Tutti gli articoli di acsistemi

Da anni ci occupiamo di sistemi, prodotti e tecnologie per la tracciabilità e l’identificazione automatica. Amiamo l’innovazione tecnologica e l’opportunità di nuove sfide per mettere in campo la nostra esperienza e il desiderio di imparare continuamente qualcosa di nuovo….

Etichette per prodotti alimentari preconfezionati: come stamparle

La normativa vigente relativa all’etichettatura dei prodotti alimentari stabilisce che le etichette devono essere chiare e comprensibili per aiutare i consumatori che intendono effettuare scelte alimentari e dietetiche più consapevoli.

ETICHETTE SETTORE ALIMENTARE

Gli studi dimostrano che la buona leggibilità costituisce un elemento importante per far sì che l’informazione contenuta nell’etichetta possa influenzare positivamente il pubblico e che le informazioni illeggibili sul prodotto sono una delle cause principali dell’insoddisfazione dei consumatori nei confronti delle etichette alimentari.

Pertanto, per tener conto di tutti gli aspetti relativi alla leggibilità, compresi carattere, colore e contrasto, è opportuno dotarsi degli strumenti di stampa adeguati per produrre un’etichetta conforme alle normative vigenti  e assicurarsi che il consumatore finale comprenda facilmente le informazioni fornite sulle etichette.

Quali sono le informazioni obbligatorie da stampare sull’etichetta?

L’etichetta deve contenere le informazioni obbligatorie e può contenere informazioni facoltative. Le indicazioni obbligatorie sono molte e devono rispecchiare le caratteristiche del prodotto preconfezionato.

Le informazioni obbligatorie sono:

a) la denominazione dell’alimento;

b) l’elenco degli ingredienti;

c) qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico che provochi allergie o intolleranze usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata;

d) la quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti;

e) la quantità netta dell’alimento;

f) il termine minimo di conservazione o la data di scadenza;

g) le condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego;

h) il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare che commercializza l’alimento

i) il paese d’origine o il luogo di provenienza ove previsto

j) le istruzioni per l’uso, per i casi in cui la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento;

k) per le bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, il titolo alcolometrico volumico effettivo;

l) una dichiarazione nutrizionale

etichetta per prodotti preconfezionati

Dove posizionare le informazioni obbligatorie?

Le informazioni obbligatorie sugli alimenti preconfezionati devono apparire direttamente sull’imballaggio o su un’etichetta applicata sulla confezione.

Come devono essere presentate le informazioni obbligatorie?

Le informazioni obbligatorie sugli alimenti sono apposte in un punto evidente in modo da essere facilmente visibili, chiaramente leggibili ed indelebili.

Le indicazioni non devono essere in alcun modo nascoste, oscurate, limitate o separate da altre indicazioni scritte o grafiche o altri elementi che ne impediscono l’immediata leggibilità.

Le indicazioni obbligatorie che appaiono sull’imballaggio o sull’etichetta a esso apposta sono stampate in modo da assicurare chiara leggibilità, in caratteri la cui parte mediana è pari o superiore a 1,2 mm.

etichetta alimentare

Come stampare un’etichetta per prodotti preimballati?

Per stampare un’etichetta da apporre su prodotti preconfezionati la soluzione più indicata è una stampante di etichette.

Possiamo optare per una stampante di etichette a trasferimento termico o termica diretta oppure per una stampante di etichette a colori .

Analizziamo i vantaggi di ciascuna tecnologia e quali sono le linee guida per effettuare una scelta adatta alle specifiche esigenze di stampa.

Stampa a trasferimento termico

Le stampanti a trasferimento termico utilizzano il calore della testina per sciogliere un nastro inchiostrato, detto ribbon, che trasferisce l’inchiostro sul supporto.

Le caratteristiche principali che hanno contribuito alla rilevante diffusione di stampanti a trasferimento sono:

  • velocità
  • qualità di stampa eccellente di testi, grafica e codice a barre
  • scelta ampia e versatile dei materiali di stampa
  • basso costo stampa
  • stampa in funzione del fabbisogno
  • produzione di modelli idonei a qualsiasi esigenza operativa (desktop, industriali, semi-industriali, per integrazione sulle linee, portatili)
stampanti a trasferimento termico

Stampante di etichette termiche dirette

La tecnologia termica diretta richiede l’uso di un’etichetta in materiale termico, cioè sensibile al calore della testina che provoca un cambiamento di colore sul materiale per creare l’immagine stampata.

L’utilizzo di questa tecnologia è indicato per prodotti che hanno un ciclo di vita breve, perché l’etichetta termica con il tempo tende a sbiadire.

Pertanto, per tutti i prodotti preconfezionati a breve scadenza una stampante termica diretta è un’opzione da tenere in considerazione.

Approfondisci

Stampante di etichette a colori

La richiesta per la stampa di etichette a calori sta diventando sempre più diffusa.

L’uso del colore è importante non solo per il riconoscimento del marchio, ma ha anche un forte potere comunicativo.

Testi o immagini in bianco e nero possono passare inosservati in un’etichetta monocromatica, mentre il colore richiama l’attenzione sulle informazioni essenziali.

stampante di etichette a colori epson 3500

Sull’etichetta alimentare i produttori devono indicare chiaramente gli allergeni. Secondo la normativa vigente, per garantire un acquisto consapevole da parte del consumatore, è richiesta un’etichetta che attraverso l’uso intelligente del carattere, del colore, del grassetto, del corsivo, delle dimensioni minime garantisca al consumatore un’informazione chiara e leggibile.

Se il colore è un requisito essenziale una stampante di etichette a colori a getto d’inchiostro può essere una soluzione proficua ed efficiente, specialmente per le aziende che devono stampare molte etichette con grafiche differenti.

etichette adesive personalizzate

Nel complesso, le stampanti a getto d’inchiostro per etichette a colori richiedono costi di avvio minimi e hanno un costo relativamente basso di gestione. Le cartucce d’inchiostro possono essere acquistate singolarmente (CMYK) e facilmente caricate nella stampante. L’acquisto e la sostituzione di ciascun colore in base alle specifiche necessità consentono di risparmiare tempo e denaro riducendo al contempo lo spreco complessivo.

Una stampante di etichette a colori rappresenta quindi una soluzione efficace quando si vuole stampare un’etichetta comunicativa che catturi immediatamente l’attenzione.

Approfondisci

Se ti occorre aiuto e vuoi un consiglio sulla migliore soluzione di stampa adatta alle tue esigenze contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Approfondisci

Stampanti Intermec PM43 e PM23: come risolvere i comuni problemi di stampa

In questo articolo analizziamo i comuni problemi sulla qualità di stampa che possono presentarsi con le stampanti Intermec PM43 e PM23  

Intermec PM43 stampante di etichette industriale

Se la stampa è chiara…

  1. Accertarsi che l’impostazione del driver sia idonea per il tipo di materiale di consumo utilizzato.

L’impostazione corretta dei parametri di stampa sul driver garantisce una stampa nitida e precisa.

2. La temperatura potrebbe essere troppo bassa. Provare ad aumentarne il valore di un punto alla volta finché non si raggiunge un contrasto soddisfacente.

3. La pressione della testina di stampa potrebbe essere troppo bassa. Regolare la pressione della testina di stampa


PROCEDURA DI REGOLAZIONE DELLA PRESSIONE DELLA TESTINA DI STAMPA

1. Aprire il coperchio della stampante.

2. Usare un cacciavite con punta a taglio per regolare la vite che regola la pressione.

  • Girare la vite in senso orario per aumentare la pressione
  • Girare la vite in senso antiorario per diminuire la pressione

3 .Verificare e regolare di nuovo la pressione della testina di stampa se necessario.


Se i caratteri stampati sono troppo chiari solo su un lato dell’etichetta….

Regolare la pressione/bilanciamento della testina di stampa come indicato nel paragrafo precedente

regolazione pressione testina di stampa

Se la stampa è troppo scura…

  1. Accertarsi che l’impostazione relativa al materiale di consumo utilizzato sia corretta.

2. La temperatura potrebbe essere troppo elevata. Diminuire la temperatura di stampa

3. La pressione della testina di stampa potrebbe essere troppo elevata. Diminuire la pressione seguendo la procedura precedentemente illustrata

Se solo alcune parti della stampa sono chiare…

  1. Verificare che non ci siano parti estranee sui supporti di stampa e eventualmente procedere ad una pulizia della testina di stampa, del platen roller oppure sostituire il materiale di consumo.

2. Accertarsi che le etichette e il nastro siano compatibili. Ad esempio, l’utilizzo di un nastro cera su un’etichetta sintetica oppure l’utilizzo di un nastro resina su un’etichetta in carta può produrre stampe di qualità scarsa.

Ribbon

3. Verificare la qualità del ribbon e delle etichette. Etichette e nastri di scarsa qualità spesso producono stampe poco leggibili.

4. La temperatura potrebbe essere bassa. Aumentare la temperatura e verificare la qualità del contrasto

Se la stampa presenta delle linee scure…

La testina di stampa potrebbe essere sporca. Pulire la testina di stampa

Se il ribbon forma delle grinze…

Le grinze sul ribbon creano la stampa di segni bianchi sull’etichetta quindi delle aree prive di stampa.

Grinze sul nastro di stampa
Grinze sul nastro di stampa

Se si riscontrano problemi di increspatura del nastro a trasferimento termico, possiamo provare ad eseguire 2 regolazioni

  1. Regolazione della barra di tensione del nastro

2.Regolazione della pressione della testina di stampa


Approfondisci

Se la stampa presenta delle linee verticali bianche…

  1. La testina di stampa potrebbe essere sporca. Pulire la testina di stampa

2. La testina di stampa potrebbe essere guasta. Sostituire la testina di stampa

Se ti occorre aiuto, se hai bisogno di configurare una stampante contattaci ai nostri riferimenti

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Zebra MC9300: come eseguire il reset del terminale

Nel terminale Zebra MC9300 possono essere eseguite 3 procedure di reset:

  • Soft reset
  • Hard reset
  • Enterprise reset

In questo tutorial vedremo le procedure per effettuare un soft reset e un hard reset

zebra MC9300

Come eseguire un Soft Reset

Eseguire un Soft Reset se le applicazioni in esecuzione si bloccano.

  1. Premere e mantenere premuto il pulsante Power finché non appare il menù
  2. Selezionare Restart (Riavvia)
  3. Il dispositivo eseguirà un riavvio

Come eseguire un Hard Reset

Eseguire un Hard Reset se il terminale si blocca e non risponde più.

ATTENZIONE L’esecuzione di un Hard Reset con una scheda microSD installata nel dispositivo può causare il danneggiamento dei dati memorizzati nella scheda.

Tutti i dati non salvati saranno persi dopo aver eseguito un hard reset.

mc9300 zebra

1. Premere contemporaneamente i pulsanti Power, CenterScan (pulsante centrale di scansione) e il Grilletto per almeno quattro secondi.

2. Quando lo schermo si spegne, rilasciare i pulsanti.

3. Il dispositivo eseguirà un riavvio

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Zebra DataWedge: come creare un nuovo profilo

DataWedge è un’applicazione che fornisce le funzioni di scansione ed elaborazione dei codici a barre per i terminali Zebra con sistema operativo Android.

DataWedge può essere associata a qualsiasi app installata sul dispositivo e può essere facilmente configurata per consentire la scansione automatica dei dati e per gestire i dati acquisiti in base a regole sia semplici che complesse.

zebra tc25

Un profilo contiene le informazioni sul modo in cui dovrebbe comportarsi DataWedge con una o più applicazioni associate allo specifico profilo e rappresenta un mezzo per consentire ad applicazioni diverse di acquisire i dati e gestirli in modo differente.

Ad esempio, mentre l’APP A potrebbe richiedere l’invio di un TAB dopo ogni acquisizione dati, l’APP B potrebbe richiedere l’invio di un ENTER dopo la trasmissione del codice a barre.

In alternativa un singolo profilo può essere creato e associato a diverse applicazioni in modo da acquisire ed elaborare i dati nello stesso modo in tutte le applicazioni.

In pratica tramite la creazione di Profili possiamo gestire qualsiasi esigenza operativa.

Pertanto, ogni profilo deve specificare:

  • Input device: il dispositivo di input da cui vengono acquisiti i dati
  • Process options: specifica la gestione dei dati acquisiti e utilizza le opzioni di formattazione di base o avanzate
  • Output method: specifica se i dati vengono passati come sequenze di tasti, all’interno di un intento o su una rete IP

CREAZIONE DI UN NUOVO PROFILO

Aprire l’App DataWedge.

Solitamente di default l’App DataWedge mostra tre profili.

Zebra Datawedge

Un profilo con testo bianco indica che il profilo è abilitato, un profilo con testo grigio è disattivato.

zebtra datawedge nuovo profilo

Dal menù in alto a destra selezionare Nuovo Profilo

Digitare un nome per il nuovo profilo e premere OK

Associazione del profilo alle applicazioni

Selezionare il nome del profilo da associare e dalla schermata del Profilo, selezionare la casella “Profilo abilitato” per abilitarlo.

zebra datawedge abilitazione profili

Selezionare Applicazioni associate per associare il profilo ad una o più applicazioni o attività.

Dal menù selezionare Nuova applicazione/attività e dalla lista delle app installate sul dispositivo selezionare le applicazioni da associare.

dfatawedge Zebra selezione App associate al profilo

Se si desidera associare al profilo tutte le APP, dalla lista scegliere l’icona con l’asterisco.

Una volta selezionate le applicazioni, selezionare il pulsante Back per tornare alla schermata principale del Profilo

CONFIGURAZIONE DEL PROFILO PER L’UNPUT, LA GESTIONE DEI DATI E L’OUTPUT

Dalla schermata Profilo, abilitare lo scanner di input, selezionando dal menù la scelta desiderata.

datawedge selezione dello scanner

Digitare Back per tornare alla schermata principale.

Nella sezione Decoder selezionare solo i decodificatori richiesti dall’applicazione per ottimizzare le prestazioni di scansione.

datawedge zebra selezione del decodificatore

Tornare nella schermata principale del profilo e selezionare il metodo di Output desiderato.

La sezione di output contiene anche i parametri di elaborazione dei dati: “formattazione dati di base” e “formattazione dati avanzata”.

Zebra datawedge selezione del metodo di output

Selezionare la formattazione base dei dati per l’aggiunta di prefissi, suffissi, l’invio di un TAB o un ENTER.

Se è necessario creare regole complesse per la gestione dei dati acquisiti selezionare la Formattazione dati avanzata e procedere con la configurazione desiderata

Ti occorre assistenza tecnica sulla configurazione di un terminale Zebra?

Contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Stampante Intermec PM43: cosa fare se si formano le grinze sul nastro di stampa

I ribbon per il trasferimento termico, a causa dello strato sottile di cui sono composti, sono soggetti ad arricciatura e alla formazione di pieghe che compromettono la qualità di stampa.

Grinze sul nastro di stampa
Grinze sul nastro di stampa

Le grinze sul ribbon creano la stampa di segni bianchi sull’etichetta quindi delle aree prive di stampa.

Se si riscontrano problemi di increspatura del nastro a trasferimento termico, possiamo provare ad eseguire 2 regolazioni

  1. Regolazione della barra di tensione del nastro
  2. Regolazione della pressione della testina di stampa

PROCEDURA DI REGOLAZIONE DELLA BARRA DI TENSIONE DEL NASTRO

1 Aprire il coperchio della stampante

2 Usare un cacciavite con punta a taglio larga per regolare la barra di tensione del nastro.

Girare in senso orario la vite della barra di tensione per diminuire la tensione

Girare in senso antiorario la vite della barra di tensione per aumentare la tensione

PM43 regolazione della barra di tensione del ribbon

PROCEDURA DI REGOLAZIONE DELLA PRESSIONE DELLA TESTINA DI STAMPA

1 Aprire il coperchio della stampante.

2 Usare un cacciavite con punta a taglio per regolare la vite che regola la pressione.

  • Girare la vite in senso orario per aumentare la pressione
  • Girare la vite in senso antiorario per diminuire la pressione
regolazione della pressione della testina di stampa PM43

3 Verificare e regolare di nuovo la pressione della testina di stampa se necessario.

Se hai bisogno di assistenza tecnica o di una stampante di etichette industriale contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Zebra MC9200: come eseguire il reset del terminale

Sul terminale Zebra MC9200 è possibile eseguire 3 procedure di reset:

  • WARM BOOT.

Questa funzione chiude tutte le applicazioni aperte e riavvia il terminale

  • COLD BOOT.

La funzione di cold boot esegue il reset del Real Time Clock (RTC), chiude tutte le applicazioni aperte e riavvia il terminale.

TERMINALE PORTATILE ZEBRA MC9200
  • CLEAN BOOT.

Questa procedura riporta il terminale alle impostazioni di fabbrica

I dati salvati nella memoria flash o in una memory card non andranno persi.

Se il terminale si blocca, eseguire prima il WARM BOOT.

Se l’MC92N0-G continua a non rispondere, eseguire il COLD BOOT.

PROCEDURA DI WARM BOOT

Tenere premuto il pulsante Power per circa 5 secondi. Appena il terminale inizia a riavviarsi rilasciare il pulsante Power

PROCEDURA DI COLD BOOT

Il cold boot reinizializza il sistema operativo, le applicazioni e l’RTC.

I file memorizzati vengono preservati.

Attenzione Eseguire il cold boot solamente se il warm boot non ha risolto il problema.

Per eseguire il cold boot procedere come segue:

1. Premere il pulsante di rilascio della batteria principale del terminale per espellere parzialmente la batteria

2. Con la batteria parzialmente espulsa, premere e rilasciare contemporaneamente il grilletto e il pulsante di accensione.

3. Spingere la batteria per reinserirla completamente nel terminale.

4. Il terminale sia riavvierà

terminale MC9200

PROCEDURA DI CLEAN BOOT

Il clean boot riporta il terminale alle impostazioni predefinite di fabbrica.

E’ una procedura che dovrebbe essere eseguita solo da un amministratore di sistema autorizzato. Durante il clean boot il terminale deve essere connesso all’alimentazione

1. Scaricare Clean Boot Package dal sito Zebra. Seguire le istruzioni incluse nel pacchetto per l’installazione sull’MC92N0-G

2. Premere il pulsante di rilascio della batteria principale per espellere parzialmente la batteria dal terminale.

3. Quando la batteria è parzialmente espulsa, premere e rilasciare contemporaneamente il grilletto e il pulsante di accensione.

4. Spingere la batteria per reinserirla completamente nel terminale.

5. Premere e tenere premuto il grilletto.

6. Collegare l’MC92N0-G all’alimentazione attraverso la base di ricarica del terminale.

7. Il terminale verrà aggiornato e poi eseguirà il riavvio.

Ti occorre un terminale per il magazzino? Hai bisogno di aiuto?

Contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

I vantaggi della marcatura laser

La marcatura laser sta diventando sempre più diffusa nelle applicazioni industriali in quanto è un processo affidabile, robusto, resistente e offre numerosi vantaggi.

Il processo di marcatura laser consiste nel posizionamento di un marchio, un logo, un codice a barre, una stringa identificativa sulla superficie di un materiale utilizzando un raggio laser focalizzato.

marcatore laser

Il processo può essere eseguito su una vasta gamma di materiali differenti come metalli, ceramica, plastica, gomma, vetro, legno, cartone.

BENEFICI DELLA MARCATURA LASER

La marcatura è permanente: resiste all’acqua, all’usura, al calore, alla luce e agli agenti chimici

PROCESSO DI STAMPA SENZA CONTATTO

È un processo senza contatto e quindi garantisce l’integrità del materiale su cui deve essere eseguita la marcatura senza provocare abrasioni o danni sulla superficie circostante

MARCATURE PRECISE DI ELEVATA QUALITA’

La marcatura laser imprime marcature estremamente precise che sono facilmente leggibili dall’occhio umano e dai dispositivi di identificazione automatica per la lettura di codici a barre o codici QR.

MARCATORI LASER

La marcatura è durevole e può essere facilmente rintracciata: questa è una qualità importante quando gli oggetti marcati devono essere ricondotti alla fonte originale di produzione.

FUNZIONA CON UNA VASTA GAMMA DI MATERIALI, DI FORME E DIMENSIONI

Il processo di marcatura funziona molto bene con una vasta gamma di materiali e forme.

La marcatura laser è anche perfetta per operare su oggetti di forme e dimensioni differenti, da forme grandi e lineari a piccole e complesse.

MARCATORE LASER

Questo aspetto è particolarmente efficace in aziende che devono marcare su materiali differenti.

NESSUN MATERIALE DI CONSUMO

Oltre ai tempi ridotti per l’assistenza e la manutenzione, i marcatori laser non hanno materiali di consumo, come inchiostri o kit di pulizia. È possibile eseguire migliaia di marcature senza preoccuparsi dell’usura del dispositivo e dell’esaurimento del materiale di consumo

MASSIMA FLESSIBILITA’

Massima flessibilità nella progettazione della marcatura, adatta anche a superfici difficili da raggiungere con altre tecnologie.

MARCATORE LASER

APPLICAZIONI

La marcatura laser è utilizzata in un’ampia varietà di settori:

Industria aerospaziale

la marcatura laser è utilizzata per contrassegnare le migliaia di parti che compongono un aeromobile.

Industria automobilistica

Come nel settore aerospaziale, la marcatura laser è utilizzata per marcare molte parti che compongono un’automobile

Industria medica e farmaceutica

Il laser è utilizzato per creare marchi di identificazione su apparecchiature mediche, strumenti medicali, fiale, capsule e prodotti farmaceutici per garantire la tracciabilità e l’identificazione

L’industria elettronica e dei semiconduttori dove il laser viene utilizzato per marcare i componenti elettronici

MARCATURA LASER

Settore alimentare

Nel settore delle bevande e del confezionamento alimentare vengono utilizzati i marcatori laser per generare il numero di lotto e la data di scadenza.

Sulle bottiglie in PET i marcatori laser una reazione con la plastica producendo marcature nitide r omogenee grazie al funzionamento senza contatto.

ALTRI IMPIEGHI

Un laser può essere usato per lavorare le aperture di contenitori e pellicola per creare chiusure che siano facili da aprire.

MARCATORE LASER

Con un laser è possibile eseguire pretagli sulle confezioni, cosa difficile da fare con delle lame, e adattarsi a vari tipi di prodotti.

Un marcatore laser può essere utilizzato anche per la fustellatura di una pellicola.

L’uso di un marcatore laser per eseguire il taglio elimina la necessità di preparare uno stampo diverso per ciascun prodotto e attraverso il software è possibile supportare forme e dimensioni diverse.

Stai pensando di implementare una soluzione con un marcatore laser? Ti occorre aiuto?

Contattaci per un consiglio

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su  cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Driver stampanti Zebra: funzioni aggiuntive

In questo articolo descriviamo le funzioni aggiuntive offerte dal driver delle stampanti Zebra.

Per accedere al driver andare nelle sezioni stampanti di Windows e selezionare il driver della stampante Zebra.

Clicchiamo su Preferenze di stampa per accedere alle molteplici funzioni offerte dal driver ZDesigner

Retinatura

Le stampanti termiche o a trasferimento termico danno la possibilità di definire il contrasto di stampa, ma è un parametro che viene applicato all’intera etichetta e non c’è alcuna impostazione per controllare l’intensità dei singoli dots.

driver zebra retinatura

Poiché le stampanti Zebra sono stampanti monocromatiche, le immagini a colori e in scala di grigi verranno stampate utilizzando il metodo di retinatura selezionato nella scheda Opzioni.  La grafica ha una qualità migliore quando si utilizza un’immagine monocromatica.

Esistono quattro metodi di dithering (retinatura) disponibili, ognuno dei quali offre un risultato differente sull’immagine finale stampata. Tuttavia, le immagini monocromatiche verranno stampate in modo più prevedibile.

Stock

Nella scheda stock è possibile creare e memorizzare le dimensioni delle etichette più frequentemente utilizzate.

Approfondisci

Memoria stampante

Il driver deve conoscere la quantità di memoria installata nella stampante per poterla utilizzare.

In questa sezione è possibile impostare il driver per l’utilizzo con i font e la grafica scaricati nella stampante

driver Zebra memoria stampante

Attenzione: questa finestra di dialogo non è disponibile per tutti i driver delle stampanti, perché alcuni modelli di stampanti non hanno la possibilità di un’espansione di memoria

Comandi personalizzati

In questa scheda si ha la possibilità di inviare comandi personalizzati alla stampante.

Questo strumento è molto utile se si desidera abilitare alcune funzionalità che non sono coperte dal driver di ZebraDesigner.

I comandi personalizzati possono essere inviati all’inizio o alla fine del documento ma anche all’inizio o alla fine di ogni etichetta.

Attenzione: l’utilizzo di questa funzione è consigliato solo agli utenti esperti.

driver Zebra comandi personalizzati

Impostazioni importazione/esportazione

Possiamo utilizzare questa scheda per eseguire il backup delle impostazioni del driver o importare i file con le impostazioni precedentemente salvate.

Approfondisci

Strumenti – Azione

In questa scheda è possibile eseguire l’azione definita nella sezione a destra “Nome comando”.

strumenti driver Zebra azione

Strumenti – Stampa

In questa scheda è possibile eseguire l’azione definita nella sezione a destra “Nome comando“.

Caratteri codice a barre

Per impostazione predefinita il driver supporta 4 codici a barre comuni:

  • Code128
  • Codice 39
  • EAN 8
  • EAN 13

È possibile aggiungere ulteriori codici a barre utilizzando questa funzione offerta dal driver.

driver Zebra codice a barre

Per aggiungere un codice a barre che non appare nell’elenco, fare clic su Nuovo

Hai domande? Hai bisogno di assistenza tecnica o vuoi acquistare una stampante Zebra?

 Scrivici una mail

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com

Driver ZebraDesigner: come creare un nuovo stock di etichette

Il driver delle stampanti Zebra offre una funzione molto utile per definire e memorizzare i formati delle etichette che abitualmente stampiamo.

Ogni “Stock” memorizza le seguenti proprietà:

  • dimensione dell’etichetta (larghezza e altezza)
  • temperatura
  • velocità di stampa
Zebra-ZD410 STAMPANTE TERMICA DI ETICHETTE

Gli stock sono memorizzati nell’hard disk del PC in modo permanente e potrai richiamarli da qualsiasi applicazione ogni volta che stamperai dalla tua stampante Zebra.

È utile impostare i formati di etichette che utilizzi più frequentemente per evitare di definire ogni volta il formato delle etichette utilizzato.

Vediamo quale è la procedura per creare un nuovo stock di etichette.

Selezionare con il tasto destro del mouse il driver della stampante Zebra e scegliere Preferenze di stampa ==> Stock

driver Zebra definizione Stock

Per definire un nuovo Stock premere il pulsante Nuovo…

driver etichette Zebra

A questo punto si apre la scheda “Definisci Stock” dove andiamo a definire le proprietà delle etichette che utilizzeremo.

Nella prima sezione Opzioni definiamo i valori relativi a

Temperatura (Scurezza) di stampa

Il valore di temperatura va da 1 a 30 e deve essere impostato in base alla tipologia di materiale utilizzato , alla formulazione del ribbon (se utilizzato) e alla velocità di stampa. Le indicazioni generali sono:

  • Se si stampa in termico diretto(quindi senza uso del nastro di stampa) la temperatura deve essere impostata su un valore medio-alto (da 15 in poi) in correlazione con il tipo di materiale termico che si utilizza.

Per un’etichetta in carta termica protetta dovrà essere impostata una temperatura più elevata rispetto ad una carta termica economica

  • Se si stampa a trasferimento termico le indicazioni generali in funzione della composizione dei nastri di stampa sono:
    Nastro cera: temperature bassa
    Nastro cera-resina temperature media
    Nastro resina: temperatura alta

Velocità di stampa

Utilizzare un valore tra quelli proposti nel menù a tendina, tenendo presente che una velocità più alta corrisponde una qualità di stampa inferiore.

Dovresti trovare il valore che garantisce la qualità di stampa migliore in funzione del materiale delle etichette e della formulazione del ribbon.

Dimensioni

Nella sezione Dimensioni devi inserire la larghezza e l’altezza dell’etichetta

Premere OK per salvare in modo permanete i valori impostati.

Una volta definito lo stock possiamo richiamarlo dalla scheda “Opzioni” del driver Zebra, nella sezione “Formato Pagina”

driver Zebra formato pagina

Hai domande? Hai bisogno di assistenza tecnica o vuoi acquistare una stampante Zebra?

 Scrivici una mail

Ing. Cristina Urbisaglia

puoi contattarmi su cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com

Oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

Marcatori laser: dove utilizzarli

Ci sono molti vantaggi nell’usare un marcatore laser rispetto ad altri metodi di marcatura:

marcatore laser hitachi

>>> la marcatura è permanente

>>> il processo è senza contatto

>>> non ci sono materiali di consumo come l’inchiostro nei marcatori a getto d’inchiostro

>>> la marcatura è precisa e di elevata qualità, facilmente leggibile dall’occhio umano

>>> il processo è veloce e i tempi di marcatura sono molto rapidi, ideali per elevati volumi.

>>> funziona su una vasta gamma di materiali: metalli, vetro, ceramica, plastica, silicio, gomma, pietra dura , carta e legno

La marcatura laser può essere utilizzata in modi diversi per ottenere effetti differenti su vari tipi di superficie.

La marcatura laser viene in genere utilizzata per la stampa di codici a barre o codci QR, numeri seriali, l’aggiunta di copyright, marchi, loghi e immagini, data di scadenza e lotto di produzione

I processi che possono essere eseguiti con un marcatore laser sono molteplici e possono soddisfare qualsiasi esigenza

  • marcare
  • incidere
  • forare
  • tagliare
  • ablare
  • pulire

Vediamo attraverso una galleria di immagini le applicazioni laser utilizzati in differenti settori

marcatura su bottiglie di acqua data e lotto
marcatura laser
marcatura laser su vetro
marcatura laser su plastica
incisione laser
marcatura laser su cibo
marcatura laser per taglio
incisione laser
marcatura laser su metallo
marcatura laser su plastica
marcatore laser per incidione
marcatore laser su acciaio
marcatore laser su metallo e acciaio
marcatore laser per saldature
incisione su metallo con marcatore laser
marcatura laser su cibo
marcatura laser matricola
marcatura su tubi e guaine in gomma
marcatura laser su tubi in plastica

Se stai cercando una soluzione di marcatura laser contattaci

Ing. Cristina Urbisaglia

Telefono 06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

oppure visita il nostro sito

www.acsistemisrl.com