Tutti gli articoli di acsistemi

Da anni ci occupiamo di sistemi, prodotti e tecnologie per la tracciabilità e l’identificazione automatica. Amiamo l’innovazione tecnologica e l’opportunità di nuove sfide per mettere in campo la nostra esperienza e il desiderio di imparare continuamente qualcosa di nuovo….

Lettori a presentazione: GUIDA ALLA SCELTA

Gli scanner di codici a barre a presentazione, anche noti come scanner da banco, si attivano ogni volta che un codice viene presentato davanti al lettore fornendo un’ area di scansione che decodificherà tutti i codici intercettati.

Lettori a presentazione

Questi scanner permettono di lavorare a mani libere, producono in genere un modello di scansione “omnidirezionale”, cioè possono scansionare codici a barre da qualsiasi direzione.

La scansione risulterà più veloce ed è ideale per le applicazioni di vendita al dettaglio come negozi, supermercati e grandi store.

CHE CODICE DEVI LEGGERE?

Quando si acquista un qualsiasi lettore, la prima cosa che va stabilita è che tipo di codice dovrà leggere, perché i gruppi ottici sono differenti per codici 1D (linear) o 2D (imager), i secondi possono leggere anche i primi e non viceversa.

codici a barre

Codici 1D, cioè i comuni codici formati da sequenze di barre nere e spazi bianchi come l’EAN 13, il codice 128, il codice Farmaceutico, l’Interleaved 2 di 5, il codice 39 e molti altri

Codici 2D, tipo il QRCode o il DataMatrix

Un altro vantaggio è la capacità degli imager 2D di leggere i codici a barre sugli schermi dei dispositivi mobili, come smartphone e tablet

GUIDA ALLA SCELTA

La scelta del lettore va effettuata in base alle specifiche esigenze di lettura e di operatività ed è sempre opportuno rivolgersi ad un esperto del settore che sappia indirizzarti verso una scelta commisurata alle proprie esigenze.

Se serve una configurazione di lettura particolare, nel caso il codice avesse prefissi o suffissi, oppure se devi trasmettere solo una parte del codice, è importante assicurarti che il modello scelto supporti la specifica configurazione.

Non seguire la logica del ribasso del prezzo proposta da fornitori troppo commerciali e che non sanno nulla di identificazione automatica!

I costruttori più importanti mettono a disposizione degli utenti manuali e strumenti software per la configurazione del lettore: questo è un aspetto fondamentale, spesso trascurato, che ti garantisce che il lettore funzioni correttamente per le tue esigenze attuali, ma anche future.

Presentiamo alcuni dei più affidabili lettori a presentazione, da quelli adatti ad uno spazio sul banco ridotto a quelli più ingombranti, e infine una soluzione ad incasso per chi ha la possibilità di realizzarla.

DATALOGIC Magellan 1500i

Datalogic MAgellan 1500 lettore di codice a barre

Il Magellan 1500i è uno scanner a presentazione ad alte prestazioni, con un design accattivante e compatto, utile in diversi ambienti applicativi quali la cassa di un punto vendita al dettaglio, di una farmacia o in una società di servizi.

Potenti algoritmi di decodifica forniscono prestazioni di lettura senza confronti su una varietà di codici 1D e 2D, compresi codici difficili da leggere, troncati e danneggiati.

Datalogic Magellan 1500 lettore di codice a barre da banco piccolo e compatto

Il nuovo sistema di illuminazione permette di passare senza interruzioni dalla lettura dei codici a barre 1D e 2D stampati a quelli su display di smartphone e tablet.

La tecnologia Motionix™ di Datalogic per il rilevamento del movimento, consente all’operatore di passare dalla modalità a presentazione a quella manuale semplicemente impugnando lo scanner.

DATALOGIC Gryphon GPS 4400 lettore 2D

DATALOGIC Gryphon GPS 4400

Il lettore Gryphon™ GPS 4490 è uno scanner a presentazione con tecnologia 2D area imager con un formato compatto e moderno, la soluzione ideale per gli ambienti con spazi ridotti.

Il supporto regolabile consente di posizionare lo scanner in modo da agevolarne la lettura.

In grado di acquisire i codici da telefoni cellulari, tablet e schermi di computer, il lettore a presentazione GPS4400 garantisce ottime prestazioni di lettura anche a distanza ravvicinata, scansione wide angle, elevata tolleranza al movimento, letture estremamente rapide e decodifica immediata anche di codici a barre stampati in modo scadente o danneggiati.

Il Gryphon™ GPS4490 è dotato di tecnologia ‘Green Spot’ di Datalogic per la conferma visiva di buona lettura e di numerose funzionalità avanzate, quale l’acquisizione di immagine/firma e dei documenti, così che non diventa più necessario dotarsi di apparecchiature distinte.

HONEYWELL QuantumT 3580

HONEYWELL QuantumT 3580

Il lettore a mani libere QuantumT™ 3580 offre le migliori prestazioni di scansione di codici 1D in un fattore di forma compatto, garantendo prezioso spazio libero sul banco.

Possibilità di passare dalla scansione omnidirezionale a 20 linee alla scansione a linea singola per la lettura di codici a barre ravvicinati.

Prevede il montaggio a parete, l’appoggio sul banco e la funzionalità manuale per facilitare la scansione di prodotti ingombranti che verrebbero gestiti con difficoltà dai lettori fissi.

HONEYWELL Orbit 7120 e OrbitCG 7180

HONEYWELL Orbit 7120 e OrbitCG 7180

Orbit è il lettore 1D a mani libere omnidirezionale più venduto per tanti motivi. Innovativo, piccolo, elegante e conveniente per le applicazioni di vendita al dettaglio in cui lo spazio sul banco ha molta importanza.

Testina di scansione inclinabile fino a 30º per utilizzarlo in scansioni mirate o su prodotti di maggiori dimensioni.

Massima velocità di lettura con uno schema di scansione omnidirezionale a 20 linee, permutabile in modalità a linea singola con OrbitCG 7180.

Scansione automatica: è sufficiente avvicinare un codice a barre all’ Orbit e il lettore eseguirà la scansione al primo passaggio.

HONEYWELL Orbit 7190g

Tecnologia ibrida all’avanguardia: il lettore omnidirezionale a 20 linee Orbit 7190g racchiude un laser e un imager in un unico scanner a mani libere, eliminando così la necessità di acquistare un ulteriore lettore per la lettura dei codici 1D, 2D e PDF digitali.

HONEYWELL Orbit 7190g 

Modalità doppio lavoro: lo scanner è ottimizzato per la scansione sia dei codici a barre digitali sugli smartphone dei clienti sia dei codici a barre stampati sui prodotti.

Testina di scansione regolabile di 30°: la pluripremiata forma permette la scansione palmare di oggetti grandi e ingombranti.

Design per più interfacce: Orbit 7190g è uno scanner plug-and-play e l’installazione su un sistema di cassa esistente è semplice.

Più interfacce integrate rendono il lettore Orbit 7190g compatibile con la maggior parte dei sistemi, mentre il rilevamento automatico dell’interfaccia permette una configurazione automatica del lettore al momento della connessione in base all’interfaccia corretta, eliminando così la complicata procedura di scansione dei codici a barre di programmazione.

ZEBRA SERIE DS9300

ZEBRA SERIE DS9300

Con un fattore di forma flessibile con quattro posizioni di accoppiamento alla base e un’estetica accattivante, la serie DS9300 è ideale per boutique trendy, minimarket o punti vendita con poco spazio sul banco della cassa.

Un design studiato per sopportare le cadute, gli urti e i contatti con la polvere e i liquidi tipici del lavoro di tutti i giorni.

Cattura semplice e veloce di codici a barre 1D, 2D, DotCode, DataMatrix e i nuovi codici Digimarc.

Codici minuscoli, ad alta densità, stampati male, danneggiati, troncati, a basso contrasto, coperti da cellophane o visualizzati su smartphone.

L’accessorio per il montaggio multiplo “a pantofola” mantiene fermo lo scanner su tavoli o pareti senza limitare la possibilità di inclinarlo o di rimuoverlo per l’uso palmare, un’opzione ideale per le verifiche dei prezzi, le operazioni di picking e di imballaggio.

Grazie a Intelligent Document Capture, la serie DS9300 può trasformare facilmente ricette mediche, passaporti, assegni e altri documenti in formato A6 o inferiore in immagini elettroniche chiare e di facile lettura; il software intelligente corregge automaticamente i problemi di luminosità e altri difetti per garantire una chiarezza ottimale del documento. Non è quindi necessario effettuare la scansione dei documenti su uno scanner separato, a tutto vantaggio della procedura di pagamento e dell’esperienza del cliente presso il POS.

Grazie alla tecnologia MDF (Multi-Code Data Formatting), la serie DS9300 consente di catturare più codici a barre con un’unica scansione e di trasmettere solo i codici necessari, nell’ordine richiesto dall’applicazione.

ZEBRA Imager Symbol DS7708

Lo scanner da banco DS7708 offre una dotazione di funzioni che lo pone in vetta alla sua categoria per prestazioni, semplicità d’uso, facilità di implementazione e TCO.

ZEBRA Imager Symbol DS7708

Indipendentemente dai tipi di codici a barre che dovete gestire, il DS7708 è in grado di leggerli tutti: 1D, 2D, stampati ed elettronici.

  • AMPIO CAMPO DI VISUALE E SCANSIONE OMNIDIREZIONALE

Un campo di visuale più grande di oltre il 50% rispetto agli imager 2D della concorrenza rende estremamente facile la lettura dei codici a barre, indipendentemente dalla posizione in cui sono applicati sull’articolo. La scansione diventa un gesto naturale. Non è necessario orientare l’articolo per catturare il codice a barre.

  • PIÙ FUNZIONALITÀ CON IL SUPPORTO PER L’ACQUISIZIONE DI IMMAGINI

DS7708 offre altre funzionalità di acquisizione dati per ottimizzare ulteriormente i processi aziendali. In una frazione di secondo, un operatore può acquisire l’immagine di un assegno, una patente di guida o una carta di identità per soddisfare i requisiti di sicurezza di un negozio o gli standard normativi di un settore industriale.

  • TECNOLOGIA DI IMAGING INTELLIGENTE PRZM PER PRESTAZIONI DI SCANSIONE DI LIVELLO SUPERIORE

Ridefinisce lo standard dell’imaging 2D ottimizzando le prestazioni di decodifica e migliorando in modo significativo la user experience, la produttività degli utenti, la capacità di elaborazione e i tempi di attesa dei clienti.

DATALOGIC Magellan 3450VSi

DATALOGIC Magellan 3450VSi

Lo scanner Magellan 3450VSi offre molte delle caratteristiche che hanno reso tanto efficace la famiglia di scanner imaging Magellan, tra cui decodifica di codic 1D e 2D, acquisizione di immagini, dimensioni compatte e facile accesso alle utilità messe a disposizione della Datalogic per aggiornamenti software o modifiche alla configurazione.

I miglioramenti sia hardware che software consentono una significativa riduzione della luminosità dell’illuminazione migliorando allo stesso tempo velocità, profondità di campo e velocità di lettura.

L’illuminazione delicata e discreta riduce sia l’illuminazione diretta sia quella riflessa visibili agli utenti. Ciò garantisce un ambiente di lavoro confortevole e produttività per tutto il giorno.

Lo scanner Magellan 3450VSi ha anche una zona di scansione più ampia e intuitiva, che consente una scansione più comoda ed efficiente.

DATALOGIC Magellan 3300HSi

DATALOGIC Magellan 3300HSi

Il lettore di codici a barre Magellan™ 3300HSi a presentazione orizzontale da incasso porta nei punti vendita la nuova tecnologia imaging.

Tale tecnologia offre prestazioni eccezionali in fase di acquisizione dei codici a barre difficili da leggere, come ad esempio quelli troncati, fuori specifiche o stampati male, e dei codici GS1 DataBar ™, fornendo la capacità di decodifica sia dei codici lineari 1D, che bidimensionali 2D.

Dotato di caratteristiche uniche, compreso lo slot per schede Micro-SD per facilitare la gestione, l’aggiornamento e la manutenzione del software.

Poiché la maggior parte delle caratteristiche dello scanner Magellan 3300HSi sono basate su software, nuove funzionalità sono semplici da aggiungere, anche dopo l’installazione iniziale.

Sono inoltre comprese le altre caratteristiche dei prodotti Magellan quali il report di diagnostica (Diagnostics Reporting), l’Host Download e il Productivity Index Reporting ™ che consentono al management aziendale di utilizzare i dati forniti dallo scanner per ottimizzare l’attività di lettura sul punto cassa e gestire al meglio la manutenzione dello scanner.

Modalità di lettura su telefonini, spingendo un pulsante presente sullo scanner o tramite un comando software dal terminale host. È possibile ottimizzare i livelli di luce per catturare le immagini o leggere i codici a barre su display dei cellulari o dei PDA.

CONCLUSIONI

L’efficienza di un punto vendita è assolutamente condizionata dagli strumenti in uso.

Affidati ad un professionista per valutare come risolvere le tue necessità.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

PTCreate: il software per stampare e tagliare etichette con Primera Lx610e

PTCreate è tutto ciò di cui hai bisogno per impaginare stampe e tagli con Primera LX610.

Esistono due versioni differenti: la versione Standard viene fornita con la stampante, la versione Professional può essere acquistata.

Panoramica: versione Standard Vs versione Pro

Vediamo le diverse funzionalità disponibili sia in Standard che in Pro

PtCreate software per la stampa  e il taglio di etichette

Importa. L’importazione nella versione Standard consente di inserire file in formato JPG, BMP o PNG su cui applicare profili di taglio standard o scelti da una libreria di forme. L’importazione della versione Pro ti consente di importare anche file vettoriali come AI, EPS e SVG che possono contenere un’immagine che desideri stampare, un file di taglio o entrambi nello stesso file.

Strati. (Solo Pro) Consente di visualizzare e manipolare i livelli dei file SVG importati. I file SVG possono essere creati in programmi come Adobe Illustrator.

Trace. (solo Pro) Consente di creare un file di taglio tracciando con intuito un file JPG, BMP o TIF. Questa è un’ottima opzione per creare file di taglio elaborati senza bisogno di un altro programma di progettazione costoso e complesso.

Strumenti di progettazione avanzati. (Solo Pro) Strumenti di progettazione avanzati come Gradiente, Contagocce, Gomma, Disegno a mano libera e Strumento Nodo Forma consentono di creare il proprio disegno in PTCreate.

PtCreate software per la stampa  e il taglio di etichette

Documento, posizione e dimensione, riempimento e tratto, stile, testo.

Queste schede permettono di modificare tutti gli elementi esistenti sulla pagina

  • Documento. Utilizzare questa scheda per regolare le dimensioni della pagina anche se è già stata configurata all’avvio del nuovo progetto.

A volte potrebbe essere necessario aumentare l’altezza della pagina per inserire uno spazio bianco o più immagini.

  • Posizione e dimensioni. Utilizzerai questa scheda per spostare sia la linea di taglio che l’immagine sulla pagina, scegliendo misure esatte anziché trascinare a mano.

Ricordati di preselezionare qualsiasi elemento tu voglia modificare.

PtCreate software per la stampa  e il taglio di etichette
  • Fill and Stroke. Usalo per cambiare lo stile della linea del taglio. Per la maggior parte delle situazioni puoi lasciare queste impostazioni ai valori predefiniti. Se invece hai problemi ad individuare la tua linea di taglio, qui puoi cambiarne il suo colore.
  • Stile. Qui puoi specificare se un oggetto deve essere stampato, tagliato o entrambi.
  • Testo. La scheda del testo consente di scegliere il carattere, la dimensione e altre proprietà del testo. Il testo può essere aggiunto utilizzando lo strumento Testo dalla barra degli strumenti a sinistra.

Biblioteca. La libreria contiene alcune forme che puoi applicare al documento come tracciati di taglio o oggetti di stampa.

Layout di pagina. Questa area mostra la tua immagine reale. Puoi spostare gli oggetti qui facendo clic e trascinando. Puoi anche vedere l’anteprima di dove verrà eseguito il taglio in relazione alla tua stampa. Nell’esempio sopra la linea di taglio è evidenziata in rosso e leggermente rientrata per non generare bordi non stampati sull’etichetta finale.

PTCreate attivazione software

Sarà necessario attivare la versione Professional del software PTCreate.

Se acquisti la versione Pro, ti verrà inviato un codice di attivazione nella conferma dell’acquisto.

PtCreate software per la stampa  e il taglio di etichette

Per attivare seguire la richiesta di attivazione che appare quando si apre il software o andare al menu Guida – Attiva

PtCreate software per la stampa  e il taglio di etichette

Apparirà una finestra di attivazione. Immettere l’attivazione di 30 cifre con i trattini inclusi. Fare clic su OK.

Il software è ora attivato su questo computer.

CONCLUSIONI

PTCreate è un software facile da utilizzare e permette all’utente di progettare etichette personalizzate con una marcia in più!

La possibilità di tagliare forme è una grande opportunità per diversificare il look dei tuoi prodotti.

Chiamaci se la Primera LX610e è la stampante ideale per la tua applicazione, saremo lieti di offrirti la nostra consulenza.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Installazione di un lettore di codice a barre a montaggio fisso: quello che devi sapere

L’installazione di un lettore di codice a barre fisso richiede l’analisi dei requisiti di sistema per poter scegliere un modello idoneo alle proprie esigenze.

Le soluzioni di scansione industriale fisse sono progettate specificamente per applicazioni che non sono costantemente monitorate dagli operatori e sono utilizzate in un’ampia varietà di settori.

lettore Datalogic a montaggio fisso

Un’attenta pianificazione preliminare e alcune semplici domande possono garantire il successo e l’affidabilità di  un’applicazione con lettore di codice a barre fisso.

A differenza degli scanner manuali che hanno un operatore che  attiva e punta lo scanner sul codice a barre, gli scanner a montaggio fisso richiedono un’analisi ben progettata per eseguire un’implementazione affidabile.

Il mercato dell’identificazione automatica offre un’ampia varietà di prodotti, prezzi, capacità e livelli di complessità.

Proprio questa vasta scelta di modelli  e opzioni spesso genera confusione nell’acquirente.

Definisci le tue esigenze

Il primo passo che devi fare  è capire esattamente cosa ti aspetti dallo scanner che vuoi acquistare.

Devi determinare le tue esigenze in modo specifico e accurato.

Alcune domande possono aiutarti a definire i requisiti che devono essere soddisfatti:

  • Devi leggere un codice monodimensionale, bidimensionale o DPM?
  • Con quale velocità si muove il tuo codice a barre rispetto allo scanner?
  • A quale distanza devi leggere il codice?
  • La distanza di lettura è fissa o variabile?
  • Quale dimensione ha il codice a barre?
  • Quale è l’orientamento del codice verticale o orizzontale?

Se hai utilizzato un lettore a pistola sai che devi puntare la linea di scansione sul codice a barre, che tutta la linea di scansione deve perfettamente centrare il codice a barre e poi devi premere il grilletto per eseguire la scansione .

Se la lettura non va a buon fine sposti il lettore fino a quando non riesci a scansionare il codice.

In altre parole, quello che fai manualmente è lo  spostamento del campo visivo dello scanner nell’area del codice a barre.

Questa azione con uno scanner manuale la puoi fare facilmente, ma con uno scanner a montaggio fisso devi creare tutte le condizioni affinché la tua etichetta con codice a barre, che viaggia ad una determinata velocità sul nastro trasportatore, sia sempre all’interno dell’area di lettura dello scanner.

Nella scansione a montaggio fisso su nastro trasportatore, non c’è alcun operatore che assista lo scanner, il che ci porta a una considerazione molto importante: gli scanner a montaggio fisso devono essere posizionati in modo che tutti i codici a barre che passano sul nastro trasportatore appaiano all’interno della “finestra di lettura”, cioè della  regione all’interno della quale lo scanner è in grado di decodificare il codice a barre.

lettori Datalogic

La finestra di lettura è definita dalla larghezza di scansione dello scanner, dalla distanza focale e dalla profondità di campo.

Inoltre, la densità del codice a barre è un parametro da valutare nella scelta del gruppo ottico: codici a barre ad alta densità richiedono brevi distanze focali, mentre i codici a barre a bassa densità consentono distanze maggiori.

Devi quindi creare un processo di acquisizione dati automatico che non abbia errori e che sia perfettamente progetto sulle tue specifiche esigenze.

Quando si montano gli scanner fissi è anche necessario tener in considerazione  alcuni fattori ambientali e fisici che determinano un’installazione di successo.

  • Il lettore è dotato di una staffa di montaggio? La staffa per il montaggio dello scanner dovrebbe essere regolabile, soprattutto se l’etichetta del codice a barre è piccola o la sua posizione può cambiare.
  • È disponibile l’alimentazione per lo scanner?
  • L’hardware di montaggio o qualsiasi altro oggetto può ostruire  la finestra di scansione dello scanner?
  • È stato considerato lo spazio per il cavo e il connettore di comunicazione?
  • È presente materiale riflettente intorno allo scanner?
  • Quali sono i livelli di urti e vibrazioni, se ce ne sono?
  • Esistono sorgenti di interferenza elettromagnetica?
  • La temperatura ambiente supera il valore nominale dello scanner?

Conclusioni

L’integrazione di scanner industriali fissi consente alle aziende di aumentare la produttività e aggiungere un livello di tracciabilità superiore rispetto ad un processo di scansione manuale.

La capacità di automatizzare un processo richiede una progettazione più accurata e un’analisi dei requisiti specifica della propria applicazione.

Per questo motivo devi rivolgerti a professionisti del settore che sappiano indirizzarti verso il lettore giusto.

Se  hai bisogno di aiuto chiamaci

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

Vuoi comunicare con i tuoi clienti : utilizza il QR Code

Come probabilmente vi siete già accorti, i codici QR sono diventati uno strumento di marketing onnipresente.

Riviste, annunci pubblicitari, eventi, brochure, confezioni alimentari e prodotti di qualsiasi genere hanno un codice QR che porta gli utenti al sito dell’azienda o ai link dei social media per fornire un’esperienza di visualizzazione che crea coinvolgimento, aspettativa e curiosità.

QR CODE AC SISTEMI

I codici QR utilizzati per scopi di comunicazione e marketing possono portarti diversi vantaggi.  

Perché si sceglie un codice QR per attività di marketing?

I codici 2D invece, in virtù della capacità di codificare una gran quantità di caratteri, possono essere dei codici “parlanti” e quindi contenere tutte le informazioni utili a una comunicazione efficace tramite un piccolissimo simbolo.

Esempi potrebbero essere un collegamento alla tua pagina Facebook, fornire un video di istruzioni passo passo oppure consentire ai tuoi clienti  di visualizzare ulteriori informazioni sul tuo prodotto o su altri prodotti che potresti vendere.

Potrebbe anche essere collegato a una mappa di Google con le indicazioni stradali per il tuo negozio.

Potresti utilizzare un QR code a scopo promozionale collegando a un gioco o a un sondaggio a premi.

Le persone tengono traccia dei loro marchi e prodotti preferiti attraverso i loro dispositivi mobili, e questo  è un aspetto che rende i codici QR particolarmente attraenti per il marketing.

CODICE QR SUI PRODOTTI PER MARKETING

Tutti i moderni smartphone sono dotati di un’ app per la lettura del codice e i consumatori sono abituati a scansionare codici QR presenti oramai ovunque.

L’utilizzo del codice QR rende la promozione del tuo marchio molto più facile

Con i codici QR, hai la flessibilità di aggiungere più contenuti, in diversi formati, senza compromettere il design della tua confezione, interrompere l’identità del tuo marchio o sovraccaricare la tua etichetta di testi promozionali o dettagli che distolgono l’attenzione dalle informazioni importanti.

Per ampliare la connessione con i tuoi clienti, ti è sufficiente utilizzare un piccolo codice bidimensionale come “invito all’azione” collegandolo a qualsiasi contenuto multimediale desideri condividere.

Utilizza la creatività

Il codice QR può anche essere arricchito di una grafica efficace e creativa  per adattarsi al tuo stile.

Non deve essere solo bianco e nero. Altri colori e disegni possono essere progettati per renderlo unico e attraente per i consumatori.

CODICI QR CREATIVI

Non aver paura di pensare fuori dagli schemi e provare qualcosa di diverso con i tuoi codici QR, utilizzati in modo intelligente possono creare un legame proficuo con la tua clientela.

In sintesi,  è un ottimo modo per interagire con i tuoi clienti, ottenere un feedback e stabilire un rapporto di comunicazione, fiducia e innovazione.

Conclusioni

L’utilizzo di codici QR migliora le tue campagne di marketing, permettendoti di raggiungere, coinvolgere e convertire un pubblico più ampio collegandolo con semplicità e velocità a una moltitudine di contenuti multimediali.

Ricordati sempre di testare il codice che hai generato.

Dopo che hai creato i tuoi codici QR devi sempre scansionarli e verificare che siano leggibili.

Se non hai un lettore 2D puoi utilizzare il tuo smartphone con un’applicazione di scansione.

Altrimenti puoi acquistare un lettore ottico bidimensionale con il quale potrai assicurarti la generazione di codici perfettamente leggibili.

Se  vuoi approfondire l’argomento parlane con noi

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

Driver Seagull Scientific per stampanti di etichette

La Seagull scientific è una importantissima multinazionale americana che oltre a sviluppare Bartender, uno dei più diffusi software  di stampa, implementa drivers per le più importanti case costruttrici di stampanti di etichette come Honeywell,Zebra, Toshiba Tec, Epson e molti altre

Dal loro sito è possibile scaricare più di 400 driver per i più popolari brand di stampanti per etichette.

https://www.seagullscientific.com/support/downloads/drivers/

driver Seagull Scietific

In alcuni casi, ci è capitato che i driver originali del costruttore presentassero problemi di allineamento  stampa o di errore non specifico, malgrado fossero correttamente configurati.

In questi casi abbiamo risolto il problema installando il driver della Seagull Scientific.

In questo articolo illustriamo  come si installano i driver della Seagull facendo un esempio specifico per la stampante Tec B-EX4T3, ma ovviamente è una procedura applicabile a qualsiasi brand e modello di stampante di etichette.

Per scaricare i driver utilizzare un browser diverso da Chrome, tipo Explorer, Firefox ecc…

Andare alla pagina del link sopra indicato  e selezionare la marca della stampante di etichette.

scaricare driver seagull

Successivamente selezionare il modello e premere Download

Eseguire il download ed avviare l’applicazione accettando i termini del contratto di licenza.

Una volta estratto il file partirà automaticamente  l’installazione. In alternativa verificate dove viene salvato  e potete eseguirlo in un secondo momento.

installazione driver stampanti di etichette

Premere avanti

Collegare la stampante alla porta USB e accenderla.

installazione stampante di etichette

Se Windows non riconosce automaticamente la stampante selezionare altro e nella maschera successiva scegliere la stampante desiderata.

installazione stampante di etichette driver Seagull

Selezionare la porta di collegamento e continuare l’installazione

scelta della porta di collegamento della stampante

A questo punto una volta installato il driver impostate i parametri principali in riferimento alla vostra specifica applicazione:

  1. Formato dell’etichetta
  2. Metodo di stampa
  3. Sensore
  4. Temperatura

Se ti occorrono maggiori informazioni sui driver Seagull puoi contattarmi ai seguenti riferimenti

 Andrea Capponi

puoi contattarmi su andrea@acsistemisrl.com 

06.51848187

www.acsistemisrl.com


Ultimi articoli

Come progettare l’etichetta del prodotto perfetta: 6 passaggi per principianti

Perché alcuni prodotti attirano immediatamente l’attenzione dei consumatori mentre altri invecchiano sugli scaffali?

I grandi marchi cavalcano stabili l’onda della loro storica affermazione sul mercato, mentre la nicchia di un produttore di poca fama va conquistata giorno per giorno.

È qui che serve una strategia di marketing costruttiva.

etichette per il vino

Rispetto al tempo per effettuare un acquisto esistono due tipologie di consumatore:

  • il frettoloso e disattento, che riempie il suo carrello catturato dai prodotti più appariscenti
  • lo scrupoloso osservatore che dedica attenzione ad ogni particolare prima di scegliere

Entrambi scelgono grazie alla seduzione dell’etichetta sul tuo prodotto.

Potresti pensare di aver bisogno di un grafico per creare etichette di prodotti di qualità professionale, ma non è sempre così.

Per creare etichette e imballaggi che ispirino i clienti all’acquisto, segui questi sei semplici passaggi.

  • Studia il target dei tuoi clienti
  • Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio
  • Scegli il materiale per l’etichetta
  • Imposta correttamente la grafica
  • Progetta l’etichetta del tuo prodotto
  • Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

Analizziamoli ad uno ad uno.

1° Passaggio – Studia il target dei tuoi clienti

etichetta perfetta come crearla

Non esiste scelta valida se non si individua prima il beneficiario.

Chi sono i tuoi clienti? Quale è la loro età, etnia, posizione, occupazione, sesso, stile di vita, livello di istruzione?

Pensa alle loro motivazioni di acquisto…

Perché dovrebbero acquistare il tuo prodotto rispetto a uno concorrente?

Quali sono le loro aspettative?

Cosa stanno proponendo marchi simili sul mercato?

Questa serie di domande ti orienterà già su un certo livello di scelta.

Una confezione accattivante ha un costo, e ne deve valere la pena, deve essere apprezzata dal cliente e contemporaneamente posizionare il tuo prodotto sulla giusta fascia competitiva.

2° Passaggio – Scegli una dimensione dell’etichetta per il tuo imballaggio

scegliere la dimensione per le tue etichette

Contenitore ed etichetta sono due unità simbiotiche e non si può scegliere la seconda senza aver stabilito il primo.

Prima di decidere chiediti:

  • Esiste uno standard industriale?
  • Cos’è visivamente più importante, la confezione o il prodotto?
  • Quanto spazio vuoi o devi dedicare sul prodotto per riportare tutte le informazioni necessarie?

Un’etichetta avvolgente che copra il 95% del contenitore offrirà tanto spazio per immagini e testi, mentre un’etichetta piccola e minimalista consentirà una comunicazione sintetica.

Contenitori di forma particolare sono molto difficili da etichettare: una grande etichetta rettangolare non si accoppia con una superficie irregolare, quindi se la normativa ti impone di riportare parecchie informazioni, devi rinunciare ad un imballaggio stravagante e mantenerti su forme tradizionali.

3° Passaggio – Scegli il materiale per l’etichetta

Se il tuo prodotto non sarà esposto all’umidità o altre aggressioni di solventi e detergenti, hai la piena libertà di compiere qualsiasi scelta, seguendo un criterio puramente estetico per valorizzare lo spirito del tuo prodotto.

Romantico ed elegante? Carta liscia o vergata.

Rustico e artigianale? Carta Kraft con il suo caldo marrone.

Moderno e glamour? Poliestere o polipropilene lucido, perlato, argentato.

Minimalista e alternativo? Polipropilene trasparente

I materiali sintetici sono impermeabili e resistenti all’attività chimica dei solventi. Sono ideali per creare un’etichetta accattivante che non manifesti segni di invecchiamento, la soluzione ottimale per prodotti da bagno.

Un’etichetta trasparente ispira sincerità ed essenzialità, completa il contenitore senza coprirlo, valorizza la sua forma e il suo contenuto, consente il protagonismo del prodotto.

etichetta miele trasparente

Se ti occorre una fornitura di etichette con materiali e dimensioni personalizzate, contattaci

Prendi in considerazione anche la modalità operativa per applicare le tue etichette.

Se hai una produzione limitata, potresti avere la pazienza di attaccarle a mano.

Se invece parliamo di migliaia, replicare la precisione tante volte è difficile, meglio provvedere con un applicatore di etichette.

Una integrazione adesiva non riuscita è l’imprevisto più deleterio da scongiurare, screditerebbe la professionalità del tuo marchio.

4° Passaggio – Imposta correttamente la grafica

Non sei un grafico? Non è fondamentale se hai un innato buongusto.

Un programma grafico ha tantissime funzioni per ottenere effetti strabilianti, ma anche strumenti di facile utilizzo: puoi importare immagini, creare forme e inserire testi…tutto quello che serve per creare un’etichetta.

Per assicurarti che il tuo design venga stampato nel miglior modo possibile, segui questi suggerimenti per la grafica:

Mappare le zone di sicurezza e un margine extra

Zona di sicurezza: Per assicurarti che nulla di importante venga tagliato durante la fustellatura dell’etichetta, ti consigliamo di tenere tutto a 3 mm all’interno del contorno di taglio.

Margine extra: prevedi un’area stampata fuori dal taglio aggiungendo 3 mm di disegno all’esterno, per evitare zone bianche sul contorno.

Considera eventuali zone di sovrapposizione

Le etichette avvolgenti sono incredibilmente popolari su barattoli, bottiglie e contenitori cilindrici.

L’avvolgimento totale garantisce un’adesione perfetta dell’etichetta alla confezione, grazie alla sovrapposizione dei lembi.

Misura quanta sovrapposizione avrai e aggiungila all’area dell’etichetta, contrassegnala per ricordarti di tenere i disegni e il testo importanti fuori dalla sezione.

5° Passaggio – Progetta l’etichetta del tuo prodotto

Se la tua linea segue la tendenza minimalista, avrai un’etichetta con pochi essenziali elementi, tutti scelti con estrema cura e soprattutto rappresentati su materiali di qualità selezionatissima, o rischierai di incorrere in un risultato sciatto, povero.

Se la tua linea segue il trend massimalista, al contrario rischi un sovraffollamento grafico ed un risultato confuso, privo dei giusti accenti sui particolari più importanti.

La tua etichetta presenterà il tuo prodotto ai tuoi clienti con un linguaggio visivo diretto e una comunicazione testuale esplicita.

etichetta per crema dolce e marmellate

Aggiungi immagini

Aiutano i consumatori a creare rapidamente associazioni tra il tuo prodotto e i loro desideri. Pensa di includere un’immagine del tuo prodotto in primo piano per rappresentarne il sapore o la consistenza.

Usa la grafica

Motivi, sfondi, pennellate: se posizionati sapientemente, possono differenziare il tuo prodotto sullo scaffale e rendere ancora più personalizzato il tuo brand.

Se il tuo prodotto è un articolo di lusso usa motivi morbidi o sottili. Se è rivolto a un pubblico giovane, ha più senso optare per un design più giocoso e colorato.

Considera i colori

Assicurati di incorporare i colori del tuo marchio nell’etichetta del prodotto. Puoi essere tentato di scatenarti con colori e caratteri divertenti, ma non allontanarti troppo. L’armonia cromatica renderà il tuo marchio equilibrato e facile da riconoscere.

Testi onesti e chiari

Devono essere il più specifici possibile per mostrare chiaramente una differenza rispetto ai tuoi concorrenti, ma tutto ciò che scrivi deve essere vero. Non fare affermazioni di cui non hai la scienza, approfittando della buona fede del consumatore.

Assicurati che la dimensione del carattere sia leggibile e che sia in giusto contrasto di colore con lo sfondo: tutti i testi incomprensibili saranno ignorati dai clienti pigri o con deficit visivo.

Allo stesso tempo, usa varie strategie per evidenziare la gerarchia delle informazioni.

come rappresentare i testi in un'etichetta adesiva

Potresti farlo con l’aggiunta di un colore accattivante, di un font originale, di un posizionamento asimmetrico, di una grafica che aiuti a richiamare l’attenzione sul tuo messaggio.

Attenzione però, la mescolanza di troppi caratteri può confondere il messaggio e rendere difficile la lettura.

6° Passaggio – Esegui delle prove di stampa per rivalutare il tuo lavoro

C’è differenza tra quello che hai progettato sullo schermo e il risultato di stampa.

Te ne renderai conto solamente dopo aver stampato il tuo prototipo di etichetta e averlo attaccato sul tuo contenitore.

Quando lo osserverai per la prima volta, ripercorri tutti i passaggi e poniti queste domande:

Stai trasmettendo la tua prima impressione desiderata?

Esiste un sano equilibrio tra design e informazioni?

La dimensione del testo e il carattere sono leggibili?

I colori appaiono come li volevi?

etichetta per prodotti cosmetici

Non esagerare, snellisci tutto ciò che hai scritto, progettato e pianificato.

Apporta le modifiche a tutto quello che non corrisponde al tuo ideale.

Sii chiaro e di facile comprensione in modo che i consumatori leggano effettivamente cosa c’è sulla tua etichetta.

Creare etichette per i tuoi prodotti è un lavoro impegnativo, ma puoi farlo se ti appassiona!

Usando i suggerimenti sopra, creerai splendide etichette che aiuteranno i tuoi prodotti artigianali a volare via dallo scaffale.

Se vuoi renderti autonomo nella stampa delle etichette dei tuoi prodotti, chiamaci. Possiamo proporti la stampante giusta per le tue esigenze.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


PrintHub: applicazione di comunicazione con la stampante Primera LX610e

Primera PrintHub è un monitor di stato utilizzato per interagire con la stampante per rilevare: livelli di inchiostro, manutenzione, allineamento, calcolo dei costi di stampa e molte altre funzioni.

PrintHub si installa automaticamente con il driver della stampante ed è possibile accedervi tramite le Preferenze del driver della stampante o come programma nel menu Start di Windows.

  • Collegare la stampante tramite USB e accendere l’alimentazione, la stampante deve essere accesa e comunicare affinché il programma possa comunicare con la stampante.
  • Andare su Start – Programmi – Primera Technology – Primera PrintHub.
Primera PrintHub

A. Regola l’allineamento, la modalità del sensore, la modalità di uscita e le impostazioni avanzate.

B. Se sono collegate più stampanti Primera, verranno elencate qui.

C. Visualizzazione delle ultime 5 etichette insieme alle informazioni sui costi.    Fare clic sull’icona del documento per visualizzare un report dei costi.

D. Impostazioni dell’applicazione

E. Coda di stampa che mostra il lavoro di stampa in corso.

F. Link per eventuali ordini

G. Attività frequenti

H. Livelli di inchiostro correnti: l’inchiostro viene visualizzato con decrementi del 10%.

I. Stato del supporto di fustellatura digitale e quantità rimanente (se installato)

Regolazione della pressione del coltello e del fattore di allungamento

Le impostazioni della pressione del coltello e del fattore di allungamento sono disponibili nella scheda Impostazioni Stampante.

Fare clic sul pulsante Impostazioni Avanzate.

impostazioni stampante primera lx610

La pressione del coltello influisce sulla profondità del taglio.

Idealmente si desidera tagliare abbastanza in profondità da tagliare lo strato dell’etichetta, ma non così in profondità da tagliare anche la siliconata.

Quando tagli troppo si segnerà anche la striscia di usura sotto il coltello che può causare la rottura della punta del coltello. Dovrai inoltre sostituire la striscia di usura più spesso.

Per impostazione predefinita, la taglierina è calibrata per funzionare con supporti di carta lucida.

Altri tipi di supporto richiedono una pressione di taglio maggiore o minore per tagliare correttamente.

impostazioni avanzate stampante Primera LX610


Ogni materiale avrà un suo valore specifico da aggiungere o sottrarre dal valore predefinito. Questi valori sono elencati e stampati su un’etichetta attaccata all’interno del nucleo del rotolo.

Regolazione della pressione del coltello nel tempo

Con l’uso, la lama del coltello inizierà a consumarsi e richiederà una maggiore pressione di taglio per tagliare con efficacia. Pertanto, potrebbe essere necessario aumentare la pressione di taglio quando si taglia qualsiasi supporto, anche la carta lucida.

Utilizzo dello stimatore dei costi

Lo stimatore dei costi si trova nella prima scheda di PrintHub.

Inserisci il costo effettivo della cartuccia che hai pagato.

Gli ultimi cinque costi del lavoro vengono memorizzati nell’elenco. Ogni lavoro mostrerà il costo per etichetta in base al costo della cartuccia inserito.

stimatore di costi stampanti Primera

Vengono visualizzate le stampe totali sulla cartuccia nuova e le stampe rimanenti.

Impostare la modalità del sensore di spazio (solo su etichette pretagliate)

La modalità sensore stock si riferisce al metodo che la stampante utilizzerà per rilevare la posizione iniziale di stampa per ciascuna etichetta.

Nella maggior parte dei casi NON sarà necessario modificare questa impostazione, preimpostata per rilevare etichette standard.

Se si utilizzano etichette trasparenti o qualsiasi altra etichetta con un segno di rilevamento nero sul retro, prima di installare il rotolo nella stampante bisognerà cambiare le impostazioni del sensore.

Quando installi il supporto di etichette per fustellatura digitale, questa impostazione verrà impostata automaticamente tramite riconoscimento del chip integrato sul rotolo.

impostazione etichette stampanti Primera

1. Selezionare la scheda Alimentazione etichette (Label Feed).

2. Selezionare la modalità del sensore facendo clic sull’immagine che corrisponde allo stock che si intende stampare.

3. Caricare lo stock di etichette dopo aver impostato la modalità sensore

Sono disponibili tre modalità di sensore:

Fustellato – DieCut (predefinito) Se si utilizzano etichette fustellate con spazio tra un’ etichetta e l’altra.

Utilizzare questa impostazione anche per etichette con foro passante o intaglio laterale.

Riflettente. Utilizzare riflettente per etichette in cui è prestampata una linea nera (black mark) sul retro per indicare l’interruzione tra le etichette.

Sono richiesti segni neri sui rotoli di

  • etichette trasparenti
  • etichette di forma irregolare
  • etichette tonde con cerchi più grandi di 4 pollici
  • qualsiasi supporto in cui la posizione di partenza della stampa non può essere rilevata utilizzando l’etichetta stessa.

Continuo – Sensore disattivato. Se si dispone di rotoli desivi continui senza fustellatura.

In questa modalità non è possibile impostare la posizione di inizio stampa. La stampante inizierà semplicemente a stampare la prima etichetta e stamperà ogni etichetta successiva immediatamente dopo quella precedente.

Attenzione : se si utilizzano etichette circolari, è necessario regolare il sensore del supporto in modo che corrisponda al centro dell’etichetta, dove i cerchi sono più vicini tra loro.

impostazione sensore etichette circolari stampanti Primera

Il sensore può essere spostato al massimo di 2 pollici, quindi l’etichetta circolare di diametro massimo che può essere stampata è di 4 pollici.

Per etichette circolari di diametro superiore a 4 pollici, è necessario avere un segno nero stampato sul retro del supporto di etichette e utilizzare il sensore riflettente.

Se si utilizza un supporto con più etichette trasversali, assicurarsi che il sensore corrisponda a un punto sul supporto dove è presente un’etichetta e non uno spazio vuoto verticale.

Imposta la modalità Present/Cut

Utilizzare la modalità Presenta/Taglia per stabilire il modo in cui la stampante presenta le etichette dopo che sono state stampate o stampate e tagliate.

1. In PrintHub fare clic sulla scheda Alimentazione etichette (Label Feed).

2. Fare clic sul pulsante Output/Cut Mode.

Sono disponibili diverse opzioni che cambiano se la taglierina è abilitata o disabilitata.

  • Se la taglierina è disabilitata, saranno disponibili le opzioni di presenza etichetta.
  • Se la taglierina è abilitata, le opzioni di taglio diventano disponibili.

Taglierina disabilitata – Opzioni di presenza etichetta

impostazione taglierina stampante Primera

Non presentare. In questa modalità lo stock di etichette non si sposta dopo la stampa dell’ultima etichetta. Ciò significa che parte dell’ultima etichetta stampata è ancora nella stampante.

Dovrebbe essere utilizzato solo se si dispone di un riavvolgitore di etichette.

Presentare dopo nessuna attività. Con questa impostazione si presenteranno tutte le etichette stampate alla fine di un lavoro di stampa, se la stampante non riceve un altro comando di stampa entro un secondo dall’ultima stampa in coda.

Opzioni taglierina

opzioni taglierina per stampante Primera LX610

Taglia dopo aver premuto il pulsante. Con questa impostazione l’etichetta verrà tagliata dopo aver premuto il pulsante Load/Feed sulla stampante. Può essere utilizzata dopo un’etichetta o un intero lavoro.

Taglia dopo il conteggio delle etichette. L’etichetta verrà tagliata dopo il numero di etichette specificato nella casella che appare quando questa opzione è selezionata.

Taglia dopo nessuna attività. L’etichetta verrà tagliata alla fine di un lavoro di stampa se la stampante non riceve un altro comando di stampa entro un secondo dall’ultimo lavoro in coda. È possibile utilizzare questa funzione per tagliare alla fine di un lavoro di più copie, di un lavoro di più pagine o di più lavori singoli in coda.

Taglia ogni etichetta. Verrà tagliata ogni etichetta stampata.

Regolazione dell’allineamento di stampa

La LX610 rileva l’inizio dell’etichetta con un sensore ottico ed è in grado di stampare sul bordo superiore, inferiore, sinistro e destro.

Regola l’allineamento della stampa utilizzando PrintHub

Vai alla scheda Allineamento di stampa.

allineamento della stampa stampante Primera LX610

Fare clic su Test Alignment per stampare l’allineamento mostrato di seguito.

Guarda la stampa per determinare quanto spazio bianco è visibile sui bordi.

allineamento stampa Primera LX610

Offset margine sinistro: questo valore sposta l’etichetta stampata a sinistra o a destra.

  • Aggiungi al valore corrente per spostare l’etichetta stampata a destra.
  • Sottrai dal valore corrente per spostare l’etichetta stampata a sinistra.

Top of Form (TOF): questo valore sposta la posizione di inizio stampa verso l’alto o verso il basso sull’etichetta.

  • Aggiungi al valore corrente per spostare l’etichetta stampata verso l’alto o verso la stampante.
  • Sottrai dal valore corrente per spostare l’etichetta stampata verso il basso o lontano dalla stampante.

In questo esempio, l’inizio del modulo richiede un TOF di circa – 10.

Potrebbe essere necessario tentare diverse modifiche a uno o più di questi valori. Dopo ogni regolazione è possibile fare clic sul pulsante Verifica allineamento per stampare un piccolo motivo di prova sull’etichetta.

Questo ti aiuterà a trovare il valore di allineamento corretto per la tua specifica etichetta.

Il valore viene salvato automaticamente non appena lo si imposta.

Posizione di strappo/taglio: questo valore regola la posizione dell’ultima etichetta stampata dopo che è stata presentata. Ciò si applica solo se la modalità di output è impostata su “Presenta l’etichetta”.

  • Aggiungere al valore corrente per spostare il punto di strappo più vicino alla stampante.
  • Sottrai dal valore corrente per allontanare il punto di strappo dalla stampante.

Il valore viene salvato automaticamente non appena lo si imposta.

Impostazioni dell’applicazione PrintHub

Le impostazioni generali possono essere trovate facendo clic sul pulsante blu “Settings” in basso a sinistra.

Lingua. In genere è impostata in modo da corrispondere all’impostazione della lingua nel sistema operativo. Tuttavia, è possibile sovrascrivere le impostazioni di valuta nella scheda Lingua.

Aggiornamenti automatici. Gli aggiornamenti automatici aggiorneranno PrintHub, il driver della stampante e il firmware della stampante. Ogni 7 giorni ti verrà chiesto di aggiornare il software se ci sono versioni più recenti. Puoi scegliere di aumentare o diminuire la frequenza del controllo automatico.

È inoltre possibile eseguire immediatamente un controllo degli aggiornamenti facendo clic sul pulsante “Verifica aggiornamenti”.

Infine, se desideri ricevere il software beta, seleziona la casella “Verifica aggiornamenti beta”

Preferenze di stampa. È possibile scegliere di chiudere PrintHub al termine della stampa selezionando la casella “Chiudi questa applicazione al termine della stampa”. PrintHub si apre automaticamente ogni volta che si invia un lavoro di stampa alla stampante.

Se non vuoi che PrintHub si apra davanti ad altri programmi, puoi selezionare l’opzione “Avvia ridotto a icona durante la stampa”.

Supporto. Fare clic sul pulsante “Genera rapporto di assistenza” per generare un file zip sul desktop contenente tutti i file di registro recenti. Invia questo al supporto tecnico in modo che possano aiutarti a risolvere eventuali problemi di stampa.

Avanzate. Selezionare la casella “Genera XML stato stampante” per creare un XML in “C: \ ProgramData \ PTI \ PrintHub \ PrinterStatus.xml”.

Gli sviluppatori di software possono utilizzare questo file per visualizzare informazioni sullo stato come messaggi di errore e livelli di inchiostro in applicazioni di terze parti.

Impostazioni stampante

Le impostazioni della stampante sono disponibili in Primera Print Hub nella scheda Printer Settings per LX610.


Questa sezione mostra tutte le versioni correnti di driver, software e firmware.

Pulsante Impostazioni avanzate. Fare clic sul pulsante Impostazioni avanzate per visualizzare le seguenti impostazioni.

impostazioni avanzate Primera LX610

Ripristina impostazioni di fabbrica. Questo pulsante ripristinerà tutte le impostazioni di allineamento di stampa e di calibrazione ai valori predefiniti di fabbrica.

Impostazioni cartuccia. Qui puoi regolare la frequenza di alcune operazioni di manutenzione.

  • L’aumento del valore di “Secondi tra le fasi di manutenzione” ridurrà l’utilizzo di inchiostro ma potrebbe anche causare una stampa di scarsa qualità.
  • L’aumento del numero di pagine tra le manutenzioni accelererà la stampa ma potrebbe anche causare una stampa di scarsa qualità.
  • Controllare il messaggio Sopprimi Allineamento per evitare che venga visualizzata la finestra che richiede di allineare la cartuccia ogni volta che viene installata una nuova cartuccia. Saltare l’allineamento è più veloce ma può provocare una scarsa qualità di stampa.

Impostazioni alimentazione stock. Regolare queste impostazioni solo se richiesto dal supporto tecnico.

Calibrare il sensore della carta se si riscontrano errori TOF. Il processo di calibrazione richiederà di rimuovere tutta la carta dalla stampante prima della calibrazione.

Conclusioni

Per comunicare con le stampanti Primera occorrono gli strumenti giusti.

Saper gestire le impostazioni risolve la maggior parte dei problemi in fase di stampa.

Contattaci se ti interessa una stampante per le tue necessità, l’installazione da remoto è inclusa nel prezzo.

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

Come impostare il driver della stampante di etichette a colori Epson 6500

In questo articolo spieghiamo come impostare  il driver della stampante di etichette a  colori Epson CW-6500.

Il driver della stampante è un software che controlla la stampante in base alle istruzioni di stampa del vostro applicativo da cui stampate la grafica delle etichette.

stampante di etichette a  colori Epson 6500

Per ottenere stampe allineate, nitide e professionali è necessario settare il driver con le impostazioni corrette.
I parametri devono essere impostati in funzione del tipo e della dimensione delle etichette utilizzate.

Inoltre, dal driver è possibile eseguire la manutenzione della stampante.

Va posta particolare attenzione alla versione del driver da utilizzare per la vostra Epson 6500.

Sul sito del costruttore sono disponibili driver differenti in funzione del modello con taglierina (C6500Ae) o con spellicolatore (C6500Pe). I driver si differenziamo per le impostazioni relative a questi due diversi accessori.

driver per stampante di etichette a  colori epson 6500

Per accedere al driver di stampa, andare nella cartella stampanti, selezionare la Epson 6500 e aprire Preferenze di stampa

Nella scheda Generali, nella sezione Impostazione supporto impostare la larghezza e l’altezza dell’etichetta, nonché la dimensione dello spazio(gap) tra un’etichetta e l’altra.

Preferenze di stampa driver epson 6500

Impostare correttamente il tipo di supporto  che stiamo utilizzando, cioè se è un’etichetta  con gap, oppure con black mark sul retro o un supporto continuo

Nel rivestimento supporto selezionare il tipo di materiale utilizzato, nel nostro esempio è una carta opaca, impostare un valore per la qualità e il colore e un valore per la gestione del supporto.

In definizione supporto possiamo definire e memorizzare diversi tipi di etichette che potranno essere richiamati all’occorrenza

impostazione driver epson 6500

Quindi in questa sezione possiamo memorizzare i diversi formati di etichette che utilizziamo e per ogni formato dobbiamo impostare i valori corretti per

  • Larghezza etichetta
  • Altezza etichetta
  • Dimensione del gap fra le etichette (se presente)
  • La tipologia di supporto (etichetta  con gap, oppure con black mark sul retro o un supporto continuo)
  • Rivestimento supporto, cioè la definizione del materiale sul quale si stamperà (carta opaca, carta lucida, materiale sintetico, etc)
  • Qualità, che è riferita alla qualità di stampa
  • Impostazioni sul colore
  • Impostazioni per la gestione della carta. Questo parametro ha un diverso significato a seconda del modello; nella versione con taglierina permette di selezionare quando fare il taglio mentre nella versione con spellicolatore permette di selezionare il tipo di applicazione.

Nella sezione notifica e sospendi possiamo prevedere delle notifiche e definire se e quando fare una sospensione dopo il taglio carta.

In altre impostazioni possiamo modificare la quantità di inchiostro utilizzata, il rapporto tra colore e nero nella stampa dei neri e altre impostazioni avanzate per ottenere la migliore qualità di stampa in rapporto alla grafica che dobbiamo stampare.

Le altre schede:

  • Opzioni
  • Utility driver
  • Utility stampante

consentono di impostare l’orientamento della stampa, il numero di copie ed eseguire la manutenzione e la pulizia della stampante.

Se ti occorre una stampante di etichette a  colori per lavorare in completa autonomia CONTATTACI

Ing. Cristina Urbisaglia

06.51848187

cristina@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Come creare le migliori etichette utilizzando il potere del colore

Le emozioni sono potenti e che ci piaccia o no guidano il nostro processo decisionale.

Ogni brand vorrebbe coltivare una forte connessione emotiva con i suoi clienti.

Il problema è che non si può raccontare l’identità di un’azienda in un’etichetta.

I colori forniscono una scorciatoia di collegamento diretto al cuore del cliente.

La teoria del colore è intrinsecamente legata alla storia dell’umanità: c’è un’associazione emozionale universale che suscita in qualsiasi individuo le stesse vibrazioni, e un’associazione culturale soggettiva che innesca reazioni diversificate per estrazione sociale, età, provenienza geopolitica.

L’associazione del colore rosa al sesso femminile è universale, l’associazione del colore verde ai soldi è prettamente americana.

quale colore scegliere per la propria etichetta

L’autorevolezza ha avuto un susseguirsi di colori rappresentativi nella storia: il rosso dell’Impero Romano e dei cardinali, poi il blu in epoca rinascimentale.

Sono associazioni transitorie e non scientificamente univoche.

Esistono centinaia di infografiche, nate dalla collaborazione tra designer e psicologi, che guidano alla scelta del colore incasellando le opzioni in una tabellina che è una sorta di AZIONE-REAZIONE.

Siamo sicuri che sia tutto così prevedibile? Psicologicamente determinabile?

scegli il colore giusto per le tue etichette adesive

Non si rischia inoltre di creare un appiattimento estetico tra prodotti con lo stesso target?

Questa è la vera sciagura da evitare: risultare invisibili, indistinguibili, omologati.

Per creare un’etichetta che entri nella memoria del cliente bisogna inventare e non copiare.

Inventare con gusto, originalità, armonia.

Riuscire a trovare il semplicemente unico che rende il tuo prodotto dissimile da tutti gli altri, equilibrando il senso d’appartenenza ad un settore con lo spirito innovativo.

ruota dei colori per etichette adesive

Quando si scelgono i colori di un’etichetta, la ruota cromatica è uno degli strumenti più utili, se si possiede una certa sensibilità estetica.

Armonizzare i colori significa essere in grado di capire come certe tonalità lavorano e si integrano insieme e come altre tonalità si contrastano e vibrano in un gioco di rimandi l’una con l’altra.

Vediamo le posizioni relative dei colori sulla ruota.

Combinazione monocromatica – un singolo colore in differenti tinte e sfumature, scelto su un solo spicchio della ruota.

Quando hai un tratto di personalità su cui vuoi focalizzarti, uno schema monocromatico enfatizzerà il significato.

È una scelta eccezionale per una linea dal design minimalista, purché si riescano a differenziare le tonalità per creare una gerarchia visibile.

Considera l’idea di utilizzare la combinazione monocromatica esclusivamente in background in modo che il testo sia differenziato dal design e leggibile.

etichette adesive a  colori

Combinazione analoga – i colori uno accanto all’altro sulla ruota hanno relazioni armoniose.

Schemi analoghi creano immagini gradevoli che fluiscono insieme, in una soluzione di continuità e scalarità.

Attenzione a non incorrere, con questo tipo di scelta, in errori di monotonia e ripetitività.

Anche la combinazione analoga si adatta di più come sfondo che come soggetto.

scelta dei colori per etichette adesive

Combinazione complementare – sono i colori diametralmente opposti sulla ruota dei colori.

Poiché sono opposti, quando accoppiati tirano fuori il meglio l’uno dall’altro.

I colori complementari sono l’ideale per effetti visivi dinamici e stimolanti, specialmente se utilizzati con le tinte al massimo della saturazione.

Tieni presente che, sebbene sia vantaggioso per elementi grafici o contenuti specifici, può essere opprimente spalmarli in grandi dosi.

I colori complementari sono davvero pessimi come combinazione testo-sfondo in quanto vanno in conflitto fra loro avendo una “forza relativa” simile, e non forniscono il contrasto necessario a garantire una lettura nitida.

etichette a colori come stamparle

Combinazione Triadica – tre colori equidistanti tra di loro nel cerchio cromatico.

Gli schemi triadici sono stabili come gli analoghi, ma offrono una varietà più stimolante come gli schemi complementari.

La parte più difficile è far coincidere i tre colori con i tratti del tuo brand.

Se desideri richiamare il colore del tuo logo, inizia esattamente da quello e cerca una combinazione con altri colori della ruota seguendo uno dei quattro metodi suggeriti.

Colore non colore

Il colore della tua etichetta non è solo quello del getto di inchiostro erogato dalla stampante.

Ci sono altri modi per ravvivare il visual dei tuoi prodotti.

  • Scegli un colore della carta particolare

Con le stampanti a getto di inchiostro si possono utilizzare un’infinità di materiali di stampa, diversificati per consistenza e colore.

Puoi scegliere materiali in carta o sintetici con un substrato colorato come preferisci, dalle tenui tinte pastello alle più abbaglianti tinte fluorescenti, oppure substrati metallizzati in oro e argento.

Per i prodotti artigianali o naturali c’è il marrone della carta kraft, che si integra perfettamente con la tinta del packaging in cartone, realizzando subito un accoppiamento armonico.

stampa di etichette a  colori come scegliere il colore giusto
  • Rendi visibile il colore del prodotto

L’approccio minimalista è una tendenza moderna e un modo semplice per mostrare ai clienti che il prodotto è ciò che conta davvero.

Usa le etichette trasparenti lasciando parlare la bellezza del tuo prodotto. Etichette trasparenti fanno miracoli in combinazione con prodotti di bellezza e alimentari.

CONCLUSIONI

Alcuni dei migliori successi derivano dall’essere sempre un passo avanti.

Se vedi una tendenza all’orizzonte o vuoi essere un pioniere, batti i tuoi concorrenti sul tempo.

C’è un’intera teoria dietro il design dell’etichetta e stiamo solo grattando la superficie.

Ci auguriamo di averti fornito informazioni su come progettare un’etichetta d’effetto come quella di un professionista e se vuoi progettare e stampare la tua 
etichetta insieme a noi CONTATTACI

Elisabetta Urbisaglia

06.51848187

info@acsistemisrl.com

www.acsistemisrl.com


Approfondisci

COME AGGIORNARE IL FIRMWARE DEL PALMARE ZEBRA TC21 TRAMITE SCHEDA MICRO SD

La procedura per l’aggiornamento del firmware è molto veloce, quello che occorre è fare il download del firmware dal sito del costruttore  e avere a disposizione una micro SD.


scarica da qui

https://www.zebra.com/it/it/support-downloads/software/operating-system/tc21-operating-system-for-gms.html


firmware TC21 Zebra

Prima di aggiornare il firmware, verificare se l’ultima versione disponibile nel sito Zebra sia già installata nel palmare .

Per verificare la versione installata sul palmare, eseguire l’ App impostazioni.

impostazioni Zebra TC21

Scorrere in basso e selezionare “Informazioni sul telefono” alla voce Numero Build leggerete l’ultima versione installata.

TC21 palmare Zebra per il magazzino

Copiare il file .zip nella Micro SD.

Rimuove la batteria dal palmare ed inserite la micro SD nello sportellino come mostrato nell’immagine.

palmare Zebra TC21 aggiornamento firmware

A questo punto con il palmare spento, premere contemporaneamente i tasti Accensione, scansione e PTT.

  • 10 – PTT
  • 11 – Scansione
  • 20 – Accensione
terminale Android Zebra TC21
 Android Zebra TC21 tasti
Zebra TC21 terminale per magazzino

Mantenere premuti i pulsanti laterali e rilasciare il tasto accensione, fino alla comparsa della seguente maschera

Zebra TC21 come aggiornare il firmware

Con il tasto volume basso selezionare la voce “Apply upgrade from SD card”

Selezionare con il tasto scansione e premere il tasto di accensione

Zebra TC21 palmare Android aggiornamento

Verrà visualizzata la versione del firmware da installare

Premere il tasto accensione per confermare e avviare l’upgrade

Ultimato l’aggiornamento il palmare verrà riavviato.

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

06.51848187

www.acsistemisrl.com