Archivi tag: etichette adesive

DOMANDE FREQUENTI SULLE ETICHETTE ADESIVE IN ROTOLO

In questo articolo rispondiamo alle domande più frequenti che ci vengono poste sulla stampa e la gestione di etichette adesive confezionate in rotolo.

COME SI MISURANO LE ETICHETTE ADESIVE?

Questo aspetto è una caratteristica fondamentale

Almeno 7 volte su 10 le dimensioni delle etichette vengono comunicate in modo errato.

Quando ci si trova le prime volte ad ordinare le etichette per la propria stampante, si potrebbe fare un po’ di confusione con le grandezze necessarie a confezionare un rotolo, che sia al contempo commisurato alle proprie esigenze e anche compatibile con le specifiche della stampante.

I parametri essenziali che devono essere sempre specificati sono:

Larghezza dell’etichetta

Osservando il verso di uscita del rotolo dalla stampante, la larghezza si misura sulla linea trasversale.

Altezza dell’etichetta

L’altezza si misura sulla perpendicolare alla larghezza.

Gap o black mark

E’ necessario specificare se ti occorre un’etichetta con gap o black mark

Il Gap è la distanza tra tue etichette consecutive, uno spazio generalmente di 3 mm utile ai sensori della stampante per eseguire la taratura delle etichette.

Se l’etichetta è trasparente si utilizza una riga nera sul retro della siliconata

Dimensioni del rotolo

L’alloggiamento del rotolo nella stampante deve soddisfare alcuni requisiti, forniti nella scheda tecnica della stampante, che sono:

  • DIAMETRO INTERNO ROTOLO (o anima)
  • DIAMETRO ESTERNO ROTOLO
rotoli di etichette

ETICHETTE IN CARTA, POLIESTERE, PVC O POLIPROPILENE: QUALE MATERIALE DEVI UTILIZZARE?

I materiali per etichette adesive sono innumerevoli e ricorda che tecnologie di stampa differenti utilizzano materiali diversi

Quindi un’etichetta in carta per stampanti a trasferimento termico è differente dall’equivalente etichetta in carta per stampanti a colori con tecnologia a getto d’inchiostro.

La scelta del materiale specifico deve essere eseguita in base al ciclo di vita dell’etichetta

Carta o plastica?

La carta è il materiale più comune utilizzato per stampare etichette, è l’etichetta con cui si ha più familiarità.

Il poliestere, il polipropilene, il pvc e il polietilene sono materiali sintetici con una gamma più ampia di proprietà e caratteristiche rispetto a quelle offerte dalla carta.

L’aspetto più evidente è la loro durata e la capacità di far fronte a un insieme di condizioni molto più variegato rispetto alle etichette in carta.

QUALE ADESIVO TI OCCORRE?

Chi acquista etichette adesive raramente si focalizza sulla tipologia di adesivo idoneo all’applicazione

Viene genericamente richiesto un adesivo permanente o rimovibile, ma nella reatà ci sono centinaia di adesivi specifici e la scelta richiede la conoscenza di fattori che influenzano il collante dell’etichetta:

  • la forma e il materiale della superficie su cui applicato
  • la pulizia della superficie
  • la temperatura e l’umidità

Approfondisci

ETICHETTE TERMICHE O A TRASFERIMENTO TERMICO? QUALE E’ LA DIFFERENZA?

Esistono due metodi di stampa termica, ognuno con i propri vantaggi:

  • trasferimento termico
  • termico diretto

Nella stampa termica diretta gli elementi della testina termica sono a diretto contatto con il materiale dell’etichetta.

La stampa termica diretta deve essere utilizzata con un’etichetta in materiale termico, cioè sensibile al calore della testina, il quale provoca un cambiamento di colore sul materiale per creare l’immagine stampata.

Al contrario, la stampa a trasferimento termico utilizza un nastro inchiostrato che scorre tra la testina di stampa e l’etichetta.

La scelta dell’opzione corretta dipende in primo luogo dalla resistenza che l’etichetta deve offrire nelle sue condizioni d’uso e per il suo intero ciclo di vita, in secondo luogo dalle necessità operative e logistiche della vostra attività.

QUALI SONO GLI STRUMENTI GIUSTI PER GESTIRE LE ETICHETTE IN ROTOLO?

Lo scopo degli strumenti per la gestione di etichette in rotolo è quello di rendere fluidi ed efficienti i processi aziendali, con un notevole risparmio di tempo.

C’è un’ampia varietà di dispositivi tra cui scegliere per distribuire, riavvolgere, applicare e contare le etichette adesive.

RIAVVOLGITORI DI ETICHETTE ADESIVE

I riavvolgitori di etichette sono degli strumenti motorizzati che riavvolgono le etichette stampate in rotoli ordinati e uniformi.

SVOLGITORI DI ETICHETTE ADESIVE

Gli svolgitori di etichette sono utili per alimentare la stampante di etichette con rotoli esterni di grandi dimensioni o comunque con dimensioni più grandi rispetto all’alloggiamento interno della stampante.

DISPENSATORI DI ETICHETTE

I dispensatori di etichetti sono strumenti economici ma efficaci nel presentare un’etichetta parzialmente spellicolata dalla siliconata.

APPLICATORI DI ETICHETTE

Gli applicatori manuali o semi-automatici sono dispositivi progettati per applicare le etichette sui contenitori sia cilindrici che conici, producendo un risultato professionale con un investimento contenuto.

CONTATORI DI ETICHETTE

Il contatore di etichette è un dispositivo che integra uno svolgitore e un riavvolgitore per etichette in bobina con un sistema di controllo tramite fotocellula che permette di contare il numero di etichette presenti in un rotolo.

ETICHETTE PRESTAMPATE O STAMPA IN AUTONOMIA: QUALE È LA SCELTA PIÙ CONVENIENTE?

Quando si ha la necessità di etichette con codice a barre, etichette prodotto, etichette matricola è più conveniente acquistare un servizio di stampa esterno che ci fornisca le etichette pronte per essere applicate o è più vantaggioso stamparle in autonomia?

STAMPA IN AUTONOMIA

Stampare le etichette internamente alla propria azienda significa acquistare una o più stampanti di etichette con tecnologia idonea a stampare l’etichetta di cui abbiamo bisogno.

Quali sono i fattori da valutare e che rendono conveniente una soluzione di stampa autonoma?

  • Se devi stampare dati variabili, come lotto, data di scadenza o specifiche del prodotto
  • Se non sai in anticipo le informazioni da stampare
  • Se il tuo processo di stampa richiede flessibilità e immediatezza
  • Se devi stampare in base alle esigenze di utilizzo e non hai dei volumi di stampa prevedibili e costanti
  • Quando hai bisogno di qualche etichetta aggiuntiva
  • Quando devi stampare poche etichette con layout differenti
  • Quando ti occorrono etichette di dimensioni diverse e non vuoi avere uno stock di magazzino che potrebbe rimanere inutilizzato
  • Se stampi volumi ridotti, a volte è più efficiente ed economico stampare le etichette in autonomia e solo nella quantità necessaria

Quando è più conveniente ordinare etichette pre-stampate?

Le etichette pre-stampate sono etichette stampate con tutte le informazioni e la grafica, pronte per essere applicate.

Quando non hai personale da dedicare alla gestione del processo di stampa e alla manutenzione delle stampanti

  • Se non vuoi investire in stampanti di etichette
  • Se stampi occasionalmente
  • Se hai problemi di spazio
  • Se non desideri complicazioni le etichette prestampate sono una soluzione facile: non hai bisogno di stampanti, software e personale idoneo da dedicare al processo di stampa

Non sai quale etichetta utilizzare?

Contattaci e parlane con noi

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/



5 PUNTI CHE DEVI CONSIDERARE PRIMA DI INIZIARE UN PROGETTO DI ETICHETTATURA

Quando devi iniziare ad etichettare i tuoi prodotti, ci sono molte cose da considerare che spesso vengono trascurate

La progettazione dell’etichetta è un passaggio cruciale che non solo fornisce ai clienti informazioni come istruzioni o ingredienti ma contribuisce in modo determinante all’appeal del tuo prodotto.

Le etichette sono il mezzo attraverso il quale il tuo prodotto e il marchio aziendale sono visivamente legati insieme dal consumatore e devono catturare immediatamente l’attenzione del tuo potenziale acquirente.

come iniziare a progettare la tua etichetta

Immagina il tuo prodotto allineato insieme a tanti altri su uno scaffale: come fai ad attrarre l’attenzione?

Un’etichetta ben progettata ma anche ben applicata è certamente un buon punto di partenza.

Prima di iniziare a progettare l’etichetta del tuo prodotto, ci sono almeno 5 domande da analizzare in anticipo.

 1-  Quale aspetto desideri che abbia la tua etichetta?

A meno che un consumatore non abbia già familiarità con il tuo marchio o prodotto, l’imballaggio e l’etichettatura rappresentano la prima interazione visiva con l’acquirente.

Devi ideare un’etichetta che dia una prima impressione distinguibile e unica, considerando i fattori più influenti:

  • Combinazione di colori
  • Font e dimensioni dei caratteri
  • Visibilità del logo
  • Disposizione degli elementi e armonia grafica
  • Materiale dell’etichetta

L’aspetto della tua etichetta sarà influenzato e determinato in gran parte da questi 5 fattori.

2 – Quale è l’ambiente in cui verrà utilizzata l’etichetta?

Il tipo di prodotto etichettato e soprattutto il suo utilizzo finale influirà notevolmente sul tuo progetto di etichettatura.

Dovresti considerare quale sarà il ciclo di vita della tua etichetta e se sarà sottoposta a fattori aggressivi come temperature estreme, umidità, manipolazione che ne possano compromettere l’integrità del materiale e la leggibilità dei dati.

Se questo è il tuo caso devi prendere in considerazione materiali specifici

Etichette resistenti all’acqua

Se devi etichettare uno shampoo o una bottiglia di vino che viene conservata in frigo e poi immersa in un cestello per il ghiaccio devi utilizzare materiali specifici e tecnologie di stampa che garantiscano una stampa resistente anche in ambienti umidi o esposti all’acqua.

Etichette con adesivi rimovibili

Se devi etichettare oggettistica o un prodotto dove l’etichetta deve essere rimossa non utilizzare adesivi permanenti.

Esistono differenti tipi di adesivi rimovibili che non lasciano residui di colla fastidiosi ed è un aspetto che devi valutare insieme al materiale che intendi utilizzare per la tua etichetta

Ambienti difficili

Se stai realizzando prodotti che verranno utilizzati in ambienti fisici ostili, come il settore industriale o un magazzino polveroso, sporco e/o umido, agricolo, oppure un’etichetta che deve resistere in ambienti esterni devi valutare materiali garantiti per utilizzo esterno e resistenti a sollecitazioni di natura ambientale e/o meccanica.

come progettare l'etichetta per il tuo cliente target

Se hai bisogno di un’etichetta che mantenga la leggibilità e l’integrità per tutto il suo ciclo di vita devi impiegare materiali certificati e metodologie di stampa che ti assicurino la durata della stampa per il tempo necessario

Considera che in certe condizioni operative particolarmente ostili, o dove le temperature sono estremamente elevate non sempre si riesce a  trovare una soluzione di etichettatura che riesca a soddisfare i tuoi requisiti e quindi per risolvere il problema dovrai optare per soluzioni di stampa diretta sul materiale stesso come ad esempio i marcatori a micro-percussione

3 – Su quale superficie verrà posizionata l’etichetta?

Questa è una considerazione di carattere pratico e molte persone a volte trascurano questo fattore.

Superfici curve, irregolari o plastiche a bassa densità richiedono supporti e adesivi che riescano a mantenere una perfetta adesione sulla superficie per l’intera durata del tuo prodotto.

Alcune tipologie di adesivi hanno un buon tack iniziale, cioè si applicano saldamente alla superfice ma poi con l’utilizzo e l ‘esposizione a umidità o escursioni di temperatura tendono  a  scollarsi dalla superficie,

 Questa è una condizione che rovina l’immagine e la credibilità del tuo prodotto.

Inoltre le superfici curvilinee o irregolari richiedono materiali flessibili che possano adattarsi perfettamente realizzando un ancoraggio saldo con la superficie

Quindi nella scelta dell’etichetta è importante considerare il tipo e la forma della superficie con cui dovrà interagire

4 – L’etichetta richiede dati variabili come codici a barre, numeri di serie, numeri di lotto o data di scadenza?

Se ti fai stampare le tue etichette esternamente ti sei chiesto come stamperai sull’etichetta i dati variabili.

Il codice a barre puoi farlo stampare insieme alla grafica, ma il numero di lotto o la data di scadenza che devi apporre al momento del confezionamento comporta l’impiego di dispositivi che possano sovrastampare le tue etichette.

Gli strumenti più comunemente utilizzati sono i marcatori, progettati con lo scopo di stampare un un’informazione variabile sull’etichetta o direttamente sul prodotto

Puoi approfondire l’argomenti ai seguenti articoli

5 – Come applicherai la tua etichetta?

Se devi iniziare un progetto di etichettatura, forse non hai l’esperienza necessaria per porti il problema dell’applicazione delle etichette.

Ovviamente se hai solo pochi pezzi e se la tua superficie non è cilindrica, con un po’ di pazienza puoi applicarle a mano in modo accurato

Ma se la tua superficie è cilindrica come una bottiglia o un vasetto o se devi applicare migliaia di etichette devi utilizzare un applicatore di etichette semi-automatico o completamente automatico.

Quando la superficie è cilindrica o conica, come quella di bottiglie, lattine e barattoli l’applicazione manuale genera una serie di imperfezioni che si palesano quando i prodotti sono posizionati uno accanto all’altro sullo scaffale di un punto vendita.

L’applicazione manuale delle etichette genera grinze, disallineamenti, bolle d’aria e pieghe che sono non solo sgradevoli esteticamente ma contribuiscono a creare l’immagine di un’ azienda non  professionale.

Quando si lavora con gli applicatori di etichette, le  etichette devono essere realizzate in bobina e devono rispettare dei requisiti tecnici specifici.

Se non ti occupi di questo aspetto prima di iniziare il tuo progetto di etichettatura potresti trovarti con un materiale che non puoi efficacemente sfruttare per la tua applicazione

Se vuoi iniziare ad etichettare i tuoi prodotti o se desideri acquistare l’etichetta giusta per le tue necessità contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/



STAMPANTI DI ETICHETTE A COLORI COME FUNZIONANO E QUALE SCEGLIERE

Quando devi acquistare una stampante di etichette a colori per la tua attività le molteplici opzioni di scelta offerte dal mercato possono crearti confusione e incertezza.

Sebbene sia allettante cercare il modello più economico, è importante tenere presente che molte stampanti per etichette a colori potrebbero non essere idonee a soddisfare i tuoi requisiti di stampa.

In questo articolo analizziamo le caratteristiche principali sulle quali devi soffermarti per acquistare il modello adatto alle tue esigenze.

COME FUNZIONANO

In questo articolo parliamo di stampanti a getto d’inchiostro che stampano etichette confezionate in bobina.

Perché scegliere una stampante di etichette in rotoli?

La gestione di un’etichetta confezionata in rotoli è molto più semplice e produttiva e soprattutto ti consente di usare strumenti di gestione post stampa come riavvolgitori e soprattutto applicatori di etichette, indispensabili per un risultato professionale.

Inoltre, il funzionamento di una stampante a colori per etichette in rotolo è immediato: inserisci un rotolo di etichette fustellato, cioè della misura che ti occorre e attraverso il software a corredo della stampante o qualsiasi altro programma che utilizzi per la creazione grafica delle tue etichette, puoi stampare etichette con la grafica che preferisci, di varie dimensioni e su differenti materiali.

Solitamente le stampanti di etichette a colori sono progettate per rendere il tuo processo di stampa autonomo flessibile.

La versatilità e quindi la possibilità di stampare su molti materiali in diverse misure è data dalla configurazione del driver della stampante, in cui imposti i parametri di stampa e che ti permette di controllare la gestione del colore, della manutenzione e della pulizia.

Un driver ben progettato ti consente di controllare completamente i valori di stampa per adattarsi alle tue specifiche esigenze e generare un’etichetta di qualità professionale.

Questo è un aspetto spesso sottovalutato nella scelta della stampante che può condurti verso l’acquisto di un dispositivo che potrebbe:

  • non essere in grado di stampare la dimensione dell’etichetta che ti occorre
  • avere una scelta limitata di materiali supportati
  • utilizzare un inchiostro non adatto a esigenze di resistenza e durata dell’etichetta
  • generare un’etichetta con colori poco fedeli rispetto al progetto grafico

Quindi attenzione quando acquisti una stampante di etichette perché potresti avere delle spiacevoli sorprese.

Quali sono le caratteristiche principali che devi valutare?

I punti salienti da analizzare per valutare un modello idoneo alla stampa delle tue etichette sono:

DIMENSIONE DELLE ETICHETTE

La dimensione delle etichette che dovrai stampare è fondamentale.

Ogni stampante ha una larghezza di stampa minima e massima che può stampare.

Quindi il primo fattore che devi verificare sono le dimensioni di tutte le tue etichette, dall’etichetta più piccola a quella più grande.

VOLUME DI STAMPA

Quante etichette devi stampare giornalmente?

Devi gestire un flusso di migliaia di etichette o solo poche centinaia?

Come sei organizzato per la stampa? Stampi 10.000 etichette tutte insieme oppure distribuisci i tuoi volumi di stampa nel tempo?

I modelli idonei alla stampa di 500 etichette al giorno sono ingegnerizzati con caratteristiche tecniche differenti   da quelli per 5.000/10.000 etichette.

MATERIALE DI STAMPA

Su quale materiale dovrai stampare?

Carta lucida o opaca, carta vergata o lavorata oppure ti occorre un’etichetta più resistente in polipropilene o in poliestere?

Assicurati che la stampante di etichette a colori possa gestire sia inchiostri a base colorante che inchiostri pigmentati, più resistenti alla luce e all’umidità.

Quindi a seconda di dove utilizzerai la tua etichetta è importante che ti assicuri che la stampante a colori possa gestire inchiostri e materiali adatti alla tua specifica applicazione.

GRAFICA DELL’ETICHETTA

La grafica dell’etichetta che stamperai è un elemento che spesso viene trascurato nella scelta del modello giusto

Un’etichetta a fondo pieno, completamente coperta dal colore richiede delle peculiarità tecniche differenti da un’etichetta con prevalenza di testo e un logo.

Inoltre, se devi stampare etichette ricche di grafiche complesse devi valutare stampanti con cartucce separate per ogni colore e ad alta capacità per contenere i costi stampa

come sceglier e la stampante di etichette a colori per la tua grafica

VELOCITA’ E QUALITA’ DI STAMPA

A seconda del volume e della grafica delle etichette che stamperai, le tue esigenze potrebbero non essere soddisfatte al meglio da una qualsiasi stampante di etichette a colori.

Se devi produrre regolarmente grandi quantità di etichette a colori, una stampante per etichette a colori ad alta velocità è un must.

Però devi prestare molta attenzione alla correlazione tra velocità di stampa e qualità di stampa.

La velocità e la qualità di stampa sono caratteristiche inversamente proporzionali, e quindi la qualità di stampa può variare sulla stessa stampante di etichette a colori a seconda della velocità di stampa selezionata.

Quindi quello che devi realmente verificare se la qualità di stampa viene preservata ad alte velocità.

Solo perché alcune stampanti di etichette a colori sono in grado di stampare ad alta velocità non significa che sarai soddisfatto dai risultati ottenuti.

PULIZIA E MANUTENZIONE

La pulizia e la manutenzione della stampante incidono sui costi di proprietà della stampante e sulla produttività del ciclo di stampa.

Ti consiglio di chiedere sempre il costo del kit di manutenzione della stampante, perché è un costo vivo che devi mettere a budget insieme a quello delle cartucce e ovviamente delle etichette.

Inoltre, una stampante che richiede dei fermi macchina lunghi per la routine di pulizia incide direttamente sulla produttività del processo di stampa.

CONCLUSIONI

L’acquisto di una stampante di etichette a colori richiede una definizione accurata delle tue specifiche esigenze di stampa. Non fermarti alla semplice descrizione e al costo, ma ti consiglio di valutare insieme a una figura di riferimento esperta del settore, il modello giusto che possa soddisfare le tue aspettative

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/



Ultimi articoli

ETICHETTE, CARTELLINI, NASTRI ADESIVI E NASTRI IN RASO: CONFEZIONI PERSONALIZZATE CON UNA SOLA STAMPANTE

A volte le imprese nascono da grandi capitali, altre volte basta una piccola grande idea.

È un mercato che nasce dall’artigianato e che ora si dirama su canali multimediali come TikTok, Instagram, Facebook o Pinterest, a cui i clienti accedono dal telefonino quando ne hanno voglia.

Gli ordini crescono e hai l’esigenza di escogitare un confezionamento professionale, accattivante e veloce?

Acquista una stampante di etichette a trasferimento termico e il gioco è fatto!

Stampanti a trasferimento termico

Con una stampante da 4 pollici puoi stampare etichette larghe oltre 10 cm e alte quanto vuoi, ma esistono anche modelli superiori.

La tecnologia a trasferimento termico è monocromatica, utilizza il calore della testina di stampa per fondere un nastro inchiostrato, detto ribbon, e trasferire il colore sul materiale da stampare.

I ribbon sono disponibili in varie composizioni chimiche, dalla cera alla più resistente resina, con un ampio assortimento di colori, anche metallizzati.

Puoi stampare su una vasta gamma di materiali sia in carta che sintetici e puoi personalizzare:

➡ etichette rettangolari o tonde, bianche o a fondo colorato

➡ etichette trasparenti

➡ cartellini a pendaglio

➡ nastri in raso per fiocchi da regalo

➡ nastri adesivi

Con una sola stampante potrai generare tutto quello che ti occorre per identificare, inventariare, confezionare e spedire il tuo articolo

La rilevante diffusione delle stampanti a trasferimento termico è dovuta a:

  • basso costo di proprietà
  • basso costo stampa
  • facilità di utilizzo
  • elevata velocità di stampa
  • qualità di stampa eccellente
  • scelta ampia e versatile dei materiali di stampa
  • libertà di stampare in funzione del fabbisogno
  • ampia scelta di modelli idonei per qualsiasi esigenza

Che si tratti di gastronomia artigianale, accessori moda, cosmetici o giocattoli, ecco alcune idee per le tue confezioni.

Software grafico facile da impostare

Le stampanti di etichette vengono corredate da un programma semplice e intuitivo per creare il layout di stampa.

Una volta impostate le dimensioni della pagina puoi inserire testi, creare figure, importare immagini e loghi, generare codici a barre con un semplice click sul menù di scelta rapida.

Sul nostro canale YouTube troverai tantissimi tutorial per renderti autonomo in tutto.

Le stampanti a trasferimento termico sono disponibili in diverse configurazioni.

Come scegliere il modello di stampante adatto alle tue esigenze?

Risoluzione di stampa

La caratteristica più importante è la risoluzione di stampa il cui valore minimo è 203 dpi, sufficiente per stampare grafiche semplici come testi. Se invece vuoi stampare una grafica sofisticata con testi ridotti, caratteri corsivi, linee sottili, linee curve, loghi, immagini ti occorre una risoluzione di 300 dpi.

La risoluzione deve essere valutata in base al layout grafico che si desidera ottenere. È inutile e costoso acquistare una stampante con risoluzione più elevata se si deve stampare un’etichetta semplice.

Stampante di etichette desktop o industriale?

Questa scelta dipende dal volume di stampa che ti occorre.

Quante etichette devi stampare: 100, 500, 1.000, 10.000?

Possiamo classificare le stampanti in 2 macrocategorie: stampanti desktop e stampanti industriali.

Le stampanti desktop sono caratterizzate da un design compatto adatto a postazioni di lavoro con poco spazio a disposizione ed esigenze di stampa contenute, fino a circa 500 etichette al giorno.

Zebra-ZD420T-stampante-a-trasferimento-termico per etichette adesive e nastri in raso

Se però devi gestire quotidianamente un volume di stampa maggiore, devi selezionare un modello industriale o semi-industriale, più robusto e con un alloggiamento capiente per i rotoli di etichette.

Zebra-ZT230-stampante-a-trasferimento-termico

Conclusioni

Arricchire il tuo Small Business con un confezionamento personalizzato, accattivante, veloce e autoprodotto è un investimento fertile e coerente con la filosofia dell’HOME MADE

Contattaci per trovare insieme a noi la soluzione adatta alle tue esigenze

AC Sistemi ▶ Soluzioni complete di etichettatura ▶ Vendita Installazione e Assistenza STAMPANTI DI ETICHETTE ▶ Fornitura di ricambi materiali e inchiostri ▶ Studio grafico personalizzato

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Articoli che potrebbero interessarti

COME CREARE E STAMPARE ETICHETTE CON ZEBRADESIGNER

NASTRI IN RASO PERSONALIZZATI: COME STAMPARLI CON LA TUA GRAFICA AD UN PICCOLO COSTO

ETICHETTE PER SPEDIZIONE:QUALE STAMPANTE SCEGLIERE?

GESTIRE L’INVENTARIO E IL MAGAZZINO CON IL CODICE A BARRE: QUELLO CHE TI OCCORRE PER INIZIARE

7 VANTAGGI PER CUI CONVIENE STAMPARE ETICHETTE CON UNA STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO

Oggi molte aziende utilizzano la stampa a trasferimento termico per produrre etichette adesive o cartellini. È un caso? No!

I settori di utilizzo sono infiniti: sanità, logistica, biglietterie, spedizioni, distributori, retail, magazzini, produzioni, settore automobilistico e aereo.

stampanti a trasferimento termico

Le caratteristiche principali che contraddistinguono le stampanti a trasferimento e che le rendono così vantaggiose sono:

  1. elevata velocità di stampa
  2. eccellente qualità di stampa di testi, grafica e codici a barre
  3. la più ampia scelta di materiali di stampa rispetto a tutte le altre tecnologie
  4. resistenza delle stampe a fattori aggressivi (ambientali, chimici, meccanici)
  5. bassi costi di proprietà, di esercizio e di manutenzione
  6. comodità di stampare in funzione del fabbisogno
  7. disponibilità di modelli idonei a qualsiasi esigenza operativa (desktop, semi-industriali, industriali)

Analizziamo questi 7 vantaggi

1 – VELOCITÀ DI STAMPA

La velocità di stampa è nettamente superiore rispetto alle altre tecnologie.

Una stampante di etichette desktop può arrivare fino a 203 mm/sec. Questo significa che 10 etichette da 10 cm vengono stampate in 5 secondi.

Una stampante di etichette di fascia industriale può stampare fino a 300 mm/sec, cioè 10 etichette da 10 cm vengono stampate in poco più di 3 secondi.

etichette con codice a barre per protocollo informatico

2 – QUALITÀ DI STAMPA

La stampa a trasferimento termico, a differenza di altre tecnologie, produce codici perfettamente scansionabili dai lettori barcode, riproducendo in modo preciso e nitido la larghezza delle barre. 

Questa precisione è utile anche per stampare testi di dimensioni ridotte, garantendo una leggibilità senza pecche.

3 – AMPIA SCELTA DI MATERIALI

La metodologia a trasferimento termico supporta una scelta ampia e differenziata dei materiali di stampa: carta, materiali sintetici, materiali composti, film, braccialetti ospedalieri, etichette con adesivi permanenti, removibili, riposizionabili, cartellini, tag, materiali tessili.

La stessa stampante, quindi, può essere utilizzata per stampare le etichette in carta per le spedizioni, le etichette per i prodotti e gli scaffali, l’inventario dei cespiti aziendali, nastri in raso personalizzati.

etichette adesive per stampanti a trasferimento termico

Le stampanti a trasferimento termico utilizzano il calore della testina per sciogliere un nastro inchiostrato, detto ribbon, che trasferisce l’inchiostro sul supporto.

Esistono diverse composizioni per l’inchiostro, le tipologie principali sono cera, cera resina o resina da selezionare in funzione del materiale su cui si deve stampare e della tenuta di stampa che si vuole ottenere.

L’unico vincolo della tecnologia a trasferimento termico è la stampa monocromatica, ma con i ribbon colorati si possono ugualmente produrre etichette vivaci, differenziate e di grande impatto comunicativo.

ribbon colorati per il trasferimento termico
etichette in polipropilene stampate a trasferimento termico con nastri colorati

4 – STAMPE RESISTENTI PER APPLICAZIONI PARTICOLARI

Le etichette stampate con tecnologie tradizionali possono scurire, sbiadire, deteriorarsi.

I materiali stampati a trasferimento termico, se opportunamente selezionati, offrono un’ottima stabilità all’aggressione di luce, calore, acqua, freddo, abrasione, solventi chimici o oleosi.

Le etichette stampate a trasferimento termico, in special modo quelle in materiali sintetici in combinazione con ribbon resina, offrono una durata ed una resistenza eccezionali.

ETICHETTE CRIOGENICHE

Per applicazioni particolari, come il settore farmaceutico o l’industria del metallo, esistono materiali con una scheda tecnica specifica per temperature estremamente basse (fino a -196° per applicazioni in azoto liquido) o temperature molto elevate.

5 – COSTI COMPETITIVI

Partendo dal costo di acquisto di una stampante a trasferimento termico e valutando i costi unitari di stampa, si può affermare con certezza che sia l’investimento più conveniente.

Inoltre, le stampanti a trasferimento termico sono molto affidabili, durano a lungo e quelle di ultima generazione hanno le parti soggette ad usura sostituibili facilmente dall’utente in sede, evitando improduttivi fermi macchina.

6 – STAMPA ON-DEMAND

Un valore aggiunto della stampa in autonomia delle etichette è la facoltà di stampare solo la quantità necessaria, evitando l’immagazzinamento di materiale prestampato che spesso va sprecato oppure si deteriora.

IL TRASFERIMENTO TERMICO E’ LA TECNOLOGIA DI STAMPA PIU’ UTILIZZATA PER LA STAMPA DI DATI VARIABILI

7 – TROVI SEMPRE IL MODELLO ADATTO ALLE TUE ESIGENZE

Troverai il modello più adatto alle tue necessità in base ad alcuni parametri tipici della tua applicazione, come:

  • volume di stampa (n° di etichette da produrre l’anno)
  • dimensioni massima e minima delle etichette
  • ambiente di stampa (negozio, ufficio, magazzino o produzione?)
  • risoluzione di stampa adatta alla tua applicazione
  • connettività standard Usb e Ethernet, oppure connettività opzionale wi-fi e Bluetooth per esigenze operative particolari

Ecco le proposte sul nostro sito, da noi considerate le più affidabili:

Zebra-ZD420T-stampante-a-trasferimento-termico. STAMPANTI DESKTOP

STAMPANTI INDUSTRIALI Zebra ZT400 stampante industriale di etichette

Sai individuare le tue necessità focalizzandoti sugli obiettivi fondamentali per stampare con efficienza le tue etichette?

Contattaci per avere la proposta migliore per le tue esigenze

AC Sistemi ▶ Soluzioni complete di etichettatura ▶ Vendita Installazione e Assistenza STAMPANTI DI ETICHETTE ▶ Fornitura di ricambi materiali e inchiostri ▶ Studio grafico personalizzato

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Articoli correlati

LA STAMPANTE ZEBRA ZD220 SOSTITUISCE IL MODELLO GC420: CARATTERISTICHE E OPZIONI DI CONFIGURAZIONE

TI OCCORRE UNA STAMPANTE DI ETICHETTE INDUSTRIALE SE…

Video

ETICHETTE IN PIÙ PISTE: COME IMPOSTARE ZEBRADESIGNER 3

Alcune volte il rotolo di etichette può essere confezionato su richiesta in modo che le etichette si presentano in più file anziché una alla volta.

Si chiamano etichette in doppia pista, tripla pista e così via.

In fase di creazione del layout con ZebraDesigner 3 bisogna comunque progettare una sola etichetta.

Il software di stampa provvederà a replicare la stampa su più piste, ma occorre preimpostare i giusti parametri per evitare disallineamenti tra le stampe e la sequenza reale delle etichette.

I parametri da settare in ZebraDesigner 3 sono molteplici e coprono ogni esigenza di confezionamento dei rotoli di etichette.

Come impostare ZebraDesigner 3 per etichette in pista multipla

Apri il programma e crea una nuova etichetta.

Vai avanti nelle scelte fino alla finestra IMPOSTAZIONE GUIDATA NUOVA ETICHETTA.

Riportiamo qui un esempio per etichette di dimensioni 30×20 mm in doppia pista . Le misure corrette vanno effettuate con un righello e sono:

IMPOSTAZIONI-ZEBRADESIGNER-PER-ETICHETTE-IN-DOPPIA-PISTA

  • DIMENSIONI DELL’ETICHETTA: larghezza X altezza = 30X20 mm
  • MARGINE SINISTRO E MARGINE DESTRO: è la siliconata esposta al bordo, lateralmente alle etichette = 5 mm
  • MARGINE IN ALTO/BASSO, OSSIA IL GAP: distanza verticale tra le etichette: 3 mm
  • N° DI ETICHETTE TRASVERSALI: 2
  • DISTANZA ORIZZONTALE TRA LE PISTE: si misura tra le etichette = 4 mm
  • È possibile scegliere anche l’ordine di elaborazione delle stampe
IMPOSTAZIONI-ZEBRADESIGNER-PER-ETICHETTE-IN-doppia-PISTA

Inserisci i valori nelle caselle opportune e vai avanti.

Puoi notare che oltre alle dimensioni dell’etichetta, viene indicata la dimensione della carta risultante dal conteggio delle etichette e dei vari margini inseriti.

IMPOSTAZIONI-ZEBRADESIGNER-PER-ETICHETTE-IN-DOPPIA-PISTA

Clicca su fine e inizia a progettare il tuo prototipo di etichetta.

Come vedi il software ti mostra una sola tavola per l’editing del tuo layout, più la sagoma dell’etichetta presente sulla stessa fila.

creazione di etichette in doppia pista con il software ZebraDesigner

Puoi creare il tuo prototipo utilizzando tutti gli strumenti tipici di ZebraDesigner (testi, forme, immagini, codici a barre), inclusi quelli che si riferiscono a dati variabili.

Nel nostro esempio abbiamo inserito un codice a barre con un contatore.

Se andiamo nella finestra di stampa possiamo visualizzare le anteprime con la sequenza numerica attesa.

anteprima di stampa di etichette in doppia pista con contatore

La procedura da seguire per rotoli diversamente confezionati è la stessa, anche in presenza di margini non simmetrici.

Se ti occorrono dei rotoli di etichette con un confezionamento personalizzato, contattaci.

Elisabetta Urbisaglia

Tel. 06.51848187

info@acsistemisrl.com

Articoli che potrebbero interessarti:

ETICHETTE IN CARTA O PLASTICA? COME FARE LA SCELTA GIUSTA

STAMPANTI DI ETICHETTE ZEBRA ZD421 E ZD621: NUOVI MODELLI COMPATTI E AFFIDABILI

COME SCEGLIERE LE ETICHETTE GIUSTE PER LA TUA STAMPANTE TERMICA: INFOGRAFICA

Devi acquistare le etichette giuste per una stampante termica?

📍📍📍 Rispondi a queste 5 domande fondamentali

Se vuoi farti consigliare da noi CONTATTACI

Elisabetta Urbisaglia

info@acsistemisrl.com

06.51848187

www.acsistemisrl.com


ETICHETTA PER MIELE: CLASSICA O MODERNA? PER OGNUNA LA STAMPANTE GIUSTA

Il miele è un prodotto che richiede pochi passaggi e lavorazioni, anzi meno ne ha meglio è.

Eppure, non è poi così scontato che un ottimo miele goda di meritata popolarità.

Un produttore che voglia emergere dal mercatino rionale e condurre il suo miele su uno scaffale di rilievo, deve competere con i concorrenti del settore.

L’unica strategia vincente è studiare una confezione che attiri l’attenzione del cliente.

grafica etichette per miele

Parlando dell’imballaggio primario, quello che contiene direttamente il prodotto, bisogna trovare la giusta sinergia tra contenitore di vetro e formato dell’etichetta applicata, affinché sia garantita una perfetta adesione tra i due elementi, evitando sgradevoli grinze che inficerebbero l’estetica del prodotto esposto.

Quale barattolo scegliere?

Si può optare per un imballaggio con una silhouette ad anfora accattivante, che non offre spazio alle etichette di grandi dimensioni, e prevedere dei bollini e sigilli minimali, che aderiscono con più facilità ad una superficie irregolare.

In questo caso sarebbe opportuno sfruttare l’area offerta dal coperchio del barattolo per poter inserire qualche informazione in più, magari con un’etichetta circolare che includa anche un sigillo.

Oppure si possono prendere in considerazione dei contenitori cilindrici o prismatici, che accolgono con disinvoltura etichette di grandi dimensioni.

In questo caso la grafica dell’etichetta assume un ruolo fondamentale di comunicazione visiva con i clienti, perché si ha a disposizione più spazio per inserire sia immagini che informazioni.

Visita la sezione TEMPLATE ETICHETTE del nostro sito:

http://www.acsistemisrl.com/template-etichette.html

Potresti trovare un’etichetta con una grafica interessante, la personalizzeremo con le tue informazioni.

Quale materiale di stampa scegliere?

Il miele è un prodotto che non viene esposto a condizioni d’uso che implicano presenza di umidità, fonti di calore, sostanze chimiche e olii, per cui si ha la piena libertà di scegliere qualsiasi materiale di stampa, senza temere alcuna azione aggressiva che deteriori l’etichetta.

Dalla classica carta, semplice o vergata, ai materiali sintetici più moderni, foggiati a lucido o trasparenti.

Guarda il video:

Il materiale scelto sarà la tavola da disegno su cui poserà l’opera grafica della tua etichetta e parteciperà come sfondo alla riuscita del progetto.

La scelta del materiale innesca tutta la successiva scelta stilistica, il carattere con cui vorrai presentare il tuo miele ai clienti.

Quale stampante scegliere?

Esistono molte tecnologie di stampa, ma se stai prendendo in considerazione la possibilità di essere autonomo in questa operazione e svincolarti dai minimi ordinabili presso una tipografia, sostanzialmente sei di fronte ad un semplice bivio:

  • Stampante  di etichette a colori a getto di inchiostro
  • Stampante di etichette monocromatica a trasferimento termico

Poiché il risultato di stampa ottenibile è completamente differente tra le due tecnologie, la scelta dipende dalla grafica che vorrai realizzare:

  • a colori, per un design dal classico al moderno
  • a trasferimento termico, per un design moderno o minimalista

Se non ti è noto il processo di stampa a trasferimento termico, puoi conoscerlo guardando questo video:

Entrambe le tecnologie realizzano stampe su tantissimi materiali (opachi, lucidi, trasparenti, riflettenti) e vanno scelte in base alle proprie specifiche esigenze di stampa, i cui parametri fondamentali sono:

  • Volume di stampa (numero di etichette da produrre annuo)
  • Larghezza e lunghezza di stampa (dimensione dell’etichetta)
  • Risoluzione (nitidezza dei caratteri piccoli e delle immagini elaborate)
  • Interfaccia di connessione (necessità operative aziendali)
  • Ambiente operativo (stampante desktop o industriale)
  • Accessori post stampa (taglierina, spellicolatore, riavvolgitore, applicatore di etichette …)

Saper coordinare i vari parametri per assolvere le proprie necessità, non è un compito facile, meglio consultare il parere tecnico di un esperto che sappia valutare la soluzione ideale.

Approfondisci:

Contattaci per un progetto grafico dedicato al tuo miele, oppure visita la sezione TEMPLATE ETICHETTE del nostro sito:

http://www.acsistemisrl.com/template-etichette.html

Abbiamo una proposta di layout pronti per te da poterti personalizzare.

Quale stile si addice ai clienti che vorresti raggiungere?

L’obiettivo del tuo progetto è attirare l’attenzione del pubblico.

L’etichetta è la promotrice per eccellenza della tua azienda e deve essere in sintonia con la sensibilità dei clienti a cui stai puntando.

Scegli il linguaggio giusto per loro.

Classico e romantico: stampa a colori su carta opaca.

GRAFICA ETICHETTA A COLORI PER MIELE

Piuttosto moderno con simboli classici: stampa a colori su carta lucida.

GRAFICA ETICHETTA A COLORI PER MIELE

Minimalista con la delicatezza dei colori pastello: stampa a colori su pregiata carta vergata per dare tono ad una grafica sobria, magari con qualche particolare laminato oro.

GRAFICA ETICHETTA A COLORI PER MIELE

Una fantasia delicata ma moderna: stampa a trasferimento termico con nastro di stampa nero su etichetta in polipropilene trasparente.

ETICHETTA A TRASFERIMENTO TERMICO PER MIELE

Una grafica più appariscente: stampa a trasferimento termico con nastro di stampa metallizzato oro su un’etichetta in polipropilene color antracite.

ETICHETTA PER MIELE stampata A TRASFERIMENTO TERMICO con ribbon oro

A trasferimento termico si ottiene una stampa monocromatica, ma si può scegliere tra tantissimi colori dei nastri di stampa, anche bellissimi metallizzati.

Conclusioni

La libertà di essere autonomi nella stampa delle etichette è un grande privilegio, perseguibile con professionalità rispettando i parametri tecnici della propria produzione ed il gusto estetico dei clienti che si desidera sedurre.

Contattaci per una soluzione di stampa, possiamo fornirti un progetto grafico, le etichette e la stampante … Tu dovrai pensare solo ai barattoli!


📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Come progettare l’etichetta del prodotto perfetta: 6 passaggi per principianti

Perché alcuni prodotti attirano immediatamente l’attenzione dei consumatori mentre altri invecchiano sugli scaffali?

I grandi marchi cavalcano stabili l’onda della loro storica affermazione sul mercato, mentre la nicchia di un produttore di poca fama va conquistata giorno per giorno.

È qui che serve una strategia di marketing costruttiva.

Rispetto al tempo per effettuare un acquisto esistono due tipologie di consumatore:

  • il frettoloso e disattento, che riempie il suo carrello catturato dai prodotti più appariscenti
  • lo scrupoloso osservatore che dedica attenzione ad ogni particolare prima di scegliere

Entrambi scelgono grazie alla seduzione dell’etichetta sul tuo prodotto.

Potresti pensare di aver bisogno di un grafico per creare etichette di prodotti di qualità professionale, ma non è sempre così.

Per creare etichette e imballaggi che ispirino i clienti all’acquisto, segui questi sei semplici passaggi.

  • Studia il target dei tuoi clienti
  • Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio
  • Scegli il materiale per l’etichetta
  • Imposta correttamente la grafica
  • Progetta l’etichetta del tuo prodotto
  • Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

Analizziamoli ad uno ad uno.

1° Passaggio – Studia il target dei tuoi clienti

etichetta perfetta come crearla

Non esiste scelta valida se non si individua prima il beneficiario.

Chi sono i tuoi clienti? Quale è la loro età, etnia, posizione, occupazione, sesso, stile di vita, livello di istruzione?

Pensa alle loro motivazioni di acquisto…

Perché dovrebbero acquistare il tuo prodotto rispetto a uno concorrente?

Quali sono le loro aspettative?

Cosa stanno proponendo marchi simili sul mercato?

Questa serie di domande ti orienterà già su un certo livello di scelta.

Una confezione accattivante ha un costo, e ne deve valere la pena, deve essere apprezzata dal cliente e contemporaneamente posizionare il tuo prodotto sulla giusta fascia competitiva.

2° Passaggio – Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio

scegliere la dimensione per le tue etichette

Contenitore ed etichetta sono due unità simbiotiche e non si può scegliere la seconda senza aver stabilito il primo.

Prima di decidere chiediti:

  • Esiste uno standard industriale?
  • Cos’è visivamente più importante, la confezione o il prodotto?
  • Quanto spazio vuoi o devi dedicare sul prodotto per riportare tutte le informazioni necessarie?

Un’etichetta avvolgente che copra il 95% del contenitore offrirà tanto spazio per immagini e testi, mentre un’etichetta piccola e minimalista consentirà una comunicazione sintetica.

Contenitori di forma particolare sono molto difficili da etichettare: una grande etichetta rettangolare non si accoppia con una superficie irregolare, quindi se la normativa ti impone di riportare parecchie informazioni, devi rinunciare ad un imballaggio stravagante e mantenerti su forme tradizionali.

3° Passaggio – Scegli il materiale per l’etichetta

Se il tuo prodotto non sarà esposto all’umidità o altre aggressioni di solventi e detergenti, hai la piena libertà di compiere qualsiasi scelta, seguendo un criterio puramente estetico per valorizzare lo spirito del tuo prodotto.

Romantico ed elegante? Carta liscia o vergata.

Rustico e artigianale? Carta Kraft con il suo caldo marrone.

Moderno e glamour? Poliestere o polipropilene lucido, perlato, argentato.

Minimalista e alternativo? Polipropilene trasparente

I materiali sintetici sono impermeabili e resistenti all’attività chimica dei solventi. Sono ideali per creare un’etichetta accattivante che non manifesti segni di invecchiamento, la soluzione ottimale per prodotti da bagno.

Un’etichetta trasparente ispira sincerità ed essenzialità, completa il contenitore senza coprirlo, valorizza la sua forma e il suo contenuto, consente il protagonismo del prodotto.

Se ti occorre una fornitura di etichette con materiali e dimensioni personalizzate, contattaci

Prendi in considerazione anche la modalità operativa per applicare le tue etichette.

Se hai una produzione limitata, potresti avere la pazienza di attaccarle a mano.

Se invece parliamo di migliaia, replicare la precisione tante volte è difficile, meglio provvedere con un applicatore di etichette.

Una integrazione adesiva non riuscita è l’imprevisto più deleterio da scongiurare, screditerebbe la professionalità del tuo marchio.

4° Passaggio – Imposta correttamente la grafica

Non sei un grafico? Non è fondamentale se hai un innato buongusto.

Un programma grafico ha tantissime funzioni per ottenere effetti strabilianti, ma anche strumenti di facile utilizzo: puoi importare immagini, creare forme e inserire testi…tutto quello che serve per creare un’etichetta.

Per assicurarti che il tuo design venga stampato nel miglior modo possibile, segui questi suggerimenti per la grafica:

Mappare le zone di sicurezza e un margine extra

Zona di sicurezza: Per assicurarti che nulla di importante venga tagliato durante la fustellatura dell’etichetta, ti consigliamo di tenere tutto a 3 mm all’interno del contorno di taglio.

Margine extra: prevedi un’area stampata fuori dal taglio aggiungendo 3 mm di disegno all’esterno, per evitare zone bianche sul contorno.

Considera eventuali zone di sovrapposizione

Le etichette avvolgenti sono incredibilmente popolari su barattoli, bottiglie e contenitori cilindrici.

L’avvolgimento totale garantisce un’adesione perfetta dell’etichetta alla confezione, grazie alla sovrapposizione dei lembi.

Misura quanta sovrapposizione avrai e aggiungila all’area dell’etichetta, contrassegnala per ricordarti di tenere i disegni e il testo importanti fuori dalla sezione.

5° Passaggio – Progetta l’etichetta del tuo prodotto

Se la tua linea segue la tendenza minimalista, avrai un’etichetta con pochi essenziali elementi, tutti scelti con estrema cura e soprattutto rappresentati su materiali di qualità selezionatissima, o rischierai di incorrere in un risultato sciatto, povero.

Se la tua linea segue il trend massimalista, al contrario rischi un sovraffollamento grafico ed un risultato confuso, privo dei giusti accenti sui particolari più importanti.

La tua etichetta presenterà il tuo prodotto ai tuoi clienti con un linguaggio visivo diretto e una comunicazione testuale esplicita.

Aggiungi immagini

Aiutano i consumatori a creare rapidamente associazioni tra il tuo prodotto e i loro desideri. Pensa di includere un’immagine del tuo prodotto in primo piano per rappresentarne il sapore o la consistenza.

Usa la grafica

Motivi, sfondi, pennellate: se posizionati sapientemente, possono differenziare il tuo prodotto sullo scaffale e rendere ancora più personalizzato il tuo brand.

Se il tuo prodotto è un articolo di lusso usa motivi morbidi o sottili. Se è rivolto a un pubblico giovane, ha più senso optare per un design più giocoso e colorato.

Considera i colori

Assicurati di incorporare i colori del tuo marchio nell’etichetta del prodotto. Puoi essere tentato di scatenarti con colori e caratteri divertenti, ma non allontanarti troppo. L’armonia cromatica renderà il tuo marchio equilibrato e facile da riconoscere.

Testi onesti e chiari

Devono essere il più specifici possibile per mostrare chiaramente una differenza rispetto ai tuoi concorrenti, ma tutto ciò che scrivi deve essere vero. Non fare affermazioni di cui non hai la scienza, approfittando della buona fede del consumatore.

Assicurati che la dimensione del carattere sia leggibile e che sia in giusto contrasto di colore con lo sfondo: tutti i testi incomprensibili saranno ignorati dai clienti pigri o con deficit visivo.

Allo stesso tempo, usa varie strategie per evidenziare la gerarchia delle informazioni.

Potresti farlo con l’aggiunta di un colore accattivante, di un font originale, di un posizionamento asimmetrico, di una grafica che aiuti a richiamare l’attenzione sul tuo messaggio.

Attenzione però, la mescolanza di troppi caratteri può confondere il messaggio e rendere difficile la lettura.

6° Passaggio – Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

C’è differenza tra quello che hai progettato sullo schermo e il risultato di stampa.

Te ne renderai conto solamente dopo aver stampato il tuo prototipo di etichetta e averlo attaccato sul tuo contenitore.

Quando lo osserverai per la prima volta, ripercorri tutti i passaggi e poniti queste domande:

Stai trasmettendo la tua prima impressione desiderata?

Esiste un sano equilibrio tra design e informazioni?

La dimensione del testo e il carattere sono leggibili?

I colori appaiono come li volevi?

etichetta per prodotti cosmetici

Non esagerare, snellisci tutto ciò che hai scritto, progettato e pianificato.

Apporta le modifiche a tutto quello che non corrisponde al tuo ideale.

Sii chiaro e di facile comprensione in modo che i consumatori leggano effettivamente cosa c’è sulla tua etichetta.

Creare etichette per i tuoi prodotti è un lavoro impegnativo, ma puoi farlo se ti appassiona!

Usando i suggerimenti sopra, creerai splendide etichette che aiuteranno i tuoi prodotti artigianali a volare via dallo scaffale.

Se vuoi renderti autonomo nella stampa delle etichette dei tuoi prodotti, chiamaci. Possiamo proporti la stampante giusta per le tue esigenze.

📞 06.51848187

📧 info@acsistemisrl.com

🌍 www.acsistemisrl.com

🛒 https://acsistemionline.com/

Come creare le migliori etichette utilizzando il potere del colore

Le emozioni sono potenti e che ci piaccia o no guidano il nostro processo decisionale.

Ogni brand vorrebbe coltivare una forte connessione emotiva con i suoi clienti.

Il problema è che non si può raccontare l’identità di un’azienda in un’etichetta.

I colori forniscono una scorciatoia di collegamento diretto al cuore del cliente.

La teoria del colore è intrinsecamente legata alla storia dell’umanità: c’è un’associazione emozionale universale che suscita in qualsiasi individuo le stesse vibrazioni, e un’associazione culturale soggettiva che innesca reazioni diversificate per estrazione sociale, età, provenienza geopolitica.

L’associazione del colore rosa al sesso femminile è universale, l’associazione del colore verde ai soldi è prettamente americana.

quale colore scegliere per la propria etichetta

L’autorevolezza ha avuto un susseguirsi di colori rappresentativi nella storia: il rosso dell’Impero Romano e dei cardinali, poi il blu in epoca rinascimentale.

Sono associazioni transitorie e non scientificamente univoche.

Esistono centinaia di infografiche, nate dalla collaborazione tra designer e psicologi, che guidano alla scelta del colore incasellando le opzioni in una tabellina che è una sorta di AZIONE-REAZIONE.

Siamo sicuri che sia tutto così prevedibile? Psicologicamente determinabile?

scegli il colore giusto per le tue etichette adesive

Non si rischia inoltre di creare un appiattimento estetico tra prodotti con lo stesso target?

Questa è la vera sciagura da evitare: risultare invisibili, indistinguibili, omologati.

Per creare un’etichetta che entri nella memoria del cliente bisogna inventare e non copiare.

Inventare con gusto, originalità, armonia.

Riuscire a trovare il semplicemente unico che rende il tuo prodotto dissimile da tutti gli altri, equilibrando il senso d’appartenenza ad un settore con lo spirito innovativo.

ruota dei colori combinazioni cromatiche

Quando si scelgono i colori di un’etichetta, la ruota cromatica è uno degli strumenti più utili, se si possiede una certa sensibilità estetica.

Armonizzare i colori significa essere in grado di capire come certe tonalità lavorano e si integrano insieme e come altre tonalità si contrastano e vibrano in un gioco di rimandi l’una con l’altra.

Vediamo le posizioni relative dei colori sulla ruota.

Combinazione monocromatica – un singolo colore in differenti tinte e sfumature, scelto su un solo spicchio della ruota.

Quando hai un tratto di personalità su cui vuoi focalizzarti, uno schema monocromatico enfatizzerà il significato.

È una scelta eccezionale per una linea dal design minimalista, purché si riescano a differenziare le tonalità per creare una gerarchia visibile.

Considera l’idea di utilizzare la combinazione monocromatica esclusivamente in background in modo che il testo sia differenziato dal design e leggibile.

etichette adesive a  colori

Combinazione analoga – i colori uno accanto all’altro sulla ruota hanno relazioni armoniose.

Schemi analoghi creano immagini gradevoli che fluiscono insieme, in una soluzione di continuità e scalarità.

Attenzione a non incorrere, con questo tipo di scelta, in errori di monotonia e ripetitività.

Anche la combinazione analoga si adatta di più come sfondo che come soggetto.

Combinazione complementare – sono i colori diametralmente opposti sulla ruota dei colori.

Poiché sono opposti, quando accoppiati tirano fuori il meglio l’uno dall’altro.

I colori complementari sono l’ideale per effetti visivi dinamici e stimolanti, specialmente se utilizzati con le tinte al massimo della saturazione.

Tieni presente che, sebbene sia vantaggioso per elementi grafici o contenuti specifici, può essere opprimente spalmarli in grandi dosi.

I colori complementari sono davvero pessimi come combinazione testo-sfondo in quanto vanno in conflitto fra loro avendo una “forza relativa” simile, e non forniscono il contrasto necessario a garantire una lettura nitida.

Combinazione Triadica – tre colori equidistanti tra di loro nel cerchio cromatico.

Gli schemi triadici sono stabili come gli analoghi, ma offrono una varietà più stimolante come gli schemi complementari.

La parte più difficile è far coincidere i tre colori con i tratti del tuo brand.

Se desideri richiamare il colore del tuo logo, inizia esattamente da quello e cerca una combinazione con altri colori della ruota seguendo uno dei quattro metodi suggeriti.

Colore non colore

Il colore della tua etichetta non è solo quello del getto di inchiostro erogato dalla stampante.

Ci sono altri modi per ravvivare il visual dei tuoi prodotti.

  • Scegli un colore della carta particolare

Con le stampanti a getto di inchiostro si possono utilizzare un’infinità di materiali di stampa, diversificati per consistenza e colore.

Puoi scegliere materiali in carta o sintetici con un substrato colorato come preferisci, dalle tenui tinte pastello alle più abbaglianti tinte fluorescenti, oppure substrati metallizzati in oro e argento.

Per i prodotti artigianali o naturali c’è il marrone della carta kraft, che si integra perfettamente con la tinta del packaging in cartone, realizzando subito un accoppiamento armonico.

  • Rendi visibile il colore del prodotto

L’approccio minimalista è una tendenza moderna e un modo semplice per mostrare ai clienti che il prodotto è ciò che conta davvero.

Usa le etichette trasparenti lasciando parlare la bellezza del tuo prodotto. Etichette trasparenti fanno miracoli in combinazione con prodotti di bellezza e alimentari.

CONCLUSIONI

Alcuni dei migliori successi derivano dall’essere sempre un passo avanti.

Se vedi una tendenza all’orizzonte o vuoi essere un pioniere, batti i tuoi concorrenti sul tempo.

C’è un’intera teoria dietro il design dell’etichetta e stiamo solo grattando la superficie.

Ci auguriamo di averti fornito informazioni su come progettare un’etichetta d’effetto come quella di un professionista e se vuoi progettare e stampare la tua 
etichetta insieme a noi CONTATTACI

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Approfondisci