Archivi categoria: Senza categoria

DATALOGIC MEMOR 10 COME ESEGUIRE IL RESET DEL TERMINALE

Nel Datalogic Memor 10 ci sono diverse procedure di reset per riportare il terminale alle impostazioni di fabbrica.

È possibile ripristinare ai valori di default le impostazioni di connessione alla rete wifi, mobile e Bluetooth, le preferenze delle applicazioni, le licenze DRM.

In  questo articolo vediamo come eseguire il reset delle varie impostazioni del terminale.

RESET DELLE LICENZE DRM

La rimozione delle licenze DRM può essere eseguita attraverso il seguente percorso

Settings > System > Advanced > Reset options > DRM reset

Nel menù di reset  premere DRM reset e poi confermare premendo OK

RESET DELLE CONNESSIONI WI-FI, MOBILE E BLUETOOTH

Per resettare tutte le connessioni di rete seguire il percorso

Settings > System > Advanced > Reset options > Reset Wi-Fi, mobile & Blue­tooth.

Nella finestra di dialogo che appare premere  RESET SETTINGS

RESET DELLE PREFERENZE DELLE APP

Con questo reset vengono ripristinati i valori delle preferenze  per:

  • app disabilitate
  • notifiche delle app disabilitate
  • applicazioni predefinite
  • restrizioni sui dati in background per le app
  • eventuali restrizioni di autorizzazione

Per procedere al reset premere

Settings > System > Advanced > Reset options > Reset app preferences

Nella finestra di dialogo premere RESET APPS

RESET ALLE IMPOSTAZIONI DI FABBRICA

Per ripristinare il terminale alla configurazione predefinita di fabbrica, cancellando tutte le impostazioni personalizzate premere

Settings > System > Advanced > Reset options > Erase all data (factory reset)

Nella finestra di dialogo che appare premere  RESET PHONE

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

🌐https://www.acsistemisrl.com/

🛒https://acsistemionline.com/


Ultimi articoli

ETICHETTE PER SPEDIZIONE:QUALE STAMPANTE SCEGLIERE?

Una stampante per etichette è uno strumento indispensabile per stampare le etichette di spedizione.

Una stampante per etichette in rotolo ti aiuta a lavorare in modo efficiente, veloce e senza sprechi .

Nella maggior parte delle applicazioni l’etichetta di spedizione viene stampata su carta termica adesiva con una stampante per etichette in rotolo.

Quale stampante acquistare?

Le stampanti che gestiscono etichette in bobina rappresentano la soluzione migliore se devi stampare un’etichetta di spedizione che contenga non solo i dati di spedizione, ma anche il codice a barre.

Zebra ZD420 per etichette di spedizione
Zebra ZD420

Le stampanti termiche o a trasferimento termico sono progettate per stampare etichette e lo fanno  meglio e più velocemente di qualsiasi altra tecnologia di stampa.

Un’etichetta di spedizione solitamente non ha requisiti stringenti, nella maggior parte delle applicazioni è in carta termica perché ha un breve ciclo di vita e non richiede elementi grafici complessi.

Queste considerazioni restringono la scelta ai modelli di stampanti solo termiche con risoluzione standard pari a 203 dpi.

Il mercato offre un’ampia gamma di modelli, ma per scegliere la soluzione idonea alle tue esigenze devi considerare:

  • la dimensione dell’etichetta che dovrai stampare
  • Il volume di stampa
  • l’ambiente di utilizzo della stampante

Stampante per etichette: desktop o industriali?

Una stampante desktop di etichette ha dimensioni compatte e funziona bene se hai bisogno di stampare un volume medio-basso di etichette, fino a circa 500 etichette al giorno.

Ma se hai bisogno di stampare molte etichette di spedizione e lavori in un magazzino o comunque in un ambiente polveroso e/o umido ti devi orientare verso un modello di classe industriale.

I modelli industriali sono contraddistinti da una struttura moto robusta  per supportare sollecitazioni per un utilizzo estremo e durevole nel tempo.

ZT411 stampante di etichette industriale

Inoltre, alloggiano rotoli di etichette di grande capacità e quindi sono indicate per chi deve stampare migliaia di etichette al giorno, perché garantiscono un utilizzo continuo evitando la necessità di cambiare frequentemente il materiale di consumo

Metodologia di stampa: termica diretta o trasferimento termico?

Esistono 2 tecnologie di stampa termica:

  • stampa a trasferimento termico
  • stampa termica diretta

Entrambi i metodi di stampa utilizzano una testina di stampa termica che applica calore al materiale da stampare.

Quale è la differenza tra i 2 metodi di stampa?

La stampa a trasferimento termico utilizza il calore della testina per riscaldare un nastro inchiostrato, comunemente chiamato ribbon, per produrre stampe di lunga durata su un’ampia varietà di materiali.

Diversamente, nella stampa termica diretta, non viene utilizzato alcun nastro e la stampa viene creata direttamente sull’etichetta.

Questo significa che quando si stampa attraverso una stampante termica diretta è necessario utilizzare etichette in materiale termico.

I supporti termici sono più sensibili alla luce, al calore e all’abrasione e quindi la durata di un’etichetta termica è limitata.

Un’etichetta di spedizione solitamente ha una durata breve, pertanto, la stampa termica è la tecnologia più frequentemente utilizzata perché è

  • semplice
  • economica
  • veloce

Se invece ti occorre un’etichetta più duratura e resistente anche alla luce solare, all’umidità o altri fattori aggressivi puoi optare per una stampante a trasferimento termico e utilizzare un’etichetta in plastica stampata con ribbon resina che renderà la tua stampa indelebile e inalterata per un lungo periodo.

Considera che una stampante a trasferimento termico può stampare anche in modalità termica diretta e quindi la doppia opzione di stampa la rende la soluzione migliore per qualsiasi esigenza applicativa sia attuale che futura.

Dimensioni delle etichette di spedizione

Prima di scegliere la stampante informati della dimensione di etichetta che dovrai stampare.

Devi assicurarti che la stampante possa stampare la dimensione dell’etichetta che ti occorre.

Le stampanti di etichette più diffuse sono da 4 pollici, quindi possono stampare un’etichetta  con larghezza massima pari a 104 mm.

etichetta spedizione

Se ti occorre un’etichetta più larga devi selezionare un modello da 6 pollici, che solitamente rientra nelle stampanti di fascia industriale e quindi ha un costo maggiore.

Il consiglio è di informarti presso il tuo corriere quale è la dimensione dell’etichetta che dovrai utilizzare.

Conclusioni

Quando devi scegliere una stampante per etichette devi sempre partire dall’analisi dell’etichetta che dovrai stampare

  • Quantità di etichette che dovrai stampare quotidianamente
  • Dimensione dell’etichetta
  • Durata dell’etichetta

Considerazione sull’ambiente di produzione delle etichette, sul tipo di connessione  e su eventuali accessori come lo spellicolatore ti aiuteranno ad individuare il modello adatto alle tue esigenze.

Se vuoi scegliere insieme a noi contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

info@acsistemisrl.com

06.51848187

www.acsistemisrl.com


Articoli recenti

PERCHE’ SCEGLIERE UN LETTORE DI CODICE A BARRE ULTRA ROBUSTO PER IL TUO MAGAZZINO: VANTAGGI E MODELLI

Gli scanner ultra-robusti sono progettati per le attività più ostili nei magazzini e negli ambienti di produzione: sono costruiti per resistere alle condizioni più difficili, leggono a lunghezze e velocità eccezionali e forniscono ai lavoratori uno strumento di lavoro efficiente per l’intero turno di lavoro.

Datalogic Powerscan PD9530
Datalogic Powerscan PD9530

Sono ingegnerizzati per scansionare i codici a barre dove un lettore standard non riuscirebbe perché sono dotati di un’ottica eccezionale in grado di leggere qualsiasi codice anche danneggiato al primo colpo.

In alcuni ambienti operativi impegnativi, come un magazzino, una banchina di carico, ambienti logistici, hai bisogno di un lettore ultra-robusto che non teme cadute, sbalzi termici, pioggia, sporco.

Se non scegli il lettore di codice a barre giusto per le tue esigenze ti troverai ad utilizzare uno strumento di lavoro che ti farà perdere molto del tuo tempo.

Analizziamo quali sono gli scenari comuni dove è consigliabile utilizzare un lettore di codice a barre di classe industriale

Presenza di liquidi, spruzzi e polvere

Quando lo scanner di codici a barre viene utilizzato in ambienti umidi e sporchi oppure all’aperto, pioggia, liquidi, polvere inficiano le prestazioni di lettura.

lettore di codice a barre zebra 3600 per pioggia e polvere

In ambienti ostili hai bisogno di uno scanner robusto con IP67 (grado di robustezza) che resista all’aggressione di elementi aggressivi.

Gli scanner ultra-robusti continuano a fare il loro lavoro perfettamente anche nelle condizioni più avverse.

Cadute

Molti magazzini posizionano scaffalature verticali molto alte o utilizzano soppalchi.

Il rischio che gli scanner cadano su pavimenti duri è elevato.

Assicurati di scegliere un lettore con un indice di caduta migliore della categoria, che dovrebbe essere determinato da più test di caduta su cemento senza danni allo scanner.

Questi sono dati che trovi nel datasheet tecnico del lettore e che devi prendere in considerazione nella scelta dello scanner.

Guarda come vengono fatti i test di caduta di un lettore e dal video potrai ben comprendere come questo sia un aspetto tecnico imprescindibile in un magazzino

Temperature estreme

Ogni lettore ha un suo intervallo di temperatura di esercizio.

Se lo fai lavorare fuori dal suo intervallo funziona male e potrebbe guastarsi in modo irreversibile.

Se lavori in un ambiente molto freddo o caldo  è  fondamentale che il dispositivo scelto sia classificato per le temperature  a cui deve lavorare.

Un lettore ultra – robusto può operare senza alcun problema nell’intervallo di temperature compreso da  -30°C a 50°C.

Considera che un lettore standard ha un intervallo operativo da 0 a 40 °C

Quindi se devi lavorare in ambienti con elevata umidità, in celle frigorifere, in prossimità di apparecchiature che generano vapore o sotto il sole devi scegliere un modello che non ti crei problemi

Distanza di lettura: da quale distanza devi leggere il codice a barre?

L’illuminazione scarsa o artificiale può influire sulle capacità di scansione dei lettori di codici a barre standard.

Gli scanner ultra- robusti integrano gruppi ottici  con caratteristiche di acquisizione superiori: puoi leggere codici a barre di qualsiasi dimensione e  in qualsiasi condizione di illuminazione da una distanza ravvicinata o  da diversi metri.

Anche la scansione di codici a barre di scarsa qualità, sporchi o danneggiati, sotto una pellicola termoretraibile o su un display non rappresenta un problema: l’ottica implementata in uno scanner ultra- robusto offre prestazioni eccezionali.

Ambienti pericolosi: lettori certificati HazLoc

Ci sono alcuni ambienti di lavoro in cui le esplosioni rappresentano un rischio reale, ad esempio come  la maggior nei cantieri di petrolio e gas o anche nell’industria dei trasporti.

In questi ambienti è opportuno utilizzare uno scanner certificato HazLoc (Hazardous Locations).

Uno scanner robusto e affidabile da usare in ambienti potenzialmente esplosivi aiuta a garantire prestazioni sicure  e a  proteggere i lavoratori.

I lettori di codici a barre, se non adeguatamente progettati, testati e certificati, potrebbero inavvertitamente causare un’esplosione a causa di una semplice scintilla o di una fonte elevata di calore.

I MODELLI PIU’ VENDUTI DI LETTORI DI CODICE A BARRE ULTRA RINFORZATI

Zebra, Honeywell e Datalogic, i costruttori più importanti di dispositivi per l’identificazione automatica, offrono una gamma ampia di lettori ultra-robusti con configurazioni e gruppi ottici idonei a qualsiasi esigenza operativa.

ZEBRA SERIE 3600

La serie 3600 della Zebra viene prodotta in una gamma estesa di modelli per acquisire codici sia 1D che 2D, simboli DPM sia da vicino che da grandi distanze, ad alta densità e codici molto larghi

Zebra lettori serie 3600 robusti e rinforzati per il magazzino

Se vuoi approfondire i modelli e le caratteristiche tecniche puoi andare sul nostro sito

http://www.acsistemisrl.com/con-cavo.html

http://www.acsistemisrl.com/wireless.html

DATALOGIC SERIE POWERSCAN

I lettori manuali industriali PowerScan di Datalogic si distinguono sul mercato grazie alle loro ottime prestazioni e all’estrema affidabilità.

Anche la Datalogic offre una gamma completa a e  ricca di accessori per qualsiasi esigenza operativa.

Datalogic PowerScan PBT9500 lettore wireless rinforzati pe ril magazzino

La serie PowerScan è disponibile con gruppo ottico linear imager, laser o Area Imager per la lettura di codici 1D, 2D e simboli DPM.

Ogni modello viene prodotto in versione con cavo o cordless per lavorare in piena libertà di movimento.

Se vuoi approfondire i modelli e le caratteristiche tecniche puoi andare sul nostro sito

http://www.acsistemisrl.com/con-cavo.html

http://www.acsistemisrl.com/wireless.html

HONEYWELL GRANIT

La serie Granit dell’Honeywell è caratterizzata da una progettazione robusta e  affidabile con caratteristiche che garantiscono un utilizzo senza problemi negli ambienti più difficili:

  • involucro impermeabile e a prova di polvere
  • gommato per ridurre i danni derivanti da possibili cadute o urti
  • perfetto elevati volumi di scansione di codici a barre.
  • offre prestazioni di lettura estreme, anche con codici a barre danneggiati e di scarsa qualità.
Honeywell Granit lettore di codice a barre robusto per il magazzino

Trovi i modelli e le caratteristiche complete sul nostro sito

http://www.acsistemisrl.com/con-cavo.html

http://www.acsistemisrl.com/wireless.html

CONCLUSIONI

Se stai cercando un lettore di codice a barre per un’attività intensa in un ambiente esposto a umidità, freddo, acqua e polvere devi rivolgere la tua attenzione sui modelli ultra-robusti, appositamente progettati  per resistere alle condizioni di lavoro più impegnative.

Chiamaci, ti aiutiamo a scegliere il modello giusto per le tue esigenze.

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


LETTORI DI CODICI A BARRE E PALMARI PER IL MAGAZZINO: QUANTO DEVONO ESSERE ROBUSTI?

LETTORI MANUALI DI CODICI A BARRE ZEBRA: MODELLI E CARATTERISTICHE

I copiatori seriali degli articoli del nostro BLOG: chi sono?

Questo blog è nato più di 5 anni fa con uno scopo specifico: aiutare gli utilizzatori di dispositivi comunemente impiegati nel mondo dell’identificazione automatica a comprendere, scegliere, configurare, installare una stampante di etichette o un palmare per il magazzino.

Il nostro è un settore di nicchia, dove le informazioni sono scarse e la maggior parte del materiale disponibile è in lingua inglese e spesso scritto con un linguaggio non immediatamente comprensibile a chi non appartiene a questo mondo.

palmare per il magazzino configurazione

Quindi chi arriva sul nostro blog solitamente

  • sta cercando di risolvere un problema oppure
  • sta cercando una soluzione che gli permetta di svolgere “in modo automatico” una specifica attività o flusso di lavoro

Ma c’è anche una terza categoria di visitatori, che sono molto interessati ai nostri articoli

I COPIATORI SERIALI

Chi sono i copiatori seriali?

Io non lo so…anzi mi correggo  lo so benissimo ma non lo dico.

Come lo so?

È facile, basta andare su Internet e constatare poco dopo la pubblicazione dei nostri articoli la rispettiva  “brutta copia”, quasi mai firmata…chissà perché?

Beh, in fondo chi copia fa bene a rimanere nell’anonimato, non è una bella figura, specialmente se si riproduce male e non si ha la comprensione di quello che si scrive

Dietro la pubblicazione di ogni nostro articolo ci sono ore, giorni, mesi a volte anni di

  • Studio
  • Prove
  • Installazioni
  • Configurazioni
  • Test
  • Errori

Dietro un “copia e incolla” c’è solo qualcuno che ti vuole vendere qualcosa, qualcuno a cui non importa nulla se la tua stampante non funzionerà come dovrebbe, se non sarà perfettamente configurata e quindi stamperà in modo poco nitido e preciso oppure se il tuo lettore non leggerà il codice a barre.

Spesso chi copia non ha la minima conoscenza di quello che vende, perché muove solamente scatole dal produttore al cliente finale.

Non potrà aiutarti nella scelta più idonea alle tue esigenze, perché non ha la capacità di comprendere il tuo problema, ma penserà solamente che la colpa sia tua che non sai far funzionare i dispositivi.

Perché chi duplica contenuti di altri è un povero di mente, dove il suo unico scopo è vendere, vendere, vendere e guadagnare.

Chi studia, chi approfondisce, chi utilizza continuamente quello di cui scrive conosce i pregi ma anche le problematiche e gli aspetti critici che possono presentarsi durante l’utilizzo.

Chi passa intere giornate a comprendere il funzionamento di qualsiasi dispositivo ha il desiderio e la necessità di condividere la propria conoscenza e quello che ha appreso.

Aggiungo poi che chi copia, essendo costretto a cambiare qualche parola o magari fare una sintesi perché non ha la padronanza dei concetti esposti, è costretto a pubblicare una breve e striminzita riproduzione dove mette in evidenza anche una pessima conoscenza della lingua italiana con un risultato pietoso per chi legge e per chi scrive.

Ai nostri copiatori seriali voglio comunicare che abbiamo anche tanti altri canali dove possono copiare una miriade completa di contenuti : video tutorial, schemi, fotografie, infografiche.

Quindi caro asino che copi spudoratamente i nostri contenuti ci puoi trovare anche su

Noi ci mettiamo la faccia e la firma

Ing. Cristina Urbisaglia

Andrea Capponi

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

Stampante Breva: personalizzare gli oggetti non è mai stato così facile

Breva è una stampante UV progettata e realizzata in Italia per la stampa, la personalizzazione e la marcatura dei tuoi prodotti.

È compatta, intelligente, pratica e versatile.

È in grado di marcare direttamente sugli oggetti fino a 5 cm di spessore, offrendo un’area di stampa di 150×170 mm.

È possibile sfruttare come appoggio un piano di stampa fino a 390 mm di larghezza senza limiti in termini di lunghezza perché la base di stampa è aperta sulla parte anteriore e posteriore.

È dotata di un touchscreen da 5” per un facile utilizzo.

È affidabile e conveniente

Breva è una stampante di dimensioni desktop per un peso totale di 9 kg, con funzionamento stand-alone o collegata al PC, dotata di Wifi o Bluetooth.

Breva funziona in un unico colore con cartucce sostituibili e utilizza inchiostri UV, solventi, a base acqua e per alimenti.

Sono disponibili vari colori nelle diverse categorie di inchiostri.

Dove si può stampare con Breva?

Stampa in nero, bianco, blu, rosso, giallo e oro su una varietà di materiali: carta, cartoncino, plastica, legno, pelle, eco-pelle, vetro, alluminio e altri metalli.

Stampa immagini, loghi, codici QR, codici a barre, identificazioni, testi.

Viene fornita con un software intuitivo per la personalizzazione delle stampe, che ti consente di iniziare rapidamente, ma si interfaccia con tutti i programmi di progettazione grafica.

Cosa si può stampare con Breva?

Breva ha un’applicazione infinita nella personalizzazione:

  • cosmetica al dettaglio
  • marcatura e codifica
  • componenti industriali ed elettronici
  • oggettistica di piccole dimensioni
  • prodotti ad uso alimentare e farmaceutico
  • targhette, tag, chiavi, ID e tanto altro ancora

Che vantaggi offre Breva?

Almeno quattro sono i vantaggi di una stampante a cartuccia che stampa in alta definizione loghi, codici a barre e messaggi:

  • grazie alle sue dimensioni ridotte può essere inserita senza alcuna difficoltà in qualsiasi linea di confezionamento automatico
  • gli inchiostri sono sostituibili, ampliando la gamma di colori e le superfici stampabili
  • la manutenzione è minima, di conseguenza lo sono anche i costi di assistenza post-vendita
  • l’investimento iniziale è contenuto, perché oltre al semplice sistema di stampa non ci sono costi aggiuntivi.

A chi è destinata Breva?

Questa stampante è destinata a molti settori: può essere utilizzata da aziende cosmetiche, farmaceutiche, di oggettistica e chiunque disponga di un proprio dipartimento di comunicazione.

È una soluzione in grado di fornire un valore aggiunto con un tocco di personalizzazione su moltissimi prodotti

  • per gli organizzatori di eventi come matrimoni, incontri di lavoro, seminari
  • in hotel di lusso per dedicare accessori al cliente
  • in circoli sportivi per caratterizzare attrezzature sportive come mazze e palline da golf
  • nei negozi di ottica per scrivere il nome sulla custodia degli occhiali o sull’occhiale stesso
  • per le private label dell’oggettistica di vario genere
  • per il packaging personalizzato in qualsiasi settore

Se ti interessa la soluzione, se vuoi capire meglio di cosa si tratta, verificarne la facilità operativa e valutare il risultato estetico di una personalizzazione su vari prodotti, guarda il video

Per oggetti di forma particolare possono essere costruiti a richiesta dei supporti che ne facilitano il posizionamento in fase di stampa.

Chiamaci per estinguere ogni dubbio, saremo lieti di consigliarti.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

STAMPE SU OCCHIALI

STAMPE CON BREVA