Archivi tag: etichette adesive

COME PROGETTARE LE ETICHETTE PER CONTENITORI DI FORMA IRREGOLARE

L’uso di contenitori di forma irregolare rende il prodotto visivamente interessante e più accattivante.

Tuttavia, quando si tratta di etichettare contenitori dalla forma particolare, ci sono alcuni fattori da tenere in considerazione per progettare l’etichetta giusta, che aderisca bene e che sia coerente con la sagoma del contenitore.

etichette di forma irregolare

Qualsiasi contenitore con una forma particolare richiede la progettazione di etichette personalizzate con dimensioni e forma che si adattino perfettamente ai contorni del prodotto.

Quali fattori devi considerare per progettare l’etichetta perfetta?

LA FORMA DEL CONTENITORE

Il primo fattore è la forma del contenitore che determina a sua volta la forma e le dimensioni dell’etichetta da applicare.

La progettazione dell’etichetta giusta in questo caso richiede più creatività, impegno e tempo.

Devi decidere se l’etichetta dovrà coprire l’intero contenitore o parte di esso.

etichetta per contenitori irregolari

Ricorda che le curve e gli angoli rappresentano aree difficili da etichettare, specialmente se il materiale dell’etichetta è rigido. Infatti, la rigidità del materiale può causare il sollevamento dell’etichetta dalla superficie prima che l’adesivo esplichi la sua forza. In questo caso si deve optare per un materiale più flessibile o un adesivo più tenace.

Un professionista esperto potrà proporti diverse soluzioni in funzione della forma del contenitore e delle informazioni che devi stampare sull’etichetta.

Inoltre, la progettazione del layout deve considerare altri tre fattori, a volte trascurati, ma fondamentali:

  • che le informazioni vengano stampate in modo leggibile, per instaurare un rapporto di fiducia e trasparenza con il consumatore che desidera essere informato
  • che si tenga conto del modello della stampante con cui si andranno a stampare le etichette per assicurarsi che la forma e la dimensione progettata sia idonea ad essere stampata con la stampante in uso
  • che si tenga conto del metodo di applicazione dell’etichetta sul contenitore

SCEGLIERE IL MATERIALE GIUSTO

L’altro fattore importante da considerare prima di progettare un’etichetta personalizzata è il tipo di materiale da utilizzare.

Una volta che hai deciso se la tua etichetta coprirà l’intero contenitore o parte di esso, dovrai scegliere un materiale che aderisca perfettamente al contenitore.

etichette adesive per bottiglie

La flessibilità e l’adesivo del materiale scelto influisce sulla tenuta e l’aderenza dell’etichetta al contenitore.

Attenzione che l’utilizzo di materiali speciali può creare problemi se le etichette vengono applicate con un applicatore automatico.

SCEGLI UN’ETICHETTA PIÙ PICCOLA

Per evitare il fastidio di progettare etichette di forme stravaganti per adattarle al contenitore, è possibile semplicemente utilizzare un’etichetta più piccola che non accentui o segua i contorni del contenitore.

In questo caso l’etichetta verrà semplicemente posizionata al centro del contenitore, evitando qualsiasi problematica legata alla stampa e all’applicazione di forme irregolari.

Tuttavia, in questo caso devi tener conto che stai lavorando con spazi ridotti sull’etichetta e se avessi molte informazioni da stampare questa potrebbe non essere l’idea migliore.

Non a caso, la maggior parte dei piccoli produttori preferisce confezionare i propri prodotti in contenitori con forme tradizionali poiché sono facili da etichettare.

etichette per bottiglie

Peraltro, le forme particolari fanno risaltare maggiormente i prodotti allineati sugli scaffali tra una moltitudine di colori e forme poiché catturano immediatamente l’attenzione dei consumatori.

ASSICURATI DI PROGETTARE UN’ETICHETTA LEGGIBILE

È importante assicurarsi di utilizzare un carattere con dimensioni leggibili.

Se ti accorgi di rendere tutto più piccolo per adattarti alle dimensioni e alla forma dell’etichetta, riconsidera il layout e analizza i punti dove puoi condensare, abbreviare o rimuovere testo aggiuntivo.

SINGOLA ETICHETTA O PIU’ ETICHETTE?

Per seguire la forma del contenitore puoi pensare di realizzare una singola etichetta oppure più etichette per la parte anteriore o posteriore del prodotto,

etichette adesive personalizzate

La progettazione di due o più etichette ti consente di separare il marchio e la grafica sul fronte da elementi di dimensioni inferiori come ingredienti, istruzioni, tabella nutrizionale, che potrai applicare sul retro.

FORMA DELL’ETICHETTA

La forma della tua etichetta può sicuramente aiutare ad attirare l’attenzione sul tuo prodotto.

È possibile ordinare etichette di qualsiasi forma personalizzata che comporterà un costo aggiuntivo una tantum.

Come alternativa si potrebbe scegliere un’etichetta trasparente con forma standard e creare una forma personalizzata utilizzando un colore di sfondo e una grafica che si armonizzi con la sagoma del contenitore.

Ci sono diverse possibilità per creare l’etichetta che si adatta perfettamente al tuo contenitore: se vuoi un consiglio contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito   

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

Perché devi rinnovare la grafica delle tue etichette

Con il tempo i gusti e le preferenze dei consumatori cambiano.

Quello che ha funzionato fino ad oggi potrebbe non funzionare domani.

La competizione è sempre più alta, i trend di mercato mutano velocemente e si è costantemente alla ricerca di idee nuove e creative per attirare l’attenzione degli acquirenti.

Mantenere un design obsoleto delle etichette è un aspetto che influisce negativamente sul marchio.

etichette adesive personalizzate

MANTIENI AGGIORNATA LA GRAFICA DELLE TUE ETICHETTE

Progettare una nuova etichetta non significa che devi completamente modificarla, ma può essere sufficiente aggiornare la grafica per donare al prodotto un aspetto rinnovato e attraente.

Se vuoi cambiare look alle tue etichette devi avere un piano che si adatti alle modifiche che vuoi apportare.

La fretta è sempre cattiva consigliera e potrebbe avere un impatto negativo sulle vendite.

Prenditi del tempo per:

  • fare un’analisi delle ultime tendenze sull’etichettatura
  • studiare attentamente cosa stanno facendo i tuoi concorrenti, se alcuni di essi hanno implementato dei cambiamenti nel loro aspetto e scopri come hanno influito sulla loro attività
  • se stai cercando si esplorare nuovi mercati, sperimenta layout originali per reinventare l’aspetto del tuo prodotto
etichette per bottiglie personalizzate

SPERIMENTA E RENDITI AUTONOMO

Per sperimentare nuove soluzioni di etichettatura a costi contenuti puoi investire su una stampante di etichette a colori che ti permette di testare immediatamente la grafica sulla tua confezione e apportare immediati cambiamenti dove sia necessario.

Approfondisci

Puoi utilizzare la stampante a colori per creare etichette personalizzate per mercati e segmenti di pubblico differenti.

Se la tua etichetta è monocromatica puoi acquistare una stampante di etichette a trasferimento termico, veloce, economica, capace di stampare su una vasta gamma di materiali adatti a qualsiasi esigenza operativa.

Approfondisci

NON DELUDERE I CONSUMATORI

I consumatori discriminano i prodotti in base al loro aspetto.

Tra i tanti prodotti allineati sugli scaffali, scelgono quello che è più attraente e ignorano i prodotti noiosi e con aspetto ordinario.

Il tuo prodotto deve distinguersi, deve attirare l’attenzione del consumatore in pochi secondi e quindi è necessario afferrare questa opportunità attraverso un

  • layout unico
  • un design curato
  • un contenuto leggibile, chiaro e trasparente

Come progettare un’etichetta efficace?

DAI INFORMAZIONI SEMPLICI E CHIARE

I clienti oggi pretendono di essere ben informati.

Quando si progetta un’etichetta, utilizza un linguaggio semplice e non sovraccaricare il contenuto di informazioni che potrebbero creare confusione. Attenersi solo ai contenuti che si desidera sottolineare e che caratterizzano i punti di forza del tuo prodotto.

etichette come creare una grafica accattivante

Focalizza l’attenzione solo sugli elementi che determinano la scelta del tuo prodotto rispetto ad altri

Approfondisci

CREA UN DESIGN COERENTE

Il design dell’etichetta deve essere coerente e indurre sia emozione che interesse.

Non è possibile ottenere un’etichetta accattivante se gli elementi di design sono ovunque.

Se si desidera creare un tono serio, considera colori scuri o altri colori forti insieme a un design all’avanguardia.

etichette adesive eleganti

Per un’atmosfera divertente e giovanile, usa colori pastello e una grafica moderna.

Utilizza la psicologia del colore per attrarre il tuo target di riferimento.

Lo stesso concetto vale per la scelta di elementi di design per prodotti di genere specifico. Per consentire ai consumatori di connettersi con il tuo prodotto, è necessario trasmettere chiaramente il messaggio che vuoi comunicare.

UTILIZZA LE IMMAGINI PER COMUNICARE

Le immagini che utilizzi per il layout grafico devono evocare le caratteristiche del prodotto.

I consumatori dovrebbero essere in grado di “annusare” il profumo o “assaggiare” il prodotto semplicemente guardando l’etichetta.

etichetta per i prodotti cosmetici
etichetta per i prodotti cosmetici

È importante pensare a modi innovativi per trasmettere informazioni importanti usando le immagini.

TROVA LA SOLUZIONE DI STAMPA PIU’ ADATTA ALLE TUE ESIGENZE

Trova un partner esperto che possa guidarti nel migliore processo di stampa che sia idoneo alle tue specifiche esigenze.

Affidati a figure professionali competenti che possano aiutarti nella scelta della soluzione:

  • adatta alle tue esigenze
  • economicamente vantaggiosa
  • affidabile

Ti occorrono etichette prestampate?

Vuoi stampare in autonomia e ti occorre aiuto per scegliere la stampante giusta?

Vuoi rinnovare la grafica delle tue etichette?

Contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Stampanti di etichette: come scegliere il materiale di consumo

L’utilizzo di materiali di consumo sbagliati può provocare il guasto della testina di stampa, l’interruzione del processo di stampa o il rallentamento della produttività dovuta ad etichette poco leggibili che devono essere ristampate.

Direct Thermal Labels

Per effettuare un acquisto corretto è necessario partire da una conoscenza di base dei materiali di consumo disponibili per le stampanti di etichette in funzione della metodologia di stampa.

In questo articolo ci occuperemo della scelta del materiale di consumo per le stampanti termiche e a trasferimento termico, anche se le caratteristiche descritte possono essere estese a qualsiasi metodologia di stampa

METODO DI STAMPA: TRASFERIMENTO TERMICO O TERMICO DIRETTO?

La prima distinzione da definire è il metodo di stampa che può essere:

TERMICO DIRETTO, quindi senza nastro di stampa direttamente su un’etichetta termica

TRASFERIMENTO TERMICO, attraverso l’utilizzo di un nastro di stampa (ribbon)

stampanti a trasferimento termico

Il metodo di stampa utilizzato determina la classificazione di base del materiale che può essere termico, quindi sensibile al calore della testina e stampabile direttamente oppure a trasferimento termico cioè stampabile attraverso l’utilizzo di un nastro di stampa, chiamato anche ribbon.

MODELLO DELLA STAMPANTE

Le specifiche di confezionamento dei supporti variano in funzione del tipo di stampante utilizzata.

Se si utilizzano etichette in rotolo è necessario tenere in considerazione i seguenti parametri:

Diametro interno del rotolo di etichette. Solitamente le misure sono da 76 mm, 40 mm, 45 mm, 25 mm o 19 mm.

In linea generale le stampanti industriali hanno un’anima interna del rotolo da 76 mm, le stampanti desktop da 25 mm, le stampanti portatili da 19 o 25 mm

Diametro esterno del rotolo di etichette. Il diametro esterno massimo è un valore che deve essere sempre specificato al fine di garantire che la bobina di etichette possa essere comodamente alloggiata all’interno della stampante.

Anche questo è un valore che dipende dal modello di stampante utilizzata.

Comunemente i valori di riferimento sono

  • Industriale = 203 mm
  • Desktop = 127 mm
  • Portatile = 46 mm–67 mm

Larghezza dell’etichetta

Ogni stampante è caratterizzata da una larghezza minima e massima di stampa.

Tutti questi valori devono essere sempre specificati, altrimenti si rischia di effettuare un acquisto di rotoli di etichette non idonei per il tipo di stampante che si utilizza.

RESISTENZA

Se l’etichetta subisce sollecitazioni o sfregamenti è necessario scegliere un materiale che mantenga inalterate le sue caratteristiche.

etichette adesive

A cosa deve resistere il materiale utilizzato?

Resistenza agli agenti chimici, come detergenti, oli, benzina, alcool, etc.

Resistenza alla luce

I raggi UV e la luce fluorescente provocano un rapido scolorimento della stampa

Resistenza alle abrasioni

Il contatto e lo sfregamento deteriorano la stampa e compromettono la leggibilità delle etichette.

Esistono materiali resistenti in grado di conservare l’integrità della stampa anche quando sono sottoposti all’azione di sostanze chimiche, luce e sollecitazioni meccaniche

AMBIENTE

L’esposizione ad un determinato ambiente definisce il tipo di materiale e di adesivo che può essere utilizzato.

etichette per l'esterno

Esistono materiali per l’interno, per l’esterno ma in condizioni riparate e materiali speciali che resistono ad applicazioni esterne con esposizione alla pioggia, al sole, a condizioni climatiche avverse

SUPERFICIE DI APPLICAZIONE DELL’ETICHETTA

Il tipo di superficie su cui deve essere applicata l’etichetta determina la scelta dell’adesivo più idoneo

Superficie curva o piana?

Alcuni materiali sono più flessibili e possono adattarsi più agevolmente di altri sulle superfici curve

ETICHETTE SETTORE ELETTRONICO

Superficie liscia o irregolare?

La conformazione della superficie determina l’aderenza iniziale e la tenuta che deve avere l’adesivo

Su quale materiale deve aderire l’etichetta? Plastica, metallo, cartone?

Il materiale su cui deve essere applicata l’etichetta determina il tipo di adesivo, alcune superfici di applicazione hanno bisogno di un adesivo più aggressivo di altre.

Per scegliere l’etichetta giusta per la propria applicazione è fondamentale valutare correttamente tutti i parametri sopra elencati.

In sintesi, i fattori che influiscono sulla scelta del materiale sono

  • Superficie di applicazione
  • Temperature estreme, sia calde che fredde
  • Resistenza alle abrasioni, agli agenti chimici, ai detergenti
  • Ambiente interno o esterno
  • Durata dell’etichetta

QUALITA’ DEI MATERIALI UTILIZZATI

Utilizzare materiali di qualità certificata e costante assicura una serie di vantaggi a lungo termine:

Costi di gestione minori: materiali scadenti influiscono sull’usura e sui guasti della testina di stampa.

La sostituzione prematura della testina di stampa rappresenta un costo non trascurabile

testina id stampa per stampanti termiche

Efficienza del processo di stampa: la qualità costante del materiale di consumo non costringe ad effettuare regolazioni sulla temperatura o sulla pressione della testina quando si cambia il rotolo se si usa lo stesso tipo di materiale

Maggiore produttività: lo stesso lavoro richiede meno tempo se le etichette stampate sono tutte uguali, aderiscono correttamente e sono chiaramente leggibili durante tutto il ciclo di vita dell’etichetta.

Se ti occorre aiuto e vuoi un consiglio sul materiale adatto alle tue esigenze contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Approfondisci

Etichette: adesivo permanente, rimovibile o riposizionabile?

Quando bisogna scegliere l’etichetta giusta per la propria applicazione un aspetto spesso trascurato è la scelta dell’adesivo.

Esistono molti tipi di adesivo e la selezione di quello più idoneo alle proprie esigenze richiede la conoscenza delle proprietà di base.

In questo articolo approfondiamo le caratteristiche di 3 categorie principali:

etichette adesive
  • adesivo permanete
  • adesivo rimovibile
  • adesivo riposizionabile

All’interno di queste macro-categorie gli adesivi hanno proprietà differenti per adattarsi alla specifica applicazione.

ADESIVO PERMANENTE

Molte realtà che stampano etichette spesso optano per adesivi permanenti standard poiché sono più economici e funzionano bene per la maggior parte delle applicazioni di etichettatura.

Un adesivo permanente forma un legame forte, come suggerisce il nome permanente, con la superficie su cui è applicato. Se si tenta di rimuovere un’etichetta con adesivo permanente si rischia di danneggiare l’articolo, l’etichetta o entrambi.

etichetta con codice a barre

ADESIVO RIMOVIBILE

Se si utilizza un adesivo rimovibile, è possibile rimuovere l’etichetta dopo l’applicazione senza danneggiare l’oggetto.

Le etichette con adesivo rimovibile sono ideali per essere applicate su tutti gli articoli su cui non si vuole lasciare traccia dell’etichetta o su etichette per vendite promozionali e offerte a tempo limitato.

È importante tenere in considerazione che le fluttuazioni di temperatura e umidità possono influenzare la caratteristica di rimovibilità e l’adesività complessiva dell’etichetta.

L’adesivo rimovibile è più costoso e per questo poco utilizzato in contesti dove il suo utilizzo avrebbe degli indiscussi vantaggi.

etichette adesive per ambienti difficili

Vi sarà capitato molte volte di acquistare oggetti etichettati con un adesivo permanente la cui rimozione ha richiesto una fastidiosa perdita di tempo per eliminare i residui di colla.

Quando è utile l’impiego di un’etichetta rimovibile?

In tutte quelle situazioni in cui l’etichetta riporta informazioni che devono rimanere sull’oggetto per un periodo limitato di tempo un’etichetta rimovibile è la soluzione giusta.

ADESIVO RIPOSIZIONABILE

Gli adesivi riposizionabili sono solitamente progettati per la rimovibilità a breve termine e consentono all’utente di applicare nuovamente o riposizionare le etichette.

Gli adesivi riposizionabili possono essere utili per chi applica etichette a mano perché, ad esempio, sarà facile correggere un’etichetta applicata male su un contenitore e riapplicarla senza compromettere l’adesione.

L’adesivo riposizionabile può diventare permanente nel tempo, in un tempo variabile dipendente dalla formulazione dell’adesivo utilizzato

PROPRIETA’ COMUNI DEGLI ADESIVI CHE DOVRESTI CONOSCERE

Le etichette adesive anche se classificate secondo la medesima tipologia possono avere proprietà variabili e quindi prestazioni differenti.

Vediamo quali sono le caratteristiche che si dovrebbero conoscere per avere un’etichetta conforme a specifiche esigenze.

etichette per detergenti e cosmetica

RESISTENZA AI SOLVENTI, AI DETERGENTI E A SOSTANZE CHIMICHE

Se l’etichetta viene applicata su superfici esposte a solventi e a detergenti è necessario un adesivo con una formulazione apposita che possa resistere alle sostanze chimiche senza perdere la sua aderenza.

INTERVALLO DI TEMPERATURA

Ogni adesivo ha un range specifico di temperatura di servizio entro il quale mantiene inalterate le sue proprietà. Se l’etichetta verrà esposta a temperature elevate o ad ambienti freddi e umidi è necessario utilizzare adesivi idonei alle temperature di lavoro.

Ad esempio, a temperature molto fredde l’adesivo cristallizza e si irrigidisce perdendo il suo potere adesivo.

Anche le temperature elevate compromettono la forza adesiva.

ESPOSIZIONE AI RAGGI UV

Le etichette esposte ai raggi UV per periodi prolungati perdono la forza adesiva, pertanto se l’etichetta verrà esposta ad ambienti esterni bisogna scegliere un materiale adatto

ETICHETTE SETTORE ELETTRONICO

TACK INIZIALE

Con tack iniziale si intende la forza di tenuta immediata dell’adesivo a contatto con la superficie specifica.

Se il tack iniziale è basso si otterrà un’etichetta adesiva con poca adesione appena applicata che quindi potrà essere rimossa in modo pulito.

Gli adesivi con un tack iniziale forte mostrano immediatamente una forte adesione e si legano alla superficie molto più rapidamente.

Gli adesivi con una bassa adesività iniziale aumentano l’adesione nel tempo (etichette riposizionabile).

Quelle elencate rappresentano alcune delle caratteristiche di base degli adesivi.

Scegliere l’adesivo corretto per applicazioni specifiche richiede un’analisi accurata di tutti i fattori che influenzano le performance di adesione.

Affidarsi all’esperienza di professionisti è la soluzione più indicata per non trovarsi con una soluzione di etichettatura inutilizzata.

Telefono 06.51848187

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Scegliere il font perfetto per la tua etichetta

Nessuna etichetta è completa senza un font che contraddistingua il prodotto su cui è applicata.

I font sono un elemento essenziale quando si crea un’etichetta prodotto.

Sono la “voce” della tua etichetta e rappresentano il primo strumento di comunicazione con il consumatore. Attraverso un insieme di caratteri trasmetti le informazioni del tuo prodotto e quindi è determinante la scelta del tipo e delle dimensioni del font utilizzato.

Con la scelta del carattere giusto puoi sviluppare con maggiore successo la personalità del tuo prodotto e del tuo brand.

Ci sono migliaia di font disponibili sia gratuiti che a pagamento tra cui scegliere per disegnare un’etichetta creativa.

In questo articolo analizziamo i fattori principali che dovresti prendere in considerazione quando selezioni un carattere per il layout della tua etichetta.

I font hanno personalità, possono essere sofisticati, divertenti, giovani, vecchi, semplici e lineari o sfarzosi.

La selezione di un font specifico darà al consumatore una precisa percezione del tuo prodotto e quindi influenzerà la scelta del tuo bene.

Se vendi un prodotto sofisticato e utilizzi un carattere giocoso, quale sarà la sensazione che evocherà il tuo prodotto? Certamente comunichi una dissonanza tra il tuo prodotto ed il carattere utilizzato per informare il tuo potenziale acquirente.

Font Serif o Sans Sarif?

La distinzione di base tra tutti i tipi di caratteri è tra font Serif o Sans Serif

Font Serif

Uno tra i più diffusi font Serif è il Times New Roman.

I caratteri Serif hanno i “piedi”, cioè le lettere sono delimitate da linee perpendicolari. I tratti dei font serif creano per l’occhio una linea da seguire rendendoli più facili da leggere. Per questo motivo vengono spesso utilizzati per testi lunghi.

font per  etichette adesive

Font Sans Serif

L’Arial è uno tra i più famosi font Sans Serif.

I caratteri sans serif presentano le estremità delle lettere nette e diritte. Questo semplifica i singoli caratteri, rendendoli più facili da riconoscere.

I caratteri sans serif sono ottimi per i bambini e sono diffusamente impiegati nei testi visualizzati sugli schermi in quanto hanno una resa più nitida. Hanno uno stile più moderno e dinamico, ma non dovrebbero essere esclusi se questo non è il tuo target di destinazione.

etichette adesive

I caratteri serif sono utilizzati principalmente per rappresentare la tradizione, mentre i sans serif presentano un aspetto più contemporaneo.

Per rendere il processo di ideazione più facile all’inizio di ogni progetto di design devi decidere se vuoi trasmettere un’atmosfera più moderna oppure più classica.

Sebbene la scelta del font sia determinata da un gusto personale è utile ragionare su alcune considerazioni oggettive prima di progettare il layout dell’etichetta

Quale prodotto stai etichettando?

Un font perfetto per una marmellata fatta in casa potrebbe non essere la scelta più indicata per l’etichetta di un sofisticato profumo.

etichette prodotto

Analizzare le tendenze del tuo settore è un ottimo modo per capire cosa è in stile e aiutarti a decidere il font che meglio definisce il tuo prodotto.

A chi è destinato il tuo prodotto?

Restringere il tuo target demografico ti aiuta a determinare quale font dovresti usare. Se vendi un prodotto destinato ai bambini un font giocoso e divertente sarà più pertinente e attirerà facilmente l’attenzione del tuo piccolo acquirente.

Quando scegli un carattere devi relazionarti con il tuo pubblico e rendere la tua etichetta attraente per il tuo target.

etichette per vino e olio

Tieni presente che il carattere corretto parlerà nella lingua del pubblico di destinazione. Il font deve rappresentare lo stile atteso dal pubblico a cui è destinato.

Quale è il messaggio che vuoi trasmettere?

Devi utilizzare i caratteri per un logo, per una rappresentazione iconica oppure per comunicare istruzioni o informazioni?

Utilizza un font pulito e chiaro per aumentare la possibilità che le persone leggano con facilità le informazioni stampate sulla tua etichetta.

Dove stai utilizzando il tuo font?

Conoscere le limitazioni di un font può aiutarti a selezionarlo oppure a escluderlo per il tuo progetto.

Molti tipi di carattere non sono web safe, quindi se desideri trasferire in un secondo momento il carattere nel tuo sito Web evita i caratteri particolari e utilizza solo caratteri web safe.

Il font che hai scelto è facilmente leggibile?

La leggibilità è l’aspetto primario di un’etichetta ben progettata.

La leggibilità è un fattore oggettivo legato alla struttura grafica del carattere e che tiene conto dello spessore, della spaziatura tra i caratteri e dell’interlinea.

Il corpo del testo è la parte del tuo layout che deve essere più leggibile.

Per verificare se il font che hai selezionato è leggibile, imposta la stampa sulla dimensione che vuoi utilizzare e verifica che le informazioni possano essere lette senza difficoltà rispettando il ritmo naturale di lettura.

I consumatori di oggi sono attenti e informati, se il tuo messaggio non è facilmente leggibile passeranno ad un altro prodotto.

In quale punto della tua etichetta posizioni il font?

Se hai già uno sfondo carico di immagini o texture, usa la semplicità nel testo.

Diversamente se il fondo della tua etichetta è libero esplora font decorativi e intricati.

Con quale risoluzione stampi la tua etichetta?

Fai attenzione alla qualità di stampa: se stampi a bassa risoluzione font con linee molto sottili o terminazioni particolari non offriranno un buon risultato.

Quale è il materiale della tua etichetta?

Anche il materiale che utilizzerai per stampare l’etichetta incide sulla scelta del font più adatto.

etichette adesive

Un materiale lucido o sintetico ha una resa differente da un’etichetta in carta. Se utilizzi un materiale molto assorbente utilizza caratteri più lineari e con pochi dettagli per aumentarne la leggibilità.

Utilizza il contrasto

L’utilizzo di caratteri a contrasto crea un immediato impatto visivo.

Il modo migliore per creare il contrasto è utilizzare il carattere sans serif per il titolo e un font serif per le informazioni di prodotto, soprattutto perché i caratteri serif rendono più agevole la lettura di testi lunghi.

Devi progettare una nuova etichetta?

Chiamaci se desideri un consiglio o sei vuoi approfondire tecnologie e materiali di stampa

Telefono 06.51848187

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Etichette: come progettare dimensioni forma e contenuto

Per ottenere la migliore percezione visiva del tuo prodotto quando è allineato sullo scaffale insieme a tanti altri prodotti simili, è importante utilizzare un’etichetta ben fatta che conquisti l’attenzione del consumatore.

Il segreto di una etichetta professionale ben progettata è nella scelta del design e del materiale in modo che si adatti perfettamente al contenitore su cui è applicata.

etichette personalizzate

Grinze, rigonfiamenti, bordi scollati, superficie dell’etichetta corrugata sono errori che incidono negativamente sull’immagine del tuo prodotto e quindi della tua azienda.

L’etichetta inoltre deve essere applicata in modo impeccabile per creare un packaging curato e attraente.


Approfondisci

applicatore di etichette per contenitoriAPPLICATORI DI ETICHETTE PER SUPERFICI CILINDRICHE: SOLUZIONI MANUALI & SEMI-AUTOMATICHE

Per garantire un abbinamento perfetto tra il contenitore e l’etichetta il primo passo è determinare la dimensione corretta dell’etichetta.

Prendere le misure può essere una delle parti più critiche del processo. Basta qualche millimetro in eccesso o in difetto affinché l’etichetta non si adatti perfettamente creando grinze o rigonfiamenti.

Una misura accurata è fondamentale non solo per la confezione ma anche se si utilizzano stampanti di etichette e applicatori.

Misurazione delle dimensioni dell’etichetta per diversi tipi di contenitori

Le bottiglie e i contenitori sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, spesso variano da un produttore all’altro. Il tipo di contenitore che hai scelto avrà un ruolo significativo nel determinare le dimensioni esatte dell’etichetta. Questo è il motivo per cui è importante avere il tuo contenitore reale disponibile quando si effettuano le misurazioni.

Prima di determinare la dimensione e la forma giusta dell’etichetta che ti occorre, dovrai determinare quali sono i fattori che potrebbero influenzare la misura e la forma dell’etichetta. Questi possono includere:

  • Dimensioni e forma dell’imballaggio
  • Informazioni da stampare
  • Grafica o loghi
  • Le tue preferenze

Dimensioni e forma del packaging

Alcuni contenitori hanno forme asimmetriche e irregolari che possono causare il corrugamento o il distacco dell’etichetta.

etichette per superfici irregolari

È sempre meglio scegliere l’imballaggio prima dell’etichetta. Se si utilizza un design dell’etichetta prima di scegliere il packaging si corre il rischio che l’etichetta non si adatti perfettamente o che la forma non rispecchi il contenitore.

Inoltre, è imperativo sapere quali materiali utilizzerai per imballare i tuoi prodotti in modo che l’adesivo o il processo di applicazione corretti possano essere utilizzati senza problemi nella fase di applicazione.


Approfondisci

etichette con codice a barreETICHETTE: COME SCEGLIERE IL MATERIALE GIUSTO

Ad esempio, se si utilizza un contenitore di plastica è bene conoscere il tipo di plastica. Alcuni adesivi e materie plastiche “non vanno d’accordo” e questo può determinare il sollevamento dell’etichetta dal contenitore.

Informazioni obbligatorie e opzionali da stampare sulle etichette

Prima di impegnarsi a progettare il layout dell’etichetta, è necessario conoscere tutte le informazioni che dovranno essere stampate sull’etichetta.

Se dovrai stampare sull’etichetta anche data e lotto di produzione considera gli spazi necessari da riservare a queste informazioni variabili.

Applicatore di etichette con marcatore per stampa data e lotto

È opportuno in questa fase analizzare con quali dispositivi stamperai i dati variabili (marcatori a getto d’inchiostro o stampanti a trasferimento termico) analizzando la praticità, la velocità e il risultato di una seconda fase di stampa.

Se devi stampare il codice a barre devi porre particolare attenzione alle dimensioni e alle quite zone che devono essere rispettate per garantire la leggibilità del codice da qualsiasi dispositivo di lettura. Attenersi allo standard della famiglia per avere un risultato ottimale.

QUIET ZONE codice a barre
QUIET ZONE

Tutte le informazioni stampate devono avere un carattere che sia facilmente leggibile dall’utente, specialmente per le informazioni obbligatorie è rispettare la normativa che regola l’etichettatura del settore specifico

Grafica o loghi

Se si dispone di un’immagine o di un logo specifici per l’etichetta, è necessario assicurarsi che le misure dell’immagine si adattino alla confezione del prodotto.

La scelta di grafiche e loghi di grandi dimensioni può occupare spazio necessario per contenuti, ingredienti, dati nutrizionali o qualsiasi altra informazione che desideri aggiungere all’etichetta. Pertanto, quando si progetta la dimensione e la forma dell’etichetta è necessario considerare lo spazio riservato alla parte grafica.

Le tue preferenze

Prima di decidere le dimensioni dell’etichetta, considera quale dimensione e forma desideri che abbia la tua etichetta. Avere un’idea in mente può aiutare la progettazione dell’etichetta che vuoi sia applicata al tuo prodotto per renderlo come tu desideri. Con l’aiuto di un professionista potrai scegliere il materiale e la forma più adatta per la realizzazione del packaging perfetto.

Hai domande? Ti occorre un consiglio?

Contattaci

Telefono 06.51848187

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Approfondisci

etichette per alimenti e conserveETICHETTE PER IL CALDO, IL FREDDO, SOLVENTI E SOSTANZE CHIMICHE: COME IDENTIFICARE IL MATERIALE GIUSTO

Etichette: come scegliere il materiale giusto

Scegliere il materiale dell’etichetta idoneo per la propria applicazione non sempre è un’impresa facile.

Una comune etichetta di carta non funziona su tutte le applicazioni perché:

  • può deteriorarsi se esposta a detergenti e solventi o condizioni climatiche avverse
  • la stampa può scolorire
  • può scollarsi dalla superficie di applicazione

Analizziamo 6 domande che ci aiutano a identificare il materiale adeguato al ciclo di vita dell’etichetta

  1. A quale temperatura applicherai l’etichetta?

A temperatura ambiente, la maggior parte delle etichette si applica senza problemi.

Però in un magazzino freddo e umido o a temperature estremamente alte gli adesivi si comportano diversamente.

Ogni materiale è caratterizzato da una temperatura di esercizio che ci assicura che il materiale utilizzato conserva inalterate le proprie caratteristiche.

etichette a trasferimento termico

Ci sono etichette che operano in range di temperatura differenti, da -40°C a + 50°C,da  -18°C a 82°C, da -54°C a 93°C e  così via.

Se utilizziamo una comune etichetta in carta dobbiamo tener presente che la gamma dei materiali in carta e molto vasta e ognuna avrà uno specifico range di servizio di cui bisogna tenere conto se operiamo in condizioni climatiche differenti dalla temperatura ambiente

Quindi ogni materiale è caratterizzato da determinate specifiche operative: approfondire il ciclo di vita dell’etichetta è vitate per trovare una soluzione di etichettatura vincente


Approfondisci

Etichette per il caldo, il freddo, solventi e sostanze chimiche: come identificare il materiale giusto

  1. Quale è la superficie di applicazione?

Se le etichette vengono applicate su imballi di cartone o su materiali porosi con superficie regolare un comune adesivo acrilico funzionerà bene.

Se le etichette dovranno essere applicate su una carta lucida, su una superficie in plastica o in PET o su una superficie irregolare o cilindrica è necessario verificare la flessibilità del materiale e le prestazioni dell’adesivo.

rimozione etichette

Se ad esempio dobbiamo etichettare i cespiti aziendali, costituiti da una vasta gamma di beni eterogenei (sia per forma che per composizione) è necessario individuare un materiale che si adatti a qualsiasi superficie e che mantenga la sua aderenza anche su forme irregolari, porose o molto lisce


Approfondisci

Etichette per cespiti: quale materiale utilizzare per una tracciabilità durevole nel tempo

Se ‘etichettatura deve essere fatta su superfici deformabili è consigliabile l’utilizzo di un materiale plastico estremamente versatile con una grande adattabilità meccanica dotato di adesivo tenace in modo che possa mantenere l’aderenza anche in caso di flessione o deformazione alla superficie di applicazione.

 etichette birra

  1. A cosa deve resistere l’etichetta?

Olio, detergenti, solventi, superfici sporche e polverose devono essere etichettate con materiali e adesivi adeguati a garantire la conservazione di tutte le caratteristiche: adesività, leggibilità dei dati, integrità del materiale.

In molte situazioni è necessario tenere in considerazione il contenuto della superficie di applicazione.

Se il contenuto è un prodotto cosmetico o un detergente, è preferibile utilizzare un film sintetico come il polipropilene, il poliestere o il PVC, protetto da uno strato di laminazione. Utilizzare un materiale sintetico eviterà che eventuali gocce o fuoriuscite del prodotto danneggino l’etichetta.

L’aggiunta di una patinatura superiore può migliora  la stampabilità dell’etichetta e la protegge dall’ambiente circostante, ad esempio da umidità, agenti chimici o dall’abrasione.

Se dal contenitore possono fuoriuscire gocce di liquido è necessario utilizzare un materiale impermeabile: un’etichetta deteriorata non solo è una pessima pubblicità per l’azienda produttrice ma è anche fuori norma perché non assicura la leggibilità delle informazioni obbligatorie per tutto il ciclo di vita del prodotto

etichette resistenti e indelebili

 

  1. A quali condizioni sarà esposta l’etichetta dopo che è stata applicata sul prodotto? Quanto dovrà durare?

Quando si seleziona il materiale è fondamentale tenere in considerazione il ciclo di vita dell’etichetta

L’etichetta di un prodotto che andrà nel frigorifero o nel freezer sarà diversa da un’etichetta che andrà in un magazzino a temperatura controllata.

Se l’etichetta viene applicata su un prodotto conservato a temperatura ambiente, in un luogo pulito ed asciutto un materiale standard dotato di un comune adesivo permanete andrà benissimo.

Ma se la condizione operativa non è questa dovrai considerare attentamente la giusta combinazione tra materiale dell’etichetta, adesivo, metodologia di stampa.

Esistono adesivi e materiali speciali per qualsiasi condizione operativa, per basse temperature, per il gelo, per il calore elevato.

Se devi applicare l’etichetta su una bottiglia di vino, considera che dovrà resistere a condizioni operative ostili e a forti escursioni termiche: dalla temperatura ambiente, all’immersione in secchi di ghiaccio per essere raffreddata

etichette per le schede elettroniche

Analogamente se devi applicare l’etichetta su retro di un PC o su un circuito elettronico bisogna usare materiali come il poliestere con adesivo specifico resistente a temperature elevate.

 

  1. Quale è il colore del contenitore? Di che colore è il prodotto all’interno?

Un contenitore bianco si presta facilmente a qualsiasi soluzione di etichettatura sia bianca che colorata.

Ma se il tuo contenitore o il prodotto all’interno è colorato è possibile che influenzi i colori dell’etichetta.

Si dovrà decidere l’aspetto estetico che si vuole ottenere e in funzione del materiale scelto garantire che le informazioni rimangano chiaramente leggibili. Se utilizziamo etichette trasparenti assicuriamoci che l’informazione mantenga il contrasto necessario a garantire una buona leggibilità dei dati

applicatore di etichette per superfici piane

 

  1. Come applicherai le etichette?

Se l’applicazione è manuale, il materiale dell’etichetta e il rivestimento sono meno preoccupanti rispetto ad un’applicazione automatica.

Gli applicatori automatici di etichette hanno dei requisiti specifici in relazione al materiale da applicare.

Non tutti materiali possono essere spellicolati da un applicatore automatico di etichette, inoltre materiali molto flessibili e adesivi tenaci devono essere testati e verificati sullo specifico applicatore

Composizione etichetta adesiva

 

Le etichette sono costituite da tre strati principali: il rivestimento (con o senza patinatura superiore), l’adesivo e il supporto.

La scelta del materiale idoneo presuppone il corretto accoppiamento di questi tre strati secondo determinati requisiti richiesti dall’applicazione. La giusta combinazione di questi tre strati determina una soluzione definitiva e vincente per prolungare la durata delle etichette

Ing. Cristina Urbisaglia

Andrea Capponi

 

Hai domande?  Contattaci

cristina@acsistemisrl.com

andrea@acsistemisrl.com

Telefono 06.55302591

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Etichette adesive: 5 errori frequenti da evitare

Per creare il layout e stampare etichette che abbiano un aspetto accattivante e comunicativo e che siano funzionali per l’applicazione specifica è utile seguire alcune linee guida che ci aiutano ad evitare alcuni degli errori più frequenti

etichette adesive personalizzate

ERRORE N° 1: SCELTA DEL MATERIALE PIU’ ECONOMICO

Il vantaggio principale nella stampa di etichette personalizzate con una stampante a trasferimento termico è la varietà di materiali di consumo disponibili. Scegliere il materiale più economico, a prescindere dal tipo di applicazione, non è il modo migliore di procedere, sia dal punto di vista delle prestazioni che per un fattore estetico.

È possibile scegliere un materiale economico se si deve stampare un’etichetta con un ciclo di vita molto breve, come un’etichetta di spedizione.

Per tutte le altre applicazioni è fondamentale selezionare il materiale idoneo e che meglio funzionerà con lo specifico processo di etichettatura.


Approfondisci

Etichette per ogni applicazione

Ci sono etichette per qualsiasi situazione: per il caldo o temperature freddissime, resistenti ai solventi e ai detergenti, per ambienti esterni, per l’inventario, etc.

ERRORE N° 2: PENSARE CHE QUALSIASI ADESIVO FUNZIONERA’

Esistono decine di tipologie differenti di adesivo. La caratteristica dell’adesivo è un parametro fondamentale per garantire che l’etichetta si comporti come richiesto.

L’adesivo va selezionato in funzione di 3 parametri:

  • Tipologia del materiale
  • Forma della superficie di applicazione
  • Ciclo di vita dell’etichetta

Chi acquista etichette spesso non prende in considerazioni una serie di fattori che garantiscono un’etichettatura di successo

etichette adesive per marmellate

Le principali caratteristiche da valutare per una scelta idonea dell’adesivo sono:

  • temperatura operativa
  • ambiente, applicazione all’interno o all’esterno
  • materiale della superficie di applicazione: legno, plastica, metallo, etc.

Pensare che un adesivo permanente generico possa essere facilmente applicato su legno o gomma è un grave errore

Alcune applicazioni richiedono un adesivo removibile, che una volta rimosso non lascia alcuna traccia sulla superficie di applicazione, mentre in altri contesti è necessario un adesivo con un forte tack iniziale per un’adesione immediata sul prodotto.

Ad esempio, sulle provette viene spesso utilizzato un adesivo in base gomma che garantisce una buona aderenza per tutto il ciclo di vita della provetta

Esistono adesivi che lavorano bene in determinati range di temperatura, sia per temperature molto basse come quelle dei frigoriferi, dei freezer o nelle applicazioni criogeniche che elevatissime fino a 595°C e oltre, utili nei processi di cottura o in applicazioni che prevedono il passaggio del prodotto in forno


Approfondisci

ERRORE N°3: NON AVERE ANCORA IL CONTENITORE DOVE ANDRA’ APPLICATA L’ETICHETTA

Progettare un’etichetta prima di aver scelto il contenitore del prodotto e la superficie di applicazione equivale a farsi fare da un sarto un abito senza le misure. L’etichetta scelta, nella sua forma e nel materiale selezionato, deve adattarsi perfettamente al contenitore.

Lavorare con forma e dimensioni approssimative può creare problemi in seguito nella progettazione del layout che dovrà essere ridimensionato e adattato alla specifica etichetta

In funzione del prodotto si avranno diverse opzioni di fustellatura da valutare. Il prezzo delle etichette è strettamente dipendente dalle dimensioni e dal materiale scelto, pertanto partire dal contenitore è un ottimo inizio.

etichette per bottiglie di forma particolare

Un contenitore cilindrico, come una bottiglia, avrà più opzioni di scelta, sarà più versatile da etichettare perché qualsiasi forma e dimensione dell’etichetta sarà facilmente adattabile

Un contenitore di forma unica e particolare ha più probabilità di catturare l’attenzione del cliente, ma richiederà una progettazione accurata della forma dell’etichetta, ma anche della fase di applicazione dell’etichetta. Un’etichetta applicata a mano darà sempre un risultato poco professionale

ERRORE N° 4: SOVRALAMINAZIONE

Non tutte le etichette hanno bisogno di una finitura lucida e protettiva. La disponibilità di materiale adatti a qualsiasi applicazione può evitare di fare una sovralaminazione dell’etichetta. Alcuni materiali per le etichette sono già prodotti con uno stato protettivo che salvaguarda l’etichetta e preserva l’integrità dei dati stampati da esposizioni aggressive.

Però in alcune situazioni la scelta della finitura giusta può aiutare non solo a proteggere l’etichetta, ma anche a migliorarne l’aspetto estetico.

etichette resistenti acqua e umidità

Etichette che devono resistere all’umidità o all’abrasione oppure esposte al sole, possono aver bisogno di una finitura laminata per ottenere performance eccezionali e per mantenere la brillantezza dei colori nel lungo periodo.

Quindi è essenziale instaurare una comunicazione chiara ed esaustiva con il fornitore di etichette per scegliere una soluzione che sia definitiva e priva di problemi

ERRORE N°5: PROGETTARE LA GRAFICA DELLE ETICHETTE SENZA COMPETENZE

Per progettare un layout accattivante, che tenga conto delle informazioni del prodotto, garantendo leggibilità ma al contempo curando la parte grafica occorrono competenze professionali specifiche.

Se il design dell’etichetta è semplice, magari ha solo un logo, va benissimo creare il layout da soli. Ma quando bisogna progettare grafica, testi e colori l’aiuto di un professionista che tenga conto della risoluzione, dei margini corretti, delle zone di taglio e che generi un file vettoriale che possa essere ridimensionato secondo le necessità senza perdere di qualità è un’eventualità da prendere in considerazione


Approfondisci

Etichette adesive trasparenti: opache o lucide?

Creare etichette personalizzate è relativamente semplice: bisogna creare un design e stamparle.

Ma ottenere una soluzione di etichettatura vincente cioè produrre etichette con un’ottima qualità di stampa, che aderiscano perfettamente al prodotto e che siano anche esteticamente piacevoli può essere una storia diversa, specialmente se non si ha una conoscenza tecnica adeguata.

È importante concedersi il tempo necessario per fare un’analisi dei requisiti dell’applicazione e richiedere l’aiuto di persone qualificate che possano guidarci verso una scelta adeguata e priva di errori. Valutare i molteplici materiali disponibili, i costi e la grafica condurrà ad un risultato efficace e definitivo

Ti occorre aiuto? Scrivimi una mail

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

 

Etichette e cartellini per la tracciabilità del metallo e dell’acciaio

Gli ambienti di produzione e trasformazione dei metalli richiedono per l’identificazione e la tracciabilità soluzioni di etichettatura durevoli nel tempo, resistenti a temperature molto elevate e all’aggressività degli acidi e sostanze abrasive utilizzate per la pulizia.

Le etichette sono costituite da tre strati principali: il rivestimento (con o senza patinatura superiore), l’adesivo e il supporto (la siliconata posteriore dal quale le etichette vengono staccate).

 Rivestimento

Le etichette possono essere in materiale sintetico o cartaceo, con o senza patinatura superiore. La patinatura superiore può essere aggiunta per migliorare la stampabilità dell’etichetta o per proteggerla dall’ambiente circostante, ad esempio da umidità, agenti chimici o dall’abrasione.

etichette in poliestere argento per ambienti esterni
etichette in poliestere argento per ambienti esterni

Adesivo

Sono disponibili vari tipi di adesivi, selezionabili in base alla destinazione finale dell’etichetta.

  • Adesivo permanente
  • Adesivo removibile, che può essere rimosso senza danneggiare la superficie su cui è applicata l’etichetta
  • Adesivo speciale, ad esempio per temperature molto alte o molto basse, per superfici irregolari, High Tack con potente presa iniziale, etc

La valutazione dell’etichetta corretta va effettuata selezionando il rivestimento e l’adesivo idoneo per l’applicazione specifica.

etichette per acciao
etichette per acciao

Questi materiali altamente specializzati sono stati sviluppati per consentire di monitorare e rintracciare i prodotti in tutte le fasi della catena di approvvigionamento: dal processo di produzione fino alla esposizione prolungata nei cantieri o nei magazzini della distribuzione.

Materiali sintetici come il poliestere, la poliammide, il polietilene e il polipropilene sono indicati per soddisfare gli elevati requisiti prestazionali e qualitativi richiesti dall’aumento della temperatura utilizzata

Le speciali proprietà adesive consentono l’applicazione manuale o automatica a seconda dell’esigenza.

I materiali di consumo e le stampanti devono avere caratteristiche industriali, appositamente studiati e   progettati per gli ambienti di  lavoro impegnativi.

Le etichette spesso devono aderire a prodotti esposti a polvere e sporcizia o su superfici ruvide e quindi necessitano di un adesivo molto tenace.

Facciamo una panoramica su diversi tipi di materiali, analizzandone le specifiche tecniche, la temperatura di applicazione e la temperatura di esercizio. Tutti i materiali descritti sono stampabili a trasferimento termico

ETICHETTE

Etichette Z-Ultimate 3000T , il rivestimento è in poliestere lucido con temperatura di servizio da -40° a +150°. La stampa deve essere effettuata a trasferimento termico con ribbon resina. L’adesivo può essere permanente, High-Tack ad alta tenuta per superfici difficili o removibile.

Z-Supreme 3000T, etichetta in poliammide lucida con ottima resistenza ai solventi e a temperature fino a 350°

Z-Supreme 4000T, etichetta in poliammide lucida con ottima resistenza ai solventi e a temperature molto elevate, fino a 575°

8000T All-Temp etichetta in carta speciale a trasferimento termico con adesivo permanente resistente ad un ampio intervallo di temperature da -40 a +93 °C, è il materiale ideale per tutte quelle applicazioni soggette ad una temperatura variabile

Settori di utilizzo tipici: etichettatura di conformità, etichettatura di semilavorati,

etichetta per acciaio e metalli

PolyE 4000T Matte High Tack, etichetta in polietilene bianca opaca con adesivo permanente ad alta tenuta per l’etichettatura di superfici difficili. Ideale per l’etichettatura di superfici oleose, unte o umide. Offre una temperatura di esercizio da -20 a +60°C

 Z-Xtreme 4000T White, etichetta in poliestere bianca opaca con adesivo acrilico, offre una straordinaria resistenza agli agenti chimici se stampata con nastro resina.

Temperatura di esercizio da -40 a + 150°C

Settori di utilizzo: tracciabilità dei beni; etichettatura di componenti; etichettatura di classificazione; etichettatura per il settore automobilistico

8000T Ultra High-Tack Matte, etichetta in poliestere bianca opaca con adesivo forte ad alta tenuta applicabile a qualsiasi superficie.

Temperatura di esercizio da -40 a + 150°C

Settori di utilizzo: tracciabilità dei beni; etichettatura di apparecchiature industriali; etichettatura di superfici in tessuto, plastica, metallo, legno e cemento


Approfondisci sul nostro sito alla sezione

http://www.acsistemisrl.com/etichette.html

OPPURE

Richiedi un preventivo on-line


8000T ESD Gloss, etichetta in poliestere lucida, antistatica con adesivo permanente resistente alle alte temperature. Adesivo e rivestimento ESD per la dispersione dell’elettrostaticità

Temperatura di esercizio da -40 a + 100°C

Settori di utilizzo: applicazioni che richiedono resistenza alle scariche elettrostatiche; schede a circuiti stampati, unità disco e altri componenti elettronici sensibili

ALU 60 WHITE TOP S8093 BG50WH etichetta adesiva in alluminio stampabile a trasferimento termico. Ha un’alta resistenza all’abrasione e ai solventi. Resiste a temperature fino a +375 °C

etichetta in alluminio
etichetta in alluminio

 

CARTELLINI – ETICHETTATURA NON ADESIVA

 8000T Tuff 190 Tag cartellino in poliolefina bianco, resistente allo strappo e utilizzabile in applicazioni esterne fino a 2 anni.

Temperatura di esercizio da -57 a + 93°C

Z-Ultimate 4000T 175 Tag, cartellino in poliestere bianco lucido, con straordinaria resistenza a temperature fino a 200°.

Applicazioni: conservazione in ambienti esterni; prodotti immersi nell’acqua; semilavorati esposti ad alte temperature nel settore metallurgico

 

8000T Ultra Tuff 240 Tag , cartellino in polietilene multistrato, stampabile a trasferimento termico, estremamente resistente allo strappo, utilizzabile in applicazioni esterne fino a 2 anni

Temperatura di esercizio da -57 a + 93°C

Settori di utilizzo: applicazioni edilizie, tracciabilità prodotti stoccati in ambienti esterni

cartellino per metalli
cartellino per metalli

ALU TAG 175 WHITE TOP cartellino in alluminio stampabile a trasferimento termico con alta resistenza alle abrasioni e ai solventi. Resiste a temperature fino a +500°C

In applicazioni particolari è sempre consigliabile effettuare dei test per verificare che il materiale scelto soddisfi i requisiti specifici dell’applicazione

 

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande scrivici una mail

cristina@acsistemisrl.com

andrea@acsistemisrl.com


Articoli che potrebbero interessarti

Stampanti di codici a barre quale scegliere

Classificazione delle stampanti di etichette

Stampanti di etichette: guida alla scelta

Etichette: stampante laser o stampante termica?

Uffici, centri commerciali, laboratori, ospedali, industrie, ambienti di produzione spesso utilizzano un processo di etichettatura eccessivamente costoso, inefficiente e di mediocre qualità perchè stampano etichette adesive con stampanti laser o inkjet.

stampante laser
stampante laser

Esistono vantaggi indiscutibili  nell’utilizzo di una stampante a trasferimento termico o termico diretto per la stampa di etichette adesive con o senza il codice a barre, sia per per alti che per bassi volumi di stampa

 

 

Le stampanti laser sono veloci, offrono una buona qualità di stampa, possono stampare anche a colori , ma  sono progettate per la stampa di documenti e fogli, lavoro che svolgono in modo eccezionale.

stampante di etichette
stampante di etichette

Le stampanti laser possono ovviamente stampare anche etichette, usando fogli A4 prefustellati, ma questo compito lo svolgono in modo meno efficiente presentando diversi svantaggi:

  • Il costo di stampa della singola etichetta è alto
  • La qualità è bassa, caratteristica particolarmente evidente quando si deve stampare anche il codice a barre che a volte risulta illegibile con un comune lettore barcode. Produrre codici a barre di qualità leggibili richiede una copertura di inchiostro di circa il 50% in più e quindi il processo di stampa consuma più toner
  • Nel tempo l’adesivo sulle etichette si accumula all’interno della stampante degradandone le prestazioni

etichette in fogli
etichette in fogli

  • Le etichette per stampanti laser, disponibili nei negozi di forniture per l’ufficio, spesso non sono abbastanza resistenti per molte situazioni di etichettatura comune, in particular modo per esigenze di etichettatura specifiche, come ad esempio etichette per basse o alte  temperature, etichette per esposizione esterna, oppure resistenti agli agenti chimici o alle abrasioni, durevoli nel tempo con adesivo resistente a lungo termine, etichette epr contatto con gl alimenti o per surgelati

Approfondisci alla nostra sezione etichette tutti i materiali e le esigenze di etichettatura che puoi ottimizzare con una stampante termica http://www.acsistemisrl.com/etichette.html

  • Le stampanti laser sono ideate per stampare fogli, quindi quando si devono stampare 1-2 etichette non sono assolutamente convenienti perché iI resto del foglio viene sprecato e se comunque sarà  ricaricato per essere riutilizzato in seguito richiede una serie di passaggi aggiuntivi che fanno perdere tempo

Le stampanti inkjet hanno gli stessi vantaggi e limitazioni delle laser e un prezzo di acquisto più basso. Per quanto riguarda il codice a barre, la qualità di stampa non è consistente, in quanto incline a sbavature, striature e macchie che compromettono la leggibilità del codice

stampante inkjet
stampante inkjet

Diversamente la tecnologia di stampa termica diretta opera un controllo del calore della testina per imprimere il materiale di supporto che sarà ovviamente termico.

Ci sono materiali termici sia in carta che in materiale sintetico per applicazioni in cui viene richiesta una stampa più resistente alle temperature, agli agenti chimici e alle abrasioni. Nella stampa termica non si usa alcun tipo di inchiostro/nastro e la qualità di stampa è ottima.

Vantaggi:

  • Si stampa esattamente iI numero di etichette necessario, senza spreco di materiale

rotolo di etichette
rotolo di etichette

  • Supporto di una vasta gamma di etichette con varie tipologie di adesivi specifici per qualsiaisi applicazioni. E’ possibile stampare su carta , materiali sintetici, materiali composti, film, bracialetti ospedalieri con adesivi permanenti, removibili, riposizionabili, per temperature estremamente basse(fino a -196° per applicazioni in azoto liquido) o temperature molto elevate
  • Le stampanti  a trasferimento termico utilizzano il calore della testina per scaldare un nastro, detto ribbon, che trasferisce l’inchiostro sul supporto. Esistono diversi tipi di inchiostro, le tipologie principali sono cera, cera resina o resina, da scegliere in base al support su cui si deve trasferire ‘inchiostro.

L’abbinamento corretto tra etichetta/ribbon garantisce la qualità ottima di stampa, in base ovviamente alle esigenze dell’applicazione

ribbon
ribbon per il trasferimento termico

Le stampanti di etichette sono progettate per stampare etichette ed essendo specializzate in questo tipo di lavoro lo fanno meglio delle altre, anche il caricamento del materiale è intuitivo e veloce, non devo ogni volta ricordarmi il verso dei fogli, verso l’alto o iI basso, sopra o sotto

  • Hanno un ciclo di vita molto lungo
  • Tempo dedicato al servizio di assistenza e manutenzione minimo
  • Il costo del  materiale di consumo è inferiore
  • Gamma vastissima di materiali adatti a qualsiasi applicazione: spedizioni, logistica, sanità, catena del freddo,autoclave, processi di sterilizzazione, ambienti chimici, industriali, sanitari

Puoi approfondire l’argomento sulla scelta della stampante di etichette in questo articolo

http://www.acnet.it/2016/02/09/stampanti-di-etichette-guida-alla-scelta/

 

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande puoi scrivermi a cristina@acsistemisrl.com