
  • codici a barre illeggibili

Le impostazioni principali da settare nel driver della stampante ZT111 sono:

  • dimensione dell’etichetta
  • modalità sensore (tipo multimediale)
  • temperatura (indicata come Scurezza)
  • velocità di stampa
  • modalità di stampa (trasferimento termico o termico diretto)
  • modalità operazione

Descriviamo come configurare correttamente i valori dei diversi parametri in funzione del materiale di consumo utilizzato

Nella cartella Stampanti e Scanner selezionare il driver della ZT111 e scegliere Gestisci è Preferenze di Stampa.

driver di stampa della zebra zt111 come configurarlo

ZEBRA ZT111: IMPOSTAZIONI SETUP PAGINA

Nella prima maschera del driver Setup Pagina è necessario impostare

  • la dimensione dell’etichetta (larghezza e altezza), nel nostro caso di esempio mm 80 x 50

Attenzione all’unità di misura e alla definizione di larghezza ed altezza che deve essere sempre riferita al verso di stampa

  • la tipologia di etichetta (tipo multimediale): con spazio ogni etichetta, materiale continuo, con black mark sul retro (come nelle etichette trasparenti) oppure etichette con inserti laterali

OPZIONI DI STAMPA DELLA ZEBRA ZT111

Ci spostiamo nella schermata delle opzioni di stampa dove è necessario impostare:

  • la velocità di stampa
  • la scurezza (che corrisponde alla temperatura di stampa)
  • la modalità di stampa, scegliendo tra trasferimento termico e termico diretto
COME CONFIGURARE IL DRIVER DELLA ZEBRA ZT111

APPROFONDIMENTO: DIFFERENZA TRA TRASFERIMENTO TERMICO E TERMICO DIRETTO

La stampa a trasferimento termico utilizza il calore della testina per riscaldare un nastro inchiostrato, comunemente chiamato ribbon o foil, per produrre stampe di lunga durata su un’ampia varietà di materiali.

Puoi stampare a trasferimento termico materiali sintetici come il poliestere, il polipropilene o il PVC o in carta

La stampa con ribbon resina su materiali sintetici produce stampe resistenti ad aggressioni chimiche, meccaniche e ambientali.

Diversamente, nella stampa termica diretta, non viene utilizzato alcun nastro e la stampa viene generata direttamente sull’etichetta.

Questo significa che, quando si stampa in modalità termica diretta, è necessario utilizzare etichette in materiale termico sensibile al calore.

I supporti termici sono più sensibili alla luce, al calore e all’abrasione e quindi il ciclo di vita di un’etichetta termica è limitato nel tempo.

LINEE GUIDA GENERALI PER L’IMPOSTAZIONE DELLA TEMPERATURA E DELLA VELOCITA’ NELLE STAMPANTI ZEBRA ZT111

Velocità: consigliamo di settare un valore medio (127 mm/sec o 152 mm/sec) a meno di esigenze di produzione particolari in cui è richiesta una velocità elevata.

Una velocità troppo elevata può incidere sulla qualità di stampa.

Temperatura (Scurezza): questo valore ha una scala da 1 fino a 30. La scelta deve essere effettuata in funzione dei supporti su cui si stampa:

  • se si stampa in termico diretto (quindi senza il nastro di stampa) la temperatura deve essere impostata su un valore medio-alto (da 15 in poi) in correlazione con il tipo di materiale termico che si utilizza.

Per un’etichetta in carta termica protetta dovrà essere impostata una temperatura più elevata rispetto ad una carta termica economica.

  • Se si stampa a trasferimento termico le indicazioni generali in funzione della composizione dei nastri di stampa sono:


Nastro cera: temperature bassa
Nastro cera-resina temperature media
Nastro resina: temperatura alta

IMPOSTAZIONI MODALITA’ OPERAZIONE DEL DRIVER DELLA ZT111

In questa scheda puoi impostare la presenza di eventuali accessori installati nella ZT111 come

  • taglierina
  • spellicolatore
  • riavvolgitore

Nella modalità standard, senza accessori, devi impostare la modalità operazione su Strappo, ovvero il prelievo manuale dell’etichetta stampata

ZEBRA ZT111: MANUTENZIONE

Il driver della Zebra ZT111 ha una sezione Manutenzione nella quale puoi:

rispristinare le impostazioni di fabbrica della stampante

calibrare la stampante (taratura multimedia), cioè, avviare una procedura automatica che regola il sensore delle etichette in base alle dimensioni

STAMPA DI UNA PAGINA DI PROVA

Una volta configurate le caratteristiche principali stampa una pagina di prova per verificare che i parametri impostati producano una stampa perfettamente definita e allineata.

Se la stampa non risponde ai vostri criteri ritornate nelle Preferenze di stampa e modificate i valori impostati fino ad ottenere una stampa nitida e centrata

Approfondisci

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Ultimi articoli

STAMPANTE ZEBRA ZT111 COME ESEGUIRE IL SETUP INIZIALE

In questo articolo descriviamo la procedura per effettuare la prima installazione della stampante Zebra ZT111.

Affinché la stampante funzioni correttamente e generi etichette nitide e con stampe ben allineate è fondamentale eseguire una corretta configurazione dei parametri di stampa.

stampante zebra zt111 come iniziare

Quindi il primo passo è eseguire un’installazione corretta del driver della stampante e successivamente configurare il driver in funzione del metodo di stampa utilizzato e dei materiali di consumo inseriti nella ZT111.

FASE 1 – INSERIRE IL MATERIALE DI CONSUMO NELLA ZT11

Prima di procedere all’installazione inserisci il materiale di consumo all’interno della stampante

Puoi eseguire questa operazione a stampante spenta.

Se stampi a trasferimento termico inserisci il ribbon e le etichette.

Assicurati che il ribbon sia idoneo al materiale delle etichette che utilizzi

In linea di massima puoi considerare i seguenti accoppiamenti per la stampa con ribbon:

  • stampa su carta: utilizzare ribbon cera o cera-resina
  • stampa su materiali sintetici come il polipropilene, il poliestere o il pvc: utilizzare il ribbon resina

Se stampi in modalità termica diretta inserisci il rotolo di etichette, assicurandoti che il materiale utilizzato sia termico, ovvero sensibile al calore

Dopo aver inserito il materiale di consumo collega l’alimentatore e accendi la stampante, ma non collegare la stampante al PC

FASE 2 -INSTALLAZIONE DEL DRIVER DELLA ZT111

Importante: non connettere la stampante al PC.

Se la stampante viene collegata a un dispositivo Windows tramite USB prima dell’installazione del driver Zebra, Windows potrebbe tentare di installarla anche senza trovare un driver funzionante

Scaricare il driver della stampante dal sito Zebra

https://www.zebra.com/it/it/support-downloads/printers/industrial/zt111.html

Installa il driver della ZT111 e segui le istruzioni guidate, finchè non ti verrà richiesto di collegare la stampante al PC

È consigliabile eseguire la prima installazione tramite cavo USB e solo in seguito configurare una eventuale scheda di rete o l’opzione WiFi tramite il software gratuito Zebra Setup Utility

Finita l’installazione del driver devi configurare i parametri di stampa

FASE 3 – CONFIGURAZIONE DEI PARAMETRI DI STAMPA DELLA ZT111

La corretta configurazione del driver consente di ottenere un processo di stampa veloce, produttivo e con una perfetta qualità di stampa.

L’impostazione errata del driver di stampa comporta errori che rallentano o addirittura fermano il processo di produzione delle etichette.

Le impostazioni principali da settare nel driver della stampante ZT111 sono:

  • dimensione dell’etichetta
  • modalità sensore (tipo multimediale)
  • temperatura (indicata come Scurezza)
  • velocità di stampa
  • modalità di stampa (trasferimento termico o termico diretto)
  • modalità operazione

Trovi il driver nella cartella Stampanti e Scanner: seleziona il driver della ZT111 e scegli Gestisci e poi Preferenze di Stampa.

VERIFICA E TEST DELLE IMPOSTAZIONI DI STAMPA

Dopo aver configurato il driver della ZT111, stampa alcune etichette di prova per verificare che i parametri impostati siano corretti, che la stampa abbia il giusto contrasto e sia centrata sull’etichetta

Le impostazioni della stampante devono corrispondere ai materiali di consumo che stai utilizzando e alle opzioni della stampante.

Puoi regolare le impostazioni della stampante secondo le tue necessità utilizzando il driver della stampante o il software gratuito Zebra Setup Utilities scaricabile dal seguente link https://www.zebra.com/us/en/support-downloads/printer-software/printer-setup-utilities.html

Approfondisci

CALIBRAZIONE DEI SENSORI DELLA STAMPANTE

La calibrazione della stampante regola la sensibilità dei sensori delle etichette e del nastro a trasferimento termico (se presente). Aiuta inoltre a garantire il corretto allineamento della stampa e una buona qualità.

Se noti problemi nella stampa, come etichette saltate, spostamento verticale oppure orizzontale dell’immagine stampata, oppure se   la stampante segnale un errore sul ribbon o sulle etichette potrebbe essere necessario eseguire la procedura di calibrazione dei sensori 

FASE 4 – SCARICA IL SOFTWARE ZEBRADESIGNER

Il driver per Windows ti consente di stampare da qualsiasi applicazione.

Se però ti occorre un programma per la creazione e la stampa delle etichette considera che la Zebra mette a disposizione il software gratuito ZebraDesigner Essential

Il software è semplice ed intuitivo e ti consente di generare etichette con testi, codici a barre, codici QR, immagini, contatori, dati fissi e dati variabili

Puoi scaricare il software dal link

https://www.zebra.com/us/en/support-downloads/printer-software/zebra-designer-3-downloads.html

Puoi guardare il video tutorial sul nostro canale YouTube

Se hai bisogno di acquisire i dati della tua etichetta da Excel, Microsoft Access e file di testo, oppure usare ODBC per collegarti ad altri database puoi acquistare la versione Professional di ZebraDesigner che ha una serie completa di strumenti che semplificano la creazione di etichette conformi agli standard di settore.

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

COSA FARE QUANDO LA STAMPANTE ZEBRA NON VIENE INSTALLATA CORRETTAMENTE SU WINDOWS

La procedura di installazione di una stampante di etichette Zebra, ma in genere di qualsiasi stampante di etichette, deve seguire una specifica sequenza di passi, altrimenti può accadere che non venga riconosciuta dal sistema operativo Windows

Se la stampante viene collegata a un PC Windows tramite USB prima dell’installazione del driver Zebra, Windows potrebbe installare la stampante senza trovare un driver funzionante e aggiornato.

In questo caso la stampante viene visualizzata nella sezione dispositivi non riconosciuti nella cartella Stampanti e Scanner

Per funzionare correttamente, la maggior parte delle stampanti necessita del driver più recente. 

COSA NON DEVI FARE

Quello che non devi assolutamente fare è collegare la stampante al PC prima dell’installazione del driver della stampante Zebra.

Per utilizzare la stampante Zebra su un PC con sistema operativo Windows, è necessario prima installare i driver corretti.

È possibile collegare la stampante al computer utilizzando una qualsiasi delle connessioni disponibili.

Tuttavia, è bene non collegare alcun cavo dal computer alla stampante finché non viene richiesto di farlo.

Se si collega nel momento sbagliato, la stampante non installerà i driver corretti.

Per ripristinare il sistema a seguito di un’installazione di driver errati seguire la procedura indicata nel seguito dell’articolo.

PROCEDURA D’INSTALLAZIONE DI UNA STAMPANTE DI ETICHETTE ZEBRA

La procedura corretta per eseguire un’installazione senza errori è:

  • Scaricare i driver della stampante Zebra dal sito del produttore https://www.zebra.com/it/it.html
  • Eseguire la procedura guidata dell’installazione del driver
  • Collegare la stampante alla porta USB solo quando viene richiesto dalla procedura guidata del driver
  • Dopo aver collegato la stampante al PC, il computer completa l’installazione del driver riconoscendo correttamente il modello di stampante Zebra collegato
  • Finita l’installazione del driver devi configurare i parametri di stampa coerentemente con il metodo di stampa e il materiale di consumo che stai utilizzando.

Per verificare l’impostazione dei valori di stampa ti consiglio di stampare dal driver alcune etichette di prova.

Se la tua stampa è nitida, allineata e con il giusto contrasto la configurazione del driver è corretta.

Se invece il risultato di stampa non è soddisfacente devi regolare i valori di temperatura e velocità coerentemente con il materiale di consumo utilizzato.

COSA FARE SE LA STAMPANTE ZEBRA NON VIENE RICONOSCIUTA

Se non hai seguito la procedura corretta precaricando i driver Zebra, sul Pannello di Controllo -> Dispositivi e Stampanti la stampante viene visualizzata come dispositivo “Non specificato”

Per ripristinare il funzionamento puoi seguire la seguente procedura:

  • Vai alla sezione di Windows “Gestione dispositivi “
  • Spegni la stampante
  • Fai clic con il pulsante destro del mouse su Supporto stampa USB e seleziona Disinstalla dispositivo.
  • La disinstallazione del supporto stampa USB da Gestione dispositivi consentirà a Windows di vedere la stampante come un nuovo dispositivo in modo che l’installazione venga completata correttamente.

A questo punto puoi procedere con un’installazione corretta del driver di stampa Zebra

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Ultimi Articoli

  • STAMPANTE DI ETICHETTE ZEBRA ZD421: COME FUNZIONA
    STAMPANTE DI ETICHETTE ZEBRA ZD421: COME FUNZIONA Evoluzione della serie di successo GK di Zebra, le stampanti desktop ZD421 aggiungono funzionalità ancora più innovative e compatibilità con qualsiasi parco macchine preesistente. La stampante presenta un pannello a 3 tasti e cinque icone LED che permettono di controllare velocemente che cosa è necessario fare per mantenere operativo il dispositivo: • indicatore di esaurimento supporti • indicatore di fine ribbon • segnalazione di errata calibrazione. Stampa da qualsiasi dispositivo Windows, Android o iOS. Con la connettività NFC integrata è possibile stampare con un semplice tocco da tutti i dispositivi mobili (smartphone, tablet). Materiali di consumo per la stampante Zebra ZD421 La ZD421 è disponibile nei modelli per la stampa termica diretta e a trasferimento termico (con ribbon).
  • LETTERING: UNO STILE PER CREARE LE ETICHETTE DEI PRODOTTI
    Il lettering è un’arte antica che consiste nel disegnare caratteri e parole in modo creativo, realizzando bellissime composizioni tipografiche. Nato come tecnica decorativa da effettuare con pennelli, trova oggi molte espressioni eseguite con strumenti digitali. Troviamo esempi di lettering ovunque: nelle insegne, nei post di Instagram, sulle copertine di agende, stampati sulle magliette. Realizzare un lettering sulle etichette dei prodotti è una strategia moderna e, tutto sommato facile, per creare un design di impatto. L’etichetta gioca un ruolo fondamentale nel marketing di un prodotto: attrae l’attenzione dei consumatori, comunica il valore del marchio, esprime le caratteristiche del prodotto. In questo articolo vediamo come una grafica basata sul lettering possa essere efficacie e facile da stampare.
  • STAMPANTI PROFESSIONALI DI ETICHETTE A COLORI EPSON QUALE MODELLO SCEGLIERE
    Se vuoi stampare etichette a colori in autonomia e renderti indipendente dai minimi di produzione, stampare la quantità necessaria di etichette all’occorrenza, le stampanti Epson ColorWorks a getto d’inchiostro per etichette adesive vengono prodotte in una serie di modelli adatti a differenti esigenze operative e offrono una qualità di stampa professionale. Per scegliere il modello idoneo è necessario valutare alcuni fattori specifici della tua applicazione di etichettatura: Hai bisogno di stampare molte etichette velocemente? Oppure sei all’inizio della tua attività e ancora non sei in grado di stimare la quantità di etichette che dovrai produrre? Oppure stampi conto terzi piccoli lotti di etichette con grafiche differenti? Quale è la dimensione minima e massima delle etichette che utilizzerai? Quali accessori sono indispensabili per il tuo flusso di stampa: taglierina, spellicolatore, riavvolgitore? Su quali materiali desideri stampare? Carta, carta lavorata oppure ti occorre un’etichetta di un materiale resistente come il polipropilene oppure il poliestere? In questo articolo ti guidiamo verso la scelta giusta, ma tieni in considerazione che parlare con un esperto del settore ti aiuterà a fugare qualsiasi dubbio tecnico, valutando opzioni che potrebbero sfuggirti.
  • PALMARE ZEBRA MC9400 E MC9450: COME SCEGLIERE IL MODELLO GIUSTO
    I palmari Zebra della serie MC9400/MC9450 sono costruiti con criteri di robustezza industriali e vengono impiegati nelle operazioni logistiche per creare un flusso veloce e privo di errori. Le opzioni di configurazione del palmare Zebra MC9400 e MC9450 sono molteplici per incontrare qualsiasi esigenza operativa. Per scegliere il modello adatto alle tue specifiche esigenze è necessario determinare alcune caratteristiche tecniche che definiscono la configurazione giusta. Analizziamo in questo articolo gli attributi comuni a tutte le configurazioni e i requisiti opzionali che dipendono dalla specifica configurazione, identificata da un part number univoco
  • LASER PER INCISIONE E TAGLIO FLUX ADOR: TUTTO QUELLO CHE PUOI REALIZZARE
    Taglio e incisione laser sono lavorazioni semiartigianali che abbreviano i tempi di produzione. I creatori che hanno bisogno di incidere su vari oggetti, in genere, devono ricorrere all’acquisto di due macchine separate, ognuna specializzata nella lavorazione solo di alcuni materiali. Ador ha un design modulare tre in uno che include: • un laser a diodi (disponibile da 10 W o da 20 W) • un laser a infrarossi da 2 W • un innovativo modulo di stampa. I tre moduli intercambiambili consentono ai creatori di ampliare significativamente le loro possibilità operative risparmiando tempo e denaro. In questo articolo presentiamo alcuni video tutorial per mostrare la facilità di utilizzo della macchina e del software di progettazione.

CODICE A BARRE O RFID: QUALE TECNOLOGIA SCEGLIERE

Per il monitoraggio dell’inventario e delle risorse aziendali, per gestire un flusso logistico velocemente diminuendo drasticamente la possibilità di errore, è fondamentale adottare un’automazione dei flussi operativi della tua azienda.

Puoi realizzare un flusso produttivo e automatico attraverso il codice a barre o la tecnologia RFID.

Queste tecnologie sono utilizzate in diversi settori come la logistica, la distribuzione, la vendita al dettaglio, la produzione e la sanità.

Entrambe le soluzioni condividono analogie, vantaggi e limitazioni.

In questo articolo confronteremo la tecnologia RFID con la tecnologia basata sulla lettura ottica del codice a barre e spiegheremo le loro differenze al fine di prendere una decisione più informata su come gestire efficacemente la tua attività.

TECNOLOGIA CON CODICE A BARRE: COME FUNZIONA

Il codice a barre è la rappresentazione grafica di una stringa numerica o alfanumerica composta da una sequenza di barre parallele nere e spazi bianchi, che vengono interpretate da uno scanner ottico.

Il codice a barre di un prodotto solitamente non ti indica né il prezzo, né la descrizione dell’articolo, ma è un codice univoco formato da una serie di caratteri (numeri e/o lettere) associato allo specifico prodotto, attraverso il quale potrai cercare nel tuo gestionale aziendale tutte le caratteristiche corrispondenti a quella sequenza di numeri.

Devi pensare che la lettura del codice deve identificare in modo univoco ogni singolo articolo e le caratteristiche del prodotto vengono collegate alla stringa numerica attraverso un software.

La tecnologia basata sul codice a barre è semplice ed immediata: leggi e trasmetti il dato al tuo software che elaborerà la scansione restituendoti le informazioni richieste.

I processi basati sul codice a barre richiedono sempre una lettura in visibilità ottica, ovvero devi puntare il lettore sul codice che devi scansionare.

TECNOLOGIA RFID: COME FUNZIONA

La tecnologia RFID è un’identificazione a radiofrequenza e utilizza le onde radio per identificare e leggere contemporaneamente a distanza un insieme di prodotti, sia fermi che in movimento, senza che ci sia visibilità ottica tra il dispositivo di lettura e l’oggetto o la persona da identificare.

L’identificazione automatica a radiofrequenza (RFID) utilizza tag elettronici per memorizzare dati che possono essere trasmessi ad un lettore o terminale RFID.

In linea generale un sistema RFID è composto da:

  • Tag a radio frequenza, disponibili in dimensioni, forme e materiali differenti
  • Antenne
  • Reader (lettori) RFID
  • Un software di gestione dei dati, che filtra ed elabora i dati letti.

In sintesi, l’antenna trasmette un segnale a radiofrequenza che attiva il tag.

Una volta attivato, il tag invia un’onda all’antenna, dove viene tradotta in dati.

Codice a barre e RFID: similitudini e differenze

La maggior parte delle persone hanno difficoltà a distinguere la tecnologia RFID da quella dei codici a barre, soprattutto in termini di complessità progettuale e di requisiti tecnici specifici della propria applicazione.

Quali sono le somiglianze tra queste due soluzioni?

Entrambe le tecnologie vengono utilizzate per il monitoraggio delle risorse e dell’inventario.

L’RFID e il codice a barre utilizzano un lettore, o un terminale, o un reader per recuperare le informazioni.

Ma la tecnologia RFID e una soluzione basata sul codice a barre differiscono notevolmente nei costi di implementazione, nelle funzioni e nell’ analisi del progetto.

Semplificando, il codice a barre può essere scansionato in prossimità e in linea di visibilità.

Inoltre, i codici a barre sono semplici da usare, e restituiscono il dato letto. Questa caratteristica può rappresentare sia un limite che un vantaggio a seconda delle vostre esigenze.

I codici a barre generalmente sono precisi poiché il dispositivo di lettura può scansionare un solo codice alla volta.

Al contrario, i lettori RFID possono scansionare una moltitudine di prodotti simultaneamente a differenti distanze.

I lettori RFID non solo leggono automaticamente il contenuto dei tag, ma possono anche modificarli, riscrivendone le informazioni memorizzate.

Vantaggi e limitazioni della tecnologia RFID

La tecnologia RFID in specifiche applicazioni può apportare numerosi vantaggi

Ad esempio, i lettori RFID possono aumentare l’efficienza scansionando simultaneamente più tag a lungo raggio, come un varco che, attraversato da prodotti, oppure colli e bancali dotati di tag RFID, ne identifica immediatamente il contenuto e, grazie al software, i dati letti vengono trasferiti in tempo reale al gestionale aziendale.

La radiofrequenza può attraversare gli oggetti e non è richiesta la scansione in linea di visibilità.

La lettura RFID è estremamente veloce e lavora anche a diversi metri di distanza.

Per quanto riguarda le limitazioni la tecnologia RFID non è una soluzione plug and play, ma necessita di un’analisi accurata degli aspetti tecnici.

Inoltre, i costi di implementazioni sono più alti: il costo di un’etichetta RFID, dotata di un chip integrato, è superiore rispetto ad un’etichetta con codice a barre

Inoltre, nella progettazione di un sistema basato sulla radiofrequenza, devi valutare condizioni che possono influenzare i segnali radio come liquidi e metalli

IN QUALI APPLICAZIONI SI PUO’ UTILIZZARE LA TECNOLOGIA RFID?

L’RFID può essere impiegato in molti settori, dalla logistica alla produzione, dal settore automobilistico al retail e in tutti i settori industriali dove è richiesta l’identificazione, la tracciabilità dei prodotti, l’inventario, la localizzazione dei beni.

Quello che però devi chiederti è se la tecnologia RFID porta un vantaggio tecnologico al tuo specifico caso?

La tecnologia RFID è la soluzione giusta per la tua azienda?


Approfondisci


CONCLUSIONI: TECNOLOGIA RFID O CON CODICE A BARRE?

Entrambe le tecnologie automatizzano un processo di identificazione e tracciabilità, ma lo realizzano in modo differente.

Possono certamente coesistere, ma devi tener presente che:

i lettori di codici a barre lavorano in visibilità ottica, cioè per leggere un codice a barre devi puntare il lettore direttamente sul codice

un lettore RFID utilizza le onde radio per comunicare con il tag, non ha bisogno di un puntamento diretto sul tag e ad esempio puoi leggere contemporaneamente tutti gli oggetti dotati di tag contenuti in un cartone, come mostrato nel seguente video

Questo significa che implementando una soluzione RFID avrai bisogno di un algoritmo che filtra tutti i dati che vengono contemporaneamente letti nel raggio di azione del lettore RFID e operi gli opportuni controlli

La tecnologia RFID non è una installazione “plug-and-play”, quindi avrai bisogno di un’analisi approfondita dei requisiti e di realizzare un progetto pilota per verificare che le risorse hardware e software lavorino sinergicamente implementando un flusso di lavoro produttivo e senza errori e verificando eventuali criticità da ottimizzare

La tecnologia RFID porta l’automazione di un processo ad un livello superiore ma è fondamentale valutare se ci sono tutti i requisiti hardware e software per un’implementazione affidabile che porti dei concreti vantaggi alla vostra applicazione.

Quindi, per scegliere la soluzione migliore è fondamentale fare un’analisi dei processi e delle problematiche che si desidera risolvere insieme a professionisti che abbiamo un’ampia conoscenza delle risorse disponibili per automatizzare i flussi aziendali.

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Articoli che potrebbero interessarti

NASTRI COLORATI PER STAMPANTI A TRASFERIMENTO TERMICO: 5 MOTIVI PER UTILIZZARLI

Il colore è un fattore determinante per promuovere l’immagine di un brand.

Spesso nasce l’esigenza di realizzare stampe personalizzate e di dover scegliere un metodo efficace ed economico.

In questo articolo vi presentiamo una soluzione vincente, adatta sia per piccole che per grandi produzioni.

ASSORTIMENTO-COLORI-RIBBON-PER-STAMPA-A-TRASFERIMENTO-TERMICO

Cos’è il trasferimento termico

Il trasferimento termico è la tecnologia di stampa che coniuga velocità, versatilità e risparmio.

Velocità: puoi stampare fino a 152 millimetri al secondo, circa 3 etichette grandi 50×100 millimetri

Versatilità: puoi stampare su materiali in carta, materiali sintetici e fettucce di raso

Risparmio: basso costo di acquisto della stampante, basso costo di stampa

Il calore della testina di stampa fonde un nastro inchiostrante, chiamato ribbon.

Il ribbon aderisce alla superficie saldandosi e riproducendo la stampa desiderata.

Cosa puoi stampare con una stampante di etichette

Con una stampante a trasferimento termico è possibile realizzare stampe monocromatiche su una varietà di supporti in bobina: etichette opache e trasparenti, moduli continui, cartellini in rotolo, nastri in raso, fettucce di TNT.

stampa a trasferimento termico di etichette, nastri in raso, nastri adesivi, bollini, cartellini

La disponibilità di un vasto assortimento di colori di stampa rende questa tecnologia monocromatica uno strumento di informazione e di marketing.

Vediamo 5 buoni motivi per stampare con ribbon colorati.

1. Colori con un risultato di stampa esatto

A differenza di altre tecnologie di stampa, non c’è possibilità che i colori diano risultati deludenti o imprevisti.

La resa cromatica del trasferimento termico è una scienza esatta: il colore stampato corrisponde precisamente a quello che vedi sul nastro.

I colori non virano, non smontano e non si disperdono per assorbimento del supporto.

foil colorati per stampanti di etichette

2. Stampe differenti in poco tempo

Potrai realizzare etichette differenti senza modificare il layout di stampa, e quindi senza dover consultare un grafico per apportare modifiche al progetto.

Infatti, la grafica per il trasferimento termico è minimale e va progettata nero su bianco; il ribbon viene trasferito solo dove è presente la grafica.

Con un rapido cambio del nastro di stampa colorato potrai stampare etichette di brand totalmente differenti, senza dover fare prove o calibrazioni di colori.

3. Usa il colore per differenziare

L’utilizzo di nastri colorati per la stampa a trasferimento termico consente di evidenziare le informazioni stampate e catalizzare l’attenzione di chi guarda in alcune applicazioni specifiche:

  • etichettatura di merce non conforme
  • differenziazione dell’inventario
  • etichettatura delle ubicazioni di magazzino: il colore semplifica il flusso operativo
  • bollini per prodotti in scadenza nel settore alimentare
  • contrassegno per articoli in saldo
  • promozione di una linea specialty

Una scelta strategica del colore di stampa è un’ottima opzione per assicurarsi che i prodotti siano facilmente distinguibili da altri non correlati.

I settori e le applicazioni che possono beneficiare di un’etichetta colorata sono innumerevoli ma quando devi stampare un codice a barre assicurati che la scelta dei colori garantisca la corretta scansionabilità del codice.

4. Stampa solo il quantitativo che ti occorre

Un valore aggiunto della stampa in autonomia è la facoltà di stampare solo la quantità necessaria, evitando l’immagazzinamento di materiale prestampato che spesso va sprecato oppure si deteriora.

Spesso accade che non si ha certezza dell’abbondanza della produzione e si ordinano etichette prestampate in un numero eccedente.

Un produttore di confetture, per esempio, potrà utilizzare ribbon di colore differente per i vari gusti e stampare esattamente il numero di etichette corrispondente al numero di confezioni di vendita.

Se quel produttore dovesse ordinare etichette prestampate in tipografia, verrebbero certamente a mancare la precisione e il tempismo.

5. Colori di stampa virali

La facilità con la quale potrai rinnovare l’impatto estetico della tua produzione sugli scaffali, ti consentirà di seguire la tendenza del momento, che sia per un breve o per un lungo periodo e di apparire al momento giusto con il vestito perfetto!

Rosso per Natale, Celeste per Pasqua, Oro e argento per una produzione di lusso, Verde per il settore bio-erboristico, fucsia o arancio per un target giovanile…

Approfondimenti sul trasferimento termico

Oltre alla varietà dei colori, i ribbon vengono prodotti in diverse composizioni per offrire prestazioni di stampa idonee sui vari materiali.

Esistono nastri di stampa in composizione CERA, RESINA e in CERA-RESINA.

I parametri fondamentali da impostare nelle stampanti termiche sono temperatura e velocità.

Per stampare su etichette in carta opaca e nastri in raso, occorre un ribbon in composizione cera, che fonde a temperatura medio bassa.

Per stampare etichette in carta semi-patinata o lucida, occorre un nastro di stampa in composizione cera-resina, che fonde a temperatura medio alta.

Se stampi su etichette sintetiche (polipropilene, poliestere, polietilene, pvc) andranno combinate con un nastro di stampa in composizione resina, che fonde ad alta temperatura.

L’abbinamento di etichette sintetiche con ribbon resina garantisce etichette con il ciclo di vita più esteso di qualsiasi altra tecnologia di stampa.

I valori della temperatura di stampa sono fortemente influenzati dalla temperatura dell’ambiente in cui si stampa: fa differenza stampare in un laboratorio in prossimità di macchinari caldi o in un ufficio climatizzato.

La velocità di stampa può essere aumentata a piacere finché non si nota una perdita di qualità di stampa.

È una buona pratica correggere velocità o temperatura una alla volta e farlo con incrementi o decrementi unitari, finché non si raggiunge l’ottimo.

Conclusioni

La varietà del campionario dei ribbon promuove la stampa a trasferimento termico a uno strumento di comunicazione efficace per qualsiasi applicazione.

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Ultimi articoli

STAMPANTE ZEBRA ZT231 COME INIZIARE

Hai acquistato una nuova stampante Zebra e non sai da dove iniziare?

In questo articolo riassumiamo i passi essenziali per effettuare l’installazione della stampante Zebra ZT231.

Le stampanti di etichette in rotolo per funzionare senza errori devono essere correttamente configurate.

Se la stampante viene collegata a un dispositivo Windows tramite USB prima dell’installazione del driver Zebra, Windows potrebbe tentare di installarla anche senza trovare un driver funzionante

1° PASSO – INSERIRE IL MATERIALE DI CONSUMO NELLA ZT231

Inserire il materiale di consumo nella stampante come indicato al seguente video.

Puoi eseguire questa operazione a stampante spenta

Se stampi a trasferimento termico inserisci il ribbon e le etichette

Assicurati che il ribbon sia idoneo al materiale delle etichette che utilizzi

In linea di massima puoi considerare i seguenti accoppiamenti per la stampa con ribbon:

  • stampa su carta: utilizzare ribbon cera o cera-resina
  • stampa su materiali sintetici come il polipropilene, il poliestere o il pvc: utilizzare il ribbon resina

Se stampi in modalità termica diretta inserisci il rotolo di etichette, assicurandoti che il materiale utilizzato sia termico, ovvero sensibile al calore

Dopo aver inserito il materiale di consumo collega l’alimentatore e accendi la stampante

Attenzione

In questa fase non collegare la stampante al PC

2° PASSO – INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DEL DRIVER DELLA ZT231

Scaricare il driver della stampante dal sito Zebra

https://www.zebra.com/us/en/support-downloads/printers/industrial/zt231.html

Installa il driver della ZT231 e segui le istruzioni guidate, finchè non ti verrà richiesto di collegare la stampante al PC.

È consigliabile eseguire la prima installazione tramite cavo USB e solo in seguito configurare una eventuale scheda di rete o l’opzione WiFi

Finita l’installazione del driver devi configurare i parametri di stampa coerentemente con il metodo di stampa e il materiale di consumo che stai utilizzando

La corretta configurazione del driver consente di ottenere stampe nitide e allineate

L’impostazione errata del driver di stampa comporta errori che rallentano o addirittura fermano il processo di produzione delle etichette.

Le impostazioni principali da settare nel driver della stampante ZT231 sono:

  • dimensione dell’etichetta
  • modalità sensore (tipo multimediale)
  • temperatura (indicata come Scurezza)
  • velocità di stampa
  • modalità di stampa (trasferimento termico o termico diretto)
  • modalità operazione

Trovi il driver nella cartella Stampanti e Scanner: seleziona il driver della ZT231 e scegli  Gestisci e poi Preferenze di Stampa.

Puoi approfondire come configurare il driver della ZT231 al seguente articolo

3° PASSO – VERIFICA E TEST DELLE IMPOSTAZIONI DI STAMPA

Dopo aver configurato il driver della ZT231, stampa alcune etichette di prova per verificare che i parametri impostati siano corretti e che la stampa abbia il giusto contrasto e sia centrata sull’etichetta

Le impostazioni della stampante devono corrispondere ai materiali di consumo che stai utilizzando e alle opzioni della stampante (spellicolatore, riavvolgitore, taglierina).

Puoi regolare le impostazioni della stampante secondo le tue necessità utilizzando il driver della stampante o il software gratuito Zebra Setup Utilities scaricabile dal seguente link https://www.zebra.com/us/en/support-downloads/printer-software/printer-setup-utilities.html

CALIBRAZIONE DEI SENSORI DELLA STAMPANTE

La calibrazione della stampante regola la sensibilità dei sensori delle etichette e del nastro a trasferimento termico.

Aiuta inoltre a garantire il corretto allineamento della stampa e una buona qualità.

Se noti problemi nella stampa, come etichette saltate, spostamento verticale oppure orizzontale dell’immagine stampata, se   la stampante segnala un errore sul ribbon o sulle etichette potrebbe essere necessario eseguire la procedura di calibrazione dei sensori 

4° PASSO – SACRICA IL SOFTWARE ZEBRADESIGNER

Il driver per Windows ti consente di stampare da qualsiasi applicazione.

Se però ti occorre un programma per la creazione e la stampa delle etichette, considera che la Zebra mette a disposizione il software gratuito ZebrDesigner Essential

Il software è semplice ed intuitivo e ti consente di generare etichette con testi, codici a barre, codici QR, immagini, contatori, dati fissi e dati variabili

Puoi scaricare il software dal link

https://www.zebra.com/us/en/support-downloads/printer-software/zebra-designer-3-downloads.html

Puoi guardare il video tutorial sul nostro canale YouTube

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

ETICHETTE A CODA DI TOPO PER GIOIELLERIA E BIGIOTTERIA

Le etichette a coda di topo sono realizzate con una forma e un materiale perfetti per l’etichettatura dei gioielli.

Sono uno strumento indispensabile sia per l’esposizione in vetrina sia per la presentazione in fase di vendita.

La forma a coda di topo è funzionale per appendere le etichette a ciondoli, collane, anelli e bracciali.

etichette a coda di topo per gioielli

MISURA ETICHETTE PER GIOIELLI

  • misura totale  85×10 mm
  • due riquadri di stampa 22×10 mm
  • codino con adesivo neutralizzato per 80%

La doppia area di stampa consente di inserire le informazioni necessarie: prezzo, numero articolo, codice a barre, nome del brand.

La codina che avvolge il gioiello, grazie alla neutralizzazione della colla, non lascia residui sul gioiello.

ETICHETTE RESISTENTI PER GIOIELLI

 Un campionario di gioielli deve essere identificato e tracciato per un lungo periodo.

Per l’etichettatura occorrono materiali sintetici in grado di resistere al maneggiamento, alle lucidature, ai solventi, all’esposizione alla luce e al calore.

Un’etichetta in polipropilene è la scelta con il giusto equilibrio tra prestazioni e costi:

  • elevata stabilità dimensionale
  • nitidezza eccezionale
  • alta resistenza a trazione, strappo e abrasione
  • eccellente resistenza a solventi, oli e molti prodotti chimici
  • stabilità termica ad alte e basse temperature
  • resistente a umidità e acqua

COME STAMPARE ETICHETTE PER GIOIELLI

Oltre alla resistenza fisica dell’etichetta, le stampe devono essere indelebili per un lungo ciclo di vita.

Un’etichetta in polipropilene stampata a trasferimento termico con ribbon resina garantisce stampe nitide e persistenti.

Per la dimensione ridotta dell’etichetta e dei caratteri stampati, è opportuno utilizzare una stampante di etichette con risoluzione di 300 dpi, in grado di realizzare stampe leggibili e di alta qualità.

COME IMPOSTARE LA PAGINA DI STAMPA

Le stampanti dei costruttori più autorevoli vengono corredate di un software gratuito per la progettazione dell’etichetta.

Sebbene l’area stampabile dell’etichetta sia parziale, la pagina di stampa va impostata secondo le dimensioni totali dell’etichetta (in questo caso: LARGHEZZA 85 mm / ALTEZZA 10 mm).

I software di stampa come ZebraDesigner, BarTender e NiceLabel consentono di generare i codici a barre di quasi tutte le famiglie (codice 128, codice 39, Ean, Qr-code) inserendo la stringa alfanumerica corrispondente.

Il programma grafico consente di inserire anche testi (prezzi e descrizioni) e loghi in formato immagine.

Con una stampante di etichette hai tutto quello che ti occorre per identificare il tuo campionario!

IDENTIFICAZIONE DI GIOIELLI E INVENTARIO

Il codice a barre abbinato ai tuoi articoli ti consentirà una gestione automatica del magazzino senza errori.

Attraverso il codice a barre puoi eseguire la movimentazione della merce e generare qualsiasi documento direttamente dal tuo gestionale di magazzino:

  • preventivi
  • ordini
  • ddt
  • fatture

Con uno scanner di codici a barre tutte le movimentazioni saranno ancora più veloci e prive di errori.

DANEA EASYFATT: SOFTWARE PER IL MAGAZZINO EFFICIENTE ED ECONOMICO

Il software Danea Easyfatt è dotato di un modulo di magazzino estremamente efficiente in grado di interfacciarsi con lettori di codici a barre oppure con terminali portatili che memorizzano e scaricano sul PC tutti i codici letti con un’unica operazione.

Per qualsiasi informazione puoi contattarci ai nostri riferimenti

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro

Articoli che potrebbero interessarti:


Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

ETICHETTATURA DEL CAFFÈ: GLI STRUMENTI PER ESSERE AUTONOMI

L’etichettatura del caffè ha il duplice scopo di ammaliare il consumatore con astuzia e di informarlo con trasparenza.

Nel settore della torrefazione la qualità è di primaria importanza e le etichette sono un elemento cruciale in grado di influenzare le decisioni d’acquisto delle persone.

progettazione grafica di etichette per caffè

Questo articolo è rivolto ai produttori o confezionatori di caffè che desiderano conquistare un vasto pubblico mantenendo il processo aziendale artigianale e autonomo.

Grafica etichette personalizzate per caffè

Il primo passo è dotarsi di una grafica accattivante per suscitare l’interesse del cliente.

La concorrenza è elevata e un confezionamento curato nei dettagli svolge un ruolo di marketing determinante.

Oltre al fattore estetico, si deve soddisfare la curiosità degli intenditori evidenziando le qualità della miscela: il paese di origine, la data di raccolta, il grado di tostatura e tutte le indicazioni per una preparazione ottimale.

Inserendo un Qr code scansionabile dal telefonino i consumatori usufruiranno di un’esperienza d’acquisto con la realtà aumentata, ricca di notizie, aggiornamenti, eventi legati al tuo marchio.

qr code in etichetta per accedere alla realtà aumentata

Occorre un progetto grafico versatile per tutte le confezioni di vendita del caffè: sacchetti, buste da sottovuoto, barattoli.

Una linea di specialty coffee per un target di clienti di alta classe deve presentarsi con una veste grafica iconica, arricchita con i colori e le immagini rappresentative del prodotto.

Com’è lo stile del tuo brand?

Massimalista:  tinte calde, fantasie tribali, scritte importanti.

Moderno astratto: raffigurazioni asimmetriche, colori vivaci, font groovy.

Minimalista: grafica monocromatica, abbondanza di spazio libero, font eleganti.

Servizio di stampa di etichette per caffè

La stampa delle etichette in tipografia è un servizio che agevola le aziende che non hanno del personale da dedicare alla stampa.

Se vuoi usufruire del nostro servizio di stampa, possiamo accontentarti sia con un sistema digitale per piccole produzioni, che con un processo tipografico ideale per ordini consistenti.

In questo caso occorre una soluzione di marcatura per stampare secondariamente i dati variabili come lotto e scadenza sulle confezioni (vedi informazioni nei prossimi paragrafi).

I vantaggi della stampa in autonomia

Molte aziende preferiscono stampare in autonomia le etichette dei loro prodotti, potendo così includere nella stampa anche i dati variabili.

I vantaggi della stampa in azienda sono molteplici, primi fra tutti:

  • Puoi stampare le etichette nel momento del bisogno, senza avere scorte di magazzino che spesso rimangono inutilizzate
  • Puoi stampare diverse tipologie di etichette in piccole quantità
  • Elimini i lunghi tempi di approvvigionamento
  • Puoi stampare dati variabili come codici a barre, numeri seriali, lotto e data di scadenza
  • Puoi variare in completa libertà grafica, testi e tirature

Materiale e adesivo dell’etichetta

Generalmente le condizioni di conservazione ed uso del caffè richiedono etichette che resistano a poche aggressioni nel loro ciclo di vita.

Un’etichetta in carta (opaca, semi-patinata o anche una sofisticata carta vergata) può svolgere più che dignitosamente il suo compito.

Da un punto di vista grafico la carta è anche il materiale che meglio interpreta i valori di una produzione artigianale.

Diverso è il caso in cui l’ambiente di conservazione sia soggetto a caldo-umido: in questo caso sarebbe meglio optare per un materiale sintetico come il polipropilene, meglio se con la finitura opaca per evitare l’effetto plastificato lucido che è inappropriato per il settore alimentare.

La scelta dell’adesivo dell’etichetta deve tener conto della superficie di applicazione: se l’etichetta deve aderire su confezioni di varie forme e materiali, inclusi barattoli di latta, un adesivo tenace a base di gomma consente di evitare scollamenti precoci.

Stampanti di etichette per caffè

Il modello di stampante idoneo alle proprie esigenze di etichettatura dipende dalla grafica da stampare, dal volume di stampa e dalle dimensioni dell’etichetta.

Per una grafica a colori puoi utilizzare una stampante di etichette in bobina a getto di inchiostro.

Per stampare la carta esistono modelli con inchiostri dye (a base di acqua), mentre per stampare su carta e materiali sintetici dovrai utilizzare una stampante con inchiostri pigmentati.

Esistono sia modelli di stampante compatti che di classe elevata ideali per grandi produzioni (oltre le 5000 etichette alla volta)

Un’altra tecnologia di stampa è il trasferimento termico, ideale per una grafica monocromatica e minimalista.

La testina della stampante termica si riscalda e fonde un nastro inchiostrante, il ribbon, trasferendolo sull’etichette, sia di carta che sintetiche.

Sebbene sia una tecnologia monocromatica, è disponibile una vasta gamma di colori di ribbon.

Per una linea di caffè specialty puoi stampare a trasferimento termico con colori metallizzati (oro, argento, blu metal, rosso metal) oppure realizzare una minimale stampa nera su etichette colorate.

grafica etichette per caffè da stampare  a-trasferimento termico

Applicatori di etichette

L’applicazione manuale dell’etichetta sulla confezione di vendita è un processo accurato che richiede tempo e precisione.

Se devi etichettare più di 500 confezioni per volta in modo professionale, senza disallineamenti bolle o grinze, un’etichettatrice semi-automatica può perfezionare e velocizzare il processo.

Esistono modelli di etichettatrice per superfici piane, come potrebbe essere un pacchetto di caffè una busta, ed etichettatrici per superfici cilindriche come i barattoli di latta.

Marcatori per lotto e scadenza

Alcune aziende devono stampare la data di scadenza e il lotto di produzione su una varietà di contenitori che differiscono per forma, dimensione e materiale.

Se il numero delle marcature è limitato conviene adottare marcatore manuale, completamente portatile e adattabile a quasi tutte le superfici.

come stampare data e lotto con il marcatore k6

Il K6 è un dispositivo di marcatura estremamente versatile, che funziona in modo autonomo, senza l’utilizzo del PC

I dati da stampare vengono digitati direttamente sullo schermo touch del marcatore e questo rende le operazioni semplici e veloci, alla portata di qualsiasi operatore.

La dima in dotazione consente di stampare anche su superfici irregolari e ridotte.

Il K6 può essere collegato ad una fotocellula e installato su un piccolo nastro trasportatore operando in modalità automatica.

Se il volume produttivo è considerevole esistono soluzioni di marcatura automatiche ma interamente regolabili.

Tramite i bracci di fissaggio del marcatore, è possibile stampare scadenza e lotto in una varietà di configurazioni esaustiva per quasi tutte le circostanze.

marcatore automatico TD1 plus per data di scadenza, lotto, codici a barre, contatori, progressivi, loghi

TD1 plus: inchiostri a base solvente per plastica, vetro e metallo oppure inchiostri a base acqua per materiali porosi come cartone e legno.

Altezza di stampa 12,7 mm (utilizzando una cartuccia) / 25,4 mm (utilizzando 2 cartucce)

Conclusioni

Se vuoi presentare una confezione di vendita all’altezza dei tuoi competitor, devi avvalerti di mezzi adeguati.

Gli strumenti indispensabili per velocizzare il processo di etichettatura vanno selezionati con la consulenza di un tecnico esperto.

Contattaci

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Articoli che potrebbero interessarti

STAMPANTI DI ETICHETTE A COLORI O TERMICHE? COME FARE LA SCELTA GIUSTA

PROBLEMI DI APPLICAZIONE DELL’ETICHETTA: COME DETERMINARE IL VERSO DI SVOLGIMENTO DEL ROTOLO

MARCATORE K6 PER LOTTO E SCADENZA : 5 BUONI MOTIVI PER ACQUISTARLO

RISOLUZIONE DEI PROBLEMI DI QUALITA’ DI STAMPA NELLE STAMPANTI DI ETICHETTE INDUSTRIALI

In questo articolo approfondiamo come risolvere i più comuni problemi di qualità di stampa delle stampanti termiche di classe industriale e semi-industriale.

ZT411 stampante di etichette industriale
RISOLUZIONE DEI PROBLEMI DI QUALITA’ DI STAMPA

Puoi ovviamente estendere gli stessi concetti anche alle stampanti di etichette desktop, considerando che le stampanti da tavolo più compatte, non hanno le stesse regolazioni meccaniche che ha una stampante di classe industriale.

Per risolvere qualsiasi problema relativo alla stampa devi eseguire un procedimento di “esclusione”, cioè, iniziare dai controlli basici (e spesso banali) ed escludere che il parametro che stai esaminando sia la causa dell’errore e continuare ad analizzare tutte le possibili cause finchè non trovi la soluzione al tuo problema.

QUALITA’ DI STAMPA: QUALI SONO I PROBLEMI PIU’ COMUNI RISCONTRATI NELLE STAMPANTI DI ETICHETTE?

I problemi più frequentemente riscontrati nella qualità della stampa possono essere sintetizzati in 5 punti:

  • Immagine troppo chiara e con poco contrasto
  • Stampa parziale o tagliata
  • Presenza di linee bianche (non stampate)
  • Codice a barre di scarsa qualità e non leggibile

La qualità di stampa è il risultato di una corretta configurazione della stampante e dell’uso di materiali di stampa idonei alla tua specifica esigenza di etichettatura

VERIFICA DEL MATERIALE SUL QUALE STAMPI

Le stampanti di etichette termiche possono stampare in 2 modalità:

  • a trasferimento termico
  • in termico diretto

La stampa a trasferimento termico utilizza un nastro inchiostrato (chiamato anche ribbon o foil) che deve essere compatibile con le etichette per garantire una stampa nitida e adatta alle etichette che si utilizzano

Le etichette per la stampa termica diretta (stampa senza ribbon) devono essere in materiale termico, quindi sensibile al calore della testina termica che genera l’immagine stampata

Quindi la prima verifica da eseguire è se il materiale di stampa che stai utilizzando è compatibile con il metodo di stampa utilizzato e, in caso di trasferimento termico, se il ribbon che utilizzi è compatibile con le etichette

In linea di massima puoi considerare i seguenti accoppiamenti per la stampa con ribbon:

  • stampa su carta: utilizzare ribbon cera o cera-resina
  • stampa su materiali sintetici come il polipropilene, il poliestere o il pvc: utilizzare il ribbon resina

Nell’ambito della precedente semplificazione considera che ogni nastro di stampa, in funzione della composizione, fonde ad una temperatura diversa; quindi, è necessario effettuare delle regolazioni di temperatura e velocità e stampare delle etichette di prova finché non si raggiunge la qualità ottimale.

CONFIGURAZIONE DELLA STAMPANTE: QUALI PARAMETRI IMPOSTARE

Il 2 passo è la verifica delle impostazioni corrette dei parametri di stampa.

Solitamente la corretta configurazione dei parametri di stampa risolve gran parte dei problemi di qualità di stampa

  • La configurazione della stampante include:
  • Impostazione della dimensione dell’etichetta
  • Impostazione della temperatura di stampa
  • Impostazione della velocità di stampa
  • Regolazione della pressione della testina di stampa

Inoltre, la regolare manutenzione e pulizia della stampante garantisce risultati ottimali

La temperatura di stampa deve essere settata su un valore che consenta la stampa di un’etichetta nitida e al contempo non deve essere così elevata da provocare la rottura del ribbon o la sbavatura della stampa.

La velocità deve essere impostata al valore più basso che garantisca una perfetta qualità

I valori di temperatura e velocità possono essere impostatati dal driver della stampante e/o dal pannello di controllo della stampante (se presente)

Le indicazioni generali in funzione della composizione dei nastri di stampa sono:

  • Nastro cera: velocità media e temperature bassa
  • Nastro cera-resina: velocità media-alta, temperature media
  • Nastro resina: Velocità bassa, temperatura alta

Temperatura e velocità sono 2 parametri che devono essere impostati sinergicamente per ottenere una qualità soddisfacente di stampa

La combinazione migliore dei valori di temperatura e velocità produce una stampa perfetta in termini di contrasto e definizione.

La pressione della testina di stampa deve essere sufficiente per esercitare una pressione costante sul supporto di stampa e quindi deve essere uniformemente distribuita su tutta la larghezza dell’etichetta, in modo che il trasferimento dell’immagine abbia la stessa intensità.

Attenzione, se si utilizzano etichette molto più strette della testina di stampa potrebbe essere necessario agire sui selettori della pressione della testina per aumentare o ridurre la pressione al fine di garantire una stampa bilanciata su tutta la larghezza dell’etichetta

PULIZIA DELL A TESTINA DI STAMPA

La testina di stampa si sporca con l’accumulo di residui delle etichette e del collante che trasuda e fuoriesce dai bordi delle etichette.

Una testina di stampa sporca può causare un insufficiente trasferimento di calore e di conseguenza un’immagine stampata male, con presenza di righe bianche e stampe non uniformi

La testina deve essere pulita regolarmente per ottenere stampe nitide e professionali e allungarne la durata.

I costruttori di stampanti di etichette termiche raccomandano di eseguire la pulizia della testina ad ogni cambio del ribbon nei modelli a trasferimento termico e ad ogni cambio del rotolo di etichette nei modelli termici diretti.

Conclusioni

Saper intervenire con la giusta diagnostica sui problemi di qualità di stampa richiede esperienza.

Il nostro suggerimento è di procedere per step, esaminando anche i fattori che ci sembrano scontati per escludere che quello sia la causa della scarsa qualità di stampa

Se hai bisogno di una stampante nuova, affidati per i tuoi acquisti alla nostra competenza tecnica.

Contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

📧cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/

06.51848187

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> e tanto altro


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro