Archivi categoria: Senza categoria

Installazione di un lettore di codice a barre a montaggio fisso: quello che devi sapere

L’installazione di un lettore di codice a barre fisso richiede l’analisi dei requisiti di sistema per poter scegliere un modello idoneo alle proprie esigenze.

Le soluzioni di scansione industriale fisse sono progettate specificamente per applicazioni che non sono costantemente monitorate dagli operatori e sono utilizzate in un’ampia varietà di settori.

lettore Datalogic a montaggio fisso

Un’attenta pianificazione preliminare e alcune semplici domande possono garantire il successo e l’affidabilità di  un’applicazione con lettore di codice a barre fisso.

A differenza degli scanner manuali che hanno un operatore che  attiva e punta lo scanner sul codice a barre, gli scanner a montaggio fisso richiedono un’analisi ben progettata per eseguire un’implementazione affidabile.

Il mercato dell’identificazione automatica offre un’ampia varietà di prodotti, prezzi, capacità e livelli di complessità.

Proprio questa vasta scelta di modelli  e opzioni spesso genera confusione nell’acquirente.

Definisci le tue esigenze

Il primo passo che devi fare  è capire esattamente cosa ti aspetti dallo scanner che vuoi acquistare.

Devi determinare le tue esigenze in modo specifico e accurato.

Alcune domande possono aiutarti a definire i requisiti che devono essere soddisfatti:

  • Devi leggere un codice monodimensionale, bidimensionale o DPM?
  • Con quale velocità si muove il tuo codice a barre rispetto allo scanner?
  • A quale distanza devi leggere il codice?
  • La distanza di lettura è fissa o variabile?
  • Quale dimensione ha il codice a barre?
  • Quale è l’orientamento del codice verticale o orizzontale?

Se hai utilizzato un lettore a pistola sai che devi puntare la linea di scansione sul codice a barre, che tutta la linea di scansione deve perfettamente centrare il codice a barre e poi devi premere il grilletto per eseguire la scansione .

Se la lettura non va a buon fine sposti il lettore fino a quando non riesci a scansionare il codice.

In altre parole, quello che fai manualmente è lo  spostamento del campo visivo dello scanner nell’area del codice a barre.

Questa azione con uno scanner manuale la puoi fare facilmente, ma con uno scanner a montaggio fisso devi creare tutte le condizioni affinché la tua etichetta con codice a barre, che viaggia ad una determinata velocità sul nastro trasportatore, sia sempre all’interno dell’area di lettura dello scanner.

Nella scansione a montaggio fisso su nastro trasportatore, non c’è alcun operatore che assista lo scanner, il che ci porta a una considerazione molto importante: gli scanner a montaggio fisso devono essere posizionati in modo che tutti i codici a barre che passano sul nastro trasportatore appaiano all’interno della “finestra di lettura”, cioè della  regione all’interno della quale lo scanner è in grado di decodificare il codice a barre.

lettori Datalogic

La finestra di lettura è definita dalla larghezza di scansione dello scanner, dalla distanza focale e dalla profondità di campo.

Inoltre, la densità del codice a barre è un parametro da valutare nella scelta del gruppo ottico: codici a barre ad alta densità richiedono brevi distanze focali, mentre i codici a barre a bassa densità consentono distanze maggiori.

Devi quindi creare un processo di acquisizione dati automatico che non abbia errori e che sia perfettamente progetto sulle tue specifiche esigenze.

Quando si montano gli scanner fissi è anche necessario tener in considerazione  alcuni fattori ambientali e fisici che determinano un’installazione di successo.

  • Il lettore è dotato di una staffa di montaggio? La staffa per il montaggio dello scanner dovrebbe essere regolabile, soprattutto se l’etichetta del codice a barre è piccola o la sua posizione può cambiare.
  • È disponibile l’alimentazione per lo scanner?
  • L’hardware di montaggio o qualsiasi altro oggetto può ostruire  la finestra di scansione dello scanner?
  • È stato considerato lo spazio per il cavo e il connettore di comunicazione?
  • È presente materiale riflettente intorno allo scanner?
  • Quali sono i livelli di urti e vibrazioni, se ce ne sono?
  • Esistono sorgenti di interferenza elettromagnetica?
  • La temperatura ambiente supera il valore nominale dello scanner?

Conclusioni

L’integrazione di scanner industriali fissi consente alle aziende di aumentare la produttività e aggiungere un livello di tracciabilità superiore rispetto ad un processo di scansione manuale.

La capacità di automatizzare un processo richiede una progettazione più accurata e un’analisi dei requisiti specifica della propria applicazione.

Per questo motivo devi rivolgerti a professionisti del settore che sappiano indirizzarti verso il lettore giusto.

Se  hai bisogno di aiuto chiamaci

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

Come progettare l’etichetta del prodotto perfetta: 6 passaggi per principianti

Perché alcuni prodotti attirano immediatamente l’attenzione dei consumatori mentre altri invecchiano sugli scaffali?

I grandi marchi cavalcano stabili l’onda della loro storica affermazione sul mercato, mentre la nicchia di un produttore di poca fama va conquistata giorno per giorno.

È qui che serve una strategia di marketing costruttiva.

etichette per il vino

Rispetto al tempo per effettuare un acquisto esistono due tipologie di consumatore:

  • il frettoloso e disattento, che riempie il suo carrello catturato dai prodotti più appariscenti
  • lo scrupoloso osservatore che dedica attenzione ad ogni particolare prima di scegliere

Entrambi scelgono grazie alla seduzione dell’etichetta sul tuo prodotto.

Potresti pensare di aver bisogno di un grafico per creare etichette di prodotti di qualità professionale, ma non è sempre così.

Per creare etichette e imballaggi che ispirino i clienti all’acquisto, segui questi sei semplici passaggi.

  • Studia il target dei tuoi clienti
  • Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio
  • Scegli il materiale per l’etichetta
  • Imposta correttamente la grafica
  • Progetta l’etichetta del tuo prodotto
  • Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

Analizziamoli ad uno ad uno.

1° Passaggio – Studia il target dei tuoi clienti

etichetta perfetta come crearla

Non esiste scelta valida se non si individua prima il beneficiario.

Chi sono i tuoi clienti? Quale è la loro età, etnia, posizione, occupazione, sesso, stile di vita, livello di istruzione?

Pensa alle loro motivazioni di acquisto…

Perché dovrebbero acquistare il tuo prodotto rispetto a uno concorrente?

Quali sono le loro aspettative?

Cosa stanno proponendo marchi simili sul mercato?

Questa serie di domande ti orienterà già su un certo livello di scelta.

Una confezione accattivante ha un costo, e ne deve valere la pena, deve essere apprezzata dal cliente e contemporaneamente posizionare il tuo prodotto sulla giusta fascia competitiva.

2° Passaggio – Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio

scegliere la dimensione per le tue etichette

Contenitore ed etichetta sono due unità simbiotiche e non si può scegliere la seconda senza aver stabilito il primo.

Prima di decidere chiediti:

  • Esiste uno standard industriale?
  • Cos’è visivamente più importante, la confezione o il prodotto?
  • Quanto spazio vuoi o devi dedicare sul prodotto per riportare tutte le informazioni necessarie?

Un’etichetta avvolgente che copra il 95% del contenitore offrirà tanto spazio per immagini e testi, mentre un’etichetta piccola e minimalista consentirà una comunicazione sintetica.

Contenitori di forma particolare sono molto difficili da etichettare: una grande etichetta rettangolare non si accoppia con una superficie irregolare, quindi se la normativa ti impone di riportare parecchie informazioni, devi rinunciare ad un imballaggio stravagante e mantenerti su forme tradizionali.

3° Passaggio – Scegli il materiale per l’etichetta

Se il tuo prodotto non sarà esposto all’umidità o altre aggressioni di solventi e detergenti, hai la piena libertà di compiere qualsiasi scelta, seguendo un criterio puramente estetico per valorizzare lo spirito del tuo prodotto.

Romantico ed elegante? Carta liscia o vergata.

Rustico e artigianale? Carta Kraft con il suo caldo marrone.

Moderno e glamour? Poliestere o polipropilene lucido, perlato, argentato.

Minimalista e alternativo? Polipropilene trasparente

I materiali sintetici sono impermeabili e resistenti all’attività chimica dei solventi. Sono ideali per creare un’etichetta accattivante che non manifesti segni di invecchiamento, la soluzione ottimale per prodotti da bagno.

Un’etichetta trasparente ispira sincerità ed essenzialità, completa il contenitore senza coprirlo, valorizza la sua forma e il suo contenuto, consente il protagonismo del prodotto.

etichetta miele trasparente

Se ti occorre una fornitura di etichette con materiali e dimensioni personalizzate, contattaci

Prendi in considerazione anche la modalità operativa per applicare le tue etichette.

Se hai una produzione limitata, potresti avere la pazienza di attaccarle a mano.

Se invece parliamo di migliaia, replicare la precisione tante volte è difficile, meglio provvedere con un applicatore di etichette.

Una integrazione adesiva non riuscita è l’imprevisto più deleterio da scongiurare, screditerebbe la professionalità del tuo marchio.

4° Passaggio – Imposta correttamente la grafica

Non sei un grafico? Non è fondamentale se hai un innato buongusto.

Un programma grafico ha tantissime funzioni per ottenere effetti strabilianti, ma anche strumenti di facile utilizzo: puoi importare immagini, creare forme e inserire testi…tutto quello che serve per creare un’etichetta.

Per assicurarti che il tuo design venga stampato nel miglior modo possibile, segui questi suggerimenti per la grafica:

Mappare le zone di sicurezza e un margine extra

Zona di sicurezza: Per assicurarti che nulla di importante venga tagliato durante la fustellatura dell’etichetta, ti consigliamo di tenere tutto a 3 mm all’interno del contorno di taglio.

Margine extra: prevedi un’area stampata fuori dal taglio aggiungendo 3 mm di disegno all’esterno, per evitare zone bianche sul contorno.

Considera eventuali zone di sovrapposizione

Le etichette avvolgenti sono incredibilmente popolari su barattoli, bottiglie e contenitori cilindrici.

L’avvolgimento totale garantisce un’adesione perfetta dell’etichetta alla confezione, grazie alla sovrapposizione dei lembi.

Misura quanta sovrapposizione avrai e aggiungila all’area dell’etichetta, contrassegnala per ricordarti di tenere i disegni e il testo importanti fuori dalla sezione.

5° Passaggio – Progetta l’etichetta del tuo prodotto

Se la tua linea segue la tendenza minimalista, avrai un’etichetta con pochi essenziali elementi, tutti scelti con estrema cura e soprattutto rappresentati su materiali di qualità selezionatissima, o rischierai di incorrere in un risultato sciatto, povero.

Se la tua linea segue il trend massimalista, al contrario rischi un sovraffollamento grafico ed un risultato confuso, privo dei giusti accenti sui particolari più importanti.

La tua etichetta presenterà il tuo prodotto ai tuoi clienti con un linguaggio visivo diretto e una comunicazione testuale esplicita.

etichetta per crema dolce e marmellate

Aggiungi immagini

Aiutano i consumatori a creare rapidamente associazioni tra il tuo prodotto e i loro desideri. Pensa di includere un’immagine del tuo prodotto in primo piano per rappresentarne il sapore o la consistenza.

Usa la grafica

Motivi, sfondi, pennellate: se posizionati sapientemente, possono differenziare il tuo prodotto sullo scaffale e rendere ancora più personalizzato il tuo brand.

Se il tuo prodotto è un articolo di lusso usa motivi morbidi o sottili. Se è rivolto a un pubblico giovane, ha più senso optare per un design più giocoso e colorato.

Considera i colori

Assicurati di incorporare i colori del tuo marchio nell’etichetta del prodotto. Puoi essere tentato di scatenarti con colori e caratteri divertenti, ma non allontanarti troppo. L’armonia cromatica renderà il tuo marchio equilibrato e facile da riconoscere.

Testi onesti e chiari

Devono essere il più specifici possibile per mostrare chiaramente una differenza rispetto ai tuoi concorrenti, ma tutto ciò che scrivi deve essere vero. Non fare affermazioni di cui non hai la scienza, approfittando della buona fede del consumatore.

Assicurati che la dimensione del carattere sia leggibile e che sia in giusto contrasto di colore con lo sfondo: tutti i testi incomprensibili saranno ignorati dai clienti pigri o con deficit visivo.

Allo stesso tempo, usa varie strategie per evidenziare la gerarchia delle informazioni.

come rappresentare i testi in un'etichetta adesiva

Potresti farlo con l’aggiunta di un colore accattivante, di un font originale, di un posizionamento asimmetrico, di una grafica che aiuti a richiamare l’attenzione sul tuo messaggio.

Attenzione però, la mescolanza di troppi caratteri può confondere il messaggio e rendere difficile la lettura.

6° Passaggio – Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

C’è differenza tra quello che hai progettato sullo schermo e il risultato di stampa.

Te ne renderai conto solamente dopo aver stampato il tuo prototipo di etichetta e averlo attaccato sul tuo contenitore.

Quando lo osserverai per la prima volta, ripercorri tutti i passaggi e poniti queste domande:

Stai trasmettendo la tua prima impressione desiderata?

Esiste un sano equilibrio tra design e informazioni?

La dimensione del testo e il carattere sono leggibili?

I colori appaiono come li volevi?

etichetta per prodotti cosmetici

Non esagerare, snellisci tutto ciò che hai scritto, progettato e pianificato.

Apporta le modifiche a tutto quello che non corrisponde al tuo ideale.

Sii chiaro e di facile comprensione in modo che i consumatori leggano effettivamente cosa c’è sulla tua etichetta.

Creare etichette per i tuoi prodotti è un lavoro impegnativo, ma puoi farlo se ti appassiona!

Usando i suggerimenti sopra, creerai splendide etichette che aiuteranno i tuoi prodotti artigianali a volare via dallo scaffale.

Se vuoi renderti autonomo nella stampa delle etichette dei tuoi prodotti, chiamaci. Possiamo proporti la stampante giusta per le tue esigenze.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


COME AGGIORNARE IL FIRMWARE DEL PALMARE ZEBRA TC21 TRAMITE SCHEDA MICRO SD

La procedura per l’aggiornamento del firmware è molto veloce, quello che occorre è fare il download del firmware dal sito del costruttore  e avere a disposizione una micro SD.


scarica da qui

https://www.zebra.com/it/it/support-downloads/software/operating-system/tc21-operating-system-for-gms.html


firmware TC21 Zebra

Prima di aggiornare il firmware, verificare se l’ultima versione disponibile nel sito Zebra sia già installata nel palmare .

Per verificare la versione installata sul palmare, eseguire l’ App impostazioni.

impostazioni Zebra TC21

Scorrere in basso e selezionare “Informazioni sul telefono” alla voce Numero Build leggerete l’ultima versione installata.

TC21 palmare Zebra per il magazzino

Copiare il file .zip nella Micro SD.

Rimuove la batteria dal palmare ed inserite la micro SD nello sportellino come mostrato nell’immagine.

palmare Zebra TC21 aggiornamento firmware

A questo punto con il palmare spento, premere contemporaneamente i tasti Accensione, scansione e PTT.

  • 10 – PTT
  • 11 – Scansione
  • 20 – Accensione
terminale Android Zebra TC21
 Android Zebra TC21 tasti
Zebra TC21 terminale per magazzino

Mantenere premuti i pulsanti laterali e rilasciare il tasto accensione, fino alla comparsa della seguente maschera

Zebra TC21 come aggiornare il firmware

Con il tasto volume basso selezionare la voce “Apply upgrade from SD card”

Selezionare con il tasto scansione e premere il tasto di accensione

Zebra TC21 palmare Android aggiornamento

Verrà visualizzata la versione del firmware da installare

Premere il tasto accensione per confermare e avviare l’upgrade

Ultimato l’aggiornamento il palmare verrà riavviato.

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

06.51848187

www.acsistemisrl.com


Nastri personalizzati in raso per confezioni: come stamparli

Spesso ci siamo resi conto, nel presentare un dono a qualcuno, quanto incida sul costo totale una bella confezione, che arricchisca l’impatto della sorpresa.

Per non parlare di feste popolari come il Natale, dove il numero di pacchetti e pacchettini è veramente sostanzioso!

Se per la tua azienda il confezionamento è sacro, sai bene di cosa sto parlando: spese aggiuntive ma non eliminabili, se non rinunciando al prestigio nel tuo settore.

nastri personalizzati in raso come stamparli

Chi consuma quotidianamente metri e metri di nastro in raso personalizzato, anche solo con una sottile riga di testo, sa perfettamente il costo di queste rifiniture.

Sai che puoi stamparle in completa autonomia?

…e che potresti cambiare colore del nastro, larghezza del nastro, colore del testo, messaggio del testo, caratteri, immagini, motivi di sfondo… come e quando vuoi?

Con una stampante a trasferimento termico PUOI!

come stampare nastri in raso

Una stampante a trasferimento termico non costa molto e lavora benissimo sui comuni nastri in raso, reperibili ovunque.

Con questa tecnologia di stampa a caldo, si trasferisce il colore di un ribbon di stampa sul nastro da te scelto.

Contattaci per avere consigli sulla stampante e sul ribbon di stampa appropriati.

Tutte le stampanti vengono vendute con un software incluso per realizzare la grafica, con il quale puoi inserire e personalizzare i testi come preferisci, ma anche importare immagini.

Ecco un esempio di impostazione della stampante e del layout nel seguente video. Il software è semplice da utilizzare, alla portata anche di chi è meno esperto:

Una volta impostata la stampante con le giuste indicazioni, creare i tuoi nastri personalizzati sarà semplicissimo, e con un po’ di pratica otterrai risultati sorprendenti.

I ribbon di stampa sono disponibili in tantissime colorazioni, anche tinte metallizzate sia lucide che opache.

cartella colori nastri a trasferimento termico

Contattaci per farti consigliare più dettagliatamente sul campionario colori 

Sperimenta lo stile che preferisci, crea nastri personalizzati e ispirati all’evento che stai rappresentando o affini al gusto del cliente che stai gratificando.

Sul nastro puoi stampare di tutto!

Un messaggio promozionale della tua attività, o una dedica per il tuo cliente

Un motivo a tema che si alterna con il testo

Figure geometriche e silhouette di ogni tipo

Puoi puntare alla sobrietà e all’eleganza scegliendo colori tono su tono

Puoi stampare una scritta discreta per confezionare bomboniere e altri articoli raffinati

Puoi stampare anche più nastri contemporaneamente

E come se non bastasse tutto quello finora visto, sappi che con la stessa stampante a trasferimento termico puoi creare deliziose etichette che perfezionano ancora di più le tue confezioni.

Caratterizza il tuo lavoro artigianale completamente con una sola stampante!

Chiamaci, sapremo come consigliarti.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Potrebbe interessarti

Stampante Breva: personalizzare gli oggetti non è mai stato così facile

Breva è una stampante UV progettata e realizzata in Italia per la stampa, la personalizzazione e la marcatura dei tuoi prodotti.

È compatta, intelligente, pratica e versatile.

È in grado di marcare direttamente sugli oggetti fino a 5 cm di spessore, offrendo un’area di stampa di 150×170 mm.

È possibile sfruttare come appoggio un piano di stampa fino a 390 mm di larghezza senza limiti in termini di lunghezza perché la base di stampa è aperta sulla parte anteriore e posteriore.

È dotata di un touchscreen da 5” per un facile utilizzo.

È affidabile e conveniente

Breva è una stampante di dimensioni desktop per un peso totale di 9 kg, con funzionamento stand-alone o collegata al PC, dotata di Wifi o Bluetooth.

Breva funziona in un unico colore con cartucce sostituibili e utilizza inchiostri UV, solventi, a base acqua e per alimenti.

Sono disponibili vari colori nelle diverse categorie di inchiostri.

Dove si può stampare con Breva?

Stampa in nero, bianco, blu, rosso, giallo e oro su una varietà di materiali: carta, cartoncino, plastica, legno, pelle, eco-pelle, vetro, alluminio e altri metalli.

Stampa immagini, loghi, codici QR, codici a barre, identificazioni, testi.

Viene fornita con un software intuitivo per la personalizzazione delle stampe, che ti consente di iniziare rapidamente, ma si interfaccia con tutti i programmi di progettazione grafica.

Cosa si può stampare con Breva?

Breva ha un’applicazione infinita nella personalizzazione:

  • cosmetica al dettaglio
  • marcatura e codifica
  • componenti industriali ed elettronici
  • oggettistica di piccole dimensioni
  • prodotti ad uso alimentare e farmaceutico
  • targhette, tag, chiavi, ID e tanto altro ancora

Che vantaggi offre Breva?

Almeno quattro sono i vantaggi di una stampante a cartuccia che stampa in alta definizione loghi, codici a barre e messaggi:

  • grazie alle sue dimensioni ridotte può essere inserita senza alcuna difficoltà in qualsiasi linea di confezionamento automatico
  • gli inchiostri sono sostituibili, ampliando la gamma di colori e le superfici stampabili
  • la manutenzione è minima, di conseguenza lo sono anche i costi di assistenza post-vendita
  • l’investimento iniziale è contenuto, perché oltre al semplice sistema di stampa non ci sono costi aggiuntivi.

A chi è destinata Breva?

Questa stampante è destinata a molti settori: può essere utilizzata da aziende cosmetiche, farmaceutiche, di oggettistica e chiunque disponga di un proprio dipartimento di comunicazione.

È una soluzione in grado di fornire un valore aggiunto con un tocco di personalizzazione su moltissimi prodotti

  • per gli organizzatori di eventi come matrimoni, incontri di lavoro, seminari
  • in hotel di lusso per dedicare accessori al cliente
  • in circoli sportivi per caratterizzare attrezzature sportive come mazze e palline da golf
  • nei negozi di ottica per scrivere il nome sulla custodia degli occhiali o sull’occhiale stesso
  • per le private label dell’oggettistica di vario genere
  • per il packaging personalizzato in qualsiasi settore

Se ti interessa la soluzione, se vuoi capire meglio di cosa si tratta, verificarne la facilità operativa e valutare il risultato estetico di una personalizzazione su vari prodotti, guarda il video

Per oggetti di forma particolare possono essere costruiti a richiesta dei supporti che ne facilitano il posizionamento in fase di stampa.

Chiamaci per estinguere ogni dubbio, saremo lieti di consigliarti.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

STAMPE SU OCCHIALI

STAMPE CON BREVA

Vantaggi NELL’UTILIZZO di etichette lucide

Riflettendo sulla brillantezza in vari contesti, vernice per auto, rossetti, smalto per unghie, stampe fotografiche, si può notare una percezione di luminosità, vibrazione e, ovviamente, brillantezza superiori.

La riflessione della luce abbellisce la superficie, disegnando negli occhi bagliori attraenti. L’effetto ad alto contrasto che si crea rende i colori bui più scuri e i colori accesi più chiari.

Per questo motivo, una finitura lucida è ideale per immagini colorate con piccoli dettagli da mettere in risalto. Rende i colori e le immagini davvero glamour, comunicando un senso di raffinatezza e valore con il suo splendore.

Applica la stessa logica alle etichette.

Desideri che i tuoi prodotti attirino l’attenzione dei consumatori, che i colori del tuo marchio saltino fuori dalla pagina e che il tuo prodotto sia considerato altamente professionale e raffinato?

Le etichette lucide sono la tua risposta!

etichette lucide per birre

Sono morbide al tatto e di prima qualità, conferiscono al tuo prodotto un aspetto elegante e pulito, e se usi un materiale trasparente (clear), il tuo imballaggio sembrerà nudo, paragonabile alla stampa serigrafica impressa direttamente sulla superficie.

etichette lucide trasparenti

Che cos’è una finitura lucida?

La finitura si riferisce ad una lavorazione superficiale applicata a una carta o a una pellicola sintetica per ottenere un aspetto e una consistenza particolari.

Si possono conferire vari livelli di lucentezza.

Una finitura “full gloss” è molto brillante perché riflette la luce in modo molto efficiente. Una finitura “semi gloss” è meno brillante perché è meno efficiente nel riflettere la luce che viene invece diffusa.

Le etichette lucide offrono un fantastico fascino visivo ad un prezzo accessibile!

Dopotutto, l’etichetta stessa è una parte fondamentale del prodotto: se ha un bell’aspetto e trasmette amore e cura, si crea un’impressione molto diversa nella mente dell’acquirente rispetto a un’etichetta dozzinale e trascurata.

etichette gloss

Per quale motivo si sceglie un’etichetta lucida?

  • Per motivi di carattere puramente estetico se il tuo marchio ha un orientamento grafico moderno e minimale.

>>> Le etichette lucide sono spesso scelte per scopi di marketing perché aggiungono un tocco di decorazione creando allo stesso tempo una finitura professionale e di alta qualità.

>>> Offrono un sottile contrasto con le etichette opache standard, fornendo personalità al marchio senza ricorrere all’uso sovrabbondante del colore o elementi come motivi e texture.

>>> Un altro vantaggio è che le finiture lucide possono aiutare a migliorare la ricettività all’inchiostro delle etichette adesive, migliorando la qualità di stampa che è possibile ottenere.

Ciò è particolarmente importante se stai cercando di riprodurre una grafica ad alta risoluzione sulle tue etichette adesive.

etichette in polipropilene lucido per vino
  • Per motivi funzionali alla resistenza dell’etichetta, se il tuo prodotto ha condizioni d’uso impegnative (condensa, escursioni termiche, esposizione a liquidi, grassi o solventi, ma anche abrasione). In tutti questi casi un supporto sintetico è la scelta ideale, anzi obbligata.

Nel settore cosmetico, farmaceutico, food & beverage e in tutti gli ambiti in cui la presenza di sostanze solventi è intensiva, se ne fa un uso rilevante.

etichette lucide e resistenti per prodotti cosmetici

Quali materiali lucidi sono più adatti alle mie necessità?

Carta semilucida e lucida

Molte stampanti di etichette raccomandano di default un materiale chiamato “Carta semilucida” come punto di partenza, di solito perché è l’opzione del materiale più economico e l’obiettivo è quello di persuadere la tua attività sul prezzo.

Questo materiale, resistente allo spruzzo se tempestivamente asciugato, può andare bene per alcuni prodotti con un ciclo di vita relativamente corto ma, essendo fatto di carta, non è molto resistente se esposto a umidità, olii, solventi, quindi è sconsigliato sia per una crema viso che per una maionese e in tutte le applicazioni in cui è necessaria una resistenza dei materiali appropriata.

Carta semilucida e lucida per etichette

Materiali sintetici

Come abbiamo accennato, i materiali sintetici sono molto più resistenti delle etichette in carta e hanno il particolare vantaggio di essere impermeabili. Possono essere utilizzati sia in ambienti interni che esterni, dove possono essere esposti o immersi in acqua, entrare in contatto con olii e solventi e sono eccellenti per etichette di lunga durata o di monitoraggio, dove è di vitale importanza che le informazioni rimangano completamente leggibili il più a lungo possibile.

Materiali come il poliestere, il polietilene, il polipropilene, il pvc, il vinile sono tutti idonei, ciascuno con la sua peculiarità, a garantire longevità all’etichetta.

Sono disponibili in diverse varianti (white, clear, metallizzato argento) con livelli di lucentezza calibrati a piacimento per conferire al prodotto il look preferito.

Un vantaggio perseguibile con un’etichetta trasparente è quello di camuffare errori di disallineamento perfetto con il contenitore, se attaccate storte.

D’altronde, si possono amplificare problemi comuni di applicazione come bolle d’aria, rughe o altri difetti poiché non c’è colore per nasconderli. Pertanto, è importante disporre di un processo di applicazione pulito e rigoroso che non provochi impronte digitali accidentali, polvere o altri oggetti estranei sotto l’etichetta.


Approfondisci

Come posso stampare le etichette lucide?

Tutti i materiali sopra descritti, sia in carta che sintetici, sono stampabili da qualsiasi stampante a getto d’inchiostro o a trasferimento termico e sono in grado di produrre un risultato di ottima qualità.

La copertura lucida è anche più efficace nel trattenere l’inchiostro per un’etichetta duratura e priva di sbavature.

CONCLUSIONE

Le etichette lucide conferiranno al tuo prodotto un aspetto sofisticato, un migliore contrasto dell’immagine e una sensazione luminosa e incandescente.

Se hai bisogno di individuare il materiale più adatto a far risaltare il tuo marchio e che garantisca lunga durata alle tue etichette, consultati con noi…ti guideremo nella scelta più corretta per le tue esigenze.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

Devi stampare data di scadenza e lotto di produzione e non hai un nastro trasportatore? I marcatori manuali JetStamp possono essere la tua soluzione

Se devi stampare data e lotto e non hai un nastro trasportatore, allora una soluzione di marcatura manuale può essere la soluzione ideale che può velocizzare il tuo lavoro garantendoti una stampa nitida, precisa e resistente.

In questo articolo analizziamo le soluzioni di marcatura della linea JetStamp, marcatori semi-automatici dotati di  inchiostri a rapida essiccazione adatti alla stampa sia su superfici porose che superfici non porose come plastica vetro e metallo.

marcatori manuali per data e lotto

Quando si sceglie una soluzione di marcatura manuale è importante definire le caratteristiche della propria applicazione:

  • cosa si deve stampare: data, lotto di produzione, stringhe di testo, codici a barre, loghi, dati variabili, progressivi
  • il materiale e la forma della superficie da stampare
  • l’area di stampa
  • volume di stampa, cioè quanto marcature devono essere eseguite

Il target di marcatura per la serie JetStamp sono piccole e medie produzioni.

Sono dispositivi portatili, di facile configurazione e pronti per un utilizzo immediato.

Analizziamo le caratteristiche di 3  modelli simili ma con area e caratteri di stampa differenti

jetStamp 790

Il JetStamp è un marcatore rapido e silenzioso con cui puoi stampare anche su superfici non assorbenti come plastica, metallo e vetro.

marcatore semi-automatico per data e lotto

Il 790 si presenta come un timbro elettronico e la stampa viene attivata da un pulsante.

Nel video seguente puoi vedere la semplicità di utilizzo

Stampa numeri, data, ora e testi disposti su una o 2 righe, con un massimo di 20 caratteri per riga e una larghezza di stampa pari a 42 mm e dimensione dei caratteri pari a 3,2 mm.

Il marcatore si programma tramite un semplice software su PC Windows e i dati vengono trasferiti tramite collegamento USB

JetStamp 970 marcatore grafico

Il modello JetStamp grafico è uno strumento portatile, facile da programmare che consente di marcare rapidamente e con elevata qualità su superfici più estese sia porose che non assorbenti come plastica, vetro e metallo.

Si programma facilmente tramite il software a corredo e i dati di marcatura sono trasferiti al marcatore tramite USB.

marcatore grafico per data e lotto codice a barre loghi

Stampa numeri, data, ora, testi codici 1D e 2D e grafica con risoluzione di 300 dpi.

Ha un’area massima di stampa pari a 12,7 x 65 mm.

Può memorizzare fino a 4 marcature differenti selezionabili tramite una rotella.

Se vuoi vedere come funziona guarda il video

JetStamp 1025

Il modello 1025 è la soluzione di stampa ideale per chi ha bisogno di un’area di stampa più grande.

marcatore manuale per grandi superfici

Ha infatti un’area di stampa massima pari  25 X 85 mm.

L’immagine da stampare è facilmente leggibile dal display integrato.

Le stampe possono essere generate tramite un software e trasferite al marcatore tramite USB o opzionalmente Bluetooth.

Stampa data, ora, progressivi, testi, codici a barre e codici 2D, immagini.

È uno strumento di lavoro di facile gestione che può stampare direttamente su oggetti piccoli e grandi come pallet, cartoni e imballi.

Guarda il video

Le soluzioni di marcatura manuale sono specificamente  progettate per la marcatura in mobilità, sono facili da utilizzare, si installano e configurano immediatamente: se vuoi scegliere con noi il marcatore adatto alle tue esigenze CONTATTACI

Telefono 06.51848187

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

Come assegnare un indirizzo IP STATICO ad una stampante Zebra

In questo articolo spieghiamo come assegnare un indirizzo IP statico ad una stampante Zebra dotata di scheda di rete attraverso il software gratuito Zebra Setup Utilities per Windows.

stampante Zebra ZD420

AZIONI PRELIMINARI

La stampante deve essere installata sul PC e connessa tramite cavo USB

Installa il software  Zebra Setup Utilities per Windows dal seguente link

https://www.zebra.com/gb/en/support-downloads/printer-software/printer-setup-utilities.html

PROCEDURA

Esegui il software Zebra Setup Utilities

Seleziona la stampante Zebra a cui vuoi assegnare l’indirizzo IP e premi il pulsante Configure Printer Connectivity

indirizzo ip stampante zebra

Nella procedura guidata Connectivity Setup Wizard seleziona l’opzione Wired e premi Next

assegnare indirizzo ip stampante Zebra

Seleziona  Internal Printer Server e premi Next

ip statico stampante zebra

Seleziona Static e digita l’indirizzo IP che deve essere assegnato alla stampante,   la Subnet Mask e il Gateway IP. 

In alternativa, se non hai queste informazioni puoi seguire la seguente procedura

Apri il prompt dei comandi: se nel tuo sistema Windows è presente un menu Start, aprilo e digita CMD nella barra di ricerca.

Nella finestra che si apre digita il comando ipconfig e poi premi il tasto Invio.

In questo modo potrai   visualizzare tutte le informazioni sulla rete del tuo PC:

  • l’indirizzo IP del tuo PC
  • la Subnet Mask
  • il Gateway Predefinito

A questo punto puoi mettere tutti i dati nella procedura guidata come indicato nella figura seguente.

Zebra configurazione scheda di rete

Assicurati di assegnare alla stampante un indirizzo IP libero.

Come puoi verificare se l’indirizzo è libero?

Sempre dal prompt dei comandi digita

Ping xxx.xxx.xxx.xxx (indirizzo IP da assegnare alla stampante)

Premi Finish per concludere la procedura e inviare i valori appena impostati alla stampante

Finita la procedura puoi scollegare il cavo USB e connettere la stampante tramite cavo Ethernet

Telefono 06.51848187

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Come scegliere l’antenna RFID della tua etichetta

Si parla molto di tecnologia RFID implementata in diversi settori: produzione, trasporto e logistica, farmaceutica, abbigliamento  e cosmesi  ognuno dei quali ha esigenze differenti per dimensioni di etichette e distanza di lettura.

etichette rfid scelta dell'antenna

I più importanti costruttori producono antenne, chiamate inlay, da applicare alle etichette con dimensione e forme differenti per adattarsi a qualsiasi esigenza del cliente.

Una fondamentale valutazione da considerare nel dimensionamento di un’etichetta RFID è la distanza di lettura che si vuole ottenere: maggiore è la superficie  dell’antenna e più grande  sarà la distanza di lettura.

Un tag RFID è composto da tre componenti:

  • il chip, cioè il componente elettronico in cui sono memorizzati i dati;
  • l’antenna, cioè l’elemento che permette al chip di ricevere e trasmettere i dati ad un lettore;
  • il supporto, cioè il materiale che sostiene e protegge il chip e l’antenna. Questo supporto può essere ad esempio un’etichetta adesiva, un bracciale o un tag robusto per applicazioni industriali.

In questo articolo analizziamo alcuni esempi di antenne della Avery Dennison utilizzate per differenti settori, evidenziandone  la dimensione e la relativa  distanza di lettura.

Cosmetica e gioielleria

Sicuramente un settore dove vengono utilizzate le dimensioni più piccole per le antenne è la cosmetica e la gioielleria dove  la lettura di tag RFID avviene a distanze ridotte anche con l’ausilio di dispositivi portatili.

chette rfid settore cosmetico e gioielleria

UHF RFID Inlay: AD-172u7, dimensione 22 x 12.5 mm, distanza massima di lettura 2 m

antenna rfid cosmetica e gioielleria

UHF RFID Inlay: AD-320u7, dimensione 41.4 x 16 mm, massima distanza di lettura 5 m

antenna rfid di piccole dimensioni

Settore Farmaceutico

etichetta rfid per il settore farmaceutico

Nel settore farmaceutico la dimensione dell’etichetta RFID deve adattarsi alle  confezioni e a  contenitori cilindrici che hanno forme  e dimensioni variegate.

UHF RFID Inlay: AD-160u7, dimensione 60 x 4 mm, massimo distanza di lettura 12 m.

etichetta rfid settore farmaceutico

UHF RFID Inlay: AD-850m4QT, diametro 10.3 mm, distanza massima di lettura 1 m

etichette rfid per medicinali e farmaci

Aeroportuale

Sicuramente la rintracciabilità dei bagagli per la gestione aeroportuale necessita di antenne molto performanti perché i nastri trasportatori per lo smistamento dei bagagli scorrono velocemente e la lettura deve essere a distanze elevate garantendo un errore pari a  zero.

UHF RFID Inlay: AD-553u8, dimensione 38 x 76 mm, massima distanza di lettura 18 m.

antenna rfid settore aeroportuale

UHF RFID Inlay: AD-373u7XM, dimensione 53 x 19 mm, massimo distanza di lettura 7 m.

etichetta rfid bagagli

Automobilistico

Il settore automobilistico sicuramente è stato uno dei primi ad implementare soluzioni RFID per la tracciabilità dei componenti.

rfid settore automobilistico

Nell’automotive  la distanza di lettura e la prestazione sono due parametri  che devono essere accuratamente dimensionati per ottimizzare l’efficienza del processo di produzione e assemblaggio, con una riduzione degli errori e di conseguenza dei costi.

UHF RFID Inlay: AD-226iM, dimensione 95 x 8.15 mm, massimo distanza di lettura 9 m.

etichetta rfid settore automobilistico

UHF RFID Inlay: AD-661r6, dimensione 90 x 19 mm, massimo distanza di lettura 14 m.

etichetta RFID SETTORE AUTOMOBILISTICO

Trasporti e logistica

In questo settore possiamo utilizzare etichette di maggiori dimensioni e le distanze di lettura sono fondamentali per ottimizzare i processi, considerando che le etichette verranno lette sia da lettori fissi che manuali.

UHF RFID Inlay: AD-229r6, dimensione 95 x 8.3 mm, massimo distanza di lettura 15 m.

ETICHETTE RFID SETTORE TRASPORTI

UHF RFID Inlay: AD-237r6, dimensioni 70 x 14.5 mm, massimo distanza di lettura 12 m.

ETICHETTA RFID TRASPORTI E LOGISTICA

Sul mercato troviamo etichette della stessa dimensione, ma con inlay differenti che inevitabilmente hanno prestazioni e costi diversi: selezionare l’etichetta RFID giusta per la tua applicazione richiede un’analisi accurata di tutti i requisiti.

Se hai la  necessità di implementare un nuovo progetto RFID contattaci ai nostri riferimenti per studiare insieme  a noi  la soluzione più adatta alle tue  esigenze

Telefono 06.51848187

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com