INVENTARIO DI MAGAZZINO: COME FARLO CON UN TERMINALE PORTATILE

Il modo in cui viene gestito l’inventario della tua attività ha un impatto decisivo sull’efficienza e la redditività dell’azienda.

Conoscere la giacenza e le movimentazioni dei prodotti nel tuo magazzino ti permetterà di prendere decisioni sulle scorte, su articoli poco richiesti, sui riordini ma anche su furti o merci non conformi e ti aiuterà a fare acquisti commisurati ai dati di vendita.

I conteggi dell’inventario devono essere eseguiti in modo periodico per evitare perdite ed errori dovuti ad una gestione non organizzata.

Il modo più veloce ed efficiente per realizzare l’inventario è utilizzare un terminale per leggere il codice a barre dei prodotti verificandone la giacenza.

Perché conviene utilizzare un terminale per gestire il tuo magazzino?

I vantaggi nell’utilizzo di un palmare sono molteplici, ma sul piano operativo possiamo sintetizzarli in

  • mobilità
  • velocità
  • riduzione drastica degli errori

In altre parole, un terminale portatile ti consente di fare l’inventario nelle diverse zone della tua attività con un unico dispositivo compatto, leggero e con un fattore di forma simile a quello di uno smartphone.

terminale portatile per inventario

Puoi farlo velocemente perché dovrai solamente scansionare il codice a barre dei tuoi prodotti e inserire e/o confermare la quantità che hai in giacenza; quindi, la possibilità di errore viene drasticamente ridotta grazie all’impiego di un lettore ottico.

Questi vantaggi ti permettono di controllare il tuo inventario non solo una volta l’anno, ma è un’operazione che puoi svolgere sistematicamente, garantendo un allineamento reale delle scorte di magazzino

Cosa ti occorre per fare un inventario con un palmare?

Per effettuare un inventario con un palmare hai bisogno di

  • un palmare
  • un programma di inventario residente sul palmare
  • il codice a barre sui tuoi prodotti
  • un software gestionale

Approfondiamo …

Quando si pensa di utilizzare un terminale per beneficiare di un automatismo ricco di vantaggi, la prima intenzione che spesso viene realizzata è l’acquisto di un palmare dotato di lettore ottico.

Bene, questa è forse l’ultima azione che devi fare.

Gli aspetti primari che devono essere valutati sono:

  • il software del quale deve essere dotato il palmare
  • il software residente sul PC che deve acquisire i dati che hai letto con il terminale

IL FLUSSO DEI DATI

Analizziamo le motivazioni per le quali le 4 componenti sopra indicate sono legate fra loro e indispensabili per gestire il tuo inventario con un terminale.

Il flusso operativo di un inventario realizzato con un terminale è il seguente:

  • leggi il codice a barre di ogni prodotto e verifichi le quantità in giacenza associate a quel prodotto.
  • confermi oppure modifichi le quantità

Questa operazione puoi organizzarla per tipologia di prodotto, oppure per zone e ubicazioni o applicando criteri diversi in funzione della tua attività

  • sul palmare puoi creare uno o più file del tuo inventario in funzione del programma residente sul terminale e ovviamente delle tue esigenze logistiche.
  • dopo aver concluso le letture dei prodotti, sul palmare avrai uno o più file che dovrai trasmette al tuo software gestionale per aggiornare le giacenze.

Quindi il palmare è lo strumento attraverso il quale passi i dati dal software residente sul palmare al software residente sul PC, cioè al tuo gestionale aziendale.

SOFTWARE PER IL PALMARE

Acquistare un palmare senza preoccuparsi del software equivale ad acquistare un PC senza programmi!!!

Il palmare deve avere un software che:

  • ti consenta di eseguire l’inventario in linea con le tue esigenze
  • ti permetta di scambiare i dati con il tuo gestionale e quindi in parole più semplici, un software che sia in gradi si comunicare con il tuo gestionale aziendale.

Queste sono 2 condizioni indispensabili e primarie per eseguire un inventario con un terminale portatile.

SOFTWARE GESTIONALE

Per gestire qualsiasi movimentazione con il codice a barre hai bisogno di un software gestionale.

Il software rappresenta il cuore di un qualsiasi sistema di tracciabilità, inventario e gestione del magazzino con il codice a barre.

Il software ti serve per analizzare i dati, archiviarli e aggregarli.

Il codice a barre è un’immagine, formata da una sequenza di barre nere e spazi bianchi che quando la leggi con uno scanner si traduce in una stringa alfanumerica o numerica.

Quindi quando scansioni un codice ottieni una sequenza solo di numeri oppure numeri e lettere senza alcuna informazione.

Tramite il software gestionale puoi associare ad una specifica stringa le caratteristiche del prodotto come descrizione, prezzo, peso, fornitore, etc.…

Ad ogni articolo del tuo magazzino deve corrispondere un codice a barre univoco e quindi una stringa di identificazione unica: il software ti permette di associare una stringa specifica ad un determinato prodotto e a tutti gli attributi del prodotto.

Una volta eseguita l’associazione potrai avere un’analisi completa del singolo prodotto quindi:

tutte le movimentazioni di magazzino in entrata e in uscita, cioè da chi hai comprato quel prodotto, quando lo hai acquistato, a chi lo hai venduto, la quantità in giacenza, il prezzo di acquisto e di vendita, eventuali seriali o anche lotto e scadenza, etc.…

TERMINALE PORTATILE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO

Come ultimo passo puoi scegliere un terminale adeguato alle tue esigenze

Ci sono alcuni requisiti che devi valutare per scegliere il terminale giusto:

  • sistema operativo e software che devi installare sul terminale
  • tipo di connettività: devi lavorare solo sotto copertura wi-fi o ti occorre anche una scheda SIM?
  • fattore di forma: esistono terminali che hanno un fattore di forma simile a quello di uno smartphone rinforzato e modelli più robusti, per ambienti impegnativi, dotati di tastiera fisica e di una serie di accessori per il trasporto e il montaggio sul veicolo
  • memoria: hai bisogno di importare l’anagrafica dei tuoi prodotti sul palmare o ti è sufficiente leggere il codice e digitare la quantità dei prodotti?
  • durata della batteria
  • eventuali accessori per il trasporto e il montaggio come custodie, cinghie, caricabatteria singoli o multipli per alloggiare e ricaricare il terminale, impugnatura con il manico utile per letture intensive

CONCLUSIONI

Utilizzare un terminale per la gestione del tuo magazzino aggiunge un livello di automatismo superiore, ma richiede un’analisi dei requisiti che ti sconsiglio di fare in autonomia.

Ci sono alcuni fattori che la maggior parte delle persone trascurano, ma che invece sono essenziali per un funzionamento veloce ed efficiente

Chiamaci, ti aiutiamo noi

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

COME SCEGLIERE UN MARCATORE AUTOMATICO A GETTO D’INCHIOSTRO

I marcatori a getto d’inchiostro sono diffusamente utilizzati per stampare dati variabili direttamente su confezioni e prodotti: data di scadenza, lotto di produzione, codice a barre, codici 2D, testi e loghi

Con un marcatore a getto d’inchiostro è possibile stampare praticamente su qualsiasi superficie combinando la giusta macchina di codifica con l’idonea tipologia di inchiostro.

I marcatori automatici stampano i dati sui prodotti mentre questi scorrono lungo una linea di produzione o un nastro trasportatore senza la necessità di alcun intervento da parte dell’operatore.

L’avanzamento tecnologico consente l’integrazione di un sistema di stampa di piccole dimensioni per marcare qualsiasi tipologia di superficie sia porosa che non porosa e la disponibilità di una gamma completa di inchiostri per soddisfare la maggior parte delle esigenze applicative.

In questo articolo approfondiamo quali sono le domande principali sulle quali dovresti soffermarti per determinare i tuoi requisiti di stampa.

marcatore automatico a getto d'inchiostro come sceglierlo

Quali aspetti è necessario considerare per la scelta di un marcatore a getto d’inchiostro?

Un marcatore automatico non è una soluzione plug and play che puoi acquistare on-line, in autonomia: è indispensabile un’accurata analisi delle tue esigenze applicative per selezionare la tecnologia e l’inchiostro adatto alla tua situazione.

A seconda dell’applicazione vengono prodotti sistemi differenti con tecnologia a getto d’inchiostro.

Per selezionare il modello giusto, è necessario soffermarsi su una valutazione preliminare di fattori fondamentali specifici.

Che cosa devi stampare?

Data di scadenza, lotto, codici a barre, codice 2D, loghi e\o testi?

Dimensioni delle informazioni che devono essere stampate

È importante stabilire l’altezza, la larghezza e il numero di righe dell’area di stampa che hai a disposizione.

Materiale della superficie sulla quali devi stampare

Possiamo semplificare le superfici di stampa in substrati assorbenti o porosi, come ad esempio cartone, legno, carta, e materiali non assorbenti o lisci, come plastica, metallo, vetro.

In funzione del materiale sul quale devi stampare e la presenza di eventuali fattori ostili come umidità, condensa, solventi e agenti chimici, agenti atmosferici avversi, polveri, temperature elevate, si sceglie l’inchiostro e la tecnologia più adatta a generare una stampa resistente e leggibile nel tempo.

Volume di stampa

Quanto devi stampare? Marchi lotti da 1.000/2.000 oppure più di 10.000 pezzi alla volta?

Per alti volumi di stampa, sono disponibili marcatori con serbatoi di grande capacità per cui è possibile effettuare il rimbocco dell’inchiostro, durante il funzionamento della macchina.

Se invece gestisci piccoli volumi di stampa un sistema a cartuccia è semplice da implementare, economicamente vantaggioso e ha costi di gestione praticamente inesistenti.

Tipologia, dimensioni e velocità del nastro trasportatore o linea di produzione sulla quale deve essere installato il marcatore

A seconda dei prodotti o degli imballaggi che è necessario marcare ogni minuto, sono disponibili sistemi con velocità standard o ad alta velocità.

Forma dell’oggetto da marcare

Devi marcare su un prodotto con superficie piana oppure irregolare? Il tuo prodotto presenta una concavità che richiede una stampa ad una determinata distanza? Oppure è un sacco o una confezione irregolare?

Caratteristiche ambientali del luogo d’installazione del marcatore

In alcuni settori sono spesso presenti condizioni sfavorevoli in cui le stampanti a getto d’inchiostro sono esposte a polvere, umidità, vibrazioni o forti sbalzi termici.

In questi casi oltre ad una struttura solida, sono necessari tipi di protezione IP specifici o dispositivi di protezione particolari

Modalità di stampa del marcatore

In che modo hai disponibili i dati da stampare? Li devi prendere da un database, da un gestionale oppure sono stringhe come data e lotto che puoi generare stand-alone senza l’utilizzo del PC?

Conclusioni

Scegliere una soluzione di marcatura richiede sempre un’analisi accurata: chiamaci e spiegaci la tua applicazione, sapremo consigliarti il marcatore adatto alla tua applicazione.

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


SUGGERIMENTI PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DI STAMPA DELLE STAMPANTI DI ETICHETTE PRIMERA

Le impostazioni corrette del driver e del software della stampante di etichette consentono di ottenere un’immagine stampata nitida e di qualità professionale.

Al contempo ci sono alcuni accorgimenti nella creazione della grafica della tua etichetta che migliorano la risoluzione e l’accuratezza della stampa.

In questo articolo ti diamo alcuni suggerimenti per migliorare la qualità di stampa quando progetti una grafica per le stampanti Primera (LX600-LX610-LX900-LX910-LX2000)

DIMENSIONE E FORMA DELL’IMMAGINE

La dimensione della tua grafica deve corrispondere alla dimensione dell’etichetta sulla quale stamperai la tua immagine.

Quindi attenzione se progetti la tua grafica in pixel, alla fine del tuo lavoro dovrai normalizzare la grafica sempre alle dimensioni reali dell’etichetta.

come ottenere una buona qualità di stampa con le stampanti Primera

RISOLUZIONE DELL’IMMAGINE

La risoluzione è misurata in punti per pollice o dpi.

I 300 dpi sono sufficienti per ottenere una buona qualità di stampa della maggior parte delle immagini. Un’immagine a 72 dpi sarà perfettamente visualizzata sullo schermo del tuo PC ma NON verrà stampata bene.

Attenzione che la grafica e i loghi scaricati dal Web sono in genere a 72 dpi

Tieni presente che le impostazioni della qualità di stampa che configuri nel driver della stampante non avranno alcun effetto sul miglioramento di un’immagine sorgente a bassa risoluzione.

Non è possibile aggiungere risoluzione a un’immagine attraverso i software BarTender, NiceLabel o nel driver della stampante.

Quindi le immagini per essere nitide e precise devono essere a 300 dpi.

D’altronde, risoluzioni superiori a 300 dpi non produrranno una migliore qualità di stampa ma potrebbero richiedere più RAM per la stampa e spazio su disco rigido.

FORMATO DEL FILE

Solitamente la grafica viene realizzata attraverso programmi professionali come Adobe Illustrator, CorelDraw.

Puoi stampare direttamente da questi programmi, ma se invece utilizzi BarTender o NiceLabel per stampare i dati variabili devi importare la tua grafica all’interno di questi programmi.

Per importare una grafica in BarTender o NiceLabel puoi utilizzare i formati JPG, TIF o BMP

IMPOSTAZIONI DEL COLORE

Le stampanti Primera utilizzano inchiostri CMY o CMYK, quindi nella progettazione dell’etichetta è consigliabile utilizzare lo spazio colore idoneo.

Nel software che utilizzi per realizzare la grafica imposta la modalità colore su CMYK.

CMYK sta per ciano (azzurro), magenta (rosso chiaro o rosa), giallo e K = nero

Nella maggior parte dei casi, l’impostazione CMYK produrrà la riproduzione più accurata dei colori dell’immagine sullo schermo.

Tuttavia, se CMYK non produce la corrispondenza cromatica desiderata, prova a modificare l’immagine sorgente in RGB e quindi esporta nuovamente l’immagine in uno dei formati sopra menzionati.

TESTI E DATI VARIABILI

Per ottenere la migliore qualità di stampa del testo, specialmente se di piccole dimensioni, devi creare il testo e gli altri dati variabili direttamente nel software BarTender o NiceLabel.

In sostanza, crei le immagini e gli elementi grafici con il software di grafica professionale, tralasciando gli elementi di testo, che potrai generare direttamente nel programma della stampante di etichette.

Questa procedura ti consentirà anche di modificare più facilmente il testo senza dover rielaborare l’immagine sul tuo software di progettazione grafica o ricorrere al tuo designer.

etichette come creare la grafica perfetta

STAMPA DI CODICI A BARRE

Per ottenere un codice a barre perfettamente leggibile da qualsiasi lettore non puoi gestire il codice a barre come un’immagine.

Il codice a barre affinché sia strutturalmente corretto deve essere creato da un generatore di codice a barre.

Quindi come per il testo, il codice a barre lo devi creare all’interno di NiceLabel o BarTender

In definitiva la procedura corretta è la seguente:

  • esporta la parte grafica della tua etichetta come JPG, BMP o TIF a 300 dpi.
  • importa l’immagine in BarTender o NiceLabel.
  • utilizza la funzione “aggiungi codice a barre” integrata in BarTender o NiceLabel per aggiungere il tuo codice a barre.

CONCLUSIONI

L’etichetta rappresenta il cuore e l’anima del tuo prodotto e ha un impatto immediato sull’attenzione del consumatore.

Se stampi in autonomia dedica tempo alla comprensione di tutti i fattori tecnici che contribuiscono a generare un’etichetta di qualità professionale.

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

STAMPANTE HONEYWELL PM45: COME RISOLVERE I PROBLEMI DI STAMPA COMUNI

In questo articolo approfondiamo come risolvere i più frequenti problemi di stampa della stampante Honeywell PM45.

stampante di etichette honeywell pm45 come risolvere i comuni problemi di stampa

La PM45 viene prodotta in molteplici configurazioni, con opzioni e accessori che possono essere installati in funzione delle specifiche esigenze.

Per un corretto funzionamento qualsiasi opzione di configurazione deve essere correttamente impostata nel driver della stampante e/o nel software attraverso il quale si generano le stampe.

La stampante PM45può stampare in modalità termica diretta oppure a trasferimento termico, attraverso il ribbon.  

Il nastro a trasferimento termico spesso è la causa di errori o di una scarsa qualità di stampa.

STAMPA CON POCO CONTRASTO

Quando la stampa appare chiara e con scarso contrasto puoi procedere con i seguenti controlli

Assicurati che le impostazioni sul driver/software siano appropriate al materiale di consumo che stai utilizzando

Controlla la temperatura di stampa. Se l’immagine stampata è chiara incrementa la temperatura

Aumenta la pressione della testina

Assicurati che la testina di stampa non sia guasta e in caso procedi alla sostituzione

L’ETICHETTA HA POCO CONTRASTO SOLO IN ALCUNI PUNTI

Se sull’etichetta ci sono solo alcuni punti in cui la stampa è troppo chiara o assente procedi, in ordine, con le seguenti verifiche.

Assicurati che non ci siano impurità e sporcizia depositate sul materiale di consumo o all’interno della PM45. Pulisci i supporti e l’interno della stampante, testina e rullo siliconato.

Assicurati che il ribbon che stai utilizzando sia compatibile con il materiale delle etichette.

La temperatura di stampa potrebbe essere troppo bassa in riferimento al materiale che stai stampando: aumenta il contrasto

In linea generale considera che:

I NASTRI CERA sono indicati per la stampa su un’etichetta in carta a trasferimento termico.

I NASTRI CERA – RESINA producono un’immagine più duratura su carta liscia o etichette patinate con superfici semi-lucide o lucide.

I NASTRI IN RESINA sono formulati per la stampa su etichette in materiale sintetico come il poliestere, il polipropilene e il vinile.

La perfetta aderenza dell’inchiostro sulla superficie dell’etichetta dipende dalla tipologia di ribbon che stai utilizzando e dalla corretta impostazione dei parametri di stampa

LA STAMPA E TROPPO SCURA E SONO PRESENTI DELLE SBAVATURE

In questo caso devi procedere con i seguenti controlli

Assicurati che le impostazioni sul driver/software siano appropriate al materiale di consumo che stai utilizzando.

Controlla la temperatura di stampa. Se l’immagine stampata è troppo scura e perde di nitidezza a causa di un eccesso di calore diminuisci la temperatura

La pressione della testina potrebbe essere eccessiva. Diminuisci la pressione


Approfondimento: impostazione dei valori di temperatura e velocità nella stampa a trasferimento termico

Nelle stampanti a trasferimento termico è necessario impostare il corretto valore di temperatura e velocità per ottenere una stampa nitida e accurata.

Se la temperatura è troppo alta il ribbon viene riscaldato troppo e crea un’immagine con sbavature e macchie.

Se la temperatura è troppo bassa il ribbon non viene scaldato a sufficienza e la stampa risulterà chiara e sbiadita.

Le indicazioni generali in funzione della formulazione dei nastri di stampa sono:

Nastro cera: velocità media e temperature bassa
Nastro cera-resina: velocità media-alta, temperature media
Nastro resina: Velocità bassa, temperatura alta


LA STAMPA PRESENTA POCO CONTRASO SOLAMENTE SU UN LATO DELL’ETICHETTA

Regola la pressione della testina di stampa

LA STAMPA PRESENTA DELLE LINEE VERTICALI BIANCHE

In questo caso verifica che:

  • la testina non sia sporca. Procedi, a stampante spenta, alla pulizia della testina
  • la testina non abbia dot guasti. In questo caso devi sostituire la testina di stampa

LA STAMPA APPARE COMPRESSA

In tale occorrenza la velocità di stampa potrebbe essere troppo elevata.

  • Diminuisci la velocità e verifica la stampa.
  • Verifica, inoltre, la pressione della testina di stampa.

NELLA MODALITA’ A TRASFERIMENTO TERMICO VIENE STAMPATA UN’ETICHETTA BIANCA

Molto probabilmente il ribbon è stato caricato nel verso sbagliato.

Verifica che la parte inchiostrata del ribbon sia a contatto con l’etichetta

IL RIBBON SI ROMPE DURANTE LA STAMPA

Controlla che le impostazioni di stampa sul driver/software siano appropriate al materiale che stai stampando.

Temperature troppo elevate potrebbero fondere fino alla rottura il ribbon.

Controlla che il ribbon sia correttamente alloggiato all’interno della PM45

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

ETICHETTE CON CODICE A BARRE DANNEGGIATO DA ABRASIONI E SBAVATURE: COME RISOLVERE IL PROBLEMA

Fino a qualche anno fa, le etichette con codice a barre venivano stampate da aziende specializzate nella stampa di vari tipi di etichette.

Le aziende esperte nella stampa di etichette utilizzano processi di stampa integrati con controlli di qualità.

Oggi, molte attività stampano in autonomia le proprie etichette con dati variabili, ma la maggior parte non integra alcuna forma di controllo della qualità di stampa.

È molto comune trovare etichette con problemi di leggibilità del codice a barre o del codice prodotto con conseguenti problemi di lettura da parte degli scanner e dei sistemi di acquisizione automatica.

Approfondiamo in questo articolo come risolvere il problema di un’etichetta che diventa illeggibile a causa di uno sfregamento o abrasione della superficie dell’etichetta o per la presenza di macchie, sbavature e aloni presenti nella stampa.

Per la stampa di dati variabili ed etichette con codice a barre la tecnologia più utilizzata è la stampa termica o a trasferimento termico.

Se stai utilizzando una stampante laser o a getto d’inchiostro, ti consiglio di prendere in considerazione la stampa termica, che offre numerosi vantaggi

Approfondisci

Sia il trasferimento termico che la stampa termica diretta utilizzano il calore della testina di stampa per rappresentare le immagini.

La stampa a trasferimento termico adopera un nastro per creare un’immagine sull’etichetta. La testina della stampante applica calore al nastro, che sciogliendosi trasferisce il colore sull’etichetta.

ribbon per stampanti di etichette a trasferimento termico

Invece, con la stampa termica diretta, il calore viene applicato dalla testina di stampa direttamente alle etichette che devono essere termiche.

Sebbene la stampa termica diretta sia economica, le etichette i supporti termici sono soggetti a deteriorarsi nel tempo a causa di temperature troppo alte o anche attraverso un processo di sfregamento e abrasione.

Quindi se ti occorre un’etichetta che resti leggibile nel tempo e resista a fattori aggressivi che potrebbero inficiare la leggibilità dei dati devi stampare a trasferimento termico.

I fattori che influiscono sulla qualità di stampa sono correlati:

alla scelta del materiale di consumo (etichette e nastri di stampa)

alle impostazioni della stampante

Sia la velocità con cui le etichette passano attraverso una stampante che la quantità di calore impostata sulla testina di stampa (temperatura) influenzeranno qualità di stampa

STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO: COME PREVENIRE LE SBAVATURE

Le sbavature sono causate generalmente da una impostazione errata della temperatura di stampa.

Come abbiamo detto il trasferimento termico utilizza un nastro di stampa chiamato anche ribbon o foil per trasferire l’immagine sull’etichetta

I nastri possono essere classificati in 3 qualità principali:

  • cera
  • cera / resina 
  • resina

NASTRI CERA sono indicati per la stampa su un’etichetta in carta a trasferimento termico.

NASTRI CERA – RESINA producono un’immagine più duratura su carta liscia o etichette patinate con superfici semi-lucide o lucide.

NASTRI IN RESINA sono formulati per la stampa su etichette in materiale sintetico come il poliestere, il polipropilene e il vinile.

La perfetta aderenza dell’inchiostro sulla superficie dell’etichetta rende la stampa estremamente resistente.

Le etichette in plastica con stampa in resina resistono all’esterno in piena luce solare, all’immersione in acqua, sono altamente resistenti ai graffi, agli agenti chimici e agli oli.

Nelle stampanti a trasferimento termico è necessario impostare il corretto valore di temperatura e velocità per ottenere una stampa nitida e precisa.

Se la temperatura è troppo alta il ribbon viene riscaldato troppo e crea un’immagine con sbavature e macchie.

Se la temperatura è troppo bassa il ribbon non viene scaldato a sufficienza e la stampa risulterà chiara e sbiadita.

Le indicazioni generali in funzione della formulazione dei nastri di stampa sono:

Nastro cera: velocità media e temperature bassa;
Nastro cera-resina: velocità media-alta, temperature media
Nastro resina: Velocità bassa, temperatura alta.

La combinazione migliore dei valori di temperatura e velocità produce una stampa perfetta in termini di contrasto e definizione.

Inoltre, è estremamente importante notare che deve esserci il connubio perfetto tra il frontale dell’etichetta e il nastro utilizzato.

Il frontale di un’etichetta può essere rivestito con un materiale che non consente al nastro trasferito di aderire correttamente provocando sbavature e macchie sulla stampa.

TRASFERIMENTO TERMICO E PROBLEMI DI ABRASIONE

Se la tua etichetta deve resistere all’abrasione, all’attrito, alla manipolazione e a pressioni meccaniche devi utilizzare come frontale dell’etichetta un materiale sintetico e come qualità del nastro di stampa la resina.

Esistono differenti materiali sintetici come il poliestere, il polipropilene, il PVC, il polietilene e anche la qualità del ribbon resina varia in funzione della resistenza che vuoi ottenere.

Quindi è importante fare un’analisi accurata dei requisiti della tua applicazione di etichettatura.

  • Quanto deve durare la tua etichetta?
  • A quali sollecitazioni è sottoposta?
  • A quali temperature o condizioni climatiche avverse è soggetta?
  • Per quanto tempo?
  • Dove la applichi?

CONCLUSIONI

Il trasferimento termico è la tecnologia di stampa più diffusa per la stampa di etichette con codice a barre e dati variabili.

Il legame che si crea tra un nastro ben selezionato e l’etichetta fornisce performance di stampa in termini di durata e resistenza di gran lunga superiori a qualsiasi altra tecnologia di stampa.

Le impostazioni corrette del driver e del software di stampa sono indispensabili per ottenere la massima qualità di stampa dal tuo materiale di consumo.

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro


STAMPANTI DI ETICHETTE A TRASFERIMENTO TERMICO COME FUNZIONANO

La stampante a trasferimento termico utilizza una testina di stampa che contiene una fila di piccoli elementi che vengono riscaldati quando le etichette (supporti) e il nastro inchiostrato (chiamato anche ribbon o foil) passano lungo la linea di stampa.

Gli elementi riscaldati della testina provocano la fusione del ribbon e il trasferimento dell’inchiostro sulla superficie dell’etichetta.

Le stampanti a trasferimento termico possono funzionare anche in modalità termica diretta, cioè senza utilizzare il ribbon.

Quando non viene utilizzato il nastro sono necessarie etichette sensibili al calore (in materiale termosensibile) che producono un’immagine quando vengono riscaldate.

Il trasferimento termico è una tecnologia di stampa vincente, ricca di vantaggi:

  • è economica, con un costo stampa tra i più bassi
  • è semplice da utilizzare
  • è resistente
  • è velocissima
  • è versatile, puoi stampare su una gamma molto estesa di materiali, dalla carta a film plastici resistenti e durevoli in qualsiasi condizione di applicazione, puoi stampare su tessuti come raso e TNT
nastri a trasferimento termico

RIBBON PER IL TRASFERIMENTO TERMICO COSA È E COME UTILIZZARLO

Il ribbon è il nastro di stampa che viene scaldato dalla testina della stampante per produrre l’immagine.

Il ribbon viene prodotto in diverse qualità che possiamo raggruppare in tre macro-categorie

  • Ribbon cera
  • Ribbon cera-resina
  • Ribbon resina

Tra queste categorie principali, il mercato offre decine di formulazioni differenti di nastri per adattarsi all’ampia gamma di materiali sui quali è possibile stampare attraverso il trasferimento termico.

L’aderenza di un foil per il trasferimento termico su carta, polipropilene, pvc, poliestere, tnt e materiali sintetici varia e ogni nastro offre diversi livelli di resistenza agli agenti chimici, all’esposizione all’esterno e all’abrasione.

La qualità più idonea deve essere selezionata in base al materiale dell’etichetta e alla durata/resistenza della stampa che si vuole ottenere.

Quando devi acquistare un foil per la tua stampante di etichette è fondamentale determinare le caratteristiche idonee alle tue stampe e il grado di tenuta che desideri ottenere.

DOVE E COME UTILIZZARE LA STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO

Il trasferimento termico è la tecnologia più diffusa per stampare dati variabili.

  • Etichette con codice a barre
  • Etichette di identificazione del prodotto con descrizione, prezzo, codice articolo
  • Etichette alimentari
  • Etichette per i cespiti e l’inventario
  • Etichette composizione abbigliamento

sono solitamente stampate a trasferimento termico.

Ma non solo…

Grazie alla produzione attuale di ribbon colorati e metallizzati come oro, argento puoi utilizzare questa versatile tecnologia per stampare raffinate etichette per i tuoi prodotti.

Oltre alle etichette in carta, puoi stampare su etichette in plastica, in polipropilene trasparente, e su moduli continui di qualsiasi materiale come: fasce di carta adesiva, nastri di plastica adesivi, nastri in raso e nastri per confezioni regalo.

Con questa tecnologia puoi ottenere delle stampe uniche ed eleganti, come puoi constatare nei seguenti video

COME SCEGLIERE LA STAMPANTE A TRASFERIMENTO PIU’ ADATTA ALLE TUE ESIGENZE

Per selezionare il modello adatto alle tue specifiche necessità è indispensabile eseguire un’analisi di alcuni parametri fondamentali:

  • volume di stampa (n° di etichette da produrre l’anno)
  • dimensioni massima e minima delle stampe che devi produrre
  • ambiente di stampa (negozio, ufficio, magazzino o produzione?)
  • risoluzione di stampa adatta alla tua applicazione
  • connettività standard Usb e Ethernet, oppure connettività opzionale wi-fi e Bluetooth per esigenze operative particolari
  • eventuali accessori come spellicolatore, taglierina, riavvolgitore di etichette

Noi ti aiutiamo a valutare correttamente i tuoi requisiti di stampa.

Contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==> Marcatori per data lotto e dati variabili ==> Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Approfondisci

ETICHETTE PER OLIO D’OLIVA: SCEGLI UNA GRAFICA DEL NOSTRO CATALOGO

Realizzare la grafica per un olio, significa coordinare nel design dell’etichetta la storia di un’azienda e le qualità del prodotto, con lo scopo di calamitare l’attenzione del cliente target.

Quando un produttore ci contatta per la grafica, gli poniamo una serie di domande per conoscere gli elementi utili ad un processo creativo mirato al marketing.

Alcuni produttori non hanno un’idea chiara di ciò che vorrebbero, soprattutto se è la prima volta che realizzano un confezionamento professionale.

Per questo motivo abbiamo pubblicato un catalogo con una serie di proposte grafiche da cui prendere spunto per immaginare la propria confezione ideale.

I nostri modelli di etichette non sono creazioni impersonali ma hanno un carattere, uno stile.

Vedrai etichette sia moderne sia classiche, etichette in stile minimalista da stampare su carte pregiate come la vergata ed etichette in stile massimalista ideali per carte lucide o sintetiche.

Se nel catalogo trovi una grafica di etichetta adatta per il tuo olio, possiamo modificarla secondo le tue richieste:

◾ dimensioni dell’etichetta corrette per le tue bottiglie

◾ palette di colori a tua scelta

◾ testi personalizzati

◾ logo della tua azienda

Ti verrà applicato un prezzo da template se le modifiche richieste saranno limitate

Se invece dai nostri modelli vorrai prendere solo qualche idea di stile per una creazione grafica totalmente nuova, saremo felici di dedicarci al tuo olio.

𝐎𝐑𝐀 𝐆𝐔𝐀𝐑𝐃𝐀 𝐈𝐋 𝐍𝐎𝐒𝐓𝐑𝐎 𝐂𝐀𝐓𝐀𝐋𝐎𝐆𝐎 𝐎𝐍𝐋𝐈𝐍𝐄 𝐄 𝐂𝐎𝐍𝐓𝐀𝐓𝐓𝐀𝐂𝐈 𝐒𝐄 𝐓𝐈 𝐒𝐄𝐍𝐓𝐈 𝐈𝐒𝐏𝐈𝐑𝐀𝐓𝐎

𝐀𝐟𝐟𝐢𝐝𝐚𝐭𝐢 𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐧𝐨𝐬𝐭𝐫𝐚 𝐜𝐫𝐞𝐚𝐭𝐢𝐯𝐢𝐭à 𝐞𝐝 𝐞𝐬𝐩𝐞𝐫𝐢𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐢 𝐬𝐭𝐚𝐦𝐩𝐚

AC Sistemi ▶ Soluzioni complete di etichettatura ▶ Vendita Installazione e Assistenza STAMPANTI DI ETICHETTE ▶ Fornitura di ricambi materiali e inchiostri ▶ Studio grafico personalizzato

Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/


Articoli che potrebbero interessarti

ETICHETTATRICE SEMI AUTOMATICA PER ATTACCARE 1 O 2 ETICHETTE SU BOTTIGLIE E BARATTOLI: PRECISA E VELOCE

L’etichettatrice LA808 è una macchina semiautomatica progettata per incollare le etichette su superfici cilindriche di plastica, vetro e metallo.

Con LA808 potrai etichettare in modo professionale bottiglie, barattoli, lattine, fiale, tubi e flaconi sia perfettamente dritti sia svasati.

Può applicare sul contenitore una sola etichetta o due etichette fronte retro, anche se di dimensioni differenti, purché alternate sulla stessa bobina.

ETICHETTATRICE-PER-CONTENITORI-CILINDRICI-LA808-per applicare singola e doppia etichetta

Facile da regolare

Portarotolo con fermi magnetici per adattarsi immediatamente ai vari formati e comode manopole da girare a mano

Facile da impostare

Tramite il display puoi configurare tutti i parametri che ti occorrono e memorizzare fino a 29 formati di applicazione

Compatta

Può essere comodamente alloggiata su una scrivania o un tavolo da lavoro

Robusta

Telaio interamente in metallo

◾ La tecnologia ad ultrasuoni del sensore per il rilevamento dell’etichetta consente alla macchina di lavorare con un’ampia gamma di materiali: etichette a basso contrasto, ultrasottili, etichette trasparenti, etichette metallizzate e riflettenti.

◾ Il meccanismo di distribuzione mantiene le etichette ben tese durante l’applicazione, evitando qualsiasi formazione di bolle e grinze.

◾ Con l’etichettatrice per superfici tonde LA808 potrai procedere ad una velocità di 450 – 600 etichette all’ora e sul display vedrai il conteggio progressivo dei contenitori lavorati.

Come scegliere l’etichettatrice perfetta per i tuoi contenitori

Per individuare l’etichettatrice perfetta bisogna fare una pre-analisi semplice ma necessaria.

  • Non tutti i modelli di etichettatrici sono idonei all’applicazione di 2 etichette fronte e retro.
  • Si devono valutare diametri ed altezze di tutti i contenitori da etichettare, soprattutto i più piccoli e i più grandi e controllare che le misure rientrino nei parametri caratteristici della macchina.
  • Controllare larghezza e altezza di tutti i formati di etichetta da applicare e confrontarli con i valori ammessi dalla macchina.
  • Verificare che l’etichettatrice sia compatibile con il materiale dell’etichetta.

Specifiche tecniche dell’etichettatrice LA808

Diametro dell’oggetto25 – 160 mm
Altezza dell’oggetto30 – 240 mm
Diametro esterno del rotolo di etichettefino a 200 mm
Diametro del nucleo del rotolo di etichette46 – 76 mm
Larghezza etichetta25 – 150 mm
Lunghezza etichetta25 – 500 mm
Distanza etichette (gap)maggiore di 2,5 mm
Velocità di erogazione0,1 m/sec
Interfaccia utentepannello LCD
Dimensioni fisiche (L x P x A)365 x 330 x 245 mm
Peso12 kg
Alimentazione220V AC, 50Hz

Di fatto, mentre alcune valutazioni sono oggettive e ricavabili dalle schede tecniche, altre necessitano di formazione tecnica ed esperienza.

Quindi se hai bisogno di scegliere con precisione e serenità la tua etichettatrice, non esitare a chiamarci.

AC Sistemi ▶ Soluzioni complete di etichettatura ▶ Vendita Installazione e Assistenza STAMPANTI DI ETICHETTE ▶ Fornitura di ricambi materiali e inchiostri ▶ Studio grafico personalizzato

Elisabetta Urbisaglia

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Se hai bisogno di una grafica per le tue etichette, affidati alla nostra creatività

TERMINALI PER DANEA EASYFATT QUALE MODELLO SCEGLIERE

Il software Danea EasyFatt versione Enterprice consente di utilizzare terminali portatili per lavorare in completa mobilità, lontano dalla postazione PC dove è installato Danea.

Con un terminale hai la libertà di eseguire una sequenza di letture, inserendo la relativa quantità ed eventualmente il seriale o il lotto di produzione e la data di scadenza.

Prima di approfondire quali siano i palmari adatti a lavorare con Danea è necessario puntualizzare le nozioni fondamentali relative a quello che puoi fare con un terminale portatile lavorando con Danea EasyFatt.

L’aspetto primario è che qualsiasi palmare per funzionare con Danea ha bisogno di un programma specifico progettato per scambiare i dati con il software Danea EasyFatt.

Pertanto, piuttosto che focalizzarsi sulla marca e modello del terminale, è necessario assicurarsi che abbia installata l’applicazione progettata per Danea EasyFatt.

Danea ti consente di importare solamente i seguenti campi

  • codice   articolo
  • quantità
  • lotto oppure seriale
  • Data di scadenza del lotto

Quindi con Danea EasyFatt puoi velocemente acquisire i suddetti 4 campi con un terminale portatile, leggendo il codice a barre dei prodotti, digitando la quantità di ciascun articolo, il numero di matricola o il codice del lotto e la data di scadenza (se presenti): in questo modo avrai una gestione automatizzata delle operazioni di magazzino minimizzando la possibilità di errore.

ATTENZIONE Con un terminale potrai fare operazioni su articoli già inseriti nell’anagrafica prodotti di Danea e non potrai inserire nuovi articoli con la relativa descrizione, prezzo, giacenza, etc.

Se hai bisogno di inserire un nuovo prodotto dovrai sempre farlo dalla postazione PC dove è installato Danea.

Quali sono le operazioni che puoi svolgere con un terminale portatile in Danea EasyFatt?

L’utilizzo di un palmare ti permette la creazione di tutti i documenti in cui è consentito l’utilizzo del codice a barre.

Quindi possiamo utilizzare un terminale portatile per:

  • Preventivi
  • Ordini clienti
  • Ordini fornitore
  • Documenti di trasporto
  • Fatture
  • Carico e Scarico di magazzino
  • Inventario
  • Arrivi Merce

Presentiamo di seguito 3 palmari per la gestione del magazzino dotati di un software progettato per scambiare informazioni con Danea.

SOLUZIONE 1 – PALMARE MT37 CON SOFTWARE CODICE/QUANTITA’

Il terminale MT37 ti consente di gestire velocemente il magazzino di Danea EasyFatt leggendo il codice a barre dei prodotti e immettendo dalla tastiera il valore della quantità.

Il palmare ha un lettore ottico integrato per scansionare codici sia 1D che 2D anche danneggiati o di scarsa qualità.

L’utilizzo è immediato e di comprensione immediata per qualsiasi utente, anche tecnologicamente inesperto.

Il display touchscreen capacitivo 2,8″ (320 × 240) a colori ti consente di visualizzare gli articoli inseriti con il giusto contrasto in qualsiasi condizione di illuminazione.

Se hai fatto un errore non c’è problema: puoi modificare e/o cancellare gli articoli letti.

Una volta che hai scansionato il codice a barre di tutti i prodotti hai un file che puoi inviare via wi-fi al PC tramite il pulsante esporta.

Dotazione eccellente

La batteria dell’MT37 da 3300 mAh dura fino a 10 ore con una singola carica coprendo un intero turno di lavoro.


L’MT37 è dotato di processore Quad-Core, OS Android 8.1 Go, Wi-Fi Dual-Band ad alte prestazioni e connessione Bluetooth 5.0.

Con il suo rivestimento di grado industriale, resiste alle cadute su cemento da altezze fino a 1,2 metri. 

È un terminale economico, ma estremamente efficiente per gestire il magazzino di Danea EasyFatt velocemente e senza errori

SOLUZIONE 2 -PALMARE ANDROID CON APPLICAZIONE GESTART PER DANEA EASYFATT

L’applicazione GestArt installata su un palmare Android, dotato di scanner integrato, ti consente di gestire le operazioni di magazzino in completa autonomia.

Con GestArt puoi eliminare la gestione della tua azienda tramite liste cartacee che creano errori e rallentano la tua attività.

Quindi con un palmare dove è installata l’applicazione GestArt puoi fare un carico di magazzino nella zona di arrivo merce semplicemente leggendo il codice a barre sui prodotti e digitando la relativa quantità.

Nello stesso modo puoi gestire l’ordine di un cliente o l’inventario

Le fasi operative del programma possono essere divise in:

  • Importazione degli anagrafici articoli   da Danea EasyFatt
  • Lettura del codice a barre degli articoli
  • Creazione e Trasmissione del file (contenente i dati letti)

Il menù principale si presenta con 6 pulsanti con le seguenti funzionalità:

  • Leggi
  • Crea file risultato
  • Elimina letture
  • Importazione anagrafiche prodotti
  • Invio file a PC
  • Informazioni

Importando sul terminale l’anagrafica degli articoli di Danea (valorizzata con i prezzi, la descrizione dei prodotti e la giacenza), sul display apparirà la descrizione dell’articolo, la giacenza disponibile, la sua unità di misura, il prezzo unitario dell’articolo, il prezzo totale riga e infine il prezzo totale di tutti gli articoli letti (quindi per esempio il prezzo totale dell’ordine o della commessa).

Con l’applicazione GestArt installata su un palmare Android lavori senza PC, verificando giacenze dei prodotti e prezzi.

I terminali Android offerti con il software GestArt devono avere un ampio schermo touch per visualizzare comodamente la descrizione e le informazioni del prodotto, una buona capacità di memoria ed un processore veloce.

Puoi vedere i diversi modelli sul nostro shop online o se hai preferenze per un modello specifico chiamaci

SOLUZIONE 3 – TERMINALE OPH 3001 CON PROGRAMMA CODICE/QUANTITA’ PER DANEAEASYFATT

Il terminale OPH 3001 con preinstallato il software per Danea rappresenta la soluzione più semplice ed economica.

Le dimensioni compatte, la tastiera fisica e il lettore laser integrato rappresentano una proposta efficiente e semplice da utilizzare.

Leggi il codice dell’articolo, digiti la quantità dalla tastiera fisica memorizzando tutti gli articoli in un file che sarà poi trasmesso al PC collegando il terminale alla porta USB del PC.

Un procedimento semplice, ma efficiente: con il file che hai trasmesso potrai riempire in un attimo qualsiasi documento di Danea: fattura, ddt, ordine cliente o ordine fornitore e controllare velocemente il tuo inventario

CONCLUSIONI

Se hai bisogno di lavorare in luoghi differenti dalla postazione PC dove hai installato Danea, se hai più magazzini o le tue zone di carico e scarico merci sono dislocate in punti diversi, allora un terminale portatile è la soluzione giusta per lavorare con Danea EasyFatt versione Enterprice.

La scelta del terminale presuppone la selezione del software residente sul terminale più adatto ai tuoi flussi aziendali.

Acquistare un palmare senza il software idoneo è come acquistare un computer vuoto, privo di programma quindi inutilizzabile.

Chiamaci se vuoi utilizzare Danea EasyFatt con un palmare

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/