Etichette Zebra IQ color: stampare etichette a colori con una stampante termica

Facebookgoogle_plus

L’uso efficiente del colore su un’etichetta offre un effetto visivo immediato evidenziando informazioni importanti.

Zebra ha brevettato una soluzione di etichettatura chiamata IQ Color, efficiente e dai costi contenuti.

La novità è che è possibile stampare etichette con zone colorate con le stampanti termiche dirette

etichetta IQ color
etichetta IQ color

Spieghiamo brevemente in cosa consiste questa tecnologia

Le etichette IQ Color impiegano un inchiostro speciale invisibile che reagisce al calore, diventando da trasparente a colorato.

Durante la produzione delle etichette, Zebra applica colori a inchiostro invisibili sulle zone da voi designate.

Quando stamperete le etichette, la stampante attiverà termicamente l’inchiostro per rendere i colori selezionati visibili, in base al layout della vostra etichetta

Etichetta termica a colori
Etichetta termica a colori
Etichetta IQ Color
Etichetta IQ Color

E’ possibile progettare etichette a vostra scelta: le etichette IQ Color vengono prodotte in base alle vostre richieste.

Potete scegliere dove collocare le zone colorate, oltre all’inchiostro nero standard.

Sono disponibili fino a tre colori oltre al nero.

Ogni colore deve trovarsi in una zona distinta dell’etichetta.

Per stampare a colori nelle varie zone, basterà aggiungere testo, immagini o simboli nella zona a colori desiderata, di modo che, quando l’etichetta viene stampata, tali informazioni vengano riprodotte nel colore precedentemente definito.


Guarda il video


Vediamo un esempio grafico

In questo caso, oltre al testo e ai codici a barre stampati in nero, l’esigenza è stampare una freccia rossa, 2 caratteri verdi e una stringa di caratteri rossi.

Zebra vi fornirà etichette con inchiostri invisibili colorati con una disposizione come da voi indicata (immagine a destra).

Dopo che stamperete l’etichetta il risultato sarà quello riprodotto nell’immagine di sinistra

IQ color definizione layout
IQ color definizione layout

Consideriamo un esempio di un utilizzo efficiente di un’etichetta IQ Color nell’ambito logistico:

Selezioniamo un colore per ogni corriere, in modo che a livello visivo l’operatore possa dividere con semplicità i colli pronti per la spedizione ed evitare errori durante il carico dei mezzi

In questo caso sono state evidenziate 4 zone con colori differenti ed in fase di stampa il nome del corriere verrà stampato in reverse in base al colore corrispondente:

GIALLO DHL

BLU GLS

ROSSO BRT

NERO TNT

Etichetta di spedizione realizzata con IQ Color
Etichetta di spedizione realizzata con IQ Color

Con lo stesso layout sono state realizzate 4 diverse etichette

scheda tecnica etichetta
scheda tecnica etichetta

Vantaggi:

>> Uso della stessa etichetta per produrre layout con colori diversi

>> Impiego di una stampante solo termica, quindi costo contenuto, gestione e manutenzione semplice

>>Produzione di un solo tipo di etichetta per diversi layout, eliminando etichette con prestampe o l’acquisto di stampanti a colori

Applicazioni per etichette IQ Color:

  • Sanità:

Etichettatura di laboratorio, campioni e prodotti farmaceutici: servitevi dei colori per evidenziare gli ordini prioritari o i campioni difettosi

  • Trasporti e logistica:

Utilizzate i colori per creare etichette con istruzioni di prelevamento o spedizione o per gestire il magazzino in maniera più accurata

  • Produzione:

Impiegate i colori per migliorare la chiarezza delle note di controllo qualità e la gestione dei semilavorati

  • Vendita al dettaglio:

Servitevi dei colori nelle etichette di riduzione prezzi e per le promozioni a scaffale

Per qualsiasi approfondimento potete contattarci ai seguenti riferimenti

Ing. Cristina Urbisaglia

cristina@acsistemisrl.com

Andrea Capponi

andrea@acsistemisrl.com

oppure visitate sul nostro sito la sezione etichette

http://www.acsistemisrl.com/etichette.html

 

Facebookgoogle_plus

Stampante di etichette Intermec PC23D: compatta e velocissima

Facebookgoogle_plus

La stampante dell’Intermec  PC23d è una stampante di etichette molto compatta e robusta, ideale per spazi ridotti: pesa solamente 1,4 kg, è alta 17 cm e larga 12, con profondità pari a 21 cm.

E’ progettata per la stampa con tecnologia termica diretta e stampa etichette adesive, cartellini e rotoli di carta continui, purchè ovviamente siano di materiale termico

L’interfaccia utente può essere ad icone o display LCD a colori in 10 lingue.

stampante di etichette PC23d
stampante di etichette PC23d

Questo modello di stampante è indicato per chi deve stampare etichette larghe massimo 56 mm.

Nonostante le piccole dimensioni ha una velocità elevatissima, fino a 203 mm/sec a 203 dpi.

Esce di serie con connettività USB ma opzionalmente può essere dotata di connessione ETHERNET, seriale e parallela o con modulo WIFI. Tutti i moduli di connessione possono essere facilmente installabili dall’utente

E’ disponibile con risoluzione a 203 dpi o 300.

Guarda il video

 

Può essere rapidamente configurata sia con lo strumento software gratuito Printset (http://www.acnet.it/2016/06/30/come-configurare-una-stampante-intermec-in-modo-semplice-e-veloce/) oppure attraverso una chiavetta USB senza l’uso del PC.

E’ dotata dei principali linguaggi di programmazione per essere integrata in qualsiasi ambiente e un’emulazione completa e veloce -incluso lo Zsim2- rende agevole la migrazione da altre marche di stampanti.

E’ accessoriata di una porta USB host che permette il collegamento di altre periferiche alla stampante come un lettore di codice a barre o una tastiera

Inoltre ha un prezzo competitivo che la rende unica nel suo genere


Guarda altri  modelli di stampanti di etichette desktop sul nostro sito

http://www.acsistemisrl.com/stampanti-desktop.html

Per qualsiasi approfondimento potete contattarmi ai seguenti riferimenti

Ing. Cristina Urbisaglia cristina@acsistemisrl.comwww.acsistemisrl.com

Facebookgoogle_plus

Marcatori e tracciabilità: quale tecnologia utilizzare?

Facebookgoogle_plus

La tracciabilità di un prodotto per l’intero ciclo di vita migliora la qualità del prodotto, evita la contraffazione, garantisce che i fornitori rispettino gli standard di qualità, facilita il rintracciamento dei pezzi in caso di richiamo da parte della casa costruttrice.

Sempre più spesso le aziende che producono usano un metodo di marcatura diretta per garantire la tracciabilità permanente del pezzo. La marcatura consiste nell’incisione diretta dei dati sull’oggetto.

MARCATURA DIRETTA
oggetti con marcatura diretta

Esistono diversi metodi di marcatura e scegliere la tecnologia più appropriata spesso richiede l’analisi di diversi fattori e test di stampa per la verifica di un risultato che sia soddisfacente, nitido, leggibile e correttamente interpretabile.

Le tecnologie principali di marcatura sono

  • Marcatura laser
  • A getto d’inchiostro
  • Micropercussione
  • Incisione elettrochimica

Ogni tecnologia presenta dei vantaggi e dei limiti. Nella valutazione della metodologia più appropriata bisogna valutare diversi fattori come

  • il tipo di materiale che deve essere inciso
  • la geometria del pezzo da marcare
  • la finitura della superficie e la rugosità
  • la fragilità della superficie
  • la qualità, la dimensione e la risoluzione del marchio che si vuole ottenere

Marcatura laser

La marcatura laser offre molti vantaggi, perché è veloce, produce una marcatura permanente e resistente all’usura, al calore e a sostanze chimiche, ha un basso costo di gestione, non usa i materiali di consumo, e non richiede ulteriori processi per assicurare la permanenza del marchio

marcatura laser
marcatura laser

I marcatori laser generano marcature di qualità elevata su un’ampia gamma di materiali:

Metallo

Alluminio

Plastica

Gomma

Vetro

Plastica

A lunghezza d’onda, unità di marcatura e lenti diverse corrisponderà un effetto di marcatura differente su un determinato substrato

Svantaggi

I marcatori laser hanno un costo elevato

Sono richieste delle schermature di sicurezza per gli operatori e per il laser


Se vuoi approfondire dai uno sguardo alla nostra sezione marcatori

http://www.acsistemisrl.com/marcatori.html


Marcatura a getto d’inchiostro

La marcatura a getto d’inchiostro è una metodologia generalmente usata per marcare oggetti in movimento. E’ realizzata forzando un inchiostro pressurizzato attraverso un ugello. Solitamente produce un marchio non di altissima qualità e non permanente. E’ una tecnologia di stampa senza contatto ideale per superfici irregolari, piccole, difficili da raggiungere

marcatore a getto d'inchiostro
marcatore a getto d’inchiostro

Guarda il video

marcatore ad alta risoluzione


Vantaggi

Marcatura di parti in movimento

E’ possibile marcare con inchiostri colorati o con inchiostri UV

Investimento iniziale inferiore a quello dei sistemi di marcatura laser

Svantaggi

Bassa qualità del marchio, grafica con elevata risoluzione o codici 2D molto piccoli sono difficili da marcare

Alto costo del materiale di consumo (inchiostro)

Gli oggetti devono essere in movimento, quindi è una metodologia non adatta ad applicazioni statiche

Il marchio non è resistente all’usura, allo sfregamento o a determinati solventi

La varietà dei materiali è limitata: l’inchiostro non aderisce bene su tutti i substrati

E’ richiesta una pulizia regolare delle testine e del marcatore


Approfondisci i modelli di marcatori a getto d’inchiostro alla nostra sezione

http://www.acsistemisrl.com/marcatori.html


Marcatura Elettro-chimica

l processo di marcatura avviene mediante il passaggio di una carica elettrica a bassa tensione e a bassa intensità da un elettrodo al pezzo da marcare. Il passaggio della carica elettrica deve avvenire attraverso l’incisione su una matrice semi porosa, resa conduttiva da un apposito liquido elettrolitico.

L’azione elettrochimica fa sì che sulla superficie del pezzo venga marcato il disegno riprodotto sulla matrice.

marcatura elettrochimica
marcatura elettrochimica

Un sistema di incisione elettro-chimico è comunemente utilizzato per la marcatura di superfici metalliche e per bassi volumi produttivi.

Vantaggi

Marcatura permanente

Alta qualità della marcatura

Adatta per superfici che non devono essere deformate

Svantaggi

Adatto per bassi volumi di stampa

Facilità d’uso

Marcatura a Micropercussione

La marcatura a micropercussione si basa su una deformazione del materiale per effetto di un punzone che crea una successione di punti

marcatura a micropercussione
marcatura a micropercussione

 

Vantaggi

Investimento iniziale contenuto

Marcatura permanente

Nessun materiale di consumo

Svantaggi

Costi di gestione dei punzoni, che sono soggetti ad usura dopo un periodo di utilizzo

Marcatura a basso contrasto

Velocità di marcatura non elevata


Devi leggere un codice marcato direttamente

Potrebbe interessarti l’articolo

http://www.acnet.it/2016/10/05/lettori-dpm-leggere-i-codici-a-marcatura-diretta/


Ti occorre un lettore DPM?

http://www.acsistemisrl.com/lettori-dpm.html

 

Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande puoi scrivermi una mail

cristina@acsistemisrl.com

http://www.acsistemisrl.com/contatti.htm

 

Facebookgoogle_plus

Lettori DPM: leggere i codici a marcatura diretta

Facebookgoogle_plus

Miliardi di parti e componenti utilizzati nelle automobili, negli aerei, nei dispositivi elettromedicali, nell’elettronica, nel campo militare e in altri settori industriali vengono identificati attraverso codici a barre monodimensionali o codici bidimensionali creati con la tecnologia della marcatura diretta (DPM=  Direct Part Mark).

MARCATURA DIRETTA
oggetti con marcatura diretta

La marcatura diretta incide in modo permanente un marchio di identificazione univoco direttamente sulla superficie dell’oggetto, tecnologia efficace soprattutto su componenti dove i sistemi di etichettatura tradizionale non funzionerebbero (pensiamo agli ambienti esposti a temperature elevatissime o agli agenti atmosferici).

Le tecnologie disponibili   per marcare direttamente gli oggetti sono molteplici: incisione laser, incisione elettrochimica, micro percussione, stampa a getto d’inchiostro.

La marcatura DPM permette l’identificazione dell’oggetto per tutto il suo ciclo di vita, dalla produzione alla distribuzione, fino all’utente finale.

Per leggere un codice marcato direttamente occorre utilizzare un lettore DPM.



Approfondisci su

http://www.acsistemisrl.com/lettori-dpm.html


Nella cattura di un codice DPM la qualità del lettore incide in modo determinante sulla sua capacità di acquisizione e decodifica.

I codici DPM hanno spesso poco contrasto, perché sono incisi direttamente sulla superficie del prodotto e possono essere ricoperti da sporco o grasso. Inoltre se la superficie è metallica può creare riflessioni sul lettore che disturbano l’acquisizione del codice.

Un buon lettore deve avere quindi una tolleranza ai codici con basso contrasto, essere dotato di algoritmi di ricostruzione di codici danneggiati o poco leggibili, avere un sistema di illuminazione flessibile e adattivo per decodificare i codici a barre più complessi e variabili in termini di dimensioni, qualità, metodo e superficie di marcatura.

Facciamo una breve panoramica sui modelli di lettori industriali DPM  proposti dai più importanti costruttori di lettori: Datalogic, Zebra, Intermec by Honeywell

Datalogic POWERSCAN PD9530-DPM

Lo scanner PowerScan PD9530-DPM è un lettore manuale robusto di classe industriale, con tecnologia area imager, in grado di acquisire i codici realizzati con la tecnica a marcatura diretta DPM.

Datalogic Powerscan PD9530
Datalogic Powerscan PD9530

La distanza tipica di lettura è da contatto fino a 4-5 cm, in funzione dalla tecnologia di marcatura utilizzata, della risoluzione del codice e dal tipo di materiale su cui è impresso il codice.

Lo scanner è inoltre capace di leggere codici a barre standard sia 1D che 2D stampati sulle etichette.


Trovate le caratteristiche tecniche dettagliate al seguente link

http://www.datalogic.com/ita/prodotti/automatic-data-capture/lettori-manuali-industriali/powerscan-pd9530-dpm-evo-pd-611.html


Il lettore viene prodotto anche nelle versioni cordless sia Bluetooth che a 433 MHz e 910 Mhz

Zebra DS3608-DP/DS3678-DP

Gli imager DS3608-DP (cablato) e DS3678-DP (cordless) consentono di catturare qualsiasi tipo di simbolo DPM oltre a codici a barre 1D/2D stampati.

zebra-ds3608-dpm
zebra-ds3608-dpm

I codici DPM possono essere scansionati indipendentemente dalle dimensioni, dalla superficie, dal contrasto o densità e in qualunque modo siano stati realizzati.

I lettori DS3608 e DS3678 sono ingegnerizzati con una  struttura ultra-rinforzata: sono a prova di polvere e acqua con classe di protezione IP67 , quindi tollerano getti d’acqua e possono persino rimanere immersi in acqua fino a 30 minuti.


Potete approfondire le caratteristiche tecniche al link

https://www.zebra.com/it/it/products/scanners/ultra-rugged-scanners/3600-series/ds36x8-dp.html



Intermec  SR61HD DPM

Il lettore SR61HD DPM si avvale di tecnologia ottica area imager per scansionare in modo affidabile marchiature DPM realizzate con punzonatura, incisione chimica, incisione al laser, stampo, intaglio e calco su diversi substrati.

Intermec sr61 DPM
Intermec sr61 DPM

Inoltre ha un’estrema rapidità nell’acquisizione di codici a barre standard. Lo scanner riesce a leggere marchiature sottilissime: fino a soli 0,076 mm per codici 1D e 0,127 mm per codici DataMatrix.

Funzionalità̀ integrate di elaborazione ne incrementano la versatilità: parsing dei dati, lettura multi-codice e cattura immagini/video.

Anche questo lettore ha una struttura robusta, idonea agli ambienti più ostili:’ protetto da un involucro impenetrabile e dotato di una tecnologia a stato solido che soddisfa abbondantemente gli standard industriali e militari


Potete approfondire le caratteristiche tecniche del lettore al link

http://www.intermec.it/products/scansr61bdpm/index.aspx


Ing. Cristina Urbisaglia

Se hai domande puoi scrivermi una mail

cristina@acsistemisrl.com

http://www.acsistemisrl.com/contatti.htm

Facebookgoogle_plus