Archivi categoria: stampanti di codici a barre

Come scegliere la stampante di etichette per il tuo magazzino

Le stampanti di codici a barre svolgono un ruolo essenziale nel funzionamento di un magazzino.

Sebbene le etichette con codici a barre non rappresentino una spesa significativa, i problemi legati all’etichettatura rallentano il flusso di merci in entrata e in uscita : senza etichette affidabili e facilmente scansionabili, la gestione dell’inventario e le operazioni della catena di fornitura possono fermarsi.

stampanti di etichette per magazzino
stampante desktop Honeywell

È quindi fondamentale selezionare il giusto tipo di stampante per le tue operazioni di magazzino.

Tra i modelli fissi sono disponibili due opzioni per la stampa di etichette con codici a barre:

  • stampanti desktop, di dimensioni ridotte per medi o bassi volumi di stampa 
  • stampanti industriali, più grandi, generalmente con una struttura in metallo, adatte agli ambienti più impegnativi e progettate per gestire elevati volumi di stampa

In  questo articolo analizziamo quali sono le opzioni da considerare nella scelta della stampante, oltre il prezzo.

Per i magazzini più piccoli che devono gestire  un volume di stampa medio (dalle 100 alle 500 etichette al giorno) e operano in un ambiente relativamente pulito e a temperatura controllata , le stampanti desktop funzionano perfettamente.

I modelli desktop sono generalmente meno costosi, in alcuni casi circa la metà del prezzo di una stampante industriale dello stesso produttore.

Per magazzini con volumi di stampa elevati e ambienti in cui la stampante è esposta a polvere, sporco o umidità, le stampanti industriali rappresentano la scelta più idonea.

Ma ci sono anche altri fattori da considerare prima di valutare il costo della stampante.

METODO DI STAMPA

Sia le stampanti desktop che industriali sono disponibili nelle versioni:

  • termica diretta
  • a trasferimento termico

Le etichette stampate a trasferimento termico sono più resistenti rispetto alle etichette termiche e disponibili in una gamma molto ampia di materiali per soddisfare qualsiasi esigenza applicativa: se ti occorre un’etichetta che duri nel tempo e conservi la leggibilità dei dati devi stampare a trasferimento termico!!!

Se hai bisogno di un’etichetta con una durata limitata, come ad esempio un’etichetta di spedizione o per i laboratori di analisi, puoi utilizzare stampanti termiche dirette.

Generalmente i modelli termici diretti sono più economici e più facili da utilizzare perché hanno come unico materiale di consumo le etichette, non utilizzano nastri, inchiostro o toner, ma richiedono etichette in carta termica, quindi soggette allo scolorimento e alla perdita di leggibilità  nel tempo.

DIMENSIONI DELLE ETICHETTE

Assicurati che la stampante supporti il formato di etichette che devi stampare.

Le stampanti supportano una larghezza minima  e massima di stampa.

Anche la minima altezza di stampa è un parametro che devi verificare se hai intenzione di utilizzare etichette molto piccole.

La maggior parte delle stampanti desktop sono da 2 o 4 pollici, il che significa che hanno una larghezza massima di stampa da 50 mm o 104 mm.

Le stampanti industriali sono disponibili anche con modelli da 6 e 8 pollici, quindi con larghezze di stampa fino a 200 mm.

Stabilire la massima larghezza di stampa e la minima altezza delle etichette che si utilizzeranno è   un punto di primaria importanza nella scelta del modello adatto alle proprie esigenze.

VOLUME DI STAMPA

Per applicazioni con volumi di stampa medio-bassi, fino a qualche centinaio di etichette al giorno, puoi utilizzare una stampante desktop.

Ma se devi stampare migliaia di etichette al giorno ti conviene utilizzare una stampante di classe industriale o semi-industriale che ti fornisce la robustezza, la velocità e la produttività adeguata al tuo volume di stampa.

Inoltre, strettamente correlata al volume di stampa è la grandezza del rotolo di etichette.

stampante di etichette industriale

Le stampanti industriali posso  alloggiare rotoli di etichette di dimensioni molto più grandi rispetti alle desktop, che significa meno cambi rotolo e meno fermi macchina: per operazioni di etichettatura ad alto volume questo si traduce  in un significativo risparmio di tempo.

DISPLAY DELLA STAMPANTE

La maggior parte delle stampanti desktop sono piccole e compatte e si basano sulla connettività a una rete o a un computer per generare etichette e per impostare i corretti parametri di stampa.

Diversamente, molti modelli industriali sono dotati di display touch a colori che semplificano la calibrazione e la modifica delle impostazioni sulla stampante senza la necessità di un PC.

Attraverso i display possono essere gestiti tutti i parametri di configurazione della stampante e  delle etichette, la risoluzione dei problemi più comuni  nonché la manutenzione di base della stampante.

VELOCITA’ DI STAMPA

Una stampante  desktop fornisce una velocità massima di stampa da 102 a 152 mm/sec in funzione del modello, una stampante industriale ha una velocità di stampa massima che può arrivare fino a  356 mm / sec.

Nei magazzini ad alto volume di stampa una velocità di stampa elevata ha un impatto diretto sulla produttività.

CONCLUSIONI

La stampa di codici a barre è un’attività mission-critical in un magazzino.

Oltre ai parametri sopra descritti, ci sono una serie di altre considerazioni necessarie a garantire un modello adatto alle tue specifiche esigenze.

La risoluzione di stampa, accessori come taglierina, spellicolatore, riavvolgitore, opzioni di connettività possono rendere il tuo lavoro più veloce e garantirti un flusso operativo efficace.

Prendersi il tempo necessario per selezionare la stampante giusta per il proprio ambiente e le esigenze dell’applicazione garantirà una maggiore produttività e la stampa di etichette conformi alle specifiche esigenze.

Ti consigliamo di non scegliere da solo, la vasta gamma di modelli e opzioni può confonderti, specialmente se non sei un esperto del settore.

Chiamaci, ti aiutiamo noi

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


STAMPANTI DI CODICE A BARRE TERMICHE O A TRASFERIMENTO TERMICO:QUALE È LA SCELTA MIGLIORE?

Le stampanti di codice a barre possono essere con tecnologia a  trasferimento termico oppure termica diretta.

In questo articolo vediamo la differenza fra le 2 tecnologie e quali sono i punti chiave da analizzare per effettuare una scelta idonea alla propria applicazione.

stampante Zebra industriale per codice a barre

La tecnologia

Nella stampa termica diretta gli elementi della testina termica sono a diretto contatto con il materiale dell’etichetta.

La stampa termica diretta deve quindi essere utilizzata con un’etichetta in materiale termico, cioè sensibile al calore della testina, il quale provoca un cambiamento di colore sul materiale per creare l’immagine stampata.

Al contrario, la stampa a trasferimento termico utilizza un nastro inchiostrato che scorre tra la testina di stampa e l’etichetta.

I nastri a trasferimento termico di qualità sono prodotti con un rivestimento posteriore che aumenta la durata della testina di stampa riducendo l’elettricità statica e l’attrito.

stampante a trasferimento termico

Questo è un vantaggio della tecnologia a trasferimento termico, del quale non è possibile usufruire nella stampa termica diretta  dove l’etichetta è in contatto diretto con la testina di stampa determinando una maggiore usura.

Nelle applicazioni termiche dirette, polvere e detriti che possono essere presenti sulle etichette sono a diretto contatto con la testina di stampa. Poiché questi materiali estranei vengono trascinati attraverso la testina di stampa, possono bruciare o danneggiare fisicamente gli elementi della testina con conseguente scarsa qualità di stampa o guasto prematuro della testina di stampa.

Anche nelle applicazioni di stampa a trasferimento termico può esserci del materiale estraneo, ma i detriti si fermano  tra l’etichetta e il nastro, quindi non entrano a diretto contatto  con gli elementi della testina, riducendo notevolmente l’usura della testina di stampa.

In generale, un’azienda dovrebbe prevedere che la testina di stampa termica diretta forniscano una durata prevista inferiore del 25% fino al  50% rispetto a una testina di stampa a trasferimento termico.

In funzione dei volumi di stampa, la differenza di costo può essere significativa e deve essere considerata nella scelta della tecnologia di stampa adatta alla propria applicazione

Configurazione e costi della stampante

Le stampanti a trasferimento termico hanno la capacità di stampare sia a trasferimento termico che in modalità termica diretta.

Le stampanti di etichette termiche dirette sono generalmente meno costose da acquistare perché non contengono l’hardware necessario per guidare e controllare il nastro di stampa. L’eliminazione dei componenti hardware di gestione del nastro si traduce anche in una stampante meno complessa con meno parti soggette a  consumo e quindi una riduzione dei costi di servizio e tempi di fermo macchina.

Inoltre, gli operatori non devono preoccuparsi delle impostazioni o delle regolazioni del nastro, con conseguente miglioramento dei tempi di attività e una maggiore efficienza.

nastro a trasferimento termico per stampante di codice a barre

Con un rotolo di nastro di dimensioni standard da 450 metri, solitamente alloggiato nelle stampanti di fascia industriale o semi-industriale,  si stamperanno circa 4.300  etichette alte 10 cm.

Quindi ogni 4.300 etichette dovrai sostituire il nastro di stampa, operazione che richiede all’incirca un paio di minuti per un operatore esperto.

Alcuni modelli di stampante presentano una grande capacità di etichette e bobine di nastro che riducono il tempo necessario tra i cambi di supporto e rendono le operazioni più efficienti.

Scelta e costi del materiale di stampa

La scelta dei supporti di stampa influisce direttamente sul costo delle etichette, sulla durata della testina di stampa, sulla velocità e sulla qualità di stampa.

Queste sono considerazioni fondamentali in quanto determinano i costi di mantenimento e gestione della stampante.

Nella stampa termica diretta la testina di stampa e l’etichetta sono in contatto diretto l’una con l’altra , pertanto, si genera un processo di sollecitazione diretta sulla testina .Se le etichette sono troppo abrasive, usurano prematuramente la testina di stampa con conseguente aumento dei costi di sostituzione.

testina stampante
sostituzione testina stampante

L’utilizzo  di un’etichetta termica diretta protetta (rivestita, con un substrato più liscio) è una soluzione migliore di un’etichetta “non protetta”. In ogni caso la scelta del materiale dell’etichetta può fare un’enorme differenza nella frequenza di sostituzione della testina di stampa.

In funzione del materiale utilizzato, si dovranno impostare valori specifici per la velocità e la temperatura di stampa per ottenere una buona qualità di stampa.

etichetta termica economica

In linea generale, è opportuno scegliere un materiale che riesca a soddisfare i requisiti di produttività riducendo al minimo l’impostazione del calore: devi trovare un buon fornitore che sappia opportunamente consigliarti in base alle tue specifiche necessità.

Quando si confrontano i costi diretti associati alla selezione dei supporti, è necessario confrontare il costo delle etichette a trasferimento termico più il nastro con il costo delle etichette termiche dirette.

Eliminando l’uso del nastro si elimina ovviamente il costo associato al nastro. Tuttavia, il costo più elevato delle etichette termiche dirette rispetto alle etichette a trasferimento termico generalmente compensa il costo del nastro.

Requisiti di durata dell’etichetta

Il requisito relativo alla durata delle etichette condiziona la scelta tra un’etichetta termica o a trasferimento termico: le etichette stampate con metodo termico diretto hanno una durata inferiore rispetto alle etichette stampate a trasferimento termico.

Se le informazioni sull’etichetta devono essere leggibili per un periodo di tempo indeterminato l’unica scelta che garantisce lunga vita alla stampa è il trasferimento termico.

Al contrario, se il prodotto ha una vita breve nella catena di fornitura e non è esposto a condizioni ambientali difficili, la stampa termica diretta potrebbe essere una buona scelta.

I requisiti normativi per la riservatezza delle informazioni sono un’altra area che influisce sull’uso di supporti termici diretti.

etichette antistatiche

Ad esempio, in ambito sanitario, la privacy del paziente può essere a rischio se le informazioni personali sono disponibili sul nastro a trasferimento termico utilizzato. Ciò ha portato a un maggiore utilizzo di supporti termici diretti per etichette applicate sulle provette  delle analisi del sangue o di altri campioni biologici e sui braccialetti per pazienti.

Conclusioni

Per scegliere la tecnologia giusta, se  non sei un esperto, devi affidarti a chi ha una vasta esperienza di tecnologie di stampa e  soprattutto di materiali di stampa.

Non esiste la scelta migliore, ma bisogna effettuare una selezione commisurata alle proprie esigenze: se vuoi parlane con noi!!!

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Stampante di etichette Toshiba B-FV4: piccola e potente

La stampante di etichette Toshiba Tec modello B-FV4 è stata progettata con una flessibilità che le permette di integrarsi in qualsiasi ambiente.

B-FV4 stampante di etichette
B-FV4 stampante di etichette

Design elegante, dimensioni compatte per entrare in spazi ristretti, è una stampante robusta e potente, con velocità di stampa fino a 152 mm/sec e riesce a gestire con facilità anche le più esigenti applicazioni di stampa

Stampa su etichette adesive, cartellini, tessuto non tessuto, è la soluzione perfetta per innumerevoli applicazioni

  • Etichette prodotto
  • Etichette spedizioni
  • Etichetta pallet
  • Frontalini per scaffali
  • Etichette campioni laboratorio
  • Etichette per magazzino
  • Etichetta per cespiti

La stampante B-FV4 è facile da  usare e gestire, il caricamento di etichette  e ribbon è veloce e semplice, inoltre le parti soggette ad usura come testine e rulli siliconati sono sostituibili dall’utente.


icone-video Come caricare nastri di stampa ed etichette


Rispetto alle stampanti della stessa classe, il modello a trasferimento termico B-FV4T offre una migliore efficienza operativa perché può alloggiare nastri di stampa con lunghezza da 300 mt, richiedendo meno interventi per la sostituzione del ribbon

Toshiba-B-FV4T
Toshiba-B-FV4T

Una varietà di caratteristiche integrale ed opzionali offre una concreta versatilità per supportare un’ampia gamma di applicazioni

  • Metodo di stampa termico diretto o trasferimento termico
  • Risoluzione  203 o 300 dpi
  • Interfaccia di comunicazione USB, ETHERNET, seriale

Moduli Opzionali

  • Taglierina
  • Spellicolatore
  • Porta rotolo esterno

FUNZIONAMENTO SENZA PC

Ci sono applicazioni dove si ha l’esigenza di stampare un’etichetta senza l’uso del PC o di una connessione di rete per pilotare la stampante.

Collegando una tastiera programmabile dotata di display alla porta seriale della B-FV4 è possibile utilizzare la stampante in modo stand- alone.

stampante e tastiera
stampante e tastiera

La tastiera opportunamente programmata con una procedura guiderà l’operatore nell’inserimento dei dati da stampare come in questo esempio

Come stampare un’etichetta senza pc

video  Stampare etichette senza PC

La versatilità e le caratteristiche di questo modello di stampante di etichette la rendono una soluzione economica ed efficace per una moltitudine di applicazioni

Ing. Cristina Urbisaglia

icone-mail

Hai domande? Scrivimi una mail 

 cristina@acsistemisrl.com

andrea@acsistemisrl.com

 

icone-assistenza

 

Per assistenza tecnica, configurazioni e parti di ricambio contattaci info@acsistemisrl.com

 

 

Stampanti di codici a barre: quale scegliere?

I codici a barre o i codici bidimensionali sono diventati parte integrante del nostro quotidiano, li troviamo ovunque, dai prodotti per la famiglia ai biglietti di un evento.

Le stampanti di codici a  barre, comunemente chiamate come stampanti di etichette, stampano su un’etichetta in carta o materiale sintetico, il codice a  barre più altre informazioni come testo e grafica.

PC43T con display
Intermec PC43T con display

I costruttori  di stampanti offrono una  panoramica molto vasta di modelli, ricchi di opzioni per soddisfare qualsiasi esigenza operativa e spesso selezionare il modello giusto per la propria applicazione non è una scelta banale. Frequentemente ci capita di vedere stampanti office in ambienti di magazzino impegnativi oppure stampanti industriali impiegate in applicazioni che richiederebbero un modello desktop o ancora stampanti con accessori o configurazioni inadatte alle proprie esigenze operative.

Cerchiamo di fare chiarezza nel vasto panorama delle tante offerte commerciali, analizzano i requisiti tecnici essenziali per effettuare una scelta corretta


Articoli correlati

STAMPANTI DI ETICHETTE: GUIDA ALLA SCELTA


1. TIPO DI STAMPANTE

Possiamo classificare le stampanti di codici a barre in tre macro categorie:

stampanti di codici a barre
stampanti di codici a barre

Stampanti Desktop

Ideali per volumi di stampa contenuti e dove gli spazi sono ristretti rappresentano una soluzione economica ma efficiente e versatile che risponde perfettamente a qualsiasi esigenza di etichettatura. Possono stampare su una grande quantità di materiali sia in carta che sintetici e sono disponibili sia con la tecnologia termica diretta che a trasferimento termico

Stampanti Industriali

stampanti mid-range
stampanti mid-range

le stampanti di classe industriale sono progettate per elevati volumi di stampa e per ambienti difficili. Hanno una struttura robusta in metallo che consente un’operatività prolungata nel tempo per applicazioni in ambienti di distribuzione, produzione e magazzino. Offrono velocità di stampa elevata e generalmente sono dotate di pannello di controllo che consente configurazione e manutenzione immediata senza l’utilizzo del PC

Stampanti Portatili

Le stampanti portatili sono utilizzate in quei settori dove è richiesta una postazione di stampa mobile. Hanno una struttura robusta per resistere alle eventuali cadute, alle vibrazioni e agli ambienti più ostili, dove polvere, pioggia, umidità sono frequenti


Approfondisci

LE STAMPANTI PORTATILI MIGLIORANO L’EFFICIENZA E LA PRODUTTIVITÀ: GUIDA ALLA SCELTA


2. TECNOLOGIA DI STAMPA

Le stampanti di codice a barre utilizzano la tecnologia  termica diretta o a trasferimento termico.

E’ importante valutare il metodo di stampa che si adatta meglio alle proprie esigenze di etichettatura

Analizziamo i vantaggi di entrambe le tecnologie

STAMPA A TRASFERIMENTO TERMICO

La stampa a trasferimento termico utilizza un nastro inchiostrato che con il calore della testina si fonde e trasferisce l’inchiostro sulle etichette.

VANTAGGI

Stampa nitida di codici a barre, testo e grafica

E’ possibile usare materiali che resistono a temperature altissime o molto basse, a detergenti chimici o condizioni climatiche avverse

Qualità di stampa superiore

Utilizzo di nastri di stampa colorati

STAMPA TERMICA DIRETTA

La stampa termica diretta utilizza il calore della testina per creare la stampa su un materiale termico che si scurisce con il calore.

VANTAGGI

Non richiede nastro inchiostrato per la stampa

Stampa nitida di codice a barre, testo e grafica

Basso costo di manutenzione


Approfondisci

STAMPANTE A TRASFERIMENTO TERMICO VS TERMICA DIRETTA: QUALE SCEGLIERE?


3.CONNETTIVITA’

Una volta identificato il modello e la tecnologia, valutare con attenzione le possibili opzioni di connessione disponibili, considerando le porte della configurazione base e i costi delle connessioni aggiuntive. In base al modello le interfacce di comunicazione sono:

  • USB, seriale e parallela
  • Ethernet
  • Bluetooth
  • WIFI

Attenzione: non tutti i modelli prevedono le interfacce sopra elencate, quindi è fondamentale assicurarsi che la stampante preveda l’opzione di connettività prescelta e soprattutto il costo

4.ACCESSORI

Ogni stampante può essere configurata con eventuali accessori necessari per lo specifico processo di stampa. Anche in questo caso è necessario porre attenzione sul costo opzionale, a volte non trascurabile.

accessori stampanti termiche
accessori stampanti termiche

Gli accessori di uso frequente sono:

  • Spellicolatore, accessorio che separa la parte siliconata posteriore dall’etichetta
  • Taglierina, strumento utile per supporti continui, ticket, ricevute
  • Riavvolgitore. Questo accessorio può essere parte integrante della stampante oppure può essere acquistato un riavvolgitore esterno. E’ impiegato in applicazioni ad  elevato volume di stampa

Approfondisci

RIAVVOLGITORI DI ETICHETTE: A COSA SERVONO E QUANDO SONO UTILI


Hai domande? Scrivimi una mail

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com