Come configurare le stampanti di etichette Intermec PM43, PM43C e PM23

Facebookgoogle_plus

Le stampanti industriali Intermec della serie PM, possono essere configurate in diversi modi.

È possibile utilizzare uno dei seguenti metodi, in funzione del modello della stampante per impostare, configurare, modificare i parametri della stampante:

  • pagina web della stampante, se la stampante è dotata di scheda di rete
  • Menu principale accessibile dal pannello di controllo delle stampanti con dotate di schermo LCD
  • PrintSet 5, il tool software di configurazione dell’Intermec
  •  Comandi di programmazione
Intermec PM43, PM43C
Intermec PM43, PM43C

Esistono cinque menu principali di configurazione della stampante, all’interno dei quali possiamo impostare i valori relativi a:

  • Comunicazioni
  • Stampa
  • Impostazioni di sistema
  • Connessioni di rete
  • Avvisi/Allarmi

contatto assistenza stampanti Intermec

Configurazione della stampante dal Menù Principale

Se si dispone di una stampante dotata di schermo LCD full touch, è possibile visualizzare e/o modificare la configurazione premendo il pulsante” Impostazioni” dal menu principale

1 Premere il pulsante Menu principale.

2 Dal Menu principale, premere il pulsante Impostazioni.

3 Quando viene visualizzato il menu Impostazioni, selezionare i parametri che si desidera configurare o modificare

4 Salvare le modifiche quando richiesto

pannello controllo stampanti Intermec

Configurazione della stampante attraverso la sua pagina WEB

Se il modello della stampante è dotato di scheda di rete o WIFI è possibile configurare la stampante anche attraverso la sua pagina WEB.

Dopo aver collegato la stampante alla rete e ottenuto il suo indirizzo IP:

1 Aprire il browser sul PC

2 Nella barra degli indirizzi digitare l’indirizzo IP della stampante e premere Enter. A questo punto verrà visualizzata la pagina web della stampante

pagina web stampante Intermec
pagina web stampante Intermec

3 Premere Login per visualizzare la pagina di accesso.

4 Digitare Username e Password. I valori di default sono: Username = itadmin, Password = pass

5 Premere “Configure” per visualizzare la pagina di configurazione

Per impostare i diversi parametri, selezionare l’elemento corrispondente sul riquadro di navigazione

6 Dopo aver settato i parametri ai valori desiderati premere Save per salvare i cambiamenti effettuati

Configurazione delle stampanti Intermec con PrintSet

Printset è un software gratuito che consente di configurare e modificare in modo immediato e semplice i parametri della stampante. PrintSet mette a disposizione anche diverse procedure guidate che guidano gli utenti meno esperti nella configurazione dei parametri più comuni

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivimi una mail

cristina@acsistemisrl.com

oppure CONTATTACI

06.55302591

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

Come configurare una stampante Intermec in modo semplice e veloce

Facebookgoogle_plus

Codici a barre creativi: perché utilizzarli!!!

Facebookgoogle_plus

Siamo abituati a vedere codici a barre ovunque.

Li vediamo non solo sui prodotti in vendita al supermercato e nei negozi, ma anche sui computer, sulle stampanti e qualsiasi attrezzatura tecnologica che troviamo nelle aziende e nelle nostre case, all’interno di qualsiasi capo di abbigliamento nell’etichetta di composizione dell’indumento, sulle bottiglie di vino e su qualsiasi altra bevanda.

codice a barre creativo

I codici a barre sono praticamente ovunque e su qualsiasi oggetto: sono indispensabili per la tracciabilità e la rintracciabilità ma sono noiosi e anonimi!!!

Allora perché non dargli anche un connotato estetico oltre che funzionale?

Un codice a barre artistico e originale dona alla confezione un’immagine unica, personalizzata, mantenendo l’aspetto funzionale legato alla tracciabilità del prodotto.

Un codice creativo deve essere però realizzato rispettando lo standard della famiglia di codice utilizzato, in altre parole deve essere creato in modo che sia scansionabile da qualsiasi lettore di codice a barre.

codice a barre artistico

Un codice a barre creativo e personalizzato rende la confezione attraente e comunicativa.

Bisogna però porre un’attenzione particolare alla qualità del codice stampato

Infatti la stampa dei codici a barre sulle confezioni o sulle etichette dei prodotti richiede la generazione di un codice a barre di qualità eccelsa.

A prescindere dal tipo di stampa che si utilizzerà è necessario il rispetto di determinati parametri specifici del codice utilizzato: struttura del simbolo e dei dati, larghezza ed altezza del codice, quiet zone, fattore d’ingrandimento.

È necessario quindi generare un file vettoriale del codice a barre utilizzabile per la successiva creazione grafica senza perdita di qualità e conforme agli standard internazionali.

Pubblicità-Barcode

Successivamente si procede all’ideazione ed elaborazione grafica per la stampa.

Come ultimo passo la qualità del codice deve essere certificata da un”verificatore” di codice a barre.

Il verificatore ci assicurerà che la qualità del codice stampata sarà leggibile da qualsiasi lettore

 Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivimi una mail

cristina@acsistemisrl.com

oppure CONTATTACI

06.55302591

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

6 domande fondamentali per la scelta del lettore di codice a barre

Cause frequenti di codici a barre illeggibili

Verificatore di codice a barre: cosa è & quando usarlo

Facebookgoogle_plus

Intermec PC23, PC43, PM23, PM43 : come collegare le stampanti ad una rete Ethernet

Facebookgoogle_plus

Per utilizzare le stampanti di etichette Intermec della serie PC e PM come stampanti di rete è necessario impostare l’indirizzo IP della stampante

La stampante di default è impostata per recuperare automaticamente l’indirizzo IP dalla rete (DHCP).

Una volta impostato l’indirizzo IP le stampanti possono essere accessibili anche via web tramite http://xxx.xxx.xxx.xxx (indirizzo IP della stampante).

Vediamo in pochi semplici passaggi come procedere per collegare una stampante Intermec alla rete Ethernet, distinguendo tra una configurazione di rete in DHCP o indirizzo IP statico.

Intermec PM43 stampante di etichette industriale
Intermec PM43 stampante di etichette industriale

Collegamento alla rete Ethernet in DHCP

  • Spegnere la stampante.
  • Collegare il cavo di rete alla porta Ethernet sul retro della stampante Accendere la stampante.
  • La stampante prende dinamicamente l’indirizzo IP dal server DHCP.
  • Nelle stampanti con pannello di controllo LCD L’indirizzo IP dovrebbe essere visualizzato nell’angolo inferiore sinistro dello schermo.
  • Nei modelli con interfaccia utente ad icone per recuperare l’indirizzo IP della stampante si deve utilizzare il software gratuito dell’Intermec “PrintSet “.
  • In alternativa possiamo stampare l’etichetta di configurazione della stampante tenendo premuto il tasto FEED dopo il riavvio della stampante.  Attenzione: mantenere premuto il tasto FEED finché non viene stampata l’etichetta di configurazione

Approfondisci

Stampanti di etichette: vantaggi nell’utilizzo della tecnologia a trasferimento termico

Configurazione con IP statico

Se la stampante non utilizza un server DHCP per assegnare automaticamente indirizzi IP ai dispositivi della rete, è necessario impostare manualmente un indirizzo statico.

  • Nelle stampanti dotate di pannello di controllo con display LCD, dal menu principale selezionare ‘Impostazioni’> ‘Comunicazioni’> ‘Ethernet’> ‘IPv4 o IPv6’ e impostare l’indirizzo IP statico.
  • Nelle stampanti con interfaccia utente ad icone, configurare le impostazioni della rete Ethernet tramite il tool “PrintSet“.

 Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivimi una mail

cristina@acsistemisrl.com

oppure CONTATTACI

06.55302591

www.acsistemisrl.com


Potrebbe interessarti 

Stampanti di codici a barre: quale scegliere?

Facebookgoogle_plus

Come eseguire il RESET delle stampanti di etichette Intermec PM43 e PM23

Facebookgoogle_plus

Le stampanti di etichette industriali di fascia media Intermec PM43 e PM43c, la versione più compatta ideale per spazi ristretti e la versione da 2 pollici PM23 offrono un’implementazione immediata e rapida, grazie ai diversi strumenti di configurazione disponibili.

In questo articolo vediamo come effettuare il reset delle stampanti sia nei modelli a icone che nei modelli dotati di pannello di controllo touchscreen frontale.

Intermec PM43 stampante di etichette industriale

ESECUZIONE DEL RESET NEI MODELLI CON INTERFACCIA UTENTE A ICONE

Nei modelli senza pannello di controllo frontale il “FACTORY DEFAULT” deve essere eseguito con i seguenti passaggi:

  1. spegnere la stampante e attendere 30 secondi
  2. aprire il coperchio e ruotare la leva di blocco della testina di stampa per sollevare la testina
  3. mentre si tiene premuto il pulsante blu “Feed / Pausa”, riaccendere la stampante
  4. quando tutte le icone si sono spente rilasciare il pulsante “Feed / Pausa”
  5. attendere 30 secondi e ruotare la leva della testina per abbassare la testina di stampa
  6. chiudere il coperchio
intermec pm43 con interfaccia ad icone
intermec pm43 con interfaccia ad icone

ESECUZIONE DEL RESET NEI MODELLI DOTATE DI PANNELLO DI CONTROLLO

Esistono due modi per ripristinare le impostazioni predefinite di fabbrica nelle stampanti che dispongono del pannello frontale LCD

RESET PARTENDO DA STAMPANTE SPENTA

  1. sollevare il coperchio della stampante e ruotare la leva di blocco della testina di stampa per alzare la testina
  2. tenendo premuto il pulsante blu “Feed / Pausa” riaccendere la stampante
  3. continuare a tenere premuto il pulsante ‘Feed / Pausa’ finché sul display LCD non viene visualizzato il menu “Ripristina predefiniti”
  4. utilizzando il pannello di controllo frontale della stampante selezionare solo le impostazioni che devono essere ripristinate. Solitamente tutte e tre le categorie dovrebbero essere ripristinate, ma notare che le impostazioni di rete immesse manualmente verranno perse se è selezionata la categoria “Impostazioni di rete”.
  5. una volta selezionate le categorie su cui effettuare il reset, premere la freccia “Continua” (destra) sullo schermo
  6. quando richiesto, confermare il ripristino e il riavvio della stampante
  7. la stampante inizia a riavviarsi.
  8. Appen la stampante si riavvia ruotare la leva della testina di stampa per abbassare la testina
  9. Chiudere il coperchio
  10. Una volta che la stampante ha completato l’avvio, utilizzare il pannello LCD per impostare i valori richiesti dalla procedura guidata

RESET UTILIZZANDO IL PANNELLO DI CONTROLLO DELLA STAMPANTE

pm43 con pannello di controllo LCD
pm43 con pannello di controllo LCD
  1. utilizzando i comandi del pannello anteriore, andare alla sezione ‘Menu’> ‘Strumenti’> ‘Ripristina predefiniti’
  2. selezionare solo le categorie di impostazioni che devono essere ripristinate
  3. una volta selezionate le categorie da resettare, premere la freccia “Continua” (destra) sullo schermo
  4. quando richiesto, confermare il ripristino e il riavvio della stampante
  5. la stampante inizia la procedura di riavvio
  6. quando la stampante si riavvia, ruotare la leva della testina di stampa per abbassare la testina.
  7. chiudere il coperchio della stampante
  8. una volta che la stampante ha completato l’avvio procedere con l’impostazione dei valori richiesti dalla procedura guidata

 Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivimi una mail

cristina@acsistemisrl.com

oppure CONTATTACI

06.55302591

www.acsistemisrl.com


Stampanti industriali di etichette a confronto

Stampanti di etichette: guida alla scelta

Facebookgoogle_plus

Ribbon Cera Armor: una gamma completa per qualsiasi esigenza

Facebookgoogle_plus

La Armor produce nastri a trasferimento termico certificati di altissima qualità per etichettatrici di qualsiasi brand, come Zebra, Intermec, Sato, Toshiba, Cab, TSC, Carl Valentine, Markem, ecc.

ribbon Armor

In questo articolo parliamo di nastri cera descrivendo le loro caratteristiche e applicazioni consigliate.

Armor produce 4 tipologie di nastro cera classificate come

  • AWR1
  • AWR8
  • AWR470
  • AWX-FH

per coprire qualsiasi esigenza di etichettatura e rapporto qualità\prezzo del cliente.

Analizziamo le caratteristiche e applicazioni per le 4 differenti tipologie

Ribbon cera AWR1

Caratteristiche

E’ il nastro cera economicamente più competitivo della Armor. Preservando una buona qualità di stampa è il ribbon con il miglior rapporto qualità \ prezzo.

ribbon cera AWR1
caratteristiche ribbon cera AWR1

Prodotto per contrastare il mercato di nastri a basso costo ed in alcuni casi privi di certificazioni, l’AWR1 viene utilizzato per la stampa su carta vellum e semi patinata, ha una buona qualità anche nella stampa di codici a barre ruotati, ma non è consigliato per l’utilizzo su carte lucide.

Il nastro AWR1 ha una discreta resistenza meccanica, cioè la resistenza a graffi ed abrasioni non è elevata.

Applicazione consigliate

  • Logistica
  • Stoccaggio
  • Spedizioni
  • Retail
  • Cartellini
  • Contatto alimentare

Ribbon cera AWR8

Caratteristiche

E’ un nastro con un buon rapporto qualità/ prezzo, ha un’ottima qualità di stampa su carte vellum e semi patinate, può essere utilizzato anche su carte lucide e garantisce prestazioni elevate nella stampa di codici a barre ruotati.

Presenta una buona resistenza meccanica ai graffi e alle abrasioni

Può essere utilizzato per etichette applicate all’ esterno come i vivai

caratteristiche ribbon cera AWR8
caratteristiche ribbon cera AWR8

Applicazione consigliate

  • Logistica
  • Stoccaggio
  • Spedizioni
  • Retail
  • Cartellini
  • Contatto alimentare
  • Applicazione esterne

Approfondisci

Nastri a trasferimento termico colorati: la scelta giusta per differenziare

Ribbon cera AWR470

Caratteristiche

E’ il nastro con il miglior impatto ambientale perché prodotto senza l’utilizzo di solventi.

E’ la cera più coprente della gamma Armor, ha un’ottima resa su superfici porose perché ha una spalmatura molto morbida che consente un elevata capacità coprente.

L’AWR470 è indicato su carte vellum e ha una buona qualità di stampa anche su carte semi patinate.

La bassa resistenza meccanica non consente una stampa nitida e stabile di   codici a barre ruotati e su carte lucide.

caratteristiche ribbon AWR470
caratteristiche ribbon AWR470

Applicazione consigliate

  • Logistica
  • Stoccaggio
  • Spedizioni
  • Retail
  • Cartellini
  • Contatto alimentare

Ribbon cera AWX_FH

Caratteristiche

E’ il ribbon cera top della gamma Armor.

E’ un nastro cera arricchito con la resina e quindi garantisce un’ ottima qualità e resistenza di stampa su qualsiasi materiale in carta sia opaca che lucida.

E’ ideale per la stampa ad alta velocità e di codici a barre ruotati.

La componente resina garantisce un’eccellente resistenza al graffio e lo rende idoneo per la stampa su etichette pre-stampate.

Presenta una buona resistenza alle alte temperature.

CARATTERISTICHE NASTRO AWX-FH
CARATTERISTICHE NASTRO AWX-FH

Applicazione consigliate

  • Logistica
  • Stoccaggio
  • Spedizioni
  • Retail
  • Cartellini prezzo
  • Contatto alimentare
  • Applicazione esterne
  • Targhe e logotipi

Andrea Capponi

Contattaci per selezionare il nastro più idoneo alla  tua applicazione

Tel . 06.55302591

andrea@acsistemisrl.com

www.acsistemsrl.com


Approfondisci

Stampanti di etichette: vantaggi nell’utilizzo della tecnologia a trasferimento termico

Facebookgoogle_plus

Software per la stampa di etichette: come sceglierlo?

Facebookgoogle_plus

Il software per la progettazione e la stampa di etichette riveste un ruolo fondamentale nel processo di stampa.

La maggior parte delle stampanti di etichette a trasferimento termico vengono fornite con la versione base di un software che permette la creazione e la stampa di etichette. Tuttavia il software a corredo della stampante è la versione semplificata che consente un’operatività limitata alle funzioni basilari.

Se si desidera un’automazione del processo di stampa e l’utilizzo di funzioni avanzate per risparmiare tempo e migliorare l’efficienza è necessario considerare un software professionale.

etichetta con ribbon colorati

Come scegliere il software più idoneo alle proprie esigenze?

Un software di etichettatura affinché sia valido deve prevedere 3 sezioni principali:

  1. creazione del modello di etichetta: la progettazione del modello deve essere rapida ed intuitiva, adatta anche ad utenti inesperti
  2. stampa dell’etichetta: il processo di stampa deve essere fluido ed immediato. L’esistenza di moduli di stampa evita il rischio di errori dovuti all’immissione manuale da parte del personale
  3. integrazione con i sistemi hardware e software esistenti: descrizioni di prodotti, date di scadenza, numeri di serie, e altri dati relativi ai prodotti dovrebbero essere tutti popolati automaticamente, senza l’intervento dell’operatore

Come in qualsiasi acquisto è consigliabile procedere con l’analisi dei requisiti del software ed eventualmente alla valutazione dell’integrazione con il proprio gestionale aziendale.

Vediamo i punti fondamentali sui quali focalizzare l’analisi

Facilità d’uso

Solitamente i software per la stampa di etichette sono abbastanza intuitivi e di utilizzo immediato.

I software dei brand più importanti sono dotati di un’interfaccia utente familiare, simile a quella di Microsoft Word, programma noto alla maggior parte degli utenti

Generalmente quanto più è ampia e potente la gamma di funzioni disponibili quanto meno il software è di semplice utilizzo.

Procedere guidate

L’integrazione di procedure guidate per la progettazione di una nuova etichetta, l’inserimento di dati dinamici, l’impostazione dei parametri corretti della stampante in uso, la connessione ad un database esterno consente un utilizzo immediato del software anche al personale meno esperto

Creazioni di modelli di etichette

Raramente l’etichettatura è un processo autonomo, isolato da altri software aziendali.

barcode-label-creator-software

Frequentemente i dati sulle etichette sono già presenti nel gestionale aziendale o in un file Excel.

L’errore più comune che fanno le aziende consiste nel progettare un’etichetta con valori fissi, diversa per ciascun prodotto.

Con questo approccio si progettano centinaia o addirittura migliaia di file di etichette che risultano difficili da modificare nel caso in cui fosse necessario apportare una modifica massiva dei dati o del layout.

Inoltre esiste un concreto rischio che l’operatore addetto alla stampa scelga il modello errato e stampi l’etichetta sbagliata.

Un approccio migliore consiste nel separare il modello di etichetta dalle informazioni che devono essere stampate sull’ etichetta: il software si occuperà di importare i dati nei campi corretti dell’etichetta.

Ad esempio se i dati dell’etichetta risiedono in un foglio di calcolo tipo Excel, quando si crea un nuovo prodotto è sufficiente aggiungere una riga al foglio di calcolo invece di creare una nuova etichetta.

Se si deve modificare il layout dell’etichetta, è sufficiente modificare solo un modello invece di centinaia di etichette associate ai vari prodotti.

Integrazione e automazione della stampa

La migliore automazione di un software di stampa di etichette viene realizzata attraverso l’integrazione con il proprio gestionale aziendale. Importare i dati dal proprio gestionale è un requisito essenziale per garantire la correttezza, la precisione e la velocità delle operazioni.

Valutare come vengono scambiati i dati e a quali database si connette il software che vogliamo acquistare è una scelta saggia e indispensabile in fase di pre-analisi dei requisiti

Codici a barre supportati

Nelle diverse versioni disponibili per il software selezionato assicurarsi che la versione scelta supporti la famiglia o le famiglie di codici a barre che si devono stampare.

etichette con codice a barre

Tutti i software professionali hanno la possibilità di creare e stampare codici a barre lineari standard, tuttavia non tutti i software offrono la possibilità di creare codici 2D (come il QR Code o il DataMatrix) o il codice GS1-128.

Inoltre i pacchetti software migliori aiutano la creazione di codici a bare GS1-128 che possono essere difficili da padroneggiare senza una procedura guidata.

RFID

Non esistono versioni free che supportino la codifica e la stampa di etichette RFID. Se è richiesta questa funzionalità accertarsi quale sia la versione che la supporta

In conclusione controllare sempre che la versione scelta del software possa creare e stampare la famiglia di codice a barre che si intende utilizzare

Test e Versioni di prova

Tutti i produttori di software professionali di un certo livello offrono una versione di prova free con durata limitata. Scaricare la versione di prova è un’ottima scelta per effettuare una valutazione completa ed esaustiva di tutte le funzionalità del software che si intende acquistare

Supporto

Quando si implementa un nuovo software la documentazione e la formazione messa a disposizione dal produttore è una caratteristica indispensabile. Verificare il tipo di risorse accessibili: manuale d’utilizzo, video, tutorial, supporto telefonico.

Non tutti i software sono supportati in Europa o hanno una rete di rivenditori preparati in grado di fornire un valido supporto tecnico.

In questa breve panoramica abbiamo parlato solo di alcuni aspetti del software.

contatto-wordpress

Di seguito puoi trovare una breve panoramica dei principali software di etichette.

Le versioni entry level raramente includono la connessione a database

NiceLabel

NiceLabel è un software affidabile e potente, utilizzato da milioni di utenti in tutto il mondo.

niceLabel

E’ strutturato in diversi livelli di complessità, partendo da un semplice pacchetto base di progettazione e stampa etichette fino alla versione Enterprise per una completa automatizzazione del processo di stampa.

Ha una libreria molto ampia di etichette di conformità per il settore farmaceutico, automobilistico, alimentare, chimico.

La versione Enterprise integra la gestione centralizzata della stampa, un sistema di stampa web e integra direttamente la stampa in SAP, Oracle e altre applicazioni aziendali.

NiceLabel viene continuamente aggiornato agli standard più recenti per assicurare la conformità alle normative vigenti.

Zebra Designer Pro

Il software ZebraDesigner viene fornito nella versione base insieme alle stampanti Zebra.

ZebraDesigner

La versione gratuita non offre alcuna connessione a database

E’ un software che gira solo su piattaforma Windows e lavora esclusivamente con le stampanti Zebra

La versione Pro, grazie a strumenti di progettazione facili da usare e procedure guidate, consente la realizzazione di etichette complesse, basate su dati fissi o variabili, in modo estremamente semplice ed intuitivo.

Le procedure di controllo del contenuto dei campi, di formattazione dell’etichetta, di generazione del codice a barre e di creazione di file modello sono state ottimizzate offrendo un vasto assortimento di funzionalità e strumenti in grado di soddisfare tutte le esigenze di produzione delle etichette.

ZebraDesigner Pro integra una serie gratuita di driver di stampa Zebra in grado di garantire ottime prestazioni e uno straordinario controllo sulle impostazioni delle stampanti Zebra

E’ inoltre possibile scaricare font, grafica e firmware.

BarTender

BarTender è stato il primo programma per Windows in grado di supportare sia le stampanti laser sia le stampanti industriali di etichette.

Con l’offerta del supporto RFID, stampa e codifica di smart card, potenti funzioni di disegno e una robusta suite di applicazioni di aiuto, BarTender è una soluzione di creazione e stampa completa.

E’ disponibile in diverse versioni per soddisfare qualsiasi esigenza sia applicativa che di budget.

E ‘una soluzione di stampa completa e potente e offre un supporto di stampa ricco di funzioni e procedure guidate:

 

Integra la stampa in SAP, Oracle e da altri database aziendali.

Codesoft

CODESOFT è una potente applicazione per la creazione di etichette per ambienti di etichettatura ad alta complessità.

codesoft

Dotato di un’interfaccia facile da usare, supporta oltre 100 simbologie di codici a barre. Ha una capacità di integrazione con database complessi e altri sistemi aziendali e costituisce una soluzione avanzata per la creazione di etichette con codice a barre o RFID.

Disponibile con motore di stampa, configurazioni autonome e di rete, CODESOFT è progettato per soddisfare qualsiasi esigenza  di etichettatura. Consente di gestire beni e risorse, controllare canali di distribuzione e livelli di magazzino, monitorare documenti o gestire record di dati.

Si integra con i più diffusi gestionali e ERP aziendali

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivimi una mail

cristina@acsistemisrl.com

oppure CONTATTACI


Approfondisci

5 problemi frequenti sulla stampa a trasferimento termico: come prevenirli

Etichette trasparenti: una soluzione elegante ed economica

Facebookgoogle_plus

Stampanti di etichette industriali Zebra ad alte prestazioni

Facebookgoogle_plus

In questo articolo parliamo di stampanti industriali Zebra ad alte prestazioni. Focalizzeremo la nostra attenzione su:

  • caratteristiche che le distinguono
  • quando utilizzare una stampante di etichette ad alte prestazioni
  • settori di utilizzo
  • modelli
ZEBRA ZT600
ZEBRA ZT600

Le stampanti industriali di etichette ad alte prestazioni si differenziano dalle più diffuse stampanti industriali mid-range per la costruzione meccanica ed elettronica.

La progettazione con materiali robusti e affidabili garantisce carichi di lavori ad alta intensità, fino a 24 ore al giorno e 7 giorni su 7

Caratteristiche che le distinguono:

  • Il telaio e gli altri componenti della struttura in metallo sono molto robusti e resistenti per supportare sollecitazioni per un utilizzo estremo e durevole nel tempo.
  • Motori, cinghie e tutti i meccanismi di stampa sono costruiti con materiali che assicurano ottima affidabilità e resistenza all’ usura
  • Le testine e i rulli siliconati di lunga durata riducono i costi di sostituzione e le interruzioni operative.
  • I comandi di apertura\ chiusura e di regolazione testina sono costituiti da componenti in metallo e non in plastica per garantire oltre alla robustezza anche un’ottima qualità di stampa di etichette molto piccole ad alta risoluzione.
  • Il sistema di raffreddamento termico integrato elimina le aperture di ventilazione e le ventole di raffreddamento, bloccando l’ingresso della polvere e delle particelle per garantire una stampa senza problemi anche negli ambienti più difficili

Approfondisci

Stampanti di codici a barre: quale scegliere?


Quando utilizzare una stampante di etichette ad alte prestazioni:

  • Grandi volumi di stampa dove non è possibile utilizzare più postazioni di stampa per frazionare il carico del lavoro
  • Operatività 24 ore al giorno e 7 giorni su 7
  • Ambienti ostili e polverosi
  • Ottima qualità di stampa ad alta risoluzione 600 dpi con un’altezza minima delle etichette pari a 3 mm

stampa etichette piccole dimensioni

Settori di utilizzo:

  • Linee di produzione
  • Trasporti e logistica
  • Farmaceutico
  • Automobilistico
  • Alimentare
  • Qualsiasi settore dove è richiesta una produttività intensa

Modelli:

Zebra ha prodotto una nuova linea di stampanti high performance: la serie ZT600 erede della precedente serie Xi.

I modelli sono la ZT610 e la ZT620 che si differenziano per le risoluzioni disponibili e la larghezza di stampa

Zebra ZT610-620
Zebra ZT610 e ZT620

Caratteristiche principali della ZT600 per i modelli con larghezza di stampa da 4 pollici (104 mm) e da 6 pollici (168 mm)

caratteristiche serie ZT600

È possibile configurare la stampante in funzione delle specifiche esigenze applicative, avendo a disposizione due larghezze di stampa massima pari a 104 mm nella ZT610 e 168 mm nella ZT620 con risoluzioni differenti.

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

contatto-wordpress


Approfondisci

Stampanti industriali di etichette a confronto

 

Facebookgoogle_plus

5 problemi frequenti sulla stampa a trasferimento termico: come prevenirli

Facebookgoogle_plus

Le stampanti a trasferimento termico offrono prestazioni indiscusse sulla stampa del codice a barre: velocità, qualità di stampa, scelta di un gamma praticamente infinita dei materiali di stampa e costi vantaggiosi sono solo alcuni dei vantaggi offerti da questa potente e versatile tecnologia.


Approfondisci

Stampanti di etichette: vantaggi nell’utilizzo della tecnologia a trasferimento termico


Malgrado questa metodologia di stampa sia estremamente performante e adatta a qualsiasi applicazione è facile vedere codici a barre o bidimensionali con una scarsa qualità di stampa.

La maggior parte dei problemi sono da ricondursi ad un settaggio errato dei parametri della stampante e ad una poco accurata, se non assente, manutenzione dei dispositivi di stampa.

configurazione-stampante

Analizziamo i 5 problemi più frequenti che incidono sulla qualità di stampa

contrasto di stampa

  1.  Settaggio della temperatura di stampa

Affinché un codice a barre venga correttamente interpretato da un lettore è necessario avere un contrasto adeguato tra le barre scure e gli spazi bianchi. Se il contrasto è basso potrebbe essere necessario aumentare la temperatura di stampa ed eventualmente diminuire la velocità.

Diversamente se le barre sono troppe spesse e presentano delle macchie sul contorno o degli aloni, può essere che la temperatura sia alta e di conseguenza il nastro di stampa (ribbon) fonde troppo creando delle imperfezioni sulla stampa e di conseguenza la NON LEGGIBILITA’ del codice.

2. Manutenzione della stampante

Se si notano “macchie bianche” distribuite sui codici a barre, è possibili che sul rullo sia depositato uno strato di polvere o residui di materiale. Sui rulli siliconati all’interno della stampante possono depositarsi anche residui di colla: è necessario prevedere la pulizia dei rulli con scadenza periodica in funzione del volume di stampa, specialmente se si stampa in modalità termica diretta.

rullo siliconato
rullo siliconato

Manutenzione e pulizia sistematica della stampante evitano molti problemi legati alla qualità di stampa e allungano il ciclo di vita della testina.

Alcool e aria compressa rimuovono facilmente le impurità, come polvere e detriti.

Se l’etichetta presenta delle linee bianche verticali allora è possibile che alcuni dots della testina siano guasti: in questo caso bisogna procedere alla sostituzione della testina di stampa.

Testina con dots guasti
Testina con dots guasti

Approfondisci

Come allungare il ciclo di vita della testina di una stampante termica


3. Grinze sul nastro di stampa

Un nastro che forma delle grinze provoca delle righe diagonali non stampate, causando linee vuote nei codici a barre che potrebbero recare problemi nella lettura

Per prevenire le grinze, assicurarsi che il nastro sia caricato correttamente.

>> Sulle stampanti desktop per prevenire le arricciature del ribbon è opportuno utilizzare un nastro di stampa leggermente più largo dell’etichetta: ad esempio se devo stampare un’etichetta larga 70 mm è corretto utilizzare un nastro largo 80 mm, mentre un ribbon largo 110 mm potrebbe produrre fastidiose increspature

Grinze sul nastro di stampa
Grinze sul nastro di stampa

>> La maggior parte delle stampanti di etichette di classe industriale sono dotate di barre di regolazione della pressione della testina di stampa e della tensione del nastro, che permettono un controllo accurato delle forze esercitate sui supporti di stampa.

Inoltre la pressione della testina deve essere uniformemente distribuita lungo l’intera larghezza del supporto (etichetta o cartellino)

4. Abbinamento errato tra ribbon ed etichetta o cartellino

Esistono diversi tipi di inchiostro, le tipologie principali sono cera, cera resina o resina: la selezione è funzione del materiale su cui si deve stampare e della tenuta di stampa che si vuole ottenere.

L’abbinamento corretto tra etichetta e ribbon garantisce la perfetta qualità di stampa, in base ovviamente alle esigenze applicative.

L’utilizzo di un nastro cera su un’etichetta sintetica (come polipropilene o polietilene) comporta una pessima adesione dell’inchiostro sull’etichetta, che tenderà facilmente a sbiadire. Viceversa, utilizzare un nastro resina su un’etichetta in carta potrebbe comportare una stampa con poco contrasto e rappresenta una scelta economicamente inefficiente

ribbon ed etichetta incompatibili
ribbon ed etichetta incompatibili

5. Impostazione errata della larghezza di stampa

L’impostazione errata della larghezza dell’etichetta o del cartellino comporta una stampa decentrata o tagliata. Questo, oltre ad avere una conseguenza poco piacevole sul layout dell’etichetta, può causare problemi sulla lettura del codice a barre.

frase

Verificare quindi che sul driver sia impostato il valore esatto della larghezza.

Nelle stampanti industriali dotate di pannello di controllo verificare che la larghezza coincida con il valore impostato sul driver.

Per le stampanti guidate con i comandi diretti verificare che i comandi inerenti la larghezza dell’etichetta siano esatti

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande o ti occorre aiuto contattaci

cristina@acsistemisrl.com

Telefono 06.55302591

www.acsistemisrl.com


Potrebbe interessarti

Cause frequenti di codici a barre illeggibili

Facebookgoogle_plus

Dispensatore elettronico di etichette: quando utilizzarlo

Facebookgoogle_plus

Il dispensatore elettronico di etichette è un dispositivo per l’etichettatura manuale su linee o tavoli di confezionamento.

Rappresenta la soluzione ottimale per velocizzare l’operatore nel prelievo dell’etichetta che deve applicare sulla confezione.

dispensatore elettronico di etichette
dispensatore elettronico di etichette

Come Funziona

Questo dispositivo separa parzialmente e in modo automatico l’etichetta dal supporto, facilitando l’operatore nel prelevare l’etichetta: velocizza i tempi rispetto ad una operazione manuale che in alcuni casi, in funzione del materiale, può rivelarsi difficoltosa.

Quando utilizzarlo

Il dispensatore è un dispositivo robusto e molto resistente, viene utilizzato quando le etichette da applicare sul prodotto sono tutte identiche, prestampate e di quantità elevate.

dispensatore automatico etichette

Caratteristiche

Esistono in commercio prodotti capaci di spellicolare etichette fino ad una larghezza di 21 cm e con diametro esterno del rotolo di 30 cm.

Il dispensatore può essere utilizzato con etichette in rotolo o a pacchetto, etichette con tacca nera sul retro o interspazio.

Se vuoi ottimizzare il tuo confezionamento, chiamaci allo 06.55302591 e ti configuriamo il dispensatore più idoneo alla tua applicazione


Approfondisci sul nostro sito

Dispensatori di etichette


Hai domande? Scrivimi una mail

 Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito www.acsistemisrl.com

Facebookgoogle_plus

Nastri a trasferimento termico colorati: la scelta giusta per differenziare

Facebookgoogle_plus

Il trasferimento termico è la tecnologia di stampa più diffusa per la stampa del codice a barre.

Con il trasferimento termico si producono etichette e cartellini resistenti, è possibile stampare su un’ampia varietà di materiali, sia in carta che sintetici con il vantaggio di produrre solo le quantità necessarie, evitando stock di magazzino spesso inutilizzati.

nastri a trasferimento termico
nastri a trasferimento termico

La metodologia a trasferimento termico utilizza il calore della testina di stampa per fondere un nastro inchiostrato, detto ribbon, che trasferisce l’inchiostro sul materiale da stampare (etichette, cartellini, film flessibili, materiale tessile). L’unico vincolo di questa versatile tecnologia è di produrre una stampa monocromatica e spesso un’etichetta bianca con sovrastampa nera è monotona e non cattura l’attenzione

Quando il trasferimento termico si combina con il colore si ottiene un potente strumento di stampaetichetta con ribbon colorati

Con i nastri a trasferimento termico colorati è possibile realizzare etichette che uniscono alla vitalità del colore, la velocità di stampa, la qualità, la resistenza ed un concreto risparmio economico del costo stampa rispetto ad altre tecnologie


Approfondisci

Stampanti di etichette: vantaggi nell’utilizzo della tecnologia a trasferimento termico


La distinzione attraverso l’uso di un’etichetta colorata, poiché ha un impatto visivo immediato, facilita qualsiasi operazione di differenziazione e di identificazione.


video-icon

 

Guarda il video

 

 


Come i ribbon neri, i nastri colorati sono disponibili in cera, cera-resina o resina per adattarsi ai diversi materiali di stampa, sia cartacei che sintetici.

Prima dell’acquisto è’ importante verificare che le specifiche tecniche del nastro siano compatibili con i modello di stampante in uso:

  • qualità: cera, cera-resina o resina in funzione della tipologia del materiale da stampare e del ciclo di vita dell’etichetta
  • larghezza e altezza del nastro: la larghezza deve essere poco più grande dell’etichetta o del cartellino che dobbiamo stampare per evitare la formazione di grinze sul ribbon
  • inchiostrazione interna o esterna
  • anima interna e diametro massimo esterno

ribbon colorati contatti

L’utilizzo di nastri colorati per la stampa a trasferimento termico consente di evidenziare le informazioni stampate e catalizzare l’attenzione di chi guarda in alcune applicazioni specifiche:

  • Etichettatura di merce non conforme
  • Differenziazione dell’inventario
  • Etichettatura scaffali magazzino: il colore semplifica il flusso operativo
  • Settore alimentare: etichettatura prodotti in scadenza
  • Magazzino: una scelta strategica del colore è un’ottima opzione per assicurarsi che le etichette sui prodotti siano facilmente distinguibili da altre etichette non correlate.

I settori e le applicazioni che possono beneficiare di un’etichetta colorata sono innumerevoli ma quando devi stampare un codice a barre assicurati che la scelta dei colori garantisca la corretta scansionabilità del codice.

Scannable-Color-Combinations

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande o ti occorre aiuto contattaci

cristina@acsistemisrl.com

Telefono 06.55302591

www.acsistemisrl.com


Potrebbe interessarti

Etichette trasparenti: una soluzione elegante ed economica

Facebookgoogle_plus

pazzi per l'identificazione!!!