Il tuo lettore di codice a barre non legge al primo colpo? Tutto quello che dovresti sapere

Potrebbero esserci diversi motivi per cui un codice a barre non viene scansionato.

In questo articolo analizziamo  le possibili cause per le quali il tuo lettore, sebbene non sia guasto, non legge al primo colpo e spesso devi premere più volte il grilletto del lettore per ottenere la scansione del codice a barre.

Le cause più comuni del mal funzionamento di un lettore di codice a barre sono:

lettore di codice a barre perchè non funziona

Basso contrasto del codice

Affinché uno scanner possa decodificare correttamente un codice a barre 1D o 2D, lo scanner deve essere in grado di riconoscere le differenze tra le linee scure e gli spazi chiari.

Possiamo avere un codice con basso contrasto quando:

  • il codice a barre è stampato su una superficie altamente riflettente che acceca lo scanner
  • la stampa del codice non è uniforme
  • non si è utilizzata una corretta combinazione di colori per il codice e lo sfondo

Violazioni della Quiet Zone

Le Quiet Zone sono le aree bianche che circondano il codice a barre 1D o il codice 2D.

Questo spazio consente al lettore  di distinguere  chiaramente il codice a barre da altri elementi grafici, testi  o segni.

QUIET ZONE codice a barre
QUIET ZONE

La Quiet Zone è necessaria per ottenere una corretta lettura del codice a barre  e deve essere sempre presente.

Nei codici a barre 1D, la Quiet Zone è posizionata all’estremità sinistra e destra del codice.

Come regola generale, la Quiet Zone dovrebbe essere almeno 10 volte più grande della larghezza della barra più stretta del codice a barre.

Nei simboli 2D, la Quiet Zone è lo spazio che circonda l’intero simbolo e quindi va rispettata su tutti e quattro i lati del codice e di solito è il 10% dell’altezza o della larghezza del simbolo.

Se il testo o altri elementi grafici entrano in Quiet Zone, l’algoritmo di decodifica potrebbe tentare di interpretare questi elementi come parte del codice a barre generando un errore nella decodifica.

Posizione impropria di lettura

A volte la mancata lettura è data dalla posizione fisica dello scanner rispetto al codice.

I lettori di codici a barre sono caratterizzati da distanze minime e massime che consentono allo scanner di mettere a fuoco adeguatamente il codice in modo chiaro.

Se sei troppo vicino o troppo lontano per il campo ottico del tuo scanner, non riuscirai a leggere il codice.

Anche l’angolo di inclinazione  dello scanner può causare mancate letture.

In alcune situazioni, trovando l’angolo di lettura corretto riuscirai a  leggere il  codice.

A volte, se la superfice è molto riflettente  la luce riflessa dal codice a barre acceca il lettore.

Inoltre, se utilizzi un lettore 1D, ricordati che il fascio prodotto deve attraversare orizzontalmente tutto il codice a barre, mentre i lettori 2D possono leggere il codice qualunque sia l’orientamento.

Stampa non omogenea

Una distribuzione non omogenea dell’inchiostro o una superficie molto assorbente  può causare una migrazione dell’inchiostro che genera una stampa con  basso contrasto e/o violazioni della Quiet Zone.

Codici a barre danneggiati o distorti

La qualità dei codici può deteriorarsi quando le superfici sono esposte a fattori ambientali aggressivi che possono creare piccoli graffi, macchie e deterioramento del codice.

I lettori più evoluti e di buona marca implementano un algoritmo di correzione che consente di leggere anche i codici danneggiati o stampati male.

codici a barre danneggiati

I lettori di codici a barre non sono tutti uguali: un buon lettore può fare una grande differenza sulla velocità di lettura e di conseguenza sulla produttività.

Impostazioni dello scanner

Molti scanner forniscono all’utente la possibilità di regolare le impostazioni in funzione dell’utilizzo.

Ad esempio, se uno scanner 2D non decodifica un codice QR, potrebbe essere un semplice problema di configurazione.

Oppure se non riesci a leggere un codice appartenente alla famiglia interleaved 2 di 5, potrebbe essere un problema di abilitazione dalla lettura dello specifico codice.

Conclusioni

La scelta di un lettore non sempre è banale.

Devono essere valutate le esigenze specifiche di lettura per poter selezionare il dispositivo giusto fra la vasta gamma di lettori disponibili sul mercato.

Spesso la ricerca si ferma al prezzo più basso: è giusto fare un acquisto commisurato alle proprie possibilità ma i lettori non sono tutti uguali ed è importante optare per uno scanner che riesca a decodificare senza problemi e al primo colpo qualsiasi codice a barre.

Il consiglio è di non scegliere da soli, l’ampia scelta di lettori disponibili può creare confusione: parla con un professionista che sappia valutare le tue esigenze e consigliarti il lettore di codice a barre giusto per la tua attività.

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com



ULTIMI ARTICOLI

  • ETICHETTE PER LA STAMPA DIGITALE: COME SCEGLIERE IL MATERIALE GIUSTO
    Le etichette adesive sono dei supporti di stampa disponibili in una vasta selezione di materiali. Per la stampa a colori possiamo suddividere i materiali in due macrocategorie: la categoria delle carte naturali (carta Vellum, carta Fasson, carta Vergata, carta Kraft…) e la categoria dei materiali sintetici (polipropilene, poliestere). Nel rispetto dei requisiti di resistenza, il grafico che si occupa del design dell’etichetta generalmente ipotizza l’utilizzo di un determinato materiale per portare avanti il processo creativo.
  • ETICHETTARICE PER CONTENITORI CON SUPERFICI PIANE:LA810 COME FUNZIONA
    L’applicatore di etichette LA810 è un dispositivo automatico da tavolo in grado di etichettare contenitori con superficie di applicazione piana. Può applicare un’unica etichetta frontale oppure un’etichetta sul fronte e una sul retro purché disposte sulla stessa bobina in modo alternato. Ha una costruzione interamente in acciaio, robusta ma compatta che può essere appoggiata su un banco da lavoro occupando uno spazio di dimensioni 400 x 300 x 680 mm con un peso di 23 Kg. La piattaforma sulla quale viene posto il contenitore ha una dimensione pari a 300 x 300 mm, una dimensione ampia per etichettare anche le taniche e i recipienti più grandi.
  • COME CODIFICARE GLI ARTICOLI DEL TUO MAGAZZINO CON IL CODICE A BARRE
    La codifica del magazzino consiste nell’associare a ciascun prodotto un codice univoco, che può essere una sequenza di numeri o una sequenza di lettere e numeri. Sequenza univoca significa che nel tuo magazzino non possono coesistere 2 prodotti differenti con lo stesso codice. Il codice assegnato all’articolo consente di inserire il prodotto all’interno del database del tuo software gestionale e a questo codice potrai associare tutte le caratteristiche del prodotto come la descrizione, il prezzo, l’ubicazione, il lotto, il seriale o qualsiasi altro fattore identificativo del prodotto. Il codice univoco sarà poi trasformato dal tuo gestionale o dal software della tua stampante di etichette in un codice a barre, cioè una sequenza simbolica di barre e spazi leggibile da un lettore barcode o da un palmare con lettore ottico integrato. La gestione della tua attività con il codice a barre ti consente di realizzare un automatismo che rende qualsiasi processo veloce, senza errori ed estremamente efficiente Esistono diversi modi per codificare i prodotti. Puoi utilizzare sequenze di numeri numeri e lettere numeri, lettere e altri caratteri
  • COME SI CREA UN’ETICHETTA IN 5 PASSAGGI
    Qualsiasi sia il prodotto, l’etichetta è l’unico elemento che lo supporta per tutto il suo percorso. L’etichetta ha un ruolo informativo per il consumatore, ma prima di tutto è un generatore di attrazione. Una grafica intelligente, originale e comunicativa fa la differenza tra un prodotto di successo e uno dei tanti stanziati sugli scaffali. Dalle pregiate bottiglie di vino e olio, ai cosmetici, alle divertenti lattine di birra, ai prodotti di largo consumo come miele e conserve: l’etichetta è una pubblicità intrinseca. Come si crea un’etichetta vincente? – Deve essere bella? – Forse – Deve essere super colorata? – Non sempre Deve essere unica, memorabile e stampata bene.
  • GRAFICA ETICHETTE PER VINI: GUARDA IL NOSTRO CATALOGO
    Realizzare la grafica per un vino, significa coordinare nel design la storia di un’azienda e le qualità del prodotto e farlo con un gusto che coinvolga il cliente target. Ai produttori che ci contattano per la grafica poniamo una serie di domande per conoscere gli elementi utili ad un processo creativo mirato al marketing. Abbiamo pubblicato un catalogo con una serie di proposte grafiche da cui il produttore possa prendere spunto per immaginare la sua etichetta ideale.
  • STAMPANTI A TRASFERIMENTO TERMICO COME PREVENIRE I 5 PROBLEMI PIU’ FREQUENTI
    Il trasferimento termico è la tecnologia di stampa più diffusa per la stampa di etichette con codice a barre e dati variabili. Le stampanti a trasferimento termico utilizzano come inchiostro un nastro chiamato ribbon o foil, il quale, scaldato dalla testina di stampa, produce l’immagine sull’etichetta. Le cause principali dei più comuni problemi riscontrati nelle stampanti di etichette a trasferimento termico sono: errato caricamento del ribbon all’interno della stampante impostazioni incongruenti del driver di stampa scarsa manutenzione della stampante Analizziamo nel dettaglio come prevenire o risolvere i malfunzionamenti più frequenti